La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

EPIDEMIOLOGIA DEL MAL DI SCHIENA. La meccanica lombare Esempio Se: b2 = 2 cm; b1 = 45 cm; R = 20 Kg. Allora: P = 450 Kg P R R × b1 = P × b2.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "EPIDEMIOLOGIA DEL MAL DI SCHIENA. La meccanica lombare Esempio Se: b2 = 2 cm; b1 = 45 cm; R = 20 Kg. Allora: P = 450 Kg P R R × b1 = P × b2."— Transcript della presentazione:

1 EPIDEMIOLOGIA DEL MAL DI SCHIENA

2 La meccanica lombare Esempio Se: b2 = 2 cm; b1 = 45 cm; R = 20 Kg. Allora: P = 450 Kg P R R × b1 = P × b2

3 Il disco intervertebrale

4

5 Mal di schiena: definizione Dolore localizzato in regione dorso-lombare, tra langolo inferiore della scapola e le natiche, senza una specifica causa sottostante.

6 Mal di schiena: definizione I sintomi, le alterazioni anatomo-patologiche ed i segni radiologici sono scarsamente correlati. In circa l85% dei pazienti, il dolore potrebbe NON essere attribuibile ad una patologia o ad un danno neurologico. Recenti ricerche hanno suggerito che esistano fattori genetici che aumentano la suscettibilità al mal di schiena.

7 Strutture da cui può originare il dolore

8 Erniazione del disco lombare (nel 25-50% di soggetti asintomatici) Degenerazione del disco lombare (nel 25-70% di soggetti asintomatici) L5

9 Fissurazione dellanello (nel % di soggetti asintomatici) L5 Alterazioni dei piatti vertebrali (nel 10 % di soggetti asintomatici) L5

10 Occorrenza Il mal di schiena è un problema che colpisce tutte le età e tutte le classi sociali. Nei paesi industrializzati, la prevalenza nel corso della vita è stimata intorno al %, aumentando dallinfanzia alladolescenza e con picchi tra i 35 ed i 55 anni di età (nel periodo di un anno la prevalenza è attorno al 15-45%). È importante fare una distinzione tra la presenza dei sintomi, la richiesta di cure e le perdita di giorni lavorativi. Questi 3 aspetti hanno tassi di prevalenza differenti, e sono influenzati da un delicato equilibrio di fattori biologici, psicologici e sociali.

11 Fattori di rischio Il problema del rischio è scarsamente compreso ed insufficientemente documentato. Il più potente indicatore di rischio per un nuovo episodio di mal di schiena è lavere avuto un attacco in precedenza. Oltre a questo, i fattori di rischio più frequentemente riportati sono lo sforzo fisico pesante, la torsione del tronco, piegarsi spesso, sollevar pesi frequentemente, trascinare e spingere, i lavori ripetitivi, le posture statiche e le vibrazioni. Importanti sono inoltre gli indicatori di rischio di tipo psicosociale quali la depressione, le convinzioni personali, linsoddisfazione per il proprio lavoro e lo stress lavorativo.

12 Percezione dei rischi professionali, delle condizioni di salute, e delle azioni adottate per la prevenzione, in un campione di 5108 lavoratori del Veneto 1. BACKGROUND European Surveys on Working Conditions condotta ogni 5 anni (1990, 1995, 2000, 2005) da European Foundation for the Improvement of Living and Working Conditions (Eurofund) in 15 paesi della Comunità Europea. 2. SOGGETTI 5108 lavoratori, dipendenti e autonomi, selezionati dagli elenchi telefonici del Veneto. 3. METODI Intervista telefonica (durata di 10 minuti circa) con questionario Eurofund modificato, per indagare la percezione che i lavoratori hanno delle proprie condizioni di lavoro e di salute, e delle azioni adottate per la prevenzione.

13

14 Variabili Odds Ratio Pc (%) PAR (%) Σ di PAR (%) Posizioni stancanti o dolorose per >25% del tempo Movimentazione manuale dei carichi per >25% del tempo Il lavoro svolto comporta: stress Il lavoro svolto comporta: ansia Esposizione a rumore per >25% del tempo Esposizioni a fumi, vapori e polveri per >25% del tempo Determinanti del mal di schiena: odds ratio, frazione di esposti tra i casi (p c ), rischio attribuibile nella popolazione (PAR).

15 Classificazione clinica Forma acuta. Il dolore acuto da mal di schiena di solito regredisce spontaneamente. Tuttavia, solo il 2-7 % dei pazienti sviluppa un dolore cronico. Forma cronica. Questo tipo di dolore, cronico e ricorrente, è la causa di una notevole parte delle assenze dal lavoro. Fatto pari a 100% le giornate di lavoro perse, circa il 50% è causato dall85% di lavoratori che restano a casa per brevi periodi (meno di 7 giorni), mentre il rimanente 50% è costituito dalle assenze maggiori di un mese, determinate dal 15% dei lavoratori.

16 Classificazione clinica La classificazione del mal dischiena in acuto e cronico, pur conveniente dal punto di vista clinico, non riflette a pieno la modalità di presentazione del mal di schiena nella popolazione. Un recente studio mostra che il mal di schiena si manifesta come un disordinato alternarsi di periodi sintomatici con periodi meno fastidiosi (sebbene per alcuni individui i sintomi e lassociata invalidità possano diventare persistenti). Circa i 2/3 delle persone colpite hanno una elevata probabilità di avere un altro attacco di dolore entro circa 12 mesi. Questo fatto comporta difficoltà dinterpretazione quando si considera il problema della prevenzione.

17 Prevenzione Tenendo conto dellepidemiologia del mal di schiena, la prevenzione primaria (del primo attacco) e la prevenzione secondaria (diagnosi precoce) è di fatto impraticabile. Lunica possibile è la prevenzione terziaria, cioè un trattamento in grado di prevenire la ricorrenza degli attacchi e linvalidità lavorativa, e migliorare la qualità della vita. È fondamentale quindi che questo trattamento sia efficace.

18 Evidenze e raccomandazioni Evidenze e raccomandazioni Cochrane Collaboration, ; European Guidelines for Prevention in Low Back Pain, European Commission, ) Esercizi/attività fisica 2) Informazioni/istruzioni 3) Fasce/supporti per la schiena 4) Plantari/scarpe ortopediche 5) Ergonomia fisica 6) Ergonomia organizzativa 7) Interventi multi-dimensionali 8) Modifica del posto di lavoro

19 Livelli di evidenza scientifica Livello A: conclusioni generalmente coerenti ricavate attraverso diversi studi clinici randomizzati e controllati. Livello B: conclusioni generalmente coerenti ricavate attraverso unanalisi sistematica di molteplici studi scientifici, ma più deboli dei precedenti. Livello C: un solo studio randomizzato controllato (o uno studio scientifico più debole), o risultati poco consistenti tratti da unanalisi sistematica di studi scientifici più deboli. Livello D: nessuno studio randomizzato controllato né studi scientifici più deboli.

20 1) Esercizi fisici/attività fisica Raccomandazioni: Lesercizio fisico è raccomandato per prevenire il mal di schiena. Inoltre, può essere utile per evitare che il mal di schiena si cronicizzi (evidenza di livello A) e per prevenire, quindi, il ripetersi di assenze lavorative dovute al mal di schiena.

21 2) Informazioni/Istruzioni Raccomandazioni: Non sono raccomandati per la prevenzione del mal di schiena gli interventi tradizionali di informazione/formazione sui biomeccanismi, sulle tecniche per sollevare, sulle posture ottimali, ecc (evidenza di livello A). Tuttavia, questi messaggi dovrebbero essere integrati allinterno di un intervento più ampio.

22 3) Cinture/Sostegni lombari Raccomandazioni: Queste non sono raccomandate per le prevenzione del mal di schiena (livello A)

23 4) Plantari/scarpe ortopediche Raccomandazioni: Né suolette né scarpe ortopediche sono consigliate per la prevenzione del mal di schiena (livello A). Ci sono prove insufficienti a favore o contro luso di suolette ortopediche o di calzature morbide.

24 5a) Ergonomia fisica

25 Miti comuni Lutilizzo di congegni per il sollevamento meccanico elimina tutti i rischi del sollevamento manuale Il paziente deve comunque essere sollevato per venire inserito nellimbracatura. Inoltre, la forza umana è necessaria per spostare, stabilizzare e posizionare il paziente.

26 Miti comuni Se lo acquisti, lo staff lo userà Ecco le ragioni per cui lo staff non usa lequipaggiamento: poco tempo, difficoltà nellutilizzo, spazi ristretti, preferenze del paziente.

27 Miti comuni Differenti congegni per il sollevamento hanno la stessa efficacia Alcuni congegni sono stressanti tanto quanto il sollevamento manuale. Lattrezzatura deve essere valutata sia dal punto di vista ergonomico sia per lapprovazione da parte dellutente.

28 5b) Ergonomia fisica Raccomandazioni: Non ci sono prove sufficientemente coerenti sul fatto che interventi ergonomici di tipo tecnico, da soli, riescano a diminuire la prevalenza o la gravità del mal di schiena (livello C). Cè qualche prova sul fatto che un programma di questo tipo sia efficace in presenza di interventi di tipo organizzativo con il coinvolgimento dei lavoratori (livello B).

29 6a) Ergonomia organizzativa 1.Protocollo di valutazione degli interventi 2.Criteri per la valutazione del paziente 3.Algoritmi 4.Infermieri esperti dellaffrontare il problema 5.Analisi dopo lintervento

30 6b) Ergonomia organizzativa Raccomandazioni: Non ci sono prove sufficientemente coerenti sul fatto che interventi ergonomici di tipo organizzativo riescano a prevenire il mal di schiena (livello C), sebbene tali interventi potrebbero, in linea di principio, aumentare lefficacia di interventi ergonomici di tipo tecnico.

31 7) Interventi multidimensionali Evidenze: Interventi multi-disciplinari e multi-modali (alcuni dei quali includevano una componente di ergonomia fisica) possono avere un effetto positivo per alcuni (non tutti) aspetti del mal di schiena. Non vi è effetto positivo con programmi non intensivi (meno di 100 ore). Raccomandazioni: Anche se un intervento multi-dimensionale può essere raccomandato per ridurre alcuni aspetti della LBP, non è possibile raccomandare né le modalità di trattamento né il peso reciproco delle stesse (livello A). Lentità delleffetto può essere modesto.

32 8) Cambio/modifica del posto di lavoro al ritorno dopo la malattia Raccomandazioni: Per facilitare il ritorno al lavoro in tempi più brevi di coloro che si assentano per mal di schiena, si può raccomandare una temporanea modifica delle mansioni lavorative (ciò potrebbe includere adattamenti ergonomici del posto di lavoro) (livello B). Le condizioni di lavoro dovrebbero essere confortevoli quando si è in salute, e migliorate quando si è malati.

33 InterventiProContro Esercizio/attività fisicaA Informazioni/istruzioniA Fasce/supporti lombariA Plantari/scarpe ortopedicheA Ergonomia fisicaC Ergonomia organizzativaC Interv. multi-dimensionaliA Modifica del posto di lavoroB Conclusioni


Scaricare ppt "EPIDEMIOLOGIA DEL MAL DI SCHIENA. La meccanica lombare Esempio Se: b2 = 2 cm; b1 = 45 cm; R = 20 Kg. Allora: P = 450 Kg P R R × b1 = P × b2."

Presentazioni simili


Annunci Google