La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RECESSIONE, DISOCCUPAZIONE E STRATEGIE DI FLEXICURITY Massimo MANCINI ISTAT Perugia, 23 maggio 2011 Seminario per il corso ISTITUZIONI E POLITICHE DEL.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RECESSIONE, DISOCCUPAZIONE E STRATEGIE DI FLEXICURITY Massimo MANCINI ISTAT Perugia, 23 maggio 2011 Seminario per il corso ISTITUZIONI E POLITICHE DEL."— Transcript della presentazione:

1 RECESSIONE, DISOCCUPAZIONE E STRATEGIE DI FLEXICURITY Massimo MANCINI ISTAT Perugia, 23 maggio 2011 Seminario per il corso ISTITUZIONI E POLITICHE DEL LAVORO

2 Outline dellIntervento La recessione in Europa: gli effetti sulloccupazione Strategia di Flexicurity e concetto di flessibilità interna Gli Short Time Work schemes: obiettivi, efficacia Cenno al caso dellItalia. Conclusioni: gli STW sono compatibili con la flexicurity?

3 LIMPATTO DELLA CRISI SUL MERCATO DEL LAVORO : Lunione Europea La Grande Recessione che ha investito tutte le economie mondiali nel biennio ha causato un notevole riduzione dei posti di lavoro in tutta LUnione Europea (- 1,8% nel 2009) e un forte incremento della disoccupazione. In media nei paesi OCSE il tasso di disoccupazione è aumentato di tre punti. Solo nel 2010, Le tendenze negative hanno iniziato ad attenuarsi: La riduzione degli occupati è rallentata rispetto al 2009 (-0,5% nella media dei 27 paesi nelle stime di contabilità nazionale).

4 LIMPATTO DELLA CRISI SUL MERCATO DEL LAVORO : Lunione Europea Laggiustamento dei mercati del lavoro europei a seguito della recessione è avvenuto, oltre che con la contrazione del numero di occupati, anche attraverso la riduzione degli orari medi di lavoro – ore lavorate. Le imprese europee, si sono avvalse di strumenti riconducibili flessibilità interna all impresa, secondo le possibilità offerte dalle regole normative e contrattuali previste in ciascun paese. In tutta Europa la riduzione degli orari medi di lavoro è stata favorita anche dallincremento del lavoro a tempo parziale lunica forma contrattuale che non è mai diminuita durante la crisi.

5 LIMPATTO DELLA CRISI SUL MERCATO DEL LAVORO : La Spagna La crisi della ha avuto un impatto molto eterogeneo sui mercati del lavoro europei. La situazione peggiore si è verificata in Spagna Recessione pesante - rilevante crollo del prodotto, Crollo settore immobiliare Grande percentuale di contratti flessibili che ha presumibilmente elevato di molto lelasticità rispetto alloutput. La Spagna è anche il paese dove gli effetti negativi perdurano: i posti di lavoro continuano a diminuire a ritmi piuttosto elevati

6 UN CONFRONTO CON ALCUNI PAESI EURO: LOCCUPAZIONE (Dati trimestrali destagionalizzati; indice I trim.2000 = 100)

7 UN CONFRONTO CON ALCUNI PAESI EURO: LA DISOCCUPAZIONE (Dati trimestrali destagionalizzati)

8 LIMPATTO DELLA CRISI SUL MERCATO DEL LAVORO : La Germania A fronte di una rilevante caduta del prodotto il mercato del lavoro ha sostanzialmente tenuto: si è parlato di miracolo tedesco. Mentre la disoccupazione è rimasta sostanzialmente stabile gli ultimi dati mostrano come essa stia scendendo velocemente. Si è evitato di espellere lavoratori dal processo produttivo, Con ricorso alla c.d. flessibilità interna. Qui la riduzione degli orari medi di lavoro è stata favorita Kurzarbeit, Taglio del lavoro straordinario e Gestione efficiente della flessibilità di orario con strumenti quali banche delle ore ( Arbeitzeitkonten ). Hoegrefe e Roll calcolano lapporto di ogni singolo fattore.

9 Limpatto della crisi sul mercato del lavoro in Italia In Italia, le tendenze non sono state molto diverse da quelle della media dellUnione Europea: in confronto alla caduta del reddito, limpatto sul mercato del lavoro è stato relativamente modesto ed è avvenuto con un certo ritardo. Loccupazione aveva continuato a crescere fino al secondo trimestre dellanno, mentre gli effetti sulloccupazione si sono registrati nel 2009 (-1,6% -380 mila unità). È noto che limpatto in termini di input di lavoro è stato in Italia più marcato a causa dellesplosione della Cassa Integrazione (nelle sue varie forme CIG-CIGS-in deroga) (- 2,6%, unità) (-3,6% in termini di ore lavorate).

10 OCCUPAZIONE E DISOCCUPAZIONE IN ITALIA DAL 2004 (dati mensili): Fonte: Istat, RCFL.

11 LA DINAMICA DELLINPUT DI LAVORO RISPETTO A QUELLA DEGLI INDIVIDUI OCCUPATI (Dati destagionalizzati; variazioni % rispetto al trimestre precedente) Nota: Valore aggiunto a prezzi di base (valori concatenati); unità di lavoro equivalenti a tempo pieno. Fonte: ISTAT, Conti nazionali.

12 Le peculiarità dellItalia: La questione degli scoraggiati e dei disoccupati di lunga durata La definizione di disoccupato (ILO, 90 eurostat) implica: disponibilità a lavorare entro le due settimane successive allintervista almeno unazione di ricerca di lavoro attiva (no chiamate o attesa) nelle quattro settimane precedenti la rilevazione. Da un punto di vista si tratta di una soluzione di compromesso tra la necessità di contare solo gli attivi e quella di che lattività di ricerca di lavoro non è attività che si svolga continuamente (Gatto, Tronti). Ce un insieme di individui che non cerca lavoro perché ritiene di non trovarlo. A questo si aggiunge unelevata quota di disoccupati di lunga durata (da più di 12 mesi)

13 Lo scoraggiamento nella ricerca di lavoro: un fenomeno particolarmente diffuso in Italia (quota di inattivi che non cercano lavoro perché pensano di non trovarlo ) Fonte:Eurostat

14 Le forze di lavoro potenziali: un fenomeno del Sud Italia (quota di inattivi disponibili che hanno cercato lavoro non attivamente-maschi ) Fonte: ISTAT, RCFL.

15 DEFINIZIONE DI FLEXICURITY La flexicurity, può definirsi come una strategia di politica economica che cerca di conciliare le richieste di flessibilità provenienti dalle imprese, con unelevata protezione dei lavoratori La protezione qui si ha attraverso strumenti di sostegno al reddito e con lattuazione di politiche attive del lavoro che supportino e favoriscano le transizioni nel mercato del lavoro. Il termine nasce, a seguito di processi di riforma risolti con esiti favorevoli in Danimarca e in Olanda e descrive unambiziosa agenda di riforme del mercato del lavoro concepita a livello europeo

16 Gli elementi della Flexicurity (1) Flessibilità nel mercato del lavoro. Flessibilità esterna: poter variare lo stock di lavoratori in risposta a variazioni della domanda (licenziamenti non discriminatori, loutsourcing e i contratti a termine) Flessibilità interna numerica: possibilità di modificare la quantità di lavoro utilizzata in un impresa senza ricorrere a variazioni del numero di lavoratori (variando gli orari di di lavoro (con contratti a orario ridotto, straordinari, orari atipici e flessibili). Flessibilità funzionale: organizzazione flessibile del lavoro (es. riallocare i lavoratori tra mansioni, multi tasking, Rotazioni etc.).

17 Gli elementi della Flexicurity (2) Flessibilità finanziaria che fa riferimento alla variabilità della retribuzione (salari collegati alla produttività). Un sistema di sicurezza sociale universale e generoso. Il sistema di strumenti di sostegno al reddito dei disoccupati dovrebbe: sostenere il reddito del lavoratore in caso di disoccupazione essere in grado di supportare validamente la persona che cerca un lavoro (ovvero finanziare la ricerca di lavoro) e un matching ottimale in modo da accrescere lefficienza del sistema avere una seconda rete di sicurezza (safety net) condizionata alla prova dei mezzi.

18 Gli elementi della Flexicurity (3) Un sistema di sicurezza occupazionale collegato a politiche attive del lavoro con obblighi (reciproci) e sanzioni. Servizi per limpiego efficienti in grado di: Garantire un informazione completa e diffusa e permettere lincontro domanda-offerta. assicurare il rafforzamento della capacità di inserimento professionale (employability) Il tutto permetterebbe di accrescere la probabilità di trovare unoccupazione per chi non la possiede ma anche di cambiare rapidamente lavoro.

19 Flexicurity e Grande Recessione Si è osservato (Tangian, Auer) che la Grande Recessione ha costituito una sorta di test per la flexicurity. Ci si è chiesti se tale strategia di Politica Economica possa contribuire a sostenere i paesi nei periodi di recessione e favorire la crescita economica nellUnione Europea. La recessione ha accresciuto la disoccupazione e ridotto sensibilmente il numero delle opportunità lavorative (posti vacanti). La possibilità di facilitare le transizioni, agendo sulla Capacità di inserimento professionale dellindividuo è venuta a cadere. è venuto meno uno dei punti cardine del concetto di flexicurity, la mobilità tra occupazione e disoccupazione e la possibilità per il lavoratore di poter cambiare rapidamente lavoro

20 Flexicurity e Grande Recessione (2) Questo ha provocato una ridefinizione, almeno momentaneo, della strategia della flexicurity, verso la flessibilità interna. Lenfasi che prima era rivolta dapprima verso la possibilità di trovare unoccupazione in ogni stadio della propria vita attiva, almeno per ora si è trasferita sulla possibilità di variare la quantità di lavoro allinterno dellimpresa. Tale orientamento è stato definito in diversi documenti ufficiali Lo stesso Consiglio d Europa (2009) suggerisce di mantenere loccupazione ove possibile, con strumenti di gestione alternativi ai licenziamenti attraverso la flessibilità interna.

21 Flessibilità interna e Short Time Work Vi sono un numero di strumenti per adattare linput di lavoro alle normali fluttuazioni cicliche che includono: Vacanze obbligatorie, Chiusure temporanee, Uso della banca delle ore Riduzione dei tempi di lavoro (straordinari). Schemi di short time work: riduzione delle ore di lavoro layoff temporanei.

22 Flessibilità interna e Short Time Work (2) Gli schemi short time work sono definiti come dei benefici che compensano la perdita di salario derivante da: una riduzione parziale delle ore di lavoro per un periodo di tempo definito una prestazione di lavoro per periodi intermittenti (alcuni gg. Settimana) una vera e propria sospensione del contratto di lavoro. In tutti i casi il contratto di lavoro continua a sussistere e non si interrompe. In Italia nelle statistiche i lavoratori in CIG (anche a zero ore) sono classificati come occupati.

23 Gli Short Time Work schemes Diversi paesi dellUnione Europea hanno una tradizione sviluppata di questi strumenti (Tra questi si annoverano lItalia e Germania, Francia, Belgio, Austria). In altri paesi (i nuovi membri dellUnione Europea) li hanno introdotti solo con la crisi. Questi strumenti permettono alle imprese di ridurre il costo del lavoro nel breve periodo senza ricorrere a licenziamenti costosi per le imprese in una prospettiva di ripresa dellattività economica. Appaiono essenziali le prospettive.

24 Gli STW: vantaggi Rimanere al lavoro anche per poche ore al giorno evita il deteriorarsi delle capacità lavorative (skills). Minimizza il rischio di divenire di fuoriuscita dalla forza lavoro verso linattività (unattachment). Elimina (ma solo in parte!) lo stigma associato alla perdita del lavoro. Si evita una riduzione dei redditi del lavoratore che diviene disoccupato. Leffetto sul reddito atteso è minore rispetto al caso della perdita del lavoro. Inoltre è una meccanismo solidaristico che è alternativo ai licenziamenti (seniority based).

25 Gli STW: vantaggi Perdere una forza lavoro formata è costoso: Minore possibilità di aggiustare rapidamente linput di lavoro a fluttuazioni cicliche (occorre reperirne di nuova, incontro domanda offerta)-effetto dellinvecchiamento della popolazione. Costi associati alla formazione (skilled workers) e capitale umano c.d. specifico. Costose e lunghe procedure di licenziamento (laddove esistono). Immagine pubblica e reputazione delle imprese che trattengono i lavoratori in periodi di recessione (imprese socialmente responsabili).

26 Gli STW: svantaggi Sono inefficienti nel salvaguardare i posti di lavoro nel lungo periodo. Possono costituire un ostacolo alla riallocazione efficiente dei posti di lavoro tra occupazioni e settori-inefficienza a livello di sistema. Sono costosi per la fiscalità generale (e anche per le imprese- dipende dalle aliquote a carico del datore in italia molto diffrenziate secondo il settore). Nella misura in cui sono rivolti agli insiders si aggrava il dualismo nel mercato del lavoro: incentrati verso gli occupati e non considerano chi è fuori dal mercato del lavoro. Rischio di moral hazard.

27 Gli STW e LItalia La rinnovata considerazione a livello europeo verso questo tipo di schemi ne ha favorito il potenziamento e il rafforzamento: Con le misure anti-crisi (Dl ), la Cassa Integrazione Guadagni è stata estesa oltre i settori tradizionali verso tipologie contrattuali in precedenza non tutelate si è confermata la disciplina degli ammortizzatori sociali in deroga. Tuttavia il quadro generale del sistema di ammortizzatori sociali del nostro paese permane frammentato, Vi è eterogeneità nei requisiti di accesso e nellentità dei trattamenti spettanti secondo differenti categorie di lavoratori e di aziende. Inoltre nella grande recessione le fasce di forza lavoro più colpite sono state quelle meno coperte dagli strumenti assicurativi di sostegno al reddito: giovani che non hanno misurato i requisiti per accedere Lavoratori a termine (con carriere discontinue). Collaboratori.

28 LIMPATTO SULLOCCUPAZIONE: ETA e GENERE (variazione dei tassi di occupazione IItrim 2007-II trim 2010)

29 LEVOLUZIONE DELLA CASSA INTEGRAZIONE (3) ( totale in migliaia di ore; grezzi) Fonte: El. ISAE su dati INPS

30 La Cassa Integrazione e i tassi di disoccupazione La collocazione della Cassa Integrazione (per coloro che sono a zero ore) in parte nasconde la disoccupazione. È noto che la durata e la diffusione di Cigo-Cigs-Cig in deroga in parte "trattengono i tassi di disoccupazione, rinviandone l'esplicitazione (Anastasia). In parte li nascondono, quando la Cig si conclude positivamente con il ritorno al lavoro proprio perché lattesa di riprendere il lavoro è però spesso fondata Coloro che usufruiscono del trattamento di CIG ordinario possono trovarsi nelle seguenti situazioni: Transitare verso la ripresa delloccupazione (conclusione positiva) Entrare in CIGS (ordinarizzazione) oppure, in casi limitati, e quando la normativa lo permette verso la CIG in deroga (complessa normativa regionale). Entrare in mobilità (che interrompe il rapporto di lavoro). Larea di intervento della CIGS e della mobilità sono grosso modo le stesse ma la mobilità interrompe il rapporto di lavoro i lavoratori coinvolti sono inseriti tra i disoccupati (ma anche tra gli inattivi dipende dalla disponibilità a lavorare e dalle azioni della ricerca di lavoro

31 Strumenti di flexicurity? Lenfasi posta su questi strumenti teso a verificare se possano essere compatibili con la logica della flexicurity. Il concetto di flexicurity è relativamente sfuggente, sia perché le regolamentazioni di detti strumenti differiscono da paese a paese. Essi non appaiono finalizzati a creare nuovi posti di lavoro o a favorire la riallocazione tra occupazioni e settori, come previsto nella logica originaria della flexicurity e di quella della strategia di Lisbona, Sono incentrati verso gli occupati e non considerano chi è fuori dal mercato del lavoro, laddove la strategia di flexicurity prevede lobiettivo di promuovere mercati del lavoro inclusivi

32 Strumenti di flexicurity? Tuttavia la capacità di inserimento professionale del lavoratore forse è favorita Almeno in teoria possono essere collegati a programmi di formazione, Evitano il c.d. stigma che deriva dallessere rimasti disoccupati verso altri potenziali datori di lavoro. Favoriscono la flessibilità interna rafforzando, allo stesso tempo, la sicurezza dei posti di lavoro e quella del reddito del lavoratore, favorendo la coesione sociale e la stabilizzazione macroeconomica. In prima approssimazione essi sembrano soddisfare solo alcuni dei requisiti richiesti da un sistema orientato a principi di flexicurity.


Scaricare ppt "RECESSIONE, DISOCCUPAZIONE E STRATEGIE DI FLEXICURITY Massimo MANCINI ISTAT Perugia, 23 maggio 2011 Seminario per il corso ISTITUZIONI E POLITICHE DEL."

Presentazioni simili


Annunci Google