La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lezioni di microeconomia Il Monopolio. In concorrenza perfetta la frammentazione del mercato (sia dal lato dellofferta che da quello della domanda) assicura.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lezioni di microeconomia Il Monopolio. In concorrenza perfetta la frammentazione del mercato (sia dal lato dellofferta che da quello della domanda) assicura."— Transcript della presentazione:

1 Lezioni di microeconomia Il Monopolio

2 In concorrenza perfetta la frammentazione del mercato (sia dal lato dellofferta che da quello della domanda) assicura che nessun singolo compratore o venditore influenzi il prezzo del bene. Il prezzo è determinato dallinterazione di domanda e offerta Il monopolio è una forma di mercato in cui operano un solo venditore ma molti compratori Il monopolista offre un prodotto per cui non esistono sostituti stretti In C.P. la curva di domanda di una singola impresa è orizzontale (quale che sia lelasticità al prezzo della corrispondente curva di domanda di mercato), mentre la curva di domanda del monopolista coincide con la curva di domanda dellintero mercato ed è quindi inclinata negativamente

3 Le quattro cause del monopolio Controllo esclusivo su input fondamentali (con caratteristiche peculiari e/o inimitabili) che impediscono lesistenza di prodotti considerabili stretti sostituti Economie di scala CTme QQ*/2Q* Monopolio naturale quando il CTme di l.p. È decrescente, il modo meno costoso di servire il settore è concentrare la produzione presso ununica impresa CTme(Q*/2) CTme(Q*)

4 Le quattro cause del monopolio Brevetti Conferiscono allimpresa il diritto esclusivo di godere dei benefici economici derivanti dagli scambi in cui è coinvolta linvenzione. La protezione dalla concorrenza, che un brevetto garantisce, permette allimpresa di recuperare i costi dellinnovazione Licenze governative o appalti In molte industrie la produzione è consentita per legge a ununica impresa dotata di licenza governativa. Spesso una delle principali ragioni per cui si limita lentrata è che in questi mercati non vi è spazio per più di unimpresa (in questi casi il vero fattore determinante il monopolio è la presenza di economie di scala)

5 Il monopolista in quanto unico produttore di un determinato bene si trova in una posizione vantaggiosa Il monopolista è il mercato e controlla completamente la quantità di prodotto offerta in vendita Tuttavia anche il monopolista incontra dei limiti: il suo obiettivo è naturalmente la massimizzazione dei profitti (p x q - CT); perciò non può determinare un prezzo in corrispondenza del quale la quantità acquistata si riduca considerevolmente mettendo a rischio (riducendo)i profitti Per massimizzare il profitto, il monopolista deve prima determinare il proprio costo e parallelamente esaminare le caratteristiche della domanda di mercato

6 La conoscenza della domanda e del costo ha unimportanza cruciale per il processo decisionale economico di unimpresa Disponendo di queste informazioni il monopolista decide quanto produrre In altre parole, il monopolista può determinare il prezzo e poi la quantità che venderà a quel prezzo seguirà direttamente dalla curva di domanda di mercato Il potere di mercato è la capacità di un venditore (o di un compratore) di influenzare il prezzo di un bene

7 La differenza fondamentale tra il monopolista e limpresa in C. P. è il modo in cui il ricavo totale e quello marginale si modifica al variare delloutput RTRT Q RTRT Q P=RMg=R Me P Rt = p q ΔRt/ Δq = p La curva di domanda dellimpresa in C. P. è una retta orizzontale che ha per intercetta il prezzo di equilibrio di b.p. La curva del RT è una retta uscente dallorigine con coefficiente angolare pari a p. Rt/ q = p

8 Prezzo, ricavo medio e Rmg in monopolio Il ricavo medio del monopolista, ossia il prezzo che egli riceve per ogni unità venduta, corrisponde esattamente alla curva di mercato Per scegliere il livello di produzione che massimizza il profitto (in corrispondenza del quale Cmg = Rmg) il monopolista deve conoscere anche il suo ricavo marginale (la variazione del ricavo causata da una variazione unitaria del livello di produzione) Per esaminare la relazione esistente RT, Rme e Rmg consideriamo unimpresa la cui curva di domanda è:

9 Curva di domanda di mercato P = 6 - Q Ricavo Ricavo Ricavo PrezzoQuantitàTotaleMarginaleMedio PQRTMRAR

10 Quando la curva di domanda ha pendenza negativa, il prezzo (il ricavo medio) è maggiore del Rmg. Output RMa,RMe Ricavo medio (Domanda): P = Rme > Rmg Ricavo Marginale

11 Il monopolista ha davanti lintera domanda di mercato: affinchè le vendite aumentino di una unità, il prezzo deve diminuire. In tal caso tutte le unità vendute, non solo lunità addizionale, procureranno meno reddito Es. : esaminando la tabella precedente osservate cosa accade quando il livello di produzione viene aumentato da 1 a 2 unità e il prezzo passa da 5 a 4 euro Rmg = 3 euro 3 = 4 – 1 4 ( ricavo derivante dalla vendita dellunità addizionale di prodotto) 1 (la perdita di ricavo derivante dalla vendita della prima unità per 4 euro anziché per 5)

12 La decisione di produzione del monopolista La curva di domanda di mercato D è la curva del ricavo medio del monopolista in quanto specifica il prezzo unitario ricevuto dal monopolista in funzione del suo livello di produzione La quantità che massimizza il profitto si ha sempre in corrispondenza del punto in cui Rmg = Cmg Tuttavia a differenza di quanto accade in C.P. Rmg < Rme(p) e quindi Cmg < p; il monopolista in corrispondenza della quantità che massimizza i profitti realizza profitti economici positivi

13 Perdita di Profitto P1P1 Q1Q1 CMa CMe Quantità P,CMa,CMe, Rma, Rme D = RMe RMa P* Q* La massimizzazione del profitto in regime di monopolio P2P2 Q2Q2 Area rosa: perdita di profitto causata da un livello di produz. Troppo basso (Q 1 ) e da un prezzo di vendita troppo alto (P 1 )

14 π(Q) = R (Q) – C(Q) Partendo da un livello zero di Q, allaumentare della quantità prodotta, il profitto aumenterà finché non raggiunge un massimo e poi comincerà a diminuire La condizione di massimizzazione del profitto resta come in C.P. : Δπ/ΔQ = ΔRt/ΔQ - ΔCt/ΔQ = 0

15 Esempio C(Q) = 50 + Q 2 ; P(Q) = 40 – Q RT = p Q = 40Q – Q 2 (derivata di x n = n x n-1 ) ΔRt/ΔQ = 40 – 2Q ΔCt/ΔQ = 2Q Rmg = Cmg Q = 2Q Q = 10

16 La curva del Rt non è una retta come nel caso della C.P In corrispondenza della quantità che massimizza i profitti la pendenza delle curve Rt e Ct è la medesima e la distanza fra le due curve è massima Output Il monopolio Rt = p q CT Rt π π q* q0q0 CT B A

17 Una regola pratica per la determinazione del prezzo La maggior parte dei manager dimpresa ha un conoscenza limitata delle curve di ricavo medio, Rmg e Cmg Occorre perciò tradurre la condizione Rmg = Cmg in una regola pratica che possa essere applicata più facilmente A tal fine consideriamo di nuovo lespressione del ricavo marginale: ΔRt/ΔQ = Δ(PQ)/ ΔQ

18 quando il monopolista decide di aumentare di ΔQ loutput, leffetto sul profitto è duplice: Vende una quantità maggiore di output e ottiene un ricavo pari a: pΔQ Però, poiché limpresa monopolista ha una curva di domanda con pendenza negativa, la vendita di questa unità aggiuntiva determina anche una piccola riduzione del prezzo, che riduce il ricavo derivante da tutte le unità vendute: Q Δp Perciò ΔR = pΔQ + Q Δp ΔR / ΔQ = p + (Δp /ΔQ) Q

19 Esempio: la variazione del Rt a seguito di una riduzione del prezzo A B { ΔPΔP { ΔQΔQ P Q Rettangolo A minor ricavo dovuto al minor prezzo di vendita Rettangolo B maggior ricavo ottenuto con laumento delle vendite Rmg è uguale alla differenza tra queste due aree ( = 1500) divisa per la variazione delloutput (50) Curva di domanda di mercato

20 ΔR / ΔQ = p + (Δp /ΔQ) Q (moltiplico e divido ambo i lati per p/p) ΔR / ΔQ = p + p (Q/p) (Δp /ΔQ) ΔR / ΔQ = p + p ( 1/E d ) p + p ( 1/E d ) = Cmg P = Cmg 1 - (1/E d ) è il mark up sul Cmg 1/ [1 + (1/Ed)] è il mark up sul Cmg Un monopolista chiede un prezzo che è maggiore del Cmg, ma di una quantità inversamente proporzionale allelasticità della domnada. Se lelasticità della domanda è molto alta, E d è un numero negativo grande in valore assoluto e il prezzo sarà molto vicino al Cmg. In questo caso un mercato monopolistico apparirà molto simile ad uno concorrenziale. Quando la domanda è molto elastica essere un monopolista non è molto vantaggioso Perché lelasticità è negativa

21 Il ricavo marginale e lelasticità P Q Se E D = - 1 Rmg = 0 (i ricavi non variano allaumentare delloutput) Se |E D | < 1 (D. inelastica) i ricavi diminuiscono allaumentare delloutput Se |E D | > 1 i ricavi aumentano allaumentare delloutput M in M : Rmg = 0 Tra P e M Rmg > 0 Tra M e Q Rmg < 0

22 Il profitto del monopolista Il profitto è dato dallarea del rettangolo colorato di giallo ed è pari alla differenza tra il prezzo e il costo medio moltiplicata per la quantità p, rma, rme, cma,cme, Q p= Rme rma cma cme QeQe pepe

23 I costi sociali del potere monopolistico Il potere monopolistico implica prezzi più alti e e quantità prodotte più basse Supponiamo di attribuire lo stesso valore al benessere dei consumatori e a quello dei produttori. Nel complesso il potere monopolistico migliora o peggiora la situazione dei consumatori e dei produttori? Consideriamo come cambia la rendita dei cons. e dei produttori quando si passa da una forma di mercato allaltra

24 Variazione della rendita dei cons. e dei produttori quando si passa dal prezzo e dalle quantità concorrenziali al prezzo e la quantità di monopolio Rmg Cmg Rme A C B QCQC QMQM PMPM PCPC Perdita di rendita del consumatore: A (dei cons. che continuano ad acquistare il bene, ma ad un prezzo più alto) + B (dei cons. che non acquistano il bene ad un prezzo PM) Perdita di rendita del produttore: Il produttore guadagna A vendendo al prezzo più alto, ma perde C Complessivamente: B+C = perdita netta di monopolio (A+B) – (A- C) = B+C = perdita netta di monopolio


Scaricare ppt "Lezioni di microeconomia Il Monopolio. In concorrenza perfetta la frammentazione del mercato (sia dal lato dellofferta che da quello della domanda) assicura."

Presentazioni simili


Annunci Google