La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CRESCITA E SVILUPPO NELLAMERICA LATINA Guglielmo DAgostino e Franz Faieta a.a. 1999-2000.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CRESCITA E SVILUPPO NELLAMERICA LATINA Guglielmo DAgostino e Franz Faieta a.a. 1999-2000."— Transcript della presentazione:

1 CRESCITA E SVILUPPO NELLAMERICA LATINA Guglielmo DAgostino e Franz Faieta a.a

2 UN PO DI STORIA n n Guardando le statistiche si evince che nellest asiatico si è riscontrato lo sviluppo economico più veloce e di maggiore accelerazione negli ultimi 25 anni. Durante il periodo che va da 1965 a 1990, lAsia è riuscita ad ottenere un tasso di crescita pro capite del 6,7% annuo, questo vuol dire che riusciva a duplicare il suo ricavo pro capite ogni decade. n Durante questo periodo invece America Latina aveva un tasso di crescita economico pro capite dello 0% e in alcuni casi, come nel caso della Bolivia, le cifre erano addirittura minori. Allora, come è possibile spiegare che lest di Asia sia riuscita ad avere una crescita del 6.7% annuo, mentre in altre parti del mondo, come lAsia del sud e altri mille milioni e mezzo di persone in Pakistan crescano solamente del 1,7% allanno, nellAfrica Sub sahariana allo 0.7% allanno e in America Latina allo 08% allanno?

3 CAUSE n n Le condizioni iniziali del paese allinizio del periodo n La seconda causa è legata alle diverse scelte e opzioni di politica economica che sono state applicate in ogni paese. n n La terza è la dinamica demografica, che si può analizzare attraverso il tasso di crescita della popolazione e i cambiamenti nei tassi di fecondità, la struttura della popolazione, speranza di vita e il livello di salute della popolazione n n Finalmente, la quarta variabile è la geografia e la base di risorse naturali del paese

4 CAUSE n n Si è dimostrato che, quantificando queste quattro variabili attraverso uno studio per 78 paesi, quasi il 90 % della variazione nel rendimento economico trai i paesi considerati è spiegata da questi.

5 RIFORME n COMMERCIALI n TRIBUTARIE n FINANZIARIE n PRIVATIZZAZIONI n LAVORO

6 RIFORMA COMMERCIALE: Obiettivi n Eliminazione restrizioni e diminuzione dazi doganali n Eliminazione di restrizione e permessi per le importazioni n Tra il 1985 e 1991 si sono iniziati i programmi di liberalizzazione dei regimi commerciali

7 RIFORMA COMMERCIALE: Risultati n I dazi medi sono passati dal 41,6% al 13,7% nel n I dazi massimi si sono ridotti dal 83,7% al 41%. n Attualmente solo 7 paesi (su 26) hanno dazi medi che superano il 15% e solo 2 ne applicano massimi superiori al 100%.

8 RIFORMA COMMERCIALE: Apertura commerciale

9 RIFORMA COMMERCIALE: Riduzione dei dazi

10 RIFORMA TRIBUTARIA: Obiettivi n Ricerca di neutralità. n Semplificazione legale ed amministrativa. n Aumento dei ricavi.

11 RIFORMA TRIBUTARIA: Risultati n Imposte al commercio estero ridotte dal 29,9% al 16,6% del ricavo dei paesi. n Si sono adottati sistemi di tassazione al valore aggiunto per evitare che la politica tributaria influenzi la produzione e il risparmio. n Le tasse ai ricavi delle imprese sono state ridotte.

12 RIFORMA TRIBUTARIA: Tassa massima dei tributi,imprese.

13 RIFORMA TRIBUTARIA: Tassa massima di tributo,individui

14 RIFORMA FINANZIARIA: Obiettivi n Ridurre o eliminare i programmi diretti di credito. n Liberare tassi di interesse. n Ridurre i coefficienti di incasso. n Stabilire sistemi moderni di regolamentazione bancaria.

15 RIFORMA FINANZIARIA: Risultati n 18 paesi hanno eliminato o ridotto almeno a metà i sistemi diretti di credito. n In 18 paesi la totalità dei tassi di interesse dei depositi segue il mercato. n 17 paesi hanno liberalizzato i tassi di interesse dei prestiti. n 15 paesi hanno coefficienti di incasso sui depositi a vista che non superano il 20%. n Sistemi moderni di regolamentazione bancaria si sono estesi alla maggioranza dei paesi.

16 PRIVATIZZAZIONI n n Le 755 vendite e trasferimenti al settore privato realizzati in America Latina tra il 1988 e il 1995 rappresentano più della metà del valore delle operazioni di privatizzazioni realizzate nei paesi sviluppati. n n Un 43% del valore delle privatizzazioni in America Latina sono state realizzate nel settore dei servizi pubblici, tradizionalmente chiusi alla partecipazione privata e dove la possibilità di fare dei guadagni di produttività ed efficienza è maggiore. n Un altro 22% è arrivato dalla vendita di entità bancaria ed affini, rafforzando cosi le tendenze di riforma finanziaria.

17 PRIVATIZZAZIONI: Valore accumulato

18 RIFORME DEL LAVORO n n Poche e di minore portata. n n Solamente cinque paesi hanno fatto riforme dimportanza nel mondo del lavoro dalla metà degli anni ottanta fino al Argentina (1991), Colombia (1990), Guatemala (1990), Panama (1995) e Perù (1991). n n Le riforme in questa area si sono concentrate nel moderare i costi di licenziamento e facilitare i contratti temporali di lavoratori.

19 RIFORME DEL LAVORO n In assenza di sistemi universali di protezione sociale nella maggioranza dei paesi dellAmerica Latina, le norme che tradizionalmente hanno supportato il lavoro sono state fatte con la finalità di proteggere il lavoratore di fronte ai rischi propri della disoccupazione, la malattia e la vecchiaia, tra gli altri. n Questi obiettivi non sempre si sono raggiunti, ed è stato dovuto al fatto che questi obiettivi hanno indotto ad uneccessiva rotazione del lavoro e hanno propagato loccupazione sommersa e la disoccupazione.

20 RIFORME DEL LAVORO n n Nella maggioranza dei paesi di America Latina, il costo di licenziamento di un lavoratore dopo solo un anno di lavoro è superiore a un mese di salario e in 6 paesi è almeno di tre mesi n n Dopo dieci anni di lavoro i costi di licenziamento sono maggiori: almeno 6 mesi di salario in gran parte di paesi, e più di 12 mesi in 6 paesi.

21 RIFORME DEL LAVORO Costi di licenziamento(1 anno)

22 RIFORME DEL LAVORO Costi di licenziamento(10 anni)

23 INDICE DI POLITICHE STRUTTURALI n n Questo è un indice che riesce a catturare e misurare gli effetti delle politiche strutturali trovato in uno studio di Lora (1997) fatto per la maggior parte dei paesi dellAmerica Latina. n n Ha una frequenza annuale e inizia nel n n Vengono usati i principali indicatori descritti nel nostro lavoro nelle cinque aree di riforma prima descritte. n n Cerca di cogliere la libertà che le politiche strutturali danno al mercato nelle cinque aree di interesse, dando un valore compreso tra 0 e 1.

24 INDICE DI POLITICHE STRUTTURALI n n Tutte le variabili che considera lindice (in genere cè più di una variabile di politica per ciascuna area) possono muoversi in un range da 0 a 1, a partire dalla peggiore alla migliore osservazione di quella variabile in tutto il campione di paesi e anni. n n Lindice totale delle politiche strutturali è una media semplice degli indici delle cinque aree, i quali sono a sua volta la media semplice degli indici per le variabili di politica considerate.

25 INDICE DI POLITICHE STRUTTURALI n n Cerca soltanto di misurare la neutralità delle politiche, cioè lo spazio che queste danno alle decisioni di mercato, con il presupposto che lobiettivo primario delle riforme strutturali in materia economica sia stato la ricerca di una maggiore efficienza nella distribuzione delle risorse produttive mediante leliminazione o riduzione delle distorsioni originate da politiche che limitano il funzionamento dei mercati o che impongono costi alle transazioni o alle attività produttive.

26 INDICE DI POLITICHE STRUTTURALI

27 MIGLIORAMENTO DELLE POLITICHE STRUTTURALI

28 MOMENTO E VELOCITA DELLE RIFORME

29 QUALITA DELLE POLITICHE STRUTTURALI

30 LE RIFORME HANNO ACCELERATO LA CRESCITA n n Mettendo da parte leffetto dei fattori strutturali, come leducazione, e di altre variabili economiche, come linflazione, che incidono anche queste sulla crescita, si é riscontrato che le riforme strutturali hanno elevato il ritmo della crescita di America Latina di 2,3 punti percentuali. n n Senza le riforme adottate in tutta lAmerica Latina negli ultimi dieci anni si avrebbero avuto soltanto tassi medi del 1,5% allanno. Per un paese che abbia seguito un processo di riforme tipico, il livello del suo ingresso attuale é del 12% maggiore di quel che sarebbe stato in assenza delle riforme strutturali.

31 INGRESSO PRO CAPITE CON E SENZA RIFORME

32 EFFETTO SULLA CRESCITA n n Il più degli effetti delle riforme sono di natura permanente, non transitoria. Secondo i calcoli, il ritmo di crescita permanente medio dei paesi dellAmerica Latina é aumentato di 1,9 punti percentuali (tra e ) grazie alle riforme. n n Tra dieci anni comporterà un guadagno addizionale del 20,7% nellingresso pro capite, e tra 20 un guadagno del 45,7%.

33 EFFETTI DELLE RIFORME SULLA CRESCITA n n. Laumento di crescita permanente attribuibile alle riforme commerciali realizzate dal é dello 0,8% in media per i 19 paesi. n n Le riforme finanziarie hanno contribuito ad aumentare la crescita permanente di 0,8 punti. n n Gli effetti delle altre aree di politica strutturale sulla crescita sono stati più modesti: 0,2 punti la riforma tributaria e 0,1 le privatizzazioni. Le riforme sul lavoro non hanno avuto effetti.

34 STABILIZZAZIONE MACROECONOMICA n n La riduzione dellinflazione e la sua minore volatilità riscontrate di recente nella maggior parte dei paesi di America Latina hanno contribuito alla crescita. Insieme hanno aumentato la crescita di 0,5 punti nella media dei paesi in questione. n n Mettendo insieme gli effetti delle riforme e della stabilizzazione, la crescita é aumentata di 2,8 punti percentuali allanno

35 RECUPERO DELLA PRODUTTIVITA n n Una parte sostanziale dellaumento nella crescita permanente che, come abbiamo visto é stato del 1,9 punti, é stato originato da un uso più efficiente delle risorse produttive. n n 1,7 punti di questo aumento medio é stato prodotto dalla produttività totale dei fattori. n n E interessante sottolineare, comunque, che le riforme semplicemente hanno fermato il processo di diminuzione della produttività osservato nel periodo precedente alle riforme, ma non sono ancora riuscite ad ottenere, per la media di America Latina, guadagni di produttività. (tasso di crescita della produttività totale dei fattori nel periodo è =0)

36 LEFFETTO SULLINVESTIMENTO n n Come risultato delle riforme, i coefficienti medi dinvestimento dAmerica Latina sono aumentati di 1,7 punti del PIL il che implica un aumento del tasso di crescita di 0,2 punti. n n Leffetto delle riforme commerciali é stato quello più importante (1,1 punti in media). n n Le privatizzazione hanno avuto un effetto considerevole (0,6 in media).

37 NUOVE RIFORME? EFFETTI SULLA CRESCITA.

38 NUOVE RIFORME? INGRESSO PRO-CAPITE

39 LIVELLI DI CRESCITA ATTUALI E CON + RIFORME

40 PIU EDUCAZIONE PER CRESCERE ANCORA

41 n n Il potenziale di crescita in America Latina potrebbe aumentare sostanzialmente se durante i prossimi 10 anni si facesse uno sforzo educativo che riuscisse ad aumentare di un anno il livello di scolarità media della forza di lavoro (cioè arrivare a 6,8 anni). n n Questo permetterebbe aumentare di 1 punto il potenziale medio di crescita economica permanente nella prossima decade, che equivarrebbe alla metà degli effetti delle riforme. n n un anno addizionale di educazione della forza di lavoro aumenterebbe il ritmo di crescita della produttività approssimativamente dello 0,8% allanno.


Scaricare ppt "CRESCITA E SVILUPPO NELLAMERICA LATINA Guglielmo DAgostino e Franz Faieta a.a. 1999-2000."

Presentazioni simili


Annunci Google