La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Formazione delle colonie inglesi in America del Nord Colonizzazione avviene a partire dal 600, soprattutto per iniziativa privata o di compagnie commerciali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Formazione delle colonie inglesi in America del Nord Colonizzazione avviene a partire dal 600, soprattutto per iniziativa privata o di compagnie commerciali."— Transcript della presentazione:

1 Formazione delle colonie inglesi in America del Nord Colonizzazione avviene a partire dal 600, soprattutto per iniziativa privata o di compagnie commerciali che ottenevano con un mandato regio i diritti di sfruttamento Nelle colonie si organizzano forme di autogoverno. A capo della colonia cera un governatore, nominato dallorganismo di controllo (compagnia commerciale o monarchia). Decisioni politiche erano prese da unassemblea coloniale, eletta dai proprietari, che cooperava con il governatore e aveva la decisione ultima in materia di tasse locali Londra controllava leconomia e il commercio con le colonie attraverso gli atti di navigazione che imponevano il monopolio della marina inglese sul commercio e una politica protezionistica Questa politica lasciava comunque, soprattutto a partire dal 700, quanto le colonie acquistano una certa autonomia economica, largo spazio al contrabbando esercitato soprattutto verso le Antille spagnole e francesi La colonizzazione europea in America del NordLa colonizzazione europea in America del Nord Lamerica dopo la guerra dei 7 anni Le 13 colonie

2 Differenti aree economiche Le tredici colonie inglesi presentavano caratteristiche diverse pur in un contesto comunetredici colonie inglesi Colonie del nord della Nuova Inghilterra: forte omogeneità religiosa (prevalenza di riformati e puritani) etnica e sociale. Sviluppo di una piccola e media proprietà contadina con centralità della produzione centralità di cerealicola, legname e pelli e pellicce. Colonie del centro (New York, Pensilvanya New Jersey), piccoli agricoltori allinterno e centralità del commercio e delle manifattura e della cantieristica nella zona costiera. Maggior differenziazione sociale, etnica, religiosa Colonie del sud (Virginia, Nord e South Carolina e Georgia) aree in cui maggiormente si riproduce la differenziazione sociale della madrepatria. A fianco ad una piccola e media proprietà contadina, grande proprietà terriera dedita alla monocultura da piantagione (caffè e cotone). Legami più forti con lInghilterra

3 I tratti comuni della società americana Più limitata differenziazione sociale rispetto alla madrepatria. Le difficoltà dellinsediamento richiedono capacità di adattamento e dedizione alle attività produttive Mobilità spaziale che riduce le tensioni sociali attraverso la relativa facilità di accedere alla proprietà e favorisce la mobilità sociale Società in forte crescita demografica (flusso costante di immigrazione, necessità produttive stimolano lalto tasso di natività, importazione di manodopera servile) dove è alta la percentuale dei giovani alti salari e mobilità rendono più facile lemancipazione dei giovani e più deboli i legami famigliari, da qui un più accentuato spirito individualista Forte fattore di identificazione religiosa, soprattutto al nord, connesso al senso puritano di adempiere una missione, rafforza contemporaneamente lo spirito di comunità ed elezione

4 La politica inglese dopo la guerra dei 7 anni La guerra dei 7 anni ha consolidato ed esteso limpero coloniale inglese (acquisizione del Canada e della Luisiana), ma ha aumentato in modo astronomico le spese. Necessità di riordinoLa guerra dei 7 anni Aumento della pressione fiscale sulle colonie (1765 stamp act) Lotta contro il contrabbando che rende più efficace il sistema protezionistico (1764 sugar act) Divieto dellestensione delle colonie oltre la linea degli Appalachi per non turbare i rapporti con le nazioni indiane e aumentare i costi della difesa delle colonie Insediamento di un esercito stabile a carico dei coloni in america Forte ostilità dei coloni ai nuovi provvedimenti. Campagna per la rappresentanza al parlamento (no taxation without representation) Inasprirsi dei rapporti, boicottaggio dei prodotti inglesi, Boston tea party, prevalere della linea secessionista. Creazione di un esercito continentale. 4 luglio 1776 Dichiarazione di indipendenza

5 Dichiarazione di indipendenza e guerra Uguaglianza naturale e diritti inalienabili alla vita, libertà, proprietà e felicità Governi e stati hanno la funzione di proteggere e garantire i diritti Governi che non rispettano questi diritti sono illegittimi e i governati hanno il diritto di ribellarsi Prima fase della guerra vede il prevalere delle forze inglesi 1778 intervento della Francia a favore dei ribelli che logorano il corpo di spedizione inglese con operazioni di guerriglia 1781 importante successo dei ribelli a Yorktown 1783 Inghilterra per impedire lingerenza delle potenze europee (nella guerra era intervenuta anche la Spagna) concede lindipendenza alle colonie

6 Confederazione o Federazione Contrasti fra posizioni federaliste (Hamilton Madison) e confederali (Jefferson). Prevale inizialmente la posizione confederale (debole governo centrale, ampia autonomia agli stati) ma questo produce forti tensioni (questione del debito pubblico e problema dellingerenza degli stati europei nella politica estera) 1787 prevale la componente federalista con la nuova costituzione approvata dagli stati nel 1788 forte potere centrale in materia di politica economica, politica monetaria, politica commerciale, politica estera, difesa; esercizio dei poteri locali nelle altre materie legislative; bilanciamento e divisione dei poteri fra potere legislativo (congresso e senato); esecutivo (presidente); giudiziario (corte suprema)

7 Il contrasto fra repubblicani e federalisti Lavvio di una divisione fra nord e sud. Contrasti nella politica economica di Hamilton (segretario del tesoro nei primi mandati del presidente Washington ) Problema del debito pubblico: pagamento del debito al valore nominale di mercato e assunzione del debito degli stati da parte del governo federale. Provvedimenti osteggiati dagli stati del sud Problemi legati alla politica doganale (il centro nord dove si iniziava a sviluppare una manifattura moderna favorevole al protezionismo, il sud, più legato allesportazioni con lInghilterra ad una politica liberista) Problema dello schieramento nella politica estera davanti alla rivoluzione francese (Hamilton, schierato su posizioni più conservatrici filo-inglese, Jefferson su posizioni più democratiche filo-francese) Nonostante il successo dei federalisti nella politica economica i repubblicani riescono a promuovere, durante i primi anni della Repubblica, 10 emendamenti che garantiscono i diritti della libertà di associazione, stampa, culto, possesso delle armi. Dopo la presidenza conservatrice di Adams ( ) prevale il repubblicano Jefferson ( ): nuova ventata democratica e introduzione del suffragio universale

8 Rivoluzione Americana: letture storiografiche Prima lettura organica G.Bancroft (metà XIX sec.): rivoluzione unitaria mossa da ideali di libertà e suggella unità del popolo americano. Enfatizzazione della diversità dellesperienza americana rispetto alle altre rivoluzioni, ridimensionamento o occultamento delel tensioni sociali e delle opposizioni Ripresa di queste tesi negli anni 50. D.Boorstin: rivoluzione americana basata sulla democrazia, consenso, uguaglianza, mobilità sociale: compimento degli ideali liberal-democratici del modello politico anglossassone. B.Bailyn: fusione degli elementi lockiani con il radcalismo democratico che aveva avuto origine nel pensiero puritano Filone revisionista progressista (C.Beard, J.Franklin Jameson, primi del 900)): messa in luce delle tensioni sociali insite nelle colonie e nella volontà di rinnovamento presente nei ceti dei piccoli produttori il motore della rivoluzione. Constatazione dellesito sostanzialmente conservatore della rivoluzione. Ripresa negli anni 60 di questa linea (J.Lemish, J.Alexander, G.Nash) contro il mito di una società egualitaria mettono in luce le componenti sociali della rivoluzione, le differenziazioni nette fra poveri e ricchi, il valore della cultura religiosa, la sostanziale disillusione delle speranze di riforma, il regresso nella condizione e nei diritti di alcuni gruppi sociali come schiavi e donne

9 Le tredici colonie

10 La colonizzazione europea nellamerica del Nord

11 I domini inglesi dopo il 1763


Scaricare ppt "Formazione delle colonie inglesi in America del Nord Colonizzazione avviene a partire dal 600, soprattutto per iniziativa privata o di compagnie commerciali."

Presentazioni simili


Annunci Google