La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Confcooperative Piemonte FARE IMPRESA COOPERATIVA IL RUOLO DI UNASSOCIAZIONE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Confcooperative Piemonte FARE IMPRESA COOPERATIVA IL RUOLO DI UNASSOCIAZIONE."— Transcript della presentazione:

1 Confcooperative Piemonte FARE IMPRESA COOPERATIVA IL RUOLO DI UNASSOCIAZIONE

2 Confcooperative Piemonte CONFCOOPERATIVE PIEMONTE Confcooperative Piemonte è l'organo territoriale, nell'ambito della regione Piemonte, della Confederazione Cooperative Italiane, associazione nazionale di rappresentanza, assistenza, tutela e revisione delle imprese cooperative, riconosciuta giuridicamente con D.M. 12 aprile Confcooperative è pertanto un'organizzazione sindacale che eroga servizi alle cooperative aderenti e le rappresenta a livello istituzionale.

3 Confcooperative Piemonte LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE IN ITALIA CONFCOOPERATIVELEGACOOPAGCIUNCI

4 Confcooperative Piemonte CONFCOOPERATIVE PIEMONTE I DATI (al 31/12/2002) 1244 cooperative soci addetti € (ricavi)

5 Confcooperative Piemonte CONFCOOPERATIVE PIEMONTE LORGANIZZAZIONE TERRITORIALE

6 Confcooperative Piemonte CONFCOOPERATIVE PIEMONTE LORGANIZZAZIONE SETTORIALE FEDERABITAZIONE FEDERAGROALIMENTARE FEDERLAVORO FEDERCONSUMO FEDERCULTURA FEDERSOLIDARIETA FEDERAZIONE DEL CREDITO COOPERATIVO

7 Confcooperative Piemonte LIMPRESA COOPERATIVA La cooperativa è una società commerciale, prevista dal Codice Civile, che si caratterizza per alcuni requisiti specifici: lo scopo mutualistico e l'assenza di finalità speculative l'assenza di finalità speculative. La mutualità consiste nel fornire beni o servizi o occasioni di lavoro direttamente ai membri dell'organizzazione a condizioni più vantaggiose rispetto a quelle offerte dal mercato.

8 Confcooperative Piemonte LA DISCIPLINA GIURIDICA DELLIMPRESA COOPERATIVA E STATA RECENTEMENTE MODIFICATA DALLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO D. LGS. 17/01/2003, N°6 Lentrata in vigore della norma è prevista per il 1 gennaio 2004 e prevede lesplicita definizione della MUTUALITA

9 Confcooperative Piemonte Fino allentrata in vigore della citata Riforma, dal punto di vista fiscale la mutualità si esplica nel a) divieto di distribuzione dei dividendi in misura superiore al tasso dei buoni fruttiferi postali aumentato di 2,5 punti percentuali ragguagliato al capitale effettivamente versato; b) divieto di distribuzione delle riserve fra i soci;

10 Confcooperative Piemonte c) versamento del 3% degli utili netti annuali ai fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione; d) devoluzione, in caso di scioglimento della società, dell'intero patrimonio sociale - dedotto soltanto il capitale versato e i dividendi eventualmente maturati - a favore dei predetti fondi.

11 Confcooperative Piemonte La Repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata. La legge ne promuove e favorisce l'incremento con i mezzi più idonei e ne assicura, con gli opportuni controlli, il carattere e le finalità Queste caratteristiche, alle quali va aggiunta la democrazia interna secondo il principio "una testa un voto", esaltano la funzione sociale della cooperazione sancita dall'art. 45 della Costituzione Italiana, che recita: "La Repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata. La legge ne promuove e favorisce l'incremento con i mezzi più idonei e ne assicura, con gli opportuni controlli, il carattere e le finalità".

12 Confcooperative Piemonte La cooperativa, per costituirsi, deve avere almeno 9 soci. Dal 1997 è stata introdotta la Piccola società cooperativa, una formula semplificata di cooperativa composta da 3 a 8 soci persone fisiche, per la quale si semplificano amministrazione e controllo. Tale formula scomparirà nella Riforma, ampliando di fatto per la cooperativa, in generale, le possibilità di costituzione. Il capitale sociale è variabile ed è formato da quote o da azioni non inferiori a 25 Euro.

13 Confcooperative Piemonte AGEVOLAZIONI FISCALI 1) intassabilità degli utili destinati a riserve indivisibili e degli avanzi di gestione restituiti ai soci sotto forma di ristorni o integrazioni salariali 2) esenzione totale o parziale (a seconda della tipologia di cooperativa) dall'Irpeg 3) esenzione dalle imposte dirette per gli utili destinati entro certi limiti a rivalutazione delle quote di capitale in precedenza sottoscritte e versate dai soci 4) agevolazioni specifiche per le cooperative sociali in materia IVA, imposta bollo, tasse concessione governativa, IRAP

14 Confcooperative Piemonte PERCHE COSTITUIRE UNIMPRESA COOPERATIVA Nessun settore lavorativo preclude la possibilità di ricorrere alla costituzione di una impresa cooperativa: informatica, artigianato, turismo, trasporti, no profit, consulenza, agricoltura. I dati regionali sulla promozione di impresa individuano nella Cooperazione Sociale, nella cooperazione tra artigiani, nella cooperazione di produzione e lavoro le più frequenti tipologie utilizzate nellultimo periodo

15 Confcooperative Piemonte PERCHE COSTITUIRE UNIMPRESA COOPERATIVA In particolare, per i settori Lavoro (in relazione all esenzione IRPEG totale o parziale) e Sociale (in relazione alla riserva da parte delle PPAA alle Cooperative iscritte agli albi regionali dei servizi sociali esternalizzati), le agevolazioni precedentemente analizzate possono costituire un notevole vantaggio competitivo per una neo impresa cooperativa.

16 Confcooperative Piemonte COME COSTITUIRE UNIMPRESA COOPERATIVA Con altri due soci è possibile rivolgersi alle strutture territoriali piemontesi di Confcooperative per sottoporre allunità tecnica preposta alla creazione dimpresa lidea imprenditoriale, valutarne con essa le potenzialità e trovare adeguate coperture finanziarie. Il tutto senza alcun costo. La promozione ed il sostegno allo sviluppo dell'impresa cooperativa, infatti, costituiscono gli obiettivi principali di Confcooperative

17 Confcooperative Piemonte COME FINANZIARE UNIMPRESA COOPERATIVA Il panorama dei provvedimenti a sostegno delle iniziative imprenditoriali cooperative neo - costituite non è amplissimo!!!! Spesso occorre ricorrere a più di uno strumento per prevedere la copertura di investimenti di particolare entità Nelle seguenti schede si propongono le principali opportunità effettivamente operanti

18 Confcooperative Piemonte Beneficiari Imprese che abbiano i seguenti requisiti: già costituite (anche prima del 22/3/92 cioè dellentrata in vigore della legge 215/92) e iscritte al Registro delle imprese alla data di presentazione della domanda 60% soci donne piccole imprese LEGGE 215/92 Azioni positive per limprenditoria femminile

19 Confcooperative Piemonte Iniziative ammissibili avvio attività imprenditoriale acquisto di attività (o ramo d'azienda) preesistente (mediante atto di acquisto o contratto di locazione per almeno 5 anni) realizzazione progetti aziendali innovativi (innovazione TECNOLOGICA, ORGANIZZATIVA o DI PRODOTTO) presentati da soggetti che al momento della presentazione della domanda esercitano già un'attività economica acquisizione di servizi reali Agevolazione : Contributo in Conto Capitale in percentuali variabili in relazione a territorio e regime contributivo

20 Confcooperative Piemonte BENEFICIARI Società cooperative. INIZIATIVE AGEVOLABILI Acquisizione o costruzione beni immobili; macchinari, impianti, attrezzature e automezzi; sistemi informatici e programmi applicativi; licenze e brevetti; formazione professionale e manageriale dei soci; costituzione della cooperativa. AGEVOLAZIONE Finanziamento agevolato e contributo a fondo perduto per le spese di avviamento. LEGGE REGIONALE 67/94

21 Confcooperative Piemonte BENEFICIARI Cooperative sociali iscritte allalbo regionale. INIZIATIVE AGEVOLABILI Acquisizione impianti, macchinari, automezzi, arredi e licenze; realizzazione opere murarie e di impiantistica. AGEVOLAZIONE Finanziamento agevolato. LEGGE REGIONALE 18/94 (ART. 16)

22 Confcooperative Piemonte LEGGE 27 FEBBRAIO 1985 N. 49, MARCORA Soggetti Beneficiari: Possono accedere all'agevolazione di cui al Titolo I società cooperative e loro consorzi appartenenti a qualsiasi settore economico di attività con esclusione delle cooperative che si propongono la costruzione e l'assegnazione di alloggi per i propri soci (cooperative edilizie). Iniziative ammissibili: a finanziamento possono comprendere investimenti destinati a: all' acquisizione di aree e/o fabbricati all' esecuzione di opere murarie all' acquisto, ammodernamento e ristrutturazione di macchinari, attrezzature, impianti ivi compresi automezzi targati.

23 Confcooperative Piemonte Tipo di agevolazione: Si tratta di un contributo in c/interessi a valere su finanziamenti. I Tassi risultanti variano per le zone del centro-nord dell' Italia in funzione dell'inserimento o meno dell'investimento in una area di cui alla deroga ex art.87.3.c., nonché se l'impresa è considerata piccola o media ai sensi dei parametri comunitari. L' entità della agevolazione varia da un minimo di riduzione del tasso di riferimento del 35% ad un massimo del 75%. Termini di presentazione delle domande: Non sussistono. Le domande sono assunte in carico in ordine cronologico.

24 Confcooperative Piemonte DOVE TROVARE CONFCOOPERATIVEPIEMONTE


Scaricare ppt "Confcooperative Piemonte FARE IMPRESA COOPERATIVA IL RUOLO DI UNASSOCIAZIONE."

Presentazioni simili


Annunci Google