La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Aspetti del contesto nazionale Povertà emergenti, ricchezze negate, politica e società Gian Carlo Blangiardo Università degli Studi di Milano Bicocca Assisi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Aspetti del contesto nazionale Povertà emergenti, ricchezze negate, politica e società Gian Carlo Blangiardo Università degli Studi di Milano Bicocca Assisi."— Transcript della presentazione:

1 Aspetti del contesto nazionale Povertà emergenti, ricchezze negate, politica e società Gian Carlo Blangiardo Università degli Studi di Milano Bicocca Assisi 27 settembre 2008

2 LA LOTTA ALLE POVERTA ESTREME, AI BISOGNI DEGLI ULTIMI, E UNO DEI PRINCIPALI OBIETTIVI PER LA COSTRUZIONE DI UNA SOCIETA FONDATA SULLE OPPORTUNITA E SULLA SOLIDARIETA. Il sistema di welfare non può ignorare le esigenze dei cittadini più in difficoltà, di quelli che si trovano nellindigenza, al di sotto delle condizioni economiche minime (Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali, doc. 25 luglio 2008, p.14)

3 Quanti ? Aspetti della povertà relativa

4 Con quali differenze ?

5

6 Con soglia di povertà 970,34 mensili per una famiglia di due persone (per lanno 2006)

7 I fattori di rischio

8 Povertà estreme e nuove povertà (qualche esempio)

9 Incidenza di soggetti che si rivolgono a istituzioni del privato sociale per soddisfare bisogni di primaria necessità (alimentazione, vestiario, medicinali, ecc.). Tassi per 1000 residenti

10 Immigrati stranieri sotto la soglia di povertà. Regione Lombardia

11 Incidenza della povertà tra gli immigrati stranieri. Ragione Lombardia

12 La disabilità come fattore di povertà In Italia i disabili superano i 2,5 milioni e, di questi, circa 900 mila sono di fatto confinati in casa vivendo in strutture che, per le barriere architettoniche esistenti, non consentono il loro spostamento. La disabilità è una condizione molto diffusa dellanziano, tanto da coinvolgere il 12% degli ultrasessantacinquenni. Se consideriamo la classe di età degli ultraottantenni, uno su due è affetto da disabilità. In Italia, a 75 anni, luomo h unaspettativa di vita di 10 anni e le donne di 12,5 anni. Il punto importante, però, è che la vita attiva di questi 10 anni per gli uomini è solo 1,8 anni e per le donne è di 2,1. La restante aspettativa di vita è in condizioni di disabilità. Ben 8,5 e 10,2 anni, nei due sessi.

13 Verso quali scenari ? (le sfide per i prossimi decenni)

14 Popolazione italiana per grandi classi di età Al 1° gennaio Totale e +85 e Fonte: Istat Linvecchiamento demografico

15

16

17 Indebolimento delle reti famigliari

18 La presenza straniera Fonte: Istat

19 Trasformare i problemi in opportunità …una rifondazione del modello sociale (…) riconoscendo, in sussidiarietà, il valore della famiglia, di tutti i corpi intermedi e delle funzioni professionali che concorrono a fare comunità Come rispondere?

20 Periodi Migliaia di anni-persona (Maschi) Migliaia di anni-persona (Femmine) Totale Media annua (migliaia di anni-persona) Corrispondente valore (miliardi di ) -a 3000 per ogni anno-persona18,419,123,3 -a 4000 per ogni anno-persona24,725,531,1 Fonte: N/elaborazioni su dati Istat La ricchezza del capitale umano – una risorsa da non sprecare Lesempio dellanziano attivo …..

21 … e molto altro ancora Immigrati Donne Giovani

22 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "Aspetti del contesto nazionale Povertà emergenti, ricchezze negate, politica e società Gian Carlo Blangiardo Università degli Studi di Milano Bicocca Assisi."

Presentazioni simili


Annunci Google