La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Mercato del lavoro. Differenze per territorio, età, genere Le persone che vivono nelle regioni meridionali, le donne e i giovani risultano più svantaggiati,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Mercato del lavoro. Differenze per territorio, età, genere Le persone che vivono nelle regioni meridionali, le donne e i giovani risultano più svantaggiati,"— Transcript della presentazione:

1 Mercato del lavoro

2 Differenze per territorio, età, genere Le persone che vivono nelle regioni meridionali, le donne e i giovani risultano più svantaggiati, ossia hanno una probabilità più elevata di essere disoccupati o inattivi

3 Differenze territoriali Nel Mezzogiorno la discriminazione verso le donne e soprattutto quella verso i giovani raggiungono livelli eccezionali Nel Centro-Nord entrambe si attenuano, assestandosi su livelli simili a quelli di altri paesi dellEuropa continentale

4 Differenze territoriali – Fattori principali Differenze legate soprattutto al diverso tasso di sviluppo delleconomia locale e agli investimenti Efficienza della pubblica amministrazione e delle politiche per loccupazione, in particolare dei servizi per limpiego Presenza servizi Presenza economia nascosta e criminale

5 Differenze per genere Le donne partecipano meno al mercato del lavoro e sono più spesso disoccupate

6 Differenze per genere – Fattori principali Difficoltà di conciliazione lavoro-vita (modelli di divisione del lavoro per la famiglia, diffusione del part-time, politiche delle imprese family friendly, presenza di servizi, ecc.) Esistenza di pregiudizi sullattività lavorativa delle donne

7 Differenze per età I giovani hanno maggiori difficoltà a trovare un lavoro, sono più disoccupati

8 Errori del modello insider-outsider Gli occupati (insiders) sono superprotetti dal rischio di perdere il posto di lavoro dalla legislazione e dalla contrattazione sindacale e impediscono così ai giovani (outsiders) di essere assunti al loro posto costringendoli a un lungo periodo di ricerca dellimpiego Eliminare le rigidità del mercato del lavoro, cioè rendere meno protette e meno stabili le condizioni degli occupati

9 Ma… Molti occupati perdono il lavoro, ma riescono a trovarlo rapidamente (tasso di separazione del settore privato tra i più alti dEuropa – prevalenza delle piccole imprese) LItalia risulta, già dalla fine degli anni Ottanta, uno dei paesi meno vincolistici, in particolare per loccupazione dipendente

10 Differenze dipendono dalle caratteristiche della domanda e dalle caratteristiche personali dei soggetti in competizione sul mercato del lavoro Gli insiders sono per lo più capifamiglia maschi adulti con bassi livelli di istruzione (pochi diplomati e laureati) Gli outsiders hanno più elevati livelli di istruzione e vivono nelle famiglie di origine (dove almeno un genitore ha un reddito sicuro)

11 Sfasamento tra domanda di lavoro qualificato e offerta di lavoro istruita (sistema produttivo a bassa innovazione – scarsa domanda di lavoro qualificato, non sufficiente rispetto alle richieste/attese) Distribuzione delle occupazioni per qualifiche professionali orientata verso quelle basse

12 Scarsa generosità delle indennità di disoccupazione Maggior pressione sugli insiders, adulti e capifamiglia Molti outsiders, che vivono nella famiglia di origine, sono più selettivi, possono permettersi di attendere più a lungo, potendo contare sul reddito dei genitori Dunque, concorrenza tra ex-insiders e concorrenza tra outsiders

13 Gli effetti della crisi economica

14

15

16 Crescita del tasso di disoccupazione Riduzione dellofferta di lavoro, ossia aumento degli inattivi, in particolare di quelli che non cercano e non sono disponibili

17 La crisi economica ha inciso sullinattività a livello quantitativo e qualitativo: da una parte ha generato un allargamento di questa area, dallaltro una modificazione della sua composizione interna a favore del segmento più lontano dal mercato del lavoro

18


Scaricare ppt "Mercato del lavoro. Differenze per territorio, età, genere Le persone che vivono nelle regioni meridionali, le donne e i giovani risultano più svantaggiati,"

Presentazioni simili


Annunci Google