La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL COMMERCIO EQUO E OLIDALE- UNA VIA DUSCITA PROGETTO COMENIUS 1 SVILUPPO SOSTENIBILE,CITTADINANZA E INTERCULTURA As. 2006-2007 Scuola Secondaria di primo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL COMMERCIO EQUO E OLIDALE- UNA VIA DUSCITA PROGETTO COMENIUS 1 SVILUPPO SOSTENIBILE,CITTADINANZA E INTERCULTURA As. 2006-2007 Scuola Secondaria di primo."— Transcript della presentazione:

1 IL COMMERCIO EQUO E OLIDALE- UNA VIA DUSCITA PROGETTO COMENIUS 1 SVILUPPO SOSTENIBILE,CITTADINANZA E INTERCULTURA As Scuola Secondaria di primo grado Urbino: cl.2^A - 3^A

2 Cosè il Commercio Equo E Solidale? Una alternativa al commercio tradizionale. Uno spazio per lo scambio delle merci provenienti da paesi economicamente meno sviluppati( Sud del mondo ). Uno strumento di contatto tra culture lontane

3 TRADE NOT AID Non si fonda su interventi caritatevoli,(AID) bensì su un commercio (TRADE) basato sul dialogo, la trasparenza e il rispetto dei diritti dei lavoratori Promuove giustizia sociale ed economica e sviluppo sostenibile nel rispetto dei diritti dei lavoratori e dellambiente

4 Obiettivi del Commercio Equo Migliorare le condizioni di vita dei produttori assicurando contatti diretti e continuativi Promuovere lo sviluppo dei produttori svantaggiati e proteggere i bambini dallo sfruttamento Proteggere i diritti umani. Divulgare informazioni su meccanismi di sfruttamento aumentando la consapevolezza dei consumatori che qualcosa si può fare. Rispettare lambiente privilegiando produzioni biologiche. Impegnarsi nei confronti dei consumatori perché sia garantito un prezzo trasparente.

5 Tutela dellambiente Il CEeS garantisce che la merce viene prodotta nel rispetto della dignità umana, sociale e ambientale realizzando così un modello di : sviluppo sosteni bile!

6 UN PO DI STORIA DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE (CES)

7 CES IN EUROPA 1959: prima esperienza europea di Commercio equo e solidale nei Paesi Bassi 1967: lassociazione inizia ad importare articoli provenienti dal terzo mondo 1969: inaugurazione della prima Bottega Del Mondo nei Paesi bassi

8 IN ITALIA 1974-la cooperativa Sir JHON LTD importa manufatti da una cooperativa di donne bengalesi 1988-prime centrali di importazione: CTM, RAM 1992-Commercio Alternativo 2003-AGICES(Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale)

9 LE BOTTEGHE DEL MONDO: cosa sono? Sono luoghi dove oltre che a vendere i prodotti del CES si fa formazione sulle tematiche delle relazioni Nord – Sud e si diffonde la cultura del consumo critico e responsabile. Tutte le attività delle botteghe del mondo sono svolte da soci volontari

10 COSA FANNO? Commercializzano i prodotti del CES Sostengono campagne di sensibilizzazione volte a realizzare gli obiettivi del CES Sono senza scopi di lucro Si tengono informate sui prodotti che vengono venduti Formano i volontari che vi lavorano

11 I PRODOTTIDEL CES Un PRODOTTO del Commercio Equo e Solidale racchiude in se molte storie: Storie di rispetto della dignità dell'uomo e di rispetto dell'ambiente. Storie di cooperazione ed alleanze tra cittadini e cittadine di questa Terra per costruire insieme un altro mondo, un mondo solidale. Tutte storie che vogliono moltiplicarsi per prendere il posto delle quotidiane storie di sfruttamento che si trovano a vivere milioni di uomini, donne e bambini nei paesi del sud del mondo.

12 Prima che tu finisca di mangiare la colazione questoggi,tu dipenderai da metà del mondo. Non ci sarà pace sulla terra finchè non avremo compreso questo fatto basilare Martin Luter King

13 PRODOTTI ALIMENTARI Caffè,tè, miele, confetture, caffè,cioccolato, riso, biscotti, succhi, banane,cacao,spezie, zucchero di canna,legumi… Buoni per chi li produce e buoni per chi li consuma.Sono prodotti che consumiamo quotidianamente ma sono anche occasione di scoprire culture lontane e diverse

14 ARTIGIANATO Prodotti artigianali ottenuti con tecniche di lavorazione frutto delle diverse culture e tradizioni come: strumenti musicali, materiali vari, vestiti, aromi,incensi,saponi, bastoncini al patchouli, espressioni artistiche, statue, maschere, tappeti, arazzi, soprammobili ceramiche …

15 I PROTAGONISTI DEL CES 1) PRODUTTORI = gruppi di agricoltori e artigiani dellAsia,Africa e America latina che grazie al C.E.S. hanno varie opportunità di migliorare la loro situazione di lavoro: 2) IMPORTATORI = si occupano del rapporto con i produttori importando manufatti o materie prime da trasformare in prodotti finiti 3) CONSUMATORI = coloro che scegliendo un prodotto del C.E.S. trasformano un atto quotidiano in un operazione di giustizia e responsabilità. 4) MARCHI DI GARANZIA = organizzazioni che hanno il compito di controllare e certificare i prodotti secondo i criteri del commercio equo e solidale.

16 MARCHI DI GARANZIA FLO :organizzazione senza scopo di lucro con sede in Germania, fondata nell'aprile del I suoi membri: TransFair in Italia, Germania, Austria, Canada, Giappone, Stati Uniti; Max Havelaar in Svizzera, Olanda, Belgio, Danimarca, Francia, Norvegia; Fair Trade Mark in Irlanda; Fair Trade Foundation in Inghilterra.


Scaricare ppt "IL COMMERCIO EQUO E OLIDALE- UNA VIA DUSCITA PROGETTO COMENIUS 1 SVILUPPO SOSTENIBILE,CITTADINANZA E INTERCULTURA As. 2006-2007 Scuola Secondaria di primo."

Presentazioni simili


Annunci Google