La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le politiche europee di sviluppo regionale Dott.ssa Anna Maria Di Giovanni Tecnopolis, dicembre 2003.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le politiche europee di sviluppo regionale Dott.ssa Anna Maria Di Giovanni Tecnopolis, dicembre 2003."— Transcript della presentazione:

1 Le politiche europee di sviluppo regionale Dott.ssa Anna Maria Di Giovanni Tecnopolis, dicembre 2003

2 Le politiche europee di sviluppo regionale LUnione Europea sostiene indirettamente la politica ambientale attraverso lutilizzo dei fondi strutturali per promuovere lo sviluppo regionale

3 Le politiche europee di sviluppo regionale I 4 fondi strutturali sono: 4 il Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (FESR) 4 il Fondo sociale Europeo (FSE) 4 Il Fondo europeo agricolo di orientamento e di garanzia - sezione orientamento (FEOGA) 4 Lo Strumento finanziario di orientamento della Pesca (SFOP)

4 Le politiche europee di sviluppo regionale I Fondi strutturali 4 non costituiscono una cassa unica all'interno del bilancio dell'Unione; ciascuno ha infatti una specializzazione settoriale, pur operando in modo coordinato

5 Le politiche europee di sviluppo regionale Il FESR - Finalità: 4 «ovviare agli squilibri regionali nella Comunità » 4 «promuovere uno sviluppo stabile e sostenibile »

6 Le politiche europee di sviluppo regionale Il FESR - Settori dintervento: 4 investimenti produttivi volti a creare /mantenere posti di lavoro permanenti 4 infrastruttura 4 assistenza tecnica potenziale endogeno 4 progetti di sviluppo locale a favore delle PMI

7 Le politiche europee di sviluppo regionale Il FESR - Settori dintervento: 4 investimenti produttivi volti a creare /mantenere posti di lavoro permanenti 4 infrastruttura 4 potenziale endogeno 4 progetti di sviluppo locale a favore delle PMI 4 assistenza tecnica

8 Le politiche europee di sviluppo regionale Il FSE - finalità : 4 « sviluppo delle risorse umane e occupazione »

9 Le politiche europee di sviluppo regionale Il FSE - Settori di intervento 4 sostegno ai piani di azione nazionali pluriennali 4 politica attiva dintegrazione nel mercato del lavoro 4 integrazione sociale / pari opportunità 4 sistemi di formazione permanente

10 Le politiche europee di sviluppo regionale Il FSE - Settori di intervento 4 formazione allinnovazione e adattabilità 4 maggiore partecipazione femminile 4 sviluppo locale / patti territoriali per occupazione 4 società dellinformazione

11 Le politiche europee di sviluppo regionale Il FEOGA - finalità 4 « sostegno alla PAC e miglioramento delle strutture agricole »

12 Le politiche europee di sviluppo regionale Il FEOGA - Settori di intervento 4 iniziative di sviluppo rurale 4 aiuti agli agricoltori, soprattutto nelle regioni arretrate 4 la sezione "garanzia" assolve lo stesso compito, nel quadro della politica agricola comune, nelle altre parti dell'Unione

13 Le politiche europee di sviluppo regionale LO SFOP - Finalità 4 l'ammodernamento del settore pesca per una gestione equilibrata delle risorse e strutture competitive

14 Le politiche europee di sviluppo regionale LO SFOP - Settori di intervento 4 misure volte a mantenere un equilibrio duraturo tra domanda e offerta 4 potenziamento della competitività 4 trasformazione e commercializzazione 4 Rivitalizzazione delle zone dipendenti dalla pesca

15 Le politiche europee di sviluppo regionale GLI OBIETTIVI PRIORITARI Il 94% dei Fondi strutturali è finalizzato a tre obiettivi prioritari, per ottenere il massimo dei risultati.

16 Le politiche europee di sviluppo regionale L Obiettivo 1 (territoriale) 4 Promuovere lo sviluppo delle regioni più arretrate, dotandole di quelle infrastrutture di base di cui sono ancora prive, e favorendo l'afflusso di investimenti per il decollo delle attività economiche. 4 Il 70 per cento degli stanziamenti previsti è assorbito da una cinquantina di regioni, in cui vive il 22% della popolazione dell'UE. Fondi interessati: FESR, FEOGA, SFOP e FSE

17 Le politiche europee di sviluppo regionale L Obiettivo 2 (territoriale) 4 Sostenere la riconversione economica e sociale nelle zone con problemi strutturali, siano esse aree industriali, rurali, urbane o dipendenti dalla pesca. 4 L'11,5% degli stanziamenti previsti è destinato a questi territori, in cui vive il 18% della popolazione dell'UE. Fondi interessati: FESR, FSE

18 Le politiche europee di sviluppo regionale L Obiettivo 3 (settoriale) 4 Modernizzare i sistemi di formazione e incrementare l'occupazione 4 Questo riguarda l'intera Unione, ad eccezione delle regioni che rientrano nell'Obiettivo 1 dove le misure introdotte a tale scopo sono parte integrante dei programmi tendenti a ridurre i divari di sviluppo. 4 Il 12,3% del bilancio dei Fondi strutturali è destinato al perseguimento di questo obiettivo. 4 Fondi interessati: FSE

19 Le politiche europee di sviluppo regionale Principi: 4 concentrazione 4 partenariato 4 addizionalità 4 sussidiarietà 4 programmazione

20 Le politiche europee di sviluppo regionale La concentrazione 4 delle misure sugli obiettivi prioritari di sviluppo

21 Le politiche europee di sviluppo regionale Il partenariato 4 comporta una cooperazione strettissima tra la Commissione e le autorità nazionali, regionali o locali interessate di ciascuno Stato membro, dallo stadio dell'elaborazione fino all'attuazione delle misure.

22 Le politiche europee di sviluppo regionale L'addizionalità 4 significa che l'aiuto comunitario integra gli sforzi finanziari dello Stato membro, senza tuttavia determinare una riduzione di tali sforzi.

23 Le politiche europee di sviluppo regionale La sussidiarietà 4 Le relazioni tra la Commissione e gli Stati membri sono improntate al principio di sussidiarietà. In base a questo principio, sancito dal trattato di Maastricht, un'istanza superiore di norma deve intervenire solo se l'obiettivo non può essere conseguito in modo soddisfacente da un'istanza inferiore. In pratica, sono le autorità di gestione nominate dagli Stati membri che selezionano i progetti da finanziare e ne gestiscono l'attuazione.

24 Le politiche europee di sviluppo regionale La programmazione 4 I Fondi strutturali finanziano i programmi di sviluppo pluriennali dotati di un bilancio proprio. Tali programmi sono il frutto della collaborazione tra le autorità nazionali, regionali e locali, i partner economici e sociali e gli altri organismi competenti.

25 Le politiche europee di sviluppo regionale La programmazione I programmi possono essere di tre tipi: 4 programmi di sviluppo regionali 4 programmi di iniziativa comunitaria Programmi regionali di azioni innovative

26 Le politiche europee di sviluppo regionale Programmi di sviluppo regionale 4 Sono concepiti in base ad un piano di sviluppo oppure in base ad un documento unico di programmazione (DOCUP). I due documenti devono essere presentati alla Commissione dallo Stato membro entro quattro mesi dall'adozione degli elenchi delle zone ammissibili.

27 Le politiche europee di sviluppo regionale Programmi di sviluppo regionale 4 Il piano di sviluppo è negoziato con la Commissione e serve da base per elaborare il quadro comunitario di sostegno (QCS). Dalla data di presentazione del piano di sviluppo, la Commissione dispone di cinque mesi per adottare il QCS. Questo dà luogo a sua volta ad una serie di proposte di programmi. Per accelerare questo processo, le proposte di programma possono essere presentate insieme al piano di sviluppo e possono essere adottate ontestualmente al QCS.

28 Le politiche europee di sviluppo regionale Programmi di sviluppo regionale 4 Il progetto di DOCUP contiene già le proposte di programma. Queste possono essere attuate non appena il DOCUP è stato accettato dalla Commissione, che dispone di cinque mesi a decorrere dalla presentazione del DOCUP per approvarlo.

29 Le politiche europee di sviluppo regionale Programmi di sviluppo regionale 4 Generalmente il sistema del QCS viene adottato solamente per le regioni dell'obiettivo 1. In queste regioni può tuttavia applicarsi il DOCUP quando la partecipazione dei Fondi strutturali non supera 1 miliardo di euro. 4 Nei QCS come nei DOCUP devono figurare le informazioni seguenti: le priorità di azione, gli obiettivi quantificati (se possibile), le risorse finanziarie previste

30 Le politiche europee di sviluppo regionale I programmi di iniziativa comunitaria 4 L'Unione ha elaborato inoltre quattro programmi specifici - le cosiddette Iniziative comunitarie - per trovare soluzioni comuni a problemi riscontrabili su tutto il territorio europeo. A questi quattro programmi è destinato il 5,35% del bilancio dei Fondi strutturali. Ciascuna iniziativa è finanziata da un solo Fondo.

31 Le politiche europee di sviluppo regionale I programmi di iniziativa comunitaria Interreg III 4 Promuove forme di cooperazione transfrontaliera, transnazionale e interregionale, ovvero accordi tra paesi diversi per favorire lo sviluppo equilibrato di areee multiregionali (è finanziata dal FESR).

32 Le politiche europee di sviluppo regionale I programmi di iniziativa comunitaria Urban II 4 Sostiene strategie innovative per il risanamento di centri urbani e quartieri degradati (è finanziata dal FESR). Tende a favorire scambi di esperienze fra operatori socio-economici di zone rurali sulle nuove strategie locali di sviluppo sostenibile (è finanziata dal FEAOG-Orientamento).

33 Le politiche europee di sviluppo regionale I programmi di iniziativa comunitaria Leader + Tende a favorire scambi di esperienze fra operatori socio-economici di zone rurali sulle nuove strategie locali di sviluppo sostenibile (è finanziata dal FEAOG-Orientamento).

34 Le politiche europee di sviluppo regionale I programmi di iniziativa comunitaria Equal Mira ad eliminare le cause delle disuguaglianze e delle discriminazioni nell'accesso al mercato del lavoro (è finanziata dal Fondo sociale europeo).

35 Le politiche europee di sviluppo regionale I programmi regionali di azioni innovative Le Azioni innovative del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) sono laboratori di idee per le regioni svantaggiate.

36 Le politiche europee di sviluppo regionale I programmi regionali di azioni innovative Per il periodo , i programmi comprendono misure relative ad uno o a più temi strategici fra i tre seguenti: - l'economia regionale fondata sulla conoscenza e l'innovazione tecnologica - e-Europa: la società dell'informazione al servizio dello sviluppo regionale - l'identità regionale e lo sviluppo duraturo


Scaricare ppt "Le politiche europee di sviluppo regionale Dott.ssa Anna Maria Di Giovanni Tecnopolis, dicembre 2003."

Presentazioni simili


Annunci Google