La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gli effetti della manovra economica (DL78/2010) sui medici dipendenti Giorgio Cavallero.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gli effetti della manovra economica (DL78/2010) sui medici dipendenti Giorgio Cavallero."— Transcript della presentazione:

1 Gli effetti della manovra economica (DL78/2010) sui medici dipendenti Giorgio Cavallero

2 LA PARTE ECONOMICA DEL DECRETO

3 soggetti fiscalmente ricchi I medici, unitamente ai magistrati al corpo diplomatico e prefettizio, sono i soggetti con i redditi dichiarati più elevati. Si collocano nel primo 2 % della popolazione per redditi dichiarati

4 BLOCCO DEI CONTRATTI E CONGELAMENTO DELLA RETRIBUZIONE INDIVIDUALE gli elementi sostanziali sono 1) IL BLOCCO FINO AL 2013 COMPRESO DEI CONTRATTI 2) IL CONGELAMENTO FINO AL 2013 COMPRESO DELLA RETRIBUZIONE INDIVIDUALE IN GODIMENTO

5 BLOCCO FINO AL 2013 COMPRESO DELLE RETRIBUZIONI INDIVIDUALI CAPO III CONTENIMENTO DELLE SPESE IN MATERIA DI IMPIEGO PUBBLICO, INVALIDIT À E PREVIDENZA Art. 9 Contenimento delle spese in materia di impiego pubblico 1. Per gli anni 2011, 2012 e 2013 il trattamento economico complessivo dei singoli dipendenti, anche di qualifica dirigenziale, ivi compreso il trattamento accessorio, previsto dai rispettivi ordinamenti delle amministrazioni pubbliche inserite nel conto economico consolidato della pubblica amministrazione, ( … ), non può superare, in ogni caso, il trattamento in godimento nell'anno 2010, fatto salvo quanto previsto dal comma 17, secondo periodo. Tra le amministrazioni pubbliche inserite nel conto economico è compreso il SSN E fatta salva l indennit à di vacanza contrattuale

6 ABOLITO SENZA POSSIBILITÀ DI RECUPERO IL CONTRATTO Non si d à luogo, senza possibilit à di recupero, alle procedure contrattuali e negoziali relative al triennio ( … ) È fatta salva l'erogazione dell'indennità di vacanza contrattuale nelle misure previste a decorrere dall'anno 2010 in applicazione dell'articolo 2, comma 35, della legge 22 dicembre 2008, n Le disposizioni recate dal comma 17 si applicano anche al personale convenzionato con il servizio sanitario nazionale.

7 EFFETTI DEL BLOCCO DEI CONTRATTI Per il triennio era prevista una rivalutazione già calcolata secondo lindice IPCA del 5,9% Per il 2013 linflazione viene stimata intorno al 2%

8 QUANTIFICAZIONE MANCATI AUMENTI OVVERO MANCATO RECUPERO INFLATTIVO Mancati aumenti nel periodo : 7,9% della retribuzione retribuzione media dei medici SSN al ( senza indennità di esclusività comprensiva degli aumenti del 3,2% del CCNL 2008/09 ) ,92 euro

9 MANCATI AUMENTI OVVERO MANCATO RECUPERO INFLATTIVO NEL PERIODO ,13 euro lordi medi pro-capite

10 Un solo precedente DOPO AVER ALLUNGATO I CONTRATTI DA BIENNALI A TRIENNALI SI ELIMINA UN TRIENNIO E IL PRIMO ANNO DEL TRIENNIO SUCCESSIVO. UN SOLO PRECEDENTE NEL 1992 (Governo Amato con il blocco dei contratti dal 1991 al 1993 compresi)

11 Del resto Laccordo sulle nuove regole contrattuali sottoscritto il 30 aprile 2009 (da cisl, uil, ugl, confedir, cida, confsal ed usae) non garantiva aumenti contrattuali per il pubblico impiego, subordinandoli alla disponibilità della finanza pubblica. Tale accordo non è stato sottoscritto dalle Regioni e non è cogente per il SSN, ma costituisce un precedente ed un indirizzo generale.

12 Una nuova tassa sopra i euro solo per dipendenti pubblici 2. ( … ) a decorrere dal 1° gennaio 2011 e sino al 31 dicembre 2013 i trattamenti economici complessivi dei singoli dipendenti, anche di qualifica dirigenziale, previsti dai rispettivi ordinamenti,( … ) superiori a euro lordi annui sono ridotti del 5 per cento per la parte eccedente il predetto importo fino a euro,nonch é del 10 per cento per la parte eccedente euro; a seguito della predetta riduzione il trattamento economico complessivo non può essere comunque inferiore euro lordi annui;( … ). La riduzione prevista dal primo periodo del presente comma non opera ai fini previdenziali.

13 NON SI TASSA IL REDDITO COMPLESSIVO MA SOLO IL REDDITO DA LAVORO PUBBLICO Una tassa specifica (esclusa la libera professione) di fatto oltre i euro la tassazione passa dal 45% al 50% e oltre i euro al 55% ma solo sul reddito da lavoro dipendente nel pubblico impiego

14 Sovratassa AUMENTARE LE TASSE (Farlo, senza dirlo, negando di averlo fatto) FATTO Chi guadagna euro pagherà 500 euro di tasse in più per ogni ogni dal 2011 al 2013 La retribuzione media lorda comprensiva dellindennità di esclusività di rapporto dei medici del SSN è di euro la nuova tassa colpirà una elevata percentuale di colleghi

15 Avanzamenti di carriera con stipendio bloccato 2. (Segue) A decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto e sino al 31 dicembre 2013,( … ) i trattamenti economici complessivi spettanti ai titolari degli incarichi dirigenziali, anche di livello generale, non possono essere stabiliti in misura superiore a quella indicata nel contratto stipulato dal precedente titolare ovvero, in caso di rinnovo, dal medesimo titolare, ferma restando la riduzione prevista nel presente comma. Vale anche per i nuovi assunti.

16 Incarichi aggiuntivi gratis 3. A decorrere dalla data di entrata in vigore del presente provvedimento, nei confronti dei titolari di incarichi di livello dirigenziale generale delle amministrazioni pubbliche non si applicano le disposizioni normative e contrattuali che autorizzano la corresponsione, a loro favore, di una quota dell'importo derivante dall'espletamento di incarichi aggiuntivi. Dubbia nel SSN la dizione livello dirigenziale generale Verosimilmente solo per i direttori di S.C.

17 IN GRAVE PERICOLO LO 0,8% REGIONALE 4. I rinnovi contrattuali del personale dipendente dalle pubbliche amministrazioni per il biennio ( … ) non possono, in ogni caso, determinare aumenti retributivi superiori al 3,2 per cento. La disposizione di cui al presente comma si applica anche ai contratti ed accordi stipulati prima della data di entrata in vigore del presente decreto; le clausole difformi contenute nei predetti contratti ed accordi sono inefficaci a decorrere dalla mensilit à successiva alla data di entrata in vigore del presente decreto i trattamenti retributivi saranno conseguentemente adeguati.

18 IN PERICOLO LOTTO PER MILLE ma solo quello dei medici elemento economico distintivo del CCNL 2008/09 (art.13) subordinato alle disponibilità regionali. Vale lo 0,8% del monte salari del In pratica 582,78 euro lordi medi annui pro capite La disposizione non ha limiti temporali (persi per sempre ?)

19 BLOCCO DELLE PROGRESSIONI DI CARRIERA 21. ( … ) Per il personale contrattualizzato le progressioni di carriera comunque denominate ed i passaggi tra le aree eventualmente disposte negli anni 2011, 2012 e 2013 hanno effetto, per i predetti anni, ai fini esclusivamente giuridici In realt à i medici non hanno meccanismi di adeguamento retributivo automatico ma progressioni legate alle valutazioni professionali al 5°anno per la retribuzione minima unificata e al 5° e 15° anno per l indennit à di esclusività. Inoltre le risorse sono prelevate dal fondo di posizione e quindi si tratta di una sottrazione di risorse contrattuali gi à esigibili.

20 Danni individuali Chi matura unanzianità di 5 anni nel triennio non percepisce gli aumenti della posizione unificata pari a 3608,29 euro annui lordi e dellindennità di esclusività di rapporto 7648,8 euro annui lordi che vengono congelati

21 Danni individuali Chi matura unanzianità di 15 anni nel triennio non percepisce gli aumenti della posizione unificata (gradone) pari a 1222,28 euro annui lordi e dellindennità di esclusività di rapporto 3689,58 euro annui lordi che vengono congelati.

22 Lo stangometro Anzianità al Mancati incrementi per progressioni nel triennio euro annui lordi fino a 1 anno0 da 1 anno a meno di 2anni0 da 2 anni a meno di 3 anni da 0 a ,09 da 3 anni a meno di 4 anni da ,09 a ,18 da 4 anni a meno di 5 anni da ,18 a ,27 da 5 anni a meno di 12 anni 0 da 12 anni a meno di 13 anni da 0 a 4.911,86 da 13 anni a meno di 14 annida 4.911,86 a 9.823,72 da 14 anni a meno di 15 annida 9.823,72 a ,58 incrementi congelati

23 Le valutazioni devono essere puntuali Onde evitare ulteriori blocchi degli scatti occorre procedere alle valutazioni del 5° e 15°anno con estrema puntualità. Va applicato larticolo 10 comma 2 del CCNL 2006/07 : (…) la verifica finale, al termine dellincarico,viene effettuata entro la scadenza dellincarico stesso dal Collegio Tecnico allo scopo di assicurare senza soluzione di continuità il rinnovo o laffidamento di altro incarico (…)

24 Ricadute sui fondi aziendali Se nessuno può guadagnare più dellanno 2010 esiste il blocco del turnover e i nuovi incarichi non possono costare più dei precedenti ne deriva che ANCHE LUTILIZZO DEI FONDI AZIENDALI E CONGELATO

25 Conseguenze sui fondi aziendali DI FATTO ANCHE LUTILIZZO DELLA RIA CHE MATURA E RESO IMPOSSIBILE. DI FATTO ANCHE LE RISORSE PER LA CONTRATTAZIONE DECENTRATA SONO CONGELATE

26 Contrattazione integrativa i ritardi producono triplo danno Se le risorse per la contrattazione decentrata non vengono distribuite entro il per effetto del blocco il mancato aumento si riproduce per il e 2013

27 Il divieto di guadagnare di più in teoria anche per le guardie e reperibilità Perfino le guardie e le reperibilità costituendo reddito complessivo se prestate in numero superiore allanno precedente a rigore potrebbero essere non retribuite. Indispensabile il ricorso alla libera professione su richiesta dellazienda.

28 Riepilogo dello stangometro nel triennio ) per tutti mancati incrementi contrattuali ,13 euro mancata erogazione 0,8% - 582,78 euro blocco risorse fondi aziendali 2) sotto i 15 anni di sevizio blocco progressionifino a ,27 euro congelati 3) sopra i euro di reddito da lavoro pubblico 1500 euro di tasse in più nel triennio ogni euro eccedenti i

29 Riforma Brunetta inapplicabile Non può più esistere la premialità in quanto non esistono più i premi (ancorchè con risorse sottratte ai colleghi). Si procede con il congelamento a pioggia per tutti in un unico appiattimento demeritocratico: nessuno può guadagnare di più. tutti bocciati a prescindere: dal 25/50/25 allo 0/0/100

30 PENALIZZAZIONI NORMATIVE SULLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE CONDIZIONI DI LAVORO E LA QUALITA DELLASSISTENZA PRECARIZZAZIONE DEGLI INCARICHI BLOCCO DEL TURNOVER LICENZIAMENTO DEI PRECARI

31 Precarizzazione degli incarichi 32. A decorrere dalla data di entrata in vigore del presente provvedimento le pubbliche amministrazioni ( … ) che, alla scadenza di un incarico di livello dirigenziale, anche in dipendenza dei processi di riorganizzazione, non intendono, anche in assenza di una valutazione negativa, confermare l'incarico conferito al dirigente, conferiscono al medesimo dirigente un altro incarico, anche di valore economico inferiore. Non si applicano le eventuali disposizioni normative e contrattuali pi ù favorevoli; a decorrere dalla medesima data è abrogato l'art. 19, comma 1 ter, secondo periodo, del decreto legislativo n. 165 del Resta fermo che, nelle ipotesi di cui al presente comma, al dirigente viene conferito un incarico di livello generale o di livello non generale, a seconda, rispettivamente, che il dirigente appartenga alla prima o alla seconda fascia.

32 Larticolo abrogato Legge 165/01 articolo 19 comma 1 -ter. Gli incarichi dirigenziali possono essere revocati esclusivamente nei casi e con le modalità di cui all'articolo 21, comma 1, secondo periodo. L'amministrazione che, in dipendenza dei processi di riorganizzazione ovvero alla scadenza, in assenza di una valutazione negativa, non intende confermare l'incarico conferito al dirigente, e' tenuta a darne idonea e motivata comunicazione al dirigente stesso con un preavviso congruo, prospettando i posti disponibili per un nuovo incarico.

33 Le precedenti condizioni per la revoca degli incarichi Legge 165/01 articolo 21 comma 1 Il mancato raggiungimento degli obiettivi accertato attraverso le risultanze del sistema di valutazione (…) ovvero l'inosservanza delle direttive imputabili al dirigente comportano, previa contestazione e ferma restando l'eventuale responsabilità disciplinare secondo la disciplina contenuta nel contratto collettivo, l'impossibilita' di rinnovo dello stesso incarico dirigenziale.(…)

34 Adesso aumenta lo strapotere dellAmministrazione le pubbliche amministrazioni se alla scadenza di un incarico di livello dirigenziale, non intendono, anche in assenza di una valutazione negativa, confermare l'incarico conferito al dirigente, conferiscono al medesimo dirigente un altro incarico, anche di valore economico inferiore. Non si applicano le eventuali disposizioni normative e contrattuali pi ù favorevoli

35 Blocco del turnover ARTICOLO 9 COMMA 5, 6,7, 8,10,11 Fino al 2013 : 20% della spesa e 20% dei cessati lanno precedente nel 2014 : 50% della spesa e 50% dei cessati lanno precedente dal 2015 : limitatamente alla spesa e al numero dei cessati lanno precedente blocco totale per amministrazioni con personale in sovrannumero ARTICOLO 9 COMMA 25 e 27 (articolo 1 comma 523 legge 27 dicembre 2006 n.296)

36 Licenziamento di precari 28. A decorrere dall'anno 2011, le amministrazioni dello Stato possono avvalersi di personale a tempo determinato o con convenzioni ovvero con contratti di collaborazione coordinata e continuativa, nel limite del 50 per cento de la spesa sostenuta per le stesse finalit à nell'anno Le disposizioni di cui al presente comma costituiscono principi generali ai fini del coordinamento della finanza pubblica ai quali si adeguano le regioni, le province autonome, e gli enti del Servizio sanitario nazionale.

37 Tagli a Regioni ed enti locali Art. 14 Patto di stabilit à interno ed altre disposizioni sugli enti territoriali 1. Ai fini della tutela dell'unit à economica della Repubblica, le regioni, le province autonome di Trento e di Bolzano, le province e i comuni con popolazione superiore a abitanti concorrono alla realizzazione degli obiettivi di finanza pubblica per il triennio nelle misure seguenti in termini di fabbisogno e indebitamento netto: a) le regioni a statuto ordinario per milioni di euro per l'anno 2011 e per milioni di euro annui a decorrere dall'anno 2012; b) le regioni a statuto speciale e le province autonome di Trento e Bolzano per 500 milioni di euro per l'anno 2011 e milioni di euro annui a decorrere dall'anno 2012; e) le province per 300 milioni di euro per l'anno 2011 e per 500 milioni di euro annui a decorrere dall'anno 2012, attraverso la riduzione di cui al comma 2; d) i comuni per milioni di euro per l'anno 2011 e milioni di euro annui a decorrere dall'anno 2012,

38 Effetti dei tagli sui servizi I tagli alle Regioni e ai comuni avranno inevitabili conseguenze sui servizi socio- assistenziali La spesa Regionale per la sanità assorbe circa il 70% dei bilanci regionali i comuni concorrono alla spesa assistenziale

39 Aumentano le Regioni a rischio di insolvenza Già 5 Regioni sono commissariate per il deficit sanitario

40 Ulteriori riduzioni del finanziamento Regionale: esiste ancora il patto della salute? RIDOTTO IL FINANZIAMENTO DELLE REGIONI Per 600 milioni dal 2011 per la riduzione del prezzo dei farmaci Per 418 milioni nel 2011 e nel 2012 per i mancati rinnovi contrattuali In definitiva i tagli ai contratti dei dipendenti sono incassati dallo Stato e non dalle Regioni

41 Aumento delletà pensionabile (Farlo, senza dirlo, negando di averlo fatto) FATTO per coloro che maturano i requisiti a partire dal 2011 nuove finestre vecchie uscitenuove uscite vecchiaia da 3 mesi a 6 mesi 12 mesi con 40 anni di contributi da 3 mesi a 6 mesi 12 mesi anzianitàda 6 a 12 mesi 12 mesi

42 Per i Dipendenti pubblici aumento delletà pensionabile senza contropartita Laumento delletà pensionabile non determina incremento significativo della pensione in quanto i salari sono bloccati

43 Panico previdenziale per coloro che maturano i requisiti entro il 2010 vecchie finestre e chi ha le finestre giù aperte esce con 90 giorni di preavviso

44 Panico previdenziale L interpretazione dell articolo 12 comma 4 4. Le disposizioni in materia di decorrenza dei trattamenti pensionistici vigenti prima della data di entrata in vigore della presente legge continuano ad applicarsi nei confronti dei: a) lavoratori dipendenti che avevano in corso il periodo di preavviso alla data del 30 giugno 2010 e che maturano i requisiti di et à anagrafica e di anzianit à contributiva richiesti per il conseguimento del trattamento pensionistico entro la data di cessazione del rapporto di lavoro; ha creato panico e domande di pensionamento (stimate in circa 6.000)

45 Panico previdenziale SI ricorda che non è un diritto del dipendente ritirare la domanda di pensione bensì un esclusiva facoltà dellEnte Tutta la stampa specializzata ritiene che: Dal nuovo sistema di finestre si salvano invece quanti maturino i requisti per la pensione entro il 31 dicembre di quest'anno.

46 Sequestro della liquidazione restituita in tre rate annuali ART.12 COMMA 7: dalla data di entrata in vigore del presente provvedimento, con riferimento ai dipendenti delle amministrazioni pubbliche, il riconoscimento dell'indennit à di buonuscita, dell'indennit à premio di servizio, del trattamento di fine rapporto e di ogni altra indennit à equipollente corrisposta una-tantum comunque denominata spettante a seguito di cessazione a vario titolo dall'impiego è effettuato: a) in un unico importo annuale se l'ammontare complessivo della prestazione, al lordo delle relative trattenute fiscali, è complessivamente pari o inferiore a euro;

47 Sequestro della liquidazione restituita in tre rate annuali b) in due importi annuali se l'ammontare complessivo della prestazione, al lordo delle relative trattenute fiscali, è complessivamente superiore a euro ma inferiore a euro. In tal caso il primo importo annuale è pari a euro e il secondo importo annuale è pari all'ammontare residuo; c) in tre importi annuali se l'ammontare complessivo della prestazione, al lordo delle relative trattenute fiscali, è complessivamente uguale o superiore a euro, in tal caso il primo importo annuale è pari a euro, il secondo importo annuale è pari a euro e il terzo importo annuale è pari all'ammontare residuo

48 Sequestro della liquidazione restituita in tre rate annuali tutti i medici quasi tutti rientrano nella terza fascia un medico con retribuzione media ( voci fisse valide per il TFS) di euro e 35 anni di servizio ha una liquidazione (1/15 x 80% di x 35) di

49 TFR RENDIMENTI A CONFRONTO TFR: 3/4 DELLINFLAZIONE + 1.5% ANNUO TFS: LEGATO AGLI AUMENTI STIPENDIALI E ALLANZIANITA ATTUALMENTE LA SOLA ANZIANITA PER UN REDDITO DI EURO VALE EURO allanno MENTRE IL RENDIMENTO DEL TFR Estato stimato dal sole 24 ore una perdita con la massima progressione di carriera ( direttore s.c. al pensionamento) di circa euro con un massimo di 3500 euro annuo di perdita

50 Sequestro liquidazione ART.12 COMMA 9 : Le disposizioni di cui al comma 7 non si applicano in ogni caso con riferimento alle prestazioni derivanti dai collocamenti a riposo per raggiungimento dei limiti di et à entro la data del 30 novembre 2010, nonch é alle prestazioni derivanti dalle domande di cessazione dall'impiego presentate e accolte prima della data di entrata in vigore del presente decreto a condizione che la cessazione dell'impiego avvenga entro il 30 novembre 2010; resta fermo che l'accoglimento della domanda di cessazione determina l'irrevocabilit à della stessa.

51 Addio TFS ora tutti al TFR Art 12 comma 10. Con effetto sulle anzianit à contributive maturate a decorrere dal I gennaio 2011( … ), per i quali il computo dei trattamenti di fine servizio ( … ) non è gi à regolato in base a quanto previsto dall'articolo 2120 del codice civile in materia di trattamento di fine rapporto, il computo dei predetti trattamenti di fine servizio si effettua secondo le regole di cui al citato articolo 2120 del codice civile, con applicazione dell'aliquota del 6,91 per cento.

52 La liquidazione passa al TFR pro- rata Scompare il TFS sostituito dal TFR pro-rata ovvero il TFS viene calcolato al e si ricomincia (come per gli assunti dopo il ) dal TFR. Era lultimo elemento retributivo(calcolato sullultima retribuzione annua) per molti. diventa contributivo per tutti dal

53 Si salvi chi può Andare in pensione conviene perché 1) eviti di lavorare gratis (la pensione non sale nel prossimo triennio) 2) eviti la sovratassa (non ce sulla pensione) 3) puoi riciclarti nel privato cumulando pensione e reddito 4) incassi la liquidazione 5) eviti altre stangate

54 Invalidità Pesanti sanzioni per i medici certificatori esposti al danno erariale e al licenziamento

55 PENSIONI A 65 ANNI PER LE DONNE DEL PUBBLICO IMPIEGO: IL GOVERNO NON APPROFITTI DELLA SENTENZA, LE RISORSE SOTTRATTE VANNO RESTITUITE ALLE DONNE IN TERMINI PREVIDENZIALI. Nonostante le rassicurazioni dei Ministri competenti, il governo riferisce di non aver trovato margini di trattativa con lunione europea e che si vedrà costretto ad elevare letà pensionabile delle donne a 65 anni a partire dal Sembrerebbe una decisione presa a malincuore contro la volontà del governo stesso. Se così è il governo lo dimostri mettendo in opera adeguate compensazioni che consentano, tra laltro, di pervenire al vero obiettivo della sentenza della Corte europea: labolizione delle discriminazioni pensionistiche tra uomini e donne. Si richiedono provvedimenti concreti quali: labolizione per le pensioni di vecchiaia delle donne delle finestre di uscita recentemente introdotte lincremento delle pensioni di vecchiaia delle donne di una percentuale pari alla differenza media tra le pensioni tra uomini e donni compensazioni in termini di anzianità contributiva con provvedimenti quali : il riconoscimento gratuito di un ulteriore anno di contribuzione per ogni gravidanza accesso agevolato allistituto del riscatto Il problema del differenziale pensionistico tra uomini e donne non può certo esaurirsi con il solo prolungamento delletà pensionabile, ma con adeguate compensazioni. Verificheremo se il il rammarico del governo esiterà in provvedimenti concreti o se la sentenza UE rappresenta solo unulteriore ghiotta occasione per recuperare risorse a scapito delle donne del pubblico impiego.

56 sintesi vero scopo della manovra è quello di svuotare numericamente il pubblico impiego. I dipendenti pubblici prima diffamati come macellai e fannulloni ora vengono brutalmente colpiti nelle retribuzioni e nelle condizioni di lavoro

57 CONTINUANO LE LEGGI SPECIALI PER I DIPENDENTI DELLA P. AMMINISTRAZIONE Dagli emendamenti al decreto anticrisi 2009 : Rottamazione e licenziamento coatto senza incentivi con 40 anni di contribuzione Solo per dipendenti pubblici Pensionamento di vecchiaia per le donne a 65 anni di età Solo per dipendenti pubblici Dalle precedenti puntate (legge 133/08, finanziarie, accordo sul costo del lavoro e decreti delegati di riforma della P.A.) Penalizzazioni economiche in caso di malattia Solo per dipendenti pubblici Precariato a vita e licenziamento di precari per riduzioni di budget e piante organiche senza ammortizzatori sociali Solo per dipendenti pubblici Previdenza integrativa senza incentivi fiscali Solo per dipendenti pubblici Aumenti contrattuali secondo le disponibilità della finanza pubblica ovvero del datore di lavoro Solo per dipendenti pubblici Recupero dellinflazione nel triennio contrattuale successivo Solo per dipendenti pubblici Assenza di detrazioni fiscali automatiche per salario di produttività Solo per dipendenti pubblici Salario di risultato a scaglioni predeterminati a prescindere dagli effettivi risultati ottenuti Solo per dipendenti pubblici Pubblicità dei redditi, dati di carriera Solo per dipendenti pubblici Massima riservatezza sulla denuncia dei redditi, condoni per capitali e beni di lusso allestero Solo per evasori non dipendenti pubblici

58 IL DIPENDENTE PUBBLICO E UN CITTADINO DI SERIE B : IL DIRITTO AL LAVORO, ALLA SALUTE, ALLA RETRIBUZIONE, ALLEQUITA FISCALE E LE STESSE NORME COSTITUZIONALI NON SI APPLICANO INTEGRALMENTE AI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI.

59 Protestare ora per non tacere per sempre


Scaricare ppt "Gli effetti della manovra economica (DL78/2010) sui medici dipendenti Giorgio Cavallero."

Presentazioni simili


Annunci Google