La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INTRODUZIONE E FINALITÀ DEL D.LGS 81/08 Colombo CONTI Ermanno LAGANA Mara MARINCIONI 10 - 11 Giugno 2013 LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Sala del Consiglio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INTRODUZIONE E FINALITÀ DEL D.LGS 81/08 Colombo CONTI Ermanno LAGANA Mara MARINCIONI 10 - 11 Giugno 2013 LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Sala del Consiglio."— Transcript della presentazione:

1 INTRODUZIONE E FINALITÀ DEL D.LGS 81/08 Colombo CONTI Ermanno LAGANA Mara MARINCIONI Giugno 2013 LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Sala del Consiglio Nazionale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali Via del Collegio Romano, 27 - ROMA Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori

2 Primato parallelo e contrastante dellItalia: per numero di leggi in materia di sicurezza e nella percezione diffusa di norme che intralciano le attività produttive.

3 Perseguendo obiettivi economici di breve periodo le aziende riducono la sicurezza al necessario per non incorrere in sanzioni. La prevenzione è storicamente marginalizzata in quanto ritenuta non funzionale alla formazione del profitto dimpresa.

4 Promuovere la prevenzione come opportunità è possibile sulla base di tre assunti: 1. Diffondere 2. Conoscere 3. Acquisire Attraverso di essi è possibile mettere a punto regole di comportamento capaci di dare della sicurezza una consapevolezza diffusa e pervasiva.

5 I primi sforzi legislativi risalgono agli anni 50, con interventi caratterizzati da: Rigidità delle norme. Gerarchizzazione della catena della responsabilità. Riduzione del lavoratore a soggetto passivo e non partecipativo. Corrispondenza tra sicurezza e manutenzione degli impianti.

6 La legge 626 e il Testo Unico del 2008 hanno introdotto innovazioni in termini di: Partecipazione attiva dei lavoratori. Processi di ricerca e valutazione dei rischi. Centralità dei programmi di prevenzione e protezione. Prevenzione intesa come strumento di innovazione organizzativa e di ridefinizione del lavoro.

7 La legge 626 e il Testo Unico del 2008 individuano una serie di attori della sicurezza: Il datore di lavoro (DL). Il responsabile del servizio prevenzione e protezioni (RSPP). Addetti al servizio prevenzione e protezioni (ASPP). Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS).

8 Il processo valutazione dei rischi prevede: Unazione di ricerca delle aree di rischio allinterno dei processi produttivi e organizzativi. Lindividuazione e la messa a punto di misure di prevenzione. Lo sviluppo di programmi di miglioramento. La definizione di procedure di attuazione dei programmi di miglioramento. Lindividuazione delle mansioni che espongono a rischi specifici.

9 Obblighi indelegabili: Valutazione dei rischi. Nominare il responsabile al servizio di sicurezza e prevenzione. Può delegare: Designare gli incaricati al servizio antincendio. Fornire ai lavoratori dispositivi e strumenti di protezione. Adempiere agli obblighi di formazione, informazione e addestramento. Inoltrare allIstituto Nazionale per lAssicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro tutte le informazioni relative ad eventuali incidenti sul lavoro. Di tenere riunioni periodiche sui problemi della sicurezza (nel caso lazienda abbia più di 15 dipendenti).

10 Al responsabile del servizio di prevenzione si richiede di: Individuare e valutare i fattori di rischio e le eventuali misure correttive. Di concorrere allelaborazione delle misure di sicurezza. Di proporre programmi di formazione e informazione.

11 Al medico competente si richiede di effettuare: Una visita preventiva di idoneità alla mansione del lavoratore. Visite mediche periodiche. Visite mediche su richiesta del lavoratore. Visite mediche per cambio mansione.

12 Il Rappresentante dei lavoratori per la Sicurezza: Ha libero accesso a tutti i luoghi in cui si svolgono le attività lavorative. Deve essere tempestivamente consultato su tutto ciò che riguarda salute e sicurezza. Deve essere consultato e coinvolto sullorganizzazione di processi formativi. Qualora lo ritenga necessario può ricorrere agli organi di vigilanza.

13 Il lavoratore: Acquisisce responsabilità rispetto alla sicurezza a seguito dei processi di formazione e informazione. Processi di formazione, informazione e addestramento. Deve sottoporsi ai controlli sanitari dove previsti. Deve utilizzare correttamente attrezzature e dispositivi di protezione individuali. Deve segnalare tempestivamente situazioni di pericolo.

14 Gli organi proposti alla vigilanza sullapplicazione della norma sono: LAzienda Sanitaria Locale e i Vigili del Fuoco. Ministero del lavoro, salute e politiche sociali nel caso di attività particolarmente rischiose. Le sanzioni, in misura diversa, riguardano, tutti gli attori della sicurezza che anche da questo punto di vista assume una fisionomia sistemica.

15 Lanalisi dei rischio prevede: Identificazione delle fonti di pericolo e delle persone esposte. Valutazione di rischi specifici e di misure di tutela. Lanalisi del rischio si concretizza in un documento di valutazione del rischio che deve trovarsi sempre nel luogo di lavoro e che deve essere messo a disposizione delle autorità di vigilanza qualora esse ne facciano richiesta.

16 Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori FINE Contenuti e testi aggiornati a Giugno 2013 e tratti da: Conti, C., Laganà, E., Marincioni,M., L'ora di sicurezza: introduzione e finalità del D.lgs 81/08, Kit multimediale per le scuole secondarie superiori, ISFOL, 2010.


Scaricare ppt "INTRODUZIONE E FINALITÀ DEL D.LGS 81/08 Colombo CONTI Ermanno LAGANA Mara MARINCIONI 10 - 11 Giugno 2013 LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Sala del Consiglio."

Presentazioni simili


Annunci Google