La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Simplifying the business Dino Bossa Direttore Regionale Italia,Slovenia, Croazia e Malta Milano 31 Gennaio 2006.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Simplifying the business Dino Bossa Direttore Regionale Italia,Slovenia, Croazia e Malta Milano 31 Gennaio 2006."— Transcript della presentazione:

1 Simplifying the business Dino Bossa Direttore Regionale Italia,Slovenia, Croazia e Malta Milano 31 Gennaio 2006

2 simplifying the business2 Cinque aree chiave: definizioni e obiettivi ET- biglietto elettronico CUSS – utilizzo generale di chioschi self-service RFID – identificazione delle etichette bagaglio su frequenze radio Carte dimbarco con codice a barre Eliminazione del cartaceo in ambiente Cargo Adottate ed approvate dal Board IATA e dall AGM di Giugno 2004, ulteriormente aggiornate a Dic 2004

3 simplifying the business3 STB…un successo assicurato Cliente = viaggio semplificato Vettore / Aeroporti / altri operatori = operazioni semplificate risparmio sui costi

4 Project #1 e-ticketing

5 simplifying the business5 e-ticketing: obiettivi Eliminare I biglietti cartacei entro la fine del 2007 trasformare il 40% dei biglietti in ET entro la fine del 2005 trasformare il 70% dei biglietti in ET entro la fine del 2006 trasformare il100% dei biglietti in ET entro la fine del 2007 Sviluppare una strategia e fissare una data per eliminare tutta la carta dalle operazioni passeggeri Stabilire uno standard comune per abilitare lo scambio di e-tickets tra le principali alleanze Agevolare la risoluzione delle problematiche relative alla stipula degli accordi interlinea per E.T.

6 simplifying the business6 Riduce il costo dellemissione biglietti Risparmi fino ad US$9 per biglietto 300 milioni di biglietti emessi ogni anno Risponde alle richieste del cliente Automazione delle operazioni e-ticketing: benefici

7 simplifying the business7 e-ticketing: piano di azione Controllare e riconfermare Assistere nello sviluppo del ET Implementazione risucita ET Gestire le risorse appropiate risorse& supporto Coscienza dei termini fissati

8 simplifying the business8 e-ticketing: piano dazione Congelamento dello sviluppo di standard cartacei Armonizzare gli standards US/Internazionali Creare gli strumenti di lavoro per i vettori Aumentare i livelli di conoscenza Gestire le complessità dellinterlinea Lavorare con i Governi / enti amministrativi Considerare i collegamenti tra ET ed altri documenti cartacei Facilitare i contatti con solution providers

9 simplifying the business9 E-ticket: status Gennaio 2006 IATA Italia: 5500 codici agenti »125 compagnie aeree »18 milioni di biglietti »E-ticket 41.3% IATA Europa: 54%

10 Project #2 common user self-service kiosks (CUSS)

11 simplifying the business11 CUSS: obiettivi Ridurre i costi per i vettori e migliorare il servizio mediante una energica promozione del CUSS il CUSS e stato introdotto in 5 aeroporti nel 2005 Sviluppare gli standards per un unico interfaccia ed assicurarne limplementazione

12 simplifying the business12 CUSS: definizione Un chiosco condiviso da due o più vettori per check-in self service IATA sta sviluppando un interfaccia standardizzato per il cliente CUSS (soluzione tipo ATM)

13 simplifying the business13 CUSS: benefici Cliente : Risparmio sui tempi di check-in, in aeroporto o altre sedi Aeroporti: Uso più efficiente del check-in e di altre strutture Vettori : Grossi risparmi sugli impianti di terminali, sistemi e personale (US$3.50/check-in) 1 2 3

14 Project #3 carta dimbarco con codice a barre

15 simplifying the business15 Bar codes: obiettivi Ridurre i costi di vettore e facilitare le nuove tecnologie per lemissione self-service o presso casa/ufficio promuovendo luso di documenti con codici a barre Migliorare il servizio ai clienti Fornire una possibile alternativa alla tecnologia della banda magnetica anticipando leliminazione di ATB2 Sviluppare ed adottare un unico standard per lindustria Promuovere limplementazione su larga scala

16 simplifying the business16 Bar codes: definizione Un documento/supporto con codice a barre standard collegato alla scheda check-in del passeggero. Potrebbe essere una tradizionale carta dimbarco, un semplice foglio di carta o perfino un telefono cellulare.

17 simplifying the business17 Bar codes: benefici Clienti: Carta dimbarco da casa, in ufficio o attraverso il proprio cellulare Aeroporti: Semplificazione degli apparati ai cancelli dimbarco Vettori: Grossi risparmi, facilita il self service (CUSS) ed è di facile implementazione Agenti:Costi significativamente ridotti per stampanti ecc

18 Project #4 radio frequency identification for baggage tags(RFID)

19 simplifying the business19 RFID: obiettivi Ridurre i costi di vettore e migliorare il servizio clienti promuovendo luso di tecnologia RFID per migliorare le operazioni di gestione bagagli Test avviati su 5 aeroporti nel 2005 Adottare un unico standard internazionale

20 simplifying the business20 RFID: definizione Unetichetta bagagli di tipo standard con un chip a frequenza radio incorporato. Il chip può contenere tutti i dettagli normalmente stampati sulletichetta in formato leggibile o con codice a barre, più il potenziale per larchiviazione di dati aggiuntivi.

21 simplifying the business21 RFID: benefici Cliente: Riduce le problematiche sui bagagli Aeroporti: Sistema di gestione bagagli più veloce e potenzialmente più economico Vettori: Minori problemi sui bagagli, costi più bassi, maggiore sicurezza ed una maggiore trasparenza e responsabilità nelle operazioni di gestione bagagli

22 Project #5 cargo paperless environment

23 simplifying the business23 CPE: obiettivi Eliminare la necessità di produrre ed inviare documenti cartacei per il movimento delle merci, mediante limplementazione di un ambiente interamente elettronico per tutto il settore Target – implementazione per la fine del 2007, adozione totale entro 2010

24 simplifying the business24 CPE: benefici Mittente:Maggiore velocità nel movimento merci, migliore qualità del servizio Spedizionieri:efficienza operativa, minori costi per ottenere conformità alle regole Vettori:Efficienza dei processi, riduzione costi, maggiore competitività nel settore merci Dogane:Informazioni più veloci ed accurate per I controlli di sicurezza

25 simplifying the business25 CPE: piano dazione Formare un Gruppo di Lavoro per lindustria che rappresenti tutte le parti interessate nel settore Armonizzare gli attuali dati del settore e gli standard di comunicazione Facilitare lintroduzione di un unico standard Esercitare pressioni per ladozione dei relativi protocolli legali ( Montreal Protocol 4, Montreal Convention 99 )

26 simplifying the business26 CPE: piano dazione Spingere al fine di armonizzare le procedure doganali ( Kyoto 99 ) Promuovere un Trattato internazionale sulla firma elettronica (E-Signatures) Sviluppo di una infrastruttura per il settore in grado di facilitare lo scambio, archiviazione e la gestione attiva dei dati elettronici

27 simplifying the business riflessioni finali

28 Riflessione finale …

29 simplifying the business29 Riflessione finale …

30 simplifying the business30 Non e il più forte della specie che sopravvive e neppure il più intelligente, ma quello più ricettivo ai cambiamenti. Charles Darwin, naturalista ed autore ( )

31 simplifying the business31 I punti di contatto del Simplifying the Business : Europe Americas Middle East Africa Asia/Pacific StB Centro Direzionale Or log on to:


Scaricare ppt "Simplifying the business Dino Bossa Direttore Regionale Italia,Slovenia, Croazia e Malta Milano 31 Gennaio 2006."

Presentazioni simili


Annunci Google