La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La comunicazione UE sui media regionali e locali Seminario giornalisti Friuli Venezia Giulia Trieste, 20 febbraio 2009 Matteo Fornara Rappresentanza a.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La comunicazione UE sui media regionali e locali Seminario giornalisti Friuli Venezia Giulia Trieste, 20 febbraio 2009 Matteo Fornara Rappresentanza a."— Transcript della presentazione:

1 La comunicazione UE sui media regionali e locali Seminario giornalisti Friuli Venezia Giulia Trieste, 20 febbraio 2009 Matteo Fornara Rappresentanza a Milano della Commissione Europea Commissione Europea

2 2 DUE QUESTIONI Cosa comunicare? Come comunicare?

3 3 LA STORIA DELLUNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni (25 marzo 1957) Obiettivi fondanti: pace e prosperità Risultati concreti: molti –Pace e prosperità –Mercato interno –Libera circolazione (persone, merci, capitali vs servizi) –Euro –Riunificazione – allargamenti –… Presupposto: Valori UE (politici, economici, acquis communautaire in 31 settori)

4 4 OGGI (E DOMANI): LE SFIDE Concorrenza internazionale Sicurezza (immigrazione) Energia e cambio climatico Reti, comunicazioni, trasporti Crescita economica e occupazione (strategia di Lisbona); la crisi

5 5 OGGI (E DOMANI): LE SFIDE Ruolo dellUE nel mondo: –Pace –Sicurezza –Immigrazione –Sviluppo –Relazioni bilaterali (USA/ambiente; Russia/energia; Cina/concorrenza; Africa/sviluppo, ecc.)

6 6 OGGI (E DOMANI): LE SFIDE Tratto comune: La dimensione europea è lunica in grado di affrontarle 27 Stati 500 milioni di persone

7 7 GRANDE PROBLEMA Sfide epocali, Europa dimensione necessaria, ma… Domanda: Ci sono gli strumenti (politici, istituzionali, finanziari) per affrontarle? Necessità del coinvolgimento (a tutti i livelli) comunicazione

8 8 POLITICHE UE: 31 capitoli Competenza esclusiva: Agricoltura e pesca Commercio Concorrenza

9 9 INTERVENTI SOSTANZIALI Sviluppo regionale Formazione, educazione Infrastrutture Ricerca Energia, ambiente Sicurezza, giustizia, immigrazione

10 10 COORDINAMENTO POLITICO Politiche sociali Politiche fiscali / economiche Politiche internazionali

11 11 LE ISTITUZIONI Commissione europea –Custode dei Trattati –Promuove la legislazione –Gestisce i Trattati Consiglio –Rappresenta gli interessi degli Stati membri –Organo decisionale Parlamento europeo –Assemblea elettiva (suffragio universale dal 79; elezioni 7 giugno 2009) –Competenze limitate (budget, Commissione, codecisione, ecc.)

12 12 I PROGRAMMI miliardi di euro Fondi strutturali, politica regionale, coesione Agricoltura e sviluppo rurale Infrastrutture (reti transeuropee) Giovani Ricerca Energia e lotta al cambiamento climatico Immigrazione – cooperazione giudiziaria

13 13 QUALCHE RISPOSTA RECENTE Energia: una politica europea (9 marzo 2007) –Obiettivi: riduzione emissioni CO2 del 20% entro il 2020, … Riforma Telecomunicazioni Giustizia, libertà, sicurezza Crescita economica e occupazione – Strategia di Lisbona: risorse umane, competenze, ricerca 7° FP ricerca

14 14 QUALCHE RISPOSTA RECENTE Forte posizione comune nella crisi russo-georgiana Gestione della crisi finanziaria (cambi anche delle politiche, es. aiuti di Stato) Coincidenza con una Presidenza forte (Francia / Sarkozy)

15 15 OGGI E DOMANI Strumenti: insufficienti – politico / istituzionali : costituzione e crisi istituzionale : firma nuovo Trattato 2008: ratifiche (Italia: allunanimità); NO irlandese …: entrata in vigore – finanziari 2005: compromesso sul bilancio Budget vecchio (40% politica agricola)

16 16 IL NUOVO TRATTATO DI LISBONA Contenuto: –Meno unanimità, meno veto metodo comunitario –Azione più efficace (lEuropa dei risultati) –Istituzioni adatte allUE dei 27 –Maggior coerenza esterna (Ruolo UE nel mondo) 2009: elezioni europee (giugno)

17 17 LA NUOVA EUROPA Europa dei risultati (per i cittadini): –Energia, protezione civile, salute pubblica –Carta dei diritti fondamentali vincolante –Lotta alla criminalità organizzata –Regole sullasilo politico, cooperazione giudiziaria –Lotta al terrorismo, prevenzione criminalità –Gestione delle crisi

18 18 LA COMUNICAZIONE EUROPEA Alcune constatazioni: Scarso senso di appartenenza (la cittadinanza europea) Assenza di un campo politico europeo (istituzioni; media) Temi ostici, tecnici (e poco glamour) Demagogia

19 19 I TESTI Ottobre Piano D : democrazia, dialogo, dibattito Febbraio Libro Bianco sulla Comunicazione UE Settembre Communicating Europe in partnership

20 : NUOVO APPROCCIO Piano D : democrazia, dialogo, dibattito Principi strategici: – ascolto dei cittadini –Comunicare politiche e programmi – GO LOCAL

21 : PRIORITA COMUNICAZIONE Energia e cambiamenti climatici Crescita economica e occupazione (anche in relazione alla crisi) LUE nel mondo Giustizia libertà sicurezza (immigrazione) Flessicurezza Elezioni europee giugno

22 22 AZIONI Allinterno della Commissione: – DG Comunicazione – Servizio portavoce – Rappresentanze negli Stati membri – Presenza dei Commissari – Formazione dei funzionari

23 23 AZIONI Allesterno: –Altre istituzioni UE –Altri livelli (governi nazionali, amministrazioni regionali e locali). Es. creazione spazi pubblici europei –Scuole, Università –Società civile. Es. Forum europeo, Youth Forum, ecc… –Media

24 24 LE RAPPRESENTANZE In ogni Stato UE (due uffici in Italia, Roma e Milano) –media regionali e locali –adattare i messaggi –valutare limpatto dei messaggi –analisi opinione pubblica locale – feedback alla Commissione

25 25 LE RETI Europe Direct (39 in Italia) –Informazione al cittadino –Host structure: amministrazione locale –In rinnovo per il periodo Team Europe (93 membri in Italia)

26 26 METODI Pubblicazioni sui temi prioritari Decentralizzazione Traduzione in tutte le lingue Linea telefonica gratuita ED Target prioritari (es: scuole) Società civile Formazione dei giornalisti

27 27 STRUMENTI Cooperazione TV/radio Europe by Satellite Sito Europa Pubblicazioni …

28 28 UN ESEMPIO DI GO LOCAL MILANO Riconoscere (finalmente) il giornale locale – i media locali – locale un protagonista nella formazione dellopinione pubblica Nord Italia: rapporto di 4 a 1 rispetto ai grandi giornali nazionali; ma a Bruxelles si pensa che basti soddisfare il grande giornale che ha il corrispondente lassù

29 29 GO LOCAL I GIORNALI LOCALI Contatto diretto con il giornale Collaborazione a doppio senso: Informazione sulle decisioni e le azioni delle istituzioni comunitarie Risposta alle sollecitazioni del giornale (media)

30 30 GO LOCAL I GIORNALI LOCALI Un invio a settimana a 60 giornali Due caratteristiche: –Tematiche di interesse per il giornale Decisioni di impatto diretto e concreto (es. politica agricola; pesca; concorrenza; fondi europei; programmi tipo Erasmus, Youth, Ricerca ecc) Politiche (Policies): energia, ambiente, trasporti, ecc (in alcuni casi): tematiche istituzionali –Linguaggio adattato Evitare citazioni difficili, nomi sconosciuti, riferimenti burocratici

31 31 GO LOCAL I GIORNALI LOCALI Esempi recenti –Piani regionali di sviluppo rurale –Finanziamenti TEN (Reti di trasporto transeuropee) –Riforma politica agricola (2007: ortofrutta; vino; health check) –Programmi –Immigrazione (carta blu; cooperazione giudiziaria; Europol) –Riforma telecomunicazioni –ecc

32 32

33 33

34 34

35 35

36 36 COMPITO DEL MEDIA Acquisire consapevolezza sulla centralità della dimensione europea Formare qualcuno (anche uno solo) dei giornalisti e dargli la patente di esperto Chiedersi se su una notizia locale ci sia bisogno di legare un pezzo o un servizio alla dimensione europea

37 37 SITI INFO Sito della rappresentanza ec.europa.eu/italia Comunicati stampa Commissione Whats new

38 38 SITI INFO Parlamento europeo Consiglio europeo Corte di giustizia Banca europea degli investimenti


Scaricare ppt "La comunicazione UE sui media regionali e locali Seminario giornalisti Friuli Venezia Giulia Trieste, 20 febbraio 2009 Matteo Fornara Rappresentanza a."

Presentazioni simili


Annunci Google