La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI ai sensi del D.Lgs. 81/08 e dellaccordo Stato- Regioni del 21/12/2011 Verifica finale Quesiti u.d. 2.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI ai sensi del D.Lgs. 81/08 e dellaccordo Stato- Regioni del 21/12/2011 Verifica finale Quesiti u.d. 2."— Transcript della presentazione:

1 CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI ai sensi del D.Lgs. 81/08 e dellaccordo Stato- Regioni del 21/12/2011 Verifica finale Quesiti u.d. 2

2 Il D.Lgs. 81/08 prevede lobbligo da parte del datore di lavoro di comprendere nel Documento di Valutazione dei Rischi anche i rischi riguardanti le lavoratrici in stato di gravidanza assumere un medico aziendale (medico competente) per la gestione della sorveglianza sanitaria comunicare ai VVF dei nominativi degli addetti alla prevenzione incendi designare il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza e comunicare annualmente allINAIL il suo nominativo

3 Il D.Lgs. 81/08 prevede lobbligo da parte del datore di lavoro di comprendere nel Documento di Valutazione dei Rischi anche i rischi riguardanti le lavoratrici in stato di gravidanza assumere un medico aziendale (medico competente) per la gestione della sorveglianza sanitaria comunicare ai VVF dei nominativi degli addetti alla prevenzione incendi designare il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza e comunicare annualmente allINAIL il suo nominativo

4 Si definisce «pericolo» proprietà o qualità intrinseca di un determinato fattore avente il potenziale di causare danni tutto ciò che è imponderabile situazione prodottasi in seguito ad un comportamento errato sono vere tutte le risposte precedenti

5 Si definisce «pericolo» proprietà o qualità intrinseca di un determinato fattore avente il potenziale di causare danni tutto ciò che è imponderabile situazione prodottasi in seguito ad un comportamento errato sono vere tutte le risposte precedenti

6 Si definisce «rischio» situazione di pericolo non evidente situazione di pericolo non grave probabilità che sia raggiunto il limite potenziale di danno nelle condizioni di impiego o di esposizione ad un determinato fattore o agente, oppure alla loro combinazione sono vere tutte le risposte precedenti

7 Si definisce «rischio» situazione di pericolo non evidente situazione di pericolo non grave probabilità che sia raggiunto il limite potenziale di danno nelle condizioni di impiego o di esposizione ad un determinato fattore o agente, oppure alla loro combinazione sono vere tutte le risposte precedenti

8 Si definisce «incidente» evento che ha dato luogo ad un infortunio evento non voluto, potenzialmente in grado di provocare danni a cose o persone evento non voluto che ha provocato danni alle persone evento che dà sempre luogo a risarcimento

9 Si definisce «incidente» evento che ha dato luogo ad un infortunio evento non voluto, potenzialmente in grado di provocare danni a cose o persone evento non voluto che ha provocato danni alle persone evento che dà sempre luogo a risarcimento

10 Si definisce «infortunio» evento che dà sempre luogo a risarcimento da parte dellINAIL evento che ha provocato danni alla salute delle persone danno prodotto durante lattività lavorativa sono vere tutte le risposte precedenti

11 Si definisce «infortunio» evento che dà sempre luogo a risarcimento da parte dellINAIL evento che ha provocato danni alla salute delle persone danno prodotto durante lattività lavorativa sono vere tutte le risposte precedenti

12 Si definisce «protezione» tutto ciò che può difendere le persone dallesposizione a pericoli tutto ciò che può contribuire a prevenire lesposizione a pericoli oggetto o attrezzatura in grado di migliorare la qualità del lavoro sono vere tutte le risposte precedenti

13 Si definisce «protezione» tutto ciò che può difendere le persone dallesposizione a pericoli tutto ciò che può contribuire a prevenire lesposizione a pericoli oggetto o attrezzatura in grado di migliorare la qualità del lavoro sono vere tutte le risposte precedenti

14 Si definisce «prevenzione» insieme di misure finalizzate ad evitare sanzioni amministrative azione diretta a impedire effetti non desiderati o dannosi il risultato prodotto dalluso dei DPI (dispositivi di protezione individuale) sono vere tutte le risposte precedenti

15 Si definisce «prevenzione» insieme di misure finalizzate ad evitare sanzioni amministrative azione diretta a impedire effetti non desiderati o dannosi il risultato prodotto dalluso dei DPI (dispositivi di protezione individuale) sono vere tutte le risposte precedenti

16 Per poter verificare lefficacia di misure attuate in azienda per la riduzione degli infortuni, è opportuno fare un confronto negli anni sommando gli infortuni riportati sul Registro infortuni per anno di accadimento elaborando i dati riferiti alle denunce trasmesse allINAIL per anno di accadimento rapportando gli infortuni presenti sul Registro infortuni alle ore lavorate riferite allanno di accadimento rapportando gli infortuni riportati nel Registro infortuni che hanno comportato più di 40 giorni di assenza al numero totale degli infortuni per anno di accadimento

17 Per poter verificare lefficacia di misure attuate in azienda per la riduzione degli infortuni, è opportuno fare un confronto negli anni sommando gli infortuni riportati sul Registro infortuni per anno di accadimento elaborando i dati riferiti alle denunce trasmesse allINAIL per anno di accadimento rapportando gli infortuni presenti sul Registro infortuni alle ore lavorate riferite allanno di accadimento rapportando gli infortuni riportati nel Registro infortuni che hanno comportato più di 40 giorni di assenza al numero totale degli infortuni per anno di accadimento

18 Dalla consultazione del Registro infortuni si può dedurre la probabilità del verificarsi degli incidenti la frequenza degli incidenti occorsi la probabilità che un rischio si traduca in danno la diffusione dei fattori di rischio per infortunio

19 Dalla consultazione del Registro infortuni si può dedurre la probabilità del verificarsi degli incidenti la frequenza degli incidenti occorsi la probabilità che un rischio si traduca in danno la diffusione dei fattori di rischio per infortunio

20 La valutazione dei rischi è lanalisi della probabilità e della gravità di possibili lesioni o danni ai lavoratori lelenco delle lavorazioni pericolose svolte in un ambiente di lavoro lelenco delle persone esposte a rischi in azienda nessuna delle risposte precedenti è corretta

21 La valutazione dei rischi è lanalisi della probabilità e della gravità di possibili lesioni o danni ai lavoratori lelenco delle lavorazioni pericolose svolte in un ambiente di lavoro lelenco delle persone esposte a rischi in azienda nessuna delle risposte precedenti è corretta

22 Il Documento di Valutazione dei Rischi deve prevedere lapprovazione del RLS rispetto alle misure indicate la firma del RSU la graduatoria dei rischi individuati una relazione degli infortuni occorsi negli ultimi tre anni

23 Il Documento di Valutazione dei Rischi deve prevedere lapprovazione del RLS rispetto alle misure indicate la firma del RSU la graduatoria dei rischi individuati una relazione degli infortuni occorsi negli ultimi tre anni

24 E opportuno che nel valutare un rischio si tenga conto dellaccettazione sociale del rischio della percezione soggettiva dei lavoratori del numero di ore settimanali di apertura dellazienda della possibilità di reperire soluzioni di eliminazione/contenimento del rischio

25 E opportuno che nel valutare un rischio si tenga conto dellaccettazione sociale del rischio della percezione soggettiva dei lavoratori del numero di ore settimanali di apertura dellazienda della possibilità di reperire soluzioni di eliminazione/contenimento del rischio

26 La valutazione dello stress lavoro- correlato viene effettuata periodicamente da un gruppo di lavoro composto dalle varie professionalità presenti nella scuola dal DS dal RSPP dal RLS

27 La valutazione dello stress lavoro- correlato viene effettuata periodicamente da un gruppo di lavoro composto dalle varie professionalità presenti nella scuola dal DS dal RSPP dal RLS

28 Il datore di lavoro, per promuovere la cooperazione e il coordinamento con limpresa appaltatrice condivide, e sottoscrive, il Documento di Valutazione dei Rischi della ditta appaltatrice si fa carico della sorveglianza sanitaria e dellinformazione dei lavoratori della ditta appaltatrice elabora un unico Documento di Valutazione dei Rischi che indichi le misure adottate per eliminare le interferenze inserisce nel proprio Documento di Valutazione dei Rischi i rischi specifici della ditta appaltatrice

29 Il datore di lavoro, per promuovere la cooperazione e il coordinamento con limpresa appaltatrice condivide, e sottoscrive, il Documento di Valutazione dei Rischi della ditta appaltatrice si fa carico della sorveglianza sanitaria e dellinformazione dei lavoratori della ditta appaltatrice elabora un unico Documento di Valutazione dei Rischi che indichi le misure adottate per eliminare le interferenze inserisce nel proprio Documento di Valutazione dei Rischi i rischi specifici della ditta appaltatrice

30 Lorganizzazione della sorveglianza sanitaria deve prevedere la definizione della periodicità degli accertamenti sanitari per ogni mansione la gestione della documentazione sanitaria ladeguamento della mansione in caso di idoneità condizionata tutte le risposte precedenti sono corrette

31 Lorganizzazione della sorveglianza sanitaria deve prevedere la definizione della periodicità degli accertamenti sanitari per ogni mansione la gestione della documentazione sanitaria ladeguamento della mansione in caso di idoneità condizionata tutte le risposte precedenti sono corrette

32 I Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) sono obbligatori quando il rischio non è eliminabile con misure di protezione collettiva in ogni situazione di rischio qualora le misure di protezione collettiva risultino troppo onerose quando lo ritiene opportuno il datore di lavoro

33 I Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) sono obbligatori quando il rischio non è eliminabile con misure di protezione collettiva in ogni situazione di rischio qualora le misure di protezione collettiva risultino troppo onerose quando lo ritiene opportuno il datore di lavoro

34 Un esempio di misura di protezione collettiva è il piano di Primo Soccorso la formazione dei lavoratori la sorveglianza sanitaria nessuna delle risposte precedenti è corretta

35 Un esempio di misura di protezione collettiva è il piano di Primo Soccorso la formazione dei lavoratori la sorveglianza sanitaria nessuna delle risposte precedenti è corretta

36 Azioni da attivare per promuovere il benessere organizzativo promuovere la partecipazione nella formulazione dei regolamenti distituto aprire uno sportello help con il MC adeguare i regolamenti e le procedure interne in rapporto alle disfunzioni organizzative rilevate organizzare un sistema di videosorveglianza

37 Azioni da attivare per promuovere il benessere organizzativo promuovere la partecipazione nella formulazione dei regolamenti distituto aprire uno sportello help con il MC adeguare i regolamenti e le procedure interne in rapporto alle disfunzioni organizzative rilevate organizzare un sistema di videosorveglianza


Scaricare ppt "CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI ai sensi del D.Lgs. 81/08 e dellaccordo Stato- Regioni del 21/12/2011 Verifica finale Quesiti u.d. 2."

Presentazioni simili


Annunci Google