La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Di Sandra DAgostino ISFOL LEVOLUZIONE DELLAPPRENDISTATO ALLA LUCE DELLA RECENTE RIFORMA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Di Sandra DAgostino ISFOL LEVOLUZIONE DELLAPPRENDISTATO ALLA LUCE DELLA RECENTE RIFORMA."— Transcript della presentazione:

1 di Sandra DAgostino ISFOL LEVOLUZIONE DELLAPPRENDISTATO ALLA LUCE DELLA RECENTE RIFORMA

2 Indicatori chiave sullApprendistato Dati di stock * Numero medio di apprendisti occupati Dati di flusso Avviamenti in apprendistato Trasformazioni a tempo indeterminato n.d. Cessazioni Dati di stock e di flusso - anni 2010 e 2011 solo I semestre Fonte: ISFOL-INPS XII Rapporto Apprendistato e INPS-ISTAT II Rapporto coesione sociale

3 Occupazione in apprendistato per macro-area dal 1998 al 2010

4 Indicatori chiave sullApprendistato Indicatori% Età ,4% ,5% ,7% 25 e oltre 7,3% Titoli di studio Nessun titolo 49.5% Qualifica 8.3% Diploma 35.4% Laurea 6.9% Settori Edilizia Turismo Commercio Industria manifatturiera Fonte: ISFOL-INPS XII Rapporto Apprendistato

5 Apprendisti coinvolti nellofferta pubblica di formazione nelle diverse macro-aree - anni Regioni/ ripartizioni iscritti % iscritti/ occupati iscritti % iscritti/ occupati iscritti % iscritti/ occupati Nord , , ,6 Nord-Ovest , , ,7 Nord-Est , , ,3 Centro , , ,8 Mezzogiorno , , ,3 Italia , , ,2 Fonte: ISFOL-INPS XII Rapporto Apprendistato

6 Apprendisti coinvolti nellofferta pubblica di formazione nelle diverse macro-aree - anni Fonte: ISFOL-INPS XII Rapporto Apprendistato

7 Partecipazione dei tutor aziendali ad attività formative nel periodo per macro-aree Fonte: ISFOL-INPS XII Rapporto Apprendistato

8 Criticità dellapprendistato ex d.lgs. 276/03 Modesta diffusione del contratto Ritmo eccessivamente lento nellimplementazione Inestricabile intreccio di competenze che genera incertezza applicativa Disomogeneità nellimplementazione territoriale Scarsa copertura dellofferta formativa, con evidenti squilibri territoriali Qualità dellofferta formativa spesso dichiarata inadeguata

9 Stato di implementazione delle regolamentazioni regionali dellapprendistato professionalizzante a. Regioni che hanno varato la legge e gli atti di regolamentazione Piemonte, Provincia di Bolzano, Provincia di Trento, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Molise, Campania, Puglia, Sardegna b. Regioni che hanno varato la legge e stanno definendo gli atti di regolamentazione Lombardia, Veneto, Liguria, Abruzzo, Basilicata c. Regioni in cui il sistema di formazione per lapprendistato è ancorato a provvedimenti amministrativi Valle dAosta, Calabria, Sicilia Fonte: ISFOL-INPS XII Rapporto Apprendistato

10 Contenzioso Stato-Regioni risolto in Corte Costituzionale Sentenza n. 50, del 2005 (Regioni contro Governo) Sentenza n. 51 del 2005 (Regioni contro Governo) Sentenza n. 406 del 2006 (Governo contro Regione Toscana) Sentenza n. 425 del 2006 (Governo contro Regione Marche) Sentenza n. 21 del 2007 (Governo contro Regione Sardegna) Sentenza n. 24 del 2007 (Governo contro Regione Puglia) Sentenza n. 176 del 2010 (Regioni contro Governo) Sentenza n. 334 del 2010 (Governo contro Regione Abruzzo) Numerosissimi Interpelli (nr. 39)

11 Cosa cambia con il TUA: lapprendistato professionalizzante o contratto di mestiere FINALITA Conseguire una qualificazione professionale Acquisire competenze di base, trasversali e tecnico- professionali ETA anni DURATA ridotta a 3 anni, salvo per le qualifiche artigiane che possono arrivare a 5 anni REGOLAZIONE La disciplina è rimessa ad appositi accordi interconfederali ovvero ai contratti collettivi di lavoro stipulati a livello nazionale FORMAZIONE alle Regioni spetta la responsabilità per lerogazione della formazione di base e trasversale per un massimo di 120 ore complessive sui tre anni; la formazione tecnico-professionale è regolata dalla contrattazione collettivi, in termini di durata e di modalità di erogazione, oltre che di contenuti attraverso la definizione degli standard professionali

12 Contratto di apprendistato per lespletamento del diritto dovere di istruzione e formazione: cosa cambia con il TUA DENOMINAZIONE apprendistato per la qualifica e il diploma professionale FINALITA Conseguire una qualifica o un diploma professionali, intesi come titoli a validità nazionali perché riferiti a standard nazionali Assolvere al diritto-dovere di istruzione e formazione fino a 18 anni ETADiventa da 15 a 25 anni DURATAMassimo 3 anni o 4 anni, a seconda del titolo da conseguire REGOLAZIONE La regolamentazione dei profili formativi e' rimessa alle regioni e alle province autonome, previo accordo in Conferenza Stato- Regioni, sentite le parti sociali FORMAZIONE da definire nellambito dellaccordo Stato-Regioni; i Protocolli firmati nel 2010 rimandavano a 400 ore annue

13 Loccupazione in Italia e in Europa Paesi UE 2734,064,1 Area Euro33,864,2 Italia20,556,9 Germania46,271,1 Spagna24,958,6 Francia30,363,8 Regno Unito47,669,5 Tasso di occupazione per fasce detà - anno 2010 Fonte: EUROSTAT

14 FORZE DI LAVORO 15-24ENNI PER TITOLO DI STUDIO Fonte: ISTAT – RCFL, Media 2010

15 Popolazione di anni con al più un titolo di scuola secondaria inferiore e non inserita in altri percorsi di istruzione e formazione Fonte: EUROSTAT EU 2717,615,814,414,1 Euro area19,617,615,915,6 Italia25,122,019,218,8 Germania14,613,511,111,9 Spagna29,130,831,228,4 Francia13,312,212,412,8

16 Contratto di apprendistato per l'acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione: cosa cambia nel TUA DENOMINAZIONE apprendistato per lalta formazione FINALITA 1. Conseguire: Diploma di maturità di scuola superiore; Laurea triennale e magistrale; Master universitari; certificazione tecnica superiore (IFTS e ITS);Dottorato di ricerca 2. accesso alle professioni ordinistiche 3. apprendistato per la ricerca ETA18-29 anni DURATAIn base al titolo da conseguire REGOLAZIONE Rimessa alle Regioni, per i soli profili che attengono alla formazione, dintesa con le parti sociali e le istituzioni formative che rilasciano il titolo In assenza delle regolamentazioni regionali, sulla base di convenzioni fra imprese e università FORMAZIONEIn base al titolo da conseguire

17 Popolazione di anni con titoli di livello terziario Fonte: EUROSTAT EU 27 22,4 28,0 32,3 33,6 Euro area 23,3 29,0 32,3 33,3 Italia 11,6 17,0 19,0 19,8 Germania 25,7 26,0 29,4 29,8 Spagna 29,2 38,6 39,4 40,6 Francia 27,4 37,7 43,2 43,5

18 I nuovi interventi di apprendistato alto Corsi di laurea I e II livello Master di I e II livello Dottorati Di ricerca PiemonteXXX LombardiaXXX VenetoXX Prov. BolzanoX Emilia RomagnaXX Fonte: ISFOL-INPS XII Rapporto Apprendistato


Scaricare ppt "Di Sandra DAgostino ISFOL LEVOLUZIONE DELLAPPRENDISTATO ALLA LUCE DELLA RECENTE RIFORMA."

Presentazioni simili


Annunci Google