La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E DEI PAZIENTI NEL SERVIZIO DI EMODIALISI RELATORE IP MARIA ALAIMO FORMATORE M.M.P. COORD. GRUPPO FACILITATORI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E DEI PAZIENTI NEL SERVIZIO DI EMODIALISI RELATORE IP MARIA ALAIMO FORMATORE M.M.P. COORD. GRUPPO FACILITATORI."— Transcript della presentazione:

1 RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E DEI PAZIENTI NEL SERVIZIO DI EMODIALISI RELATORE IP MARIA ALAIMO FORMATORE M.M.P. COORD. GRUPPO FACILITATORI M.M.P SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AZIENDA USL VITERBO

2 RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E DEI PAZIENTI NEL SERVIZIO DI EMODIALISI IL MAL DI SCHIENA, NELLARCO DELLA VITA, INTERESSA CIRCA IL 70% DELLA POPOLAZIONE; DI QUESTA, CIRCA IL 25% SVILUPPA EPISODI DI SCIATALGIA. GLI INFORTUNI DA M.M.C E P. SONO AL I° POSTO NELLA GRADUATORIA DEGLI INFORTUNI LAVORATIVI. LA CATEGORIA DEGLI INFERMIERI RISULTA LA PIU ESPOSTA, SIA PER QUANTO RIGUARDA LE MALATTIE DELLA COLONNA, CHE PER QUANTO CONCERNE GLI INFORTUNI DA M.M.C E PAZIENTI.

3 RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E DEI PAZIENTI NEL SERVIZIO DI EMODIALISI OBIETTIVI INDIVIDUARE LESISTENZA DEL RISCHIO DA M.M.C E M.M.P E LA SUA MAGNITUDO NEL SERVIZIO DI EMODIALISI. ADOTTARE UNA STRATEGIA DI AZIONI PER LA ELIMINAZIONE O IL CONTENIMENTO DEL RISCHIO.

4 RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E DEI PAZIENTI NEL SERVIZIO DI EMODIALISI

5 D.lgs 626/94 TITOLO V ART.47 CAMPO DI APPLICAZIONE ART.48 OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO ART.49 INFORMAZIONE E FORMAZIONE ALLEGATO VI (PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO) - CARATTERISTICHE DEL CARICO - SFORZO FISICO RICHIESTO - CARATTERISTICHE DELLAMBIENTE DI LAVORO - ESIGENZE CONNESSE ALLATTIVITA - FATTORI INDIVIDUALI DI RISCHIO

6 RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E DEI PAZIENTI NEL SERVIZIO DI EMODIALISI OPERAZIONI DI TRASPORTO - TRAINO E SPINTA FORZE ESERCITATE CON LINTERO CORPO, ESPRESSE IN KG., DI CARRELLI – TRASPALLET - LETTI - APPARECCHIATURE ECC. LA RILEVAZIONE E AVVENUTA TRAMITE DINAMOMETRO DIN 96. I DATI HANNO INTERESSATO LA MASSIMA FORZA INIZIALE E LA MASSIMA FORZA DI MANTENIMENTO. LA VALUTAZIONE DELLINDICE DI RISCHIO E STATA CALCOLATA UTLIZZANDO LE FORZE RACCOMANDATE SECONDO LE TABELLE DI SNOOK E CIRIELLO.

7 RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E DEI PAZIENTI NEL SERVIZIO DI EMODIALISI SNOOK E CIRIELLO DEFINISCE IL MASSIMO SFORZO (FI- FM) RACCOMANDABILE IN RELAZIONE A: SESSO FREQUENZA DI AZIONE PERCORSO ALTEZZA DELLE MANI DA TERRA DURANTE LAZIONE

8 RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E DEI PAZIENTI NEL SERVIZIO EMODIALISI OPERAZIONI DI SOLLEVAMENTO OGGETTI MODELLO NIOSH KG X ( PESO RACCOMANDATO OTTIMALE) FATTORE ALTEZZA X (ALTEZZA DELLE MANI DA TERRA) FATTORE DISLOCAZIONE X (DISTANZA VERTICALE DEL PESO) FATTORE ORIZZONTALE X (DISTANZA MASSIMA DEL PESO DAL CORPO) FATTORE ASIMMETRIA X (DISLOCAZIONE ANGOLARE DEL PESO) FATTORE FREQUENZA X (FREQUENZA DEGLI ATTI AL MINUTO) FATTORE PRESA X (GIUDIZIO SULLA PRESA DEL CARICO) = PESO LIMITE RACCOMANDATO

9 RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E DEI PAZIENTI NEL SERVIZIO EMODIALISI

10 RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E DEI PAZIENTI NEL SERVIZIO DI EMODIALISI INDICE DI SOLLEVAMENTO I. S. < 0,75 RISCHIO TRASCURABILE I. S. 0,75 – 1,25 LIVELLO DI ATTENZIONE ATTIVARE LA SORVEGLIANZA SANITARIA CON PERIODICITA TRIENNALE E FORMAZIONE. I. S. > 1,25 R I S C H I O - PREVENZIONE PRIMARIA - PRIORITA A SITUAZIONI CON I. S PIU ELEVATO - SORVEGLIANZA SANITARIA ANNUALE - FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO

11 RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E DEI PAZIENTI NEL SERVIZIO DI EMODIALISI I N D I C E M A P O (MOVIMENTAZIONE ASSISTITA PAZIENTI OSPEDALIZZATI) VALUTAZIONE INTEGRATA DEI PRINCIPALI DETERMINANTI DI RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI. MAPO = (NC/ Op x FS +PC/Op x FA) x FC x Famb x FF.

12 RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E DEI PAZIENTI NEL SERVIZIO DI EMODIALISI I N D I C E M A P O LA SCHEDA DI RILEVAZIONE SI COMPONE DI DUE PARTI: LA PRIMA, A CURA DEGLI INFERMIERI, RAGGRUPPA TUTTE LE INFORMAZIONI INERENTI LORGANIZZAZIONE DEL LAVORO: CARICO ASSISTENZIALE ( NUMERO DI LETTI, NUMERO E QUALIFICA DEGLI OPERATORI IN ORGANICO E NUMERO DI OPERATORI ADDETTI ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE NEI TRE TURNI). TIPOLOGIA DI PAZIENTI (P.C. E N.C.) E MANOVRE ABITUALMENTE EFFETTUATE.

13 RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E DEI PAZIENTI NEL SERVIZIO DI EMODIALISI I N D I C E M A P O LA SECONDA PARTE, A CURA DEGLI OPERATORI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE ATTRAVERSO UN SOPRALLUOGO, RACCOGLIE INFORMAZIONI PER QUANTO RIGUARDA DIVERSI FATTORI: DOTAZIONE DI ATTREZZATURE (SOLLEVAPAZIENTI CARROZZINE, BARELLE ED AUSILI MINORI); CARATTERISTICHE DELLAMBIENTE DI LAVORO (BAGNI, CAMERE DI DEGENZA, CARATTERISTICHE DEI LETTI) ECC; FORMAZIONE DEL PERSONALE SECONDO LA 626/94 (SE PRESENTE, ASSENTE O INADEGUATA ) ECC.

14 RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E DEI PAZIENTI NEL SERVIZIO DI EMODIALISI INDICE MAPO E RELATIVI PROVVEDIMENTI DA 0 – 1, 5 FORMAZIONE – SORVEGLIANZA SANITARIA DA 1, INTERVENTI DI BONIFICA: AUSILIAZIONE – FORMAZIONE – SORVEGLIANZA SANITARIA > 5,01 RISCHIO ! ! PREVENZIONE PRIMARIA – AUSILIAZIONE : PRIORITA A SITUAZIONI CON INDICE DI RISCHIO PIU ELEVATO – SORVEGLIANZA SANITARIA ANNUALE – FORMAZIONE.

15 RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E DEI PAZIENTI NEL SERVIZIO DI EMODIALISI RISULTATI DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO INDICE MAPO (TRAMITE RACCOLTA DATI DI 4 SETTIMANE): MEDIO: 9,34 - PICCO: 11.0 = RISCHIO GRAVE ! SISTEMA NIOSH ( SOLLEVAMENTO E ABBASSAMENTO MATERIALE) INDICE DI RISCHIO DA UN MINIMO DI 1,57 AD UN MASSIMO DI 8,12 = RISCHIO GRAVE !

16 RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E DEI PAZIENTI NEL SERVIZIO DI EMODIALISI RISULTATI OPERAZIONI DI TRAINO E SPINTA SI E RILEVATA UNAREA DI RISCHIO CHE VA DA UN LIVELLO TRASCURABILE PER LA SPINTA E TRAINO DEI CARRELLI E LO SPOSTAMENTO DEI LETTI ALLINTERNO DEL REPARTO, AD UN LIVELLO DI ATTENZIONE PER QUANTO RIGUARDA IL TRASPORTO TRAMITE TRASPALLET DAL DEPOSITO FINO ALLINGRESSO DEL REPARTO.

17 RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E DEI PAZIENTI NEL SERVIZIO DI EMODIALISI RISULTATI VALUTAZIONE DEL RISCHIO TRAMITE INDICE M A P O LA NOTEVOLE ESPOSIZIONE DI RISCHIO DERIVA DALLA NEGATIVITA DEI FATTORI INDIVIDUATI: FATTORE SOLLEPAZIENTI ASSENTE FATTORE CARROZZINE ASSENTE O INADEGUATO FATTORE AUSILI MINORI ( TELI AD ALTO SCORRIMENTO, BARELLE REGOLABILI IN ALTEZZA ECC. ) ASSENTE SERVIZI IGIENICI PER I PAZIENTI INADEGUATI; FATTORE AMBIENTE ( SPAZI FRA LETTO E LETTO O TRA LETTO E PARETE ) INADEGUATI FATTORE FORMAZIONE ASSENTE

18 RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E DEI PAZIENTI NEL SERVIZIO DI EMODIALISI INTERVENTI PER LABBATTIMENTO DEL RISCHIO PER LE OPERAZIONI DI TRAINO E SPINTA DAL DEPOSITO AL REPARTO ABBIAMO SUGGERITO LA SOSTITUZIONE DELLA TRASPALLET MANUALE CON UNA DI TIPO ELETTRICO, MENTRE PER IL TRAINO E SPINTA DEI CARRELLI ALLINTERNO DEL REPARTO ABBIAMO CONSIGLIATO LA DIMINUZIONE DEL CARICO AUMENTANDO COSI LA FREQUENZA DELLE AZIONI. LO SPOSTAMENTO DEI LETTI DEVE ESSERE ESEGUITO DA DUE OPERATORI;

19 RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI DEI PAZIENTI NEL SERVIZIO DI EMODIALISI INTERVENTI PER LABBATTIMENTO DEL RISCHIO PER QUANTO RIGUARDA LE OPERAZIONI DI SOLLEVAMENTO E ABBASSAMENTO DEGLI OGGETTI, VALUTATI SECONDO IL SISTEMA NIOSH, E NECESSARIO INTERVENIRE SULLACCATASTAMENTO DEL MATERIALE, DISPONENDOLO IN MODO CHE GLI OPERATORI NON MOVIMENTINO AL DI SOPRA DELLALTEZZA DELLE SPALLE, QUINDI FINO AD UN MASSIMO DI 75 CM. I CARRELLI ANDRANNO DISPOSTI IN MODO TALE DA EVITARE CHE DURANTE LA MOVIMENTAZIONE GLI OPERATORI EFFETTUINO LA TORZIONE DEL TRONCO.

20 RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E DEI PAZIENTI NEL SERVIZIO DI EMODIALISI INTERVENTI PER LABBATTIMENTO DEL RISCHIO PER QUANTO INERENTE GLI SPAZI E GLI ARREDI VALUTATI SECONDO LINDICE MAPO, CONSIDERATO IL SOPRANNUMERO DI LETTI IN RELAZIONE ALLO SPAZIO DISPONIBILE, SI PUO INTERVENIRE INDIVIDUANDO LOCALI PIU AMPI. INOLTRE ALCUNI LETTI, IL CUI SPAZIO VERTICALE E MINORE DI 15 CM, VANNO SOSTITUITI PER CONSENTIRE LUTILIZZO DEL SOLLEVAPAZIENTI. I BAGNI NECESSITANO DI RISTRUTTURAZIONE, CREANDO COSI SPAZI ADEGUATI ALLA ROTAZIONE DELLE CARROZZINE.

21 RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E DEI PAZIENTI NEL SERVIZIO DI EMODIALISI INTERVENTI PER LABBATTIMENTO DEL RISCHIO E NECESSARIO FORNIRE IL SERVIZIO DELLE SEGUENTI ATTREZZATURE PER LA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI: CARROZZINE O COMODE A NORMA (IL 50% DEL N° DEI PZ. N.C O P.C.) BARELLE REGOLABILI IN ALTEZZA TELI AD ALTO SCORRIMENTO SOLLEVAPAZIENTI. * INOLTRE E DI MASSIMA IMPORTANZA LA FORMAZIONE E LADDESTRAMENTO DEL PERSONALE SULLE TECNICHE CORRETTE DI MOVIMENTAZIONE.

22 RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E DEI PAZIENTI NEL SERVIZIO DI EMODIALISI C O N C L U S I O N I QUESTA VALUTAZIONE DEL RISCHIO HA RIGUARDATO UN SERVIZIO DI EMODIALISI PRESO A CAMPIONE. NOI AUSPICHIAMO CHE IN TUTTI I SERVIZI DI EMODIALISI SI PROCEDA AD UNATTENTA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E DEI PAZIENTI CHE TENGA CONTO DELLE INFINITE VARIABILI DI RISCHIO DI CIASCUN SERVIZIO E QUINDI DEI MOLTEPLICI INTERVENTI DI BONIFICA.


Scaricare ppt "RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E DEI PAZIENTI NEL SERVIZIO DI EMODIALISI RELATORE IP MARIA ALAIMO FORMATORE M.M.P. COORD. GRUPPO FACILITATORI."

Presentazioni simili


Annunci Google