La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La salute del respiro: unattualità nazionale Die Gesundheit der Atemwege: ein aktuelles Thema von nationaler Bedeutung ROBERTO DE MARCO GIUSEPPE VERLATO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La salute del respiro: unattualità nazionale Die Gesundheit der Atemwege: ein aktuelles Thema von nationaler Bedeutung ROBERTO DE MARCO GIUSEPPE VERLATO."— Transcript della presentazione:

1 La salute del respiro: unattualità nazionale Die Gesundheit der Atemwege: ein aktuelles Thema von nationaler Bedeutung ROBERTO DE MARCO GIUSEPPE VERLATO Sezione di Epidemiologia & Statistica Medica Università di Verona

2 PROBLEMI METODOLOGICI nellEPIDEMIOLOGIA delle MALATTIE RESPIRATORIE: 1)diagnosi EPIDEMIOLOGICA vs diagnosi CLINICA 2)distorsione da selezione (selection bias) MORTALITA PER MALATTIE RESPIRATORIE DIFFUSIONE dellASMA, della RINITE ALLERGICA, della BRONCHITE CRONICA: 1) variabilità geografica nella prevalenza 2) trend temporali nella prevalenza RELAZIONE TRA RINITE ALLERGICA E ASMA CARICO SOCIALE ADEGUATEZZA della DIAGNOSI e del TRATTAMENTO RISPOSTE del SISTEMA SANITARIO NAZIONALE

3 sintomi combinazione di sintomi sintomi + test Sensibilità e specificità di alcuni strumenti epidemiologici, valutati usando come riferimento la diagnosi clinica di asma corrente (gold standard) [de Marco R et al, Eur Respir J, 1998; 11: ]

4 Alle domande sui sintomi respiratori negli ultimi 12 mesi risponde NEGATIVAMENTE il % dei NON ASMATICI (specificità) POSITIVAMENTE tra il 32 e il 68% degli ASMATICI (sensibilità). La domanda migliore, con unottima specificità (97.5%) e una sensibilità non troppo bassa (67.6%) sembra essere la seguente (ever asthma): Nel corso della Sua vita ha mai avuto lasma? La combinazione di attacchi dasma e di asma corrente (asma corrente auto-riportata) non consente di migliorare la sensibilità (<37.1%), rispetto alla domanda ever asthma; anche la combinazione dei sintomi nellanno precedente (sibili o mancanza di respiro o attacchi dasma o farmaci antiasmatici) presenta una sensibilità discreta (82.9%) a spese di una riduzione della specificità (86.7%). Abbinando ai sintomi nellanno precedente, liperreattività bronchiale e i risultati dei test allergologici (IgE specifiche o prick test) si ottiene una sensibilità del 71.4% e una specificità del 95.2% rispetto alla diagnosi clinica.

5 La prevalenza dei disturbi respiratori diminuisce dalla I ondata postale alle ondate successive. Questo fenomeno crea una distorsione da autoselezione nelle stime di prevalenza (self-selection bias) de Marco R, Verlato G, Zanolin E, Bugiani M, Drane JW (1994) Nonresponse bias in EC Respiratory Health Survey in Italy. European Respiratory Journal, 7: citazioni

6 PROBLEMI METODOLOGICI nellEPIDEMIOLOGIA delle MALATTIE RESPIRATORIE: 1)diagnosi EPIDEMIOLOGICA vs diagnosi CLINICA 2)distorsione da selezione (selection bias) MORTALITA PER MALATTIE RESPIRATORIE DIFFUSIONE dellASMA, della RINITE ALLERGICA, della BRONCHITE CRONICA: 1) variabilità geografica nella prevalenza 2) trend temporali nella prevalenza RELAZIONE TRA RINITE ALLERGICA E ASMA CARICO SOCIALE ADEGUATEZZA della DIAGNOSI e del TRATTAMENTO RISPOSTE del SISTEMA SANITARIO NAZIONALE

7

8 Se eliminiamo leffetto dellinvecchiamento della popolazione mediante un procedimento statistico noto come standardizzazione diretta

9 Mortalità per malattie respiratorie (ICD IX ) in Italia MASCHI: mal.respiratorie FEMMINE: mal.respiratorie

10 Mortalità per malattie respiratorie (ICD IX ) e per tutte le cause (ICD IX 1-999) in Italia MASCHI: mal.respiratorie FEMMINE: mal.respiratorie FEMMINE: tutte le cause MASCHI: tutte le cause

11 In Italia le malattie dellapparato respiratorio rappresentano la TERZA causa di morte, dopo le malattie del sistema circolatorio e i tumori. Nel 2002 i decessi per malattie respiratorie (codici ICD IX ) sono stati , pari al 6.4% del totale ( ). Questa percentuale è leggermente maggiore nei maschi (7.4 % = / ) e leggermente inferiore nelle donne (5.5% = / ). Conti S, Scipione R, Carrani E, Roazzi P, Mari E, Minutoli E. La mortalità per causa in Italia: Istituto Superiore di Sanità – Ufficio di Statistica.

12 Mortalità per causa in Italia nel 2002

13 PROBLEMI METODOLOGICI nellEPIDEMIOLOGIA delle MALATTIE RESPIRATORIE: 1)diagnosi EPIDEMIOLOGICA vs diagnosi CLINICA 2)distorsione da selezione (selection bias) MORTALITA PER MALATTIE RESPIRATORIE DIFFUSIONE dellASMA, della RINITE ALLERGICA, della BRONCHITE CRONICA: 1) variabilità geografica nella prevalenza 2) trend temporali nella prevalenza RELAZIONE TRA RINITE ALLERGICA E ASMA CARICO SOCIALE ADEGUATEZZA della DIAGNOSI e del TRATTAMENTO RISPOSTE del SISTEMA SANITARIO NAZIONALE

14 La prevalenza nel BAMBINO (13-14 anni): Distribuzione geografica della prevalenza di WHEEZING (sibili nel torace) - ISAAC ISAAC – Eur Respir J 1998, 12, RANGE : 1.6%-36.7 %

15 Distribuzione geografica della prevalenza di ASMA CORRENTE nel GIOVANE ADULTO (20-44 anni)- ECRHS ECRHS – Eur Respir J 1996; 9: MEDIAN 4.5% Tartu (Estonia) MIN 2.0% Melbourne (AUS) MAX 11.9%

16 La prevalenza di asma aumenta quando la temperatura invernale aumenta e la tempera- tura estiva diminuisce La prevalenza di asma diagnosticata è massima nei paesi di lingua inglese, che presentano un clima oceanico (estati fresche ed inverni miti). Verlato G, Calabrese R, de Marco R (2002) Correlation between asthma and climate in the EC Respiratory Health Survey. Arch Environ Health, 57: 48-52

17 Der f 1 Der p 1 <20% 20 50% 50 80% >80% Percentuali di case con livelli misurabili ( 0.1 µg per grammo di polvere) di allergeni Der p 1 (Dermatophagoides pteronyssinus group 1 allergen) e Der f 1 (Dermatophagoides farinae group 1 allergen) Zock JP, Heinrich J, Jarvis D, Verlato G, et al (2006) Distribution and determinants of house dust mite allergens in Europe: The European Community Respiratory Health Survey II. J Allergy Clin Immunol, 118:

18 Prevalenza di malattie dellapparato respiratorio nei giovani adulti di età anni nellindagine ISAYA ( )

19 Prevalence (%) and 95% Confidence Intervals of allergic rhinitis and asthma in ITALY (ISAYA ) Allergic rhinitis18.7( ) Allergic rhinitis without asthma (ever)13.5( ) Allergic rhinitis & asthma (ever) 5.2 ( ) Asthma (ever) 8.3 ( ) Asthma without allergic rhinitis 3.1 ( ) Bugiani M et al. Allergy 2005

20 Chronic bronchitis prevalence (% and 95%CI) in Italy (ISAYA ) Chronic cough and phlegm Without coexisting asthma With coexisting asthma Men Women 11.8 ( ) 12.0 ( ) 9.6 ( ) 9.5 ( ) 2.0 ( ) 2.3 ( ) * from Cerveri et al. ERJ 2003

21 Verlato G, Villani S (2001) La prevalenza di asma e atopia nella popolazione adulta. In: de Marco R, Bugiani M, Cerveri I, Lo Cascio V, Marinoni A (eds) L'epidemiologia dell'asma in Italia. EDI-AIPO: Ospedaletto (PI), pp ECRHS – ITALY (91-93)

22 La prevalenza di asma e rinite allergica in ITALIA ISAYA 2000 De Marco et al. Clin Exp Allergy 2002;32:

23 Prevalence* and 95% confidence interval of respiratory symptoms by climatic region. * Adjusted for sex, age, cumulative response rate and type of contact (telephone versus mail). wheeze tightness shortness asthma allergic in the chest of breath attacks rhinitis de Marco et al. Clin Exp Allergy 2002

24 Prevalence (95% confidence interval) of chronic cough and phlegm by sex ( females: white bars) and smoking habits (ISAYA ) from Cerveri et al. ERJ 2003

25 PROBLEMI METODOLOGICI nellEPIDEMIOLOGIA delle MALATTIE RESPIRATORIE: 1)diagnosi EPIDEMIOLOGICA vs diagnosi CLINICA 2)distorsione da selezione (selection bias) MORTALITA PER MALATTIE RESPIRATORIE DIFFUSIONE dellASMA, della RINITE ALLERGICA, della BRONCHITE CRONICA: 1) variabilità geografica nella prevalenza 2) trend temporali nella prevalenza RELAZIONE TRA RINITE ALLERGICA E ASMA CARICO SOCIALE ADEGUATEZZA della DIAGNOSI e del TRATTAMENTO RISPOSTE del SISTEMA SANITARIO NAZIONALE

26 ISAAC – Eur Respir J 1998, 12, STUDI DEI PRIMI ANNI 90 Aumento della prevalenza di asma in bambini/adolescenti 1966 { Finlandia (Haahtela et al) Svezia (Aberg et al) Giappone (Nakagomi et al) Scozia (Rona et al) UK (Omran et al) USA (NHIS) Nuova Zelanda (Shaw et al) Australia (Peat et al) Prevalenza (%) { { { { { { {

27 Centro Nord Variabilità geografica e temporale nella prevalenza di asma in Italia Hai mai avuto asma?Hai avuto un attacco d'asma negli ultimi 12 mesi? Sintomi respiratori ed esame clinico

28 La significatività statistica è stata valutata con un modello logistico, controllando per sesso, età, residenza (TO / PV / VR), stagione, contatto (posta / telefono), percentuale di risposta. Verlato G, Corsico A, Villani S, Cerveri I, Migliore E, Accordini S, Carolei A, Piccioni P, Bugiani M, Lo Cascio V, Marinoni A, Poli A, de Marco R (2003) Is the prevalence of adult asthma and allergic rhinitis still increasing? Results of an Italian study. J Allergy Clin Immunol, 111:

29 Andamento temporale dei disturbi respiratori in funzione delletà anagrafica (20-26, 27-32, 33-38, anni)

30 Verlato G, Melotti R, Corsico AG, Bugiani M, Carrozzi L, Marinoni A, Dallari R, Pirina P, Struzzo P, Olivieri M, de Marco R, for the ISAYA study group. Time trends in smoking habits among Italian young adults. Respiratory Medicine, in press

31

32 PROBLEMI METODOLOGICI nellEPIDEMIOLOGIA delle MALATTIE RESPIRATORIE: 1)diagnosi EPIDEMIOLOGICA vs diagnosi CLINICA 2)distorsione da selezione (selection bias) MORTALITA PER MALATTIE RESPIRATORIE DIFFUSIONE dellASMA, della RINITE ALLERGICA, della BRONCHITE CRONICA: 1) variabilità geografica nella prevalenza 2) trend temporali nella prevalenza RELAZIONE TRA RINITE ALLERGICA E ASMA CARICO SOCIALE ADEGUATEZZA della DIAGNOSI e del TRATTAMENTO RISPOSTE del SISTEMA SANITARIO NAZIONALE

33 RINITE ALLERGICA E ASMA Diversi studi hanno dimostrato che la coesistenza di asma e rinite allergica è frequente, la rinite allergica solitamente precede lasma, la rinite allergica è un fattore di rischio per lasma. La prevalenza di rinite allergica in soggetti asmatici in tali studi varia dall80% al 90%. Viceversa, lasma è più frequente in soggetti con rinite allergica che in soggetti senza rinite: odds ratio 6.63; 95% CI, Leynaert B et al. J Allergy Clin Immunol 2000;106:S201-5

34 Prevalenza di asma in 1) soggetti senza rinite (2.0%); 2) soggetti con sintomi di rinite quando esposti a pollini (6.7%); 3) soggetti con rinite quando esposti ad animali o a polvere (11.9%); 4) soggetti con sintomi di rinite quando esposti ad animali e a polvere (18.8%) Leynaert et al. JACI 2004;113:86-93

35 ANALISI ECOLOGICA ISAAC ASSOCIAZIONE ASMA - RINITE ASSOCIAZIONE ASMA - ECZEMA ASSOCIAZIONE RINITE - ECZEMA ISAAC. Lancet 1998, 351,

36 Atopia nei soggetti che riferiscono rinite allergica e/o sintomi nasali Studio ISAYA: Olivieri, Verlato et al, Allergy, 2002

37 PROBLEMI METODOLOGICI nellEPIDEMIOLOGIA delle MALATTIE RESPIRATORIE: 1)diagnosi EPIDEMIOLOGICA vs diagnosi CLINICA 2)distorsione da selezione (selection bias) MORTALITA PER MALATTIE RESPIRATORIE DIFFUSIONE dellASMA, della RINITE ALLERGICA, della BRONCHITE CRONICA: 1) variabilità geografica nella prevalenza 2) trend temporali nella prevalenza RELAZIONE TRA RINITE ALLERGICA E ASMA CARICO SOCIALE ADEGUATEZZA della DIAGNOSI e del TRATTAMENTO RISPOSTE del SISTEMA SANITARIO NAZIONALE

38 Diagnosi clinica di asma corrente Assenza di asma allesame clinico 0.3% 2.3% 32.4% 37.1% 30.5% 97.5% asma non auto-riportata asma corrente auto-riportata asma nel passato auto-riportata Consensus diagnosis, formulata da 3 specialisti (allergologi o pneumologi) N=706 N=105 de Marco R et al. Eur Respir J, 1998; 11:

39 Utilizzo di risorse sanitarie per problemi respiratori Il paziente riferisce: Diagnosi medica: asma corrente assenza di asma {

40 Il rischio di morte nei pazienti affetti da BPCO.

41 Mortality in the NHANES I follow-up (n. = 5542; 22 years) NDeaths Proportion of participant s who died (%) Proportion who died with COPD as Underline Cause of Death (%) Proportion who died with any mention of COPD (%) All subjects Severe COPD Moderate COPD Mild COPD Respir.symptoms only Restrictive lung disease No lung disease Total from Mannino DM et al. – Thorax 2003

42 Kaplan-Meier curve for death among 5542 participants stratified by degree of lung function impairment. From the National Health and Nutrition Examination Survey and follow up to from Mannino, D M et al. Thorax 2003;58:

43 NHANES I follow-up - Mortality risk* according to the presence of respiratory diseases at baseline Severe COPD Moderate COPD Mild COPD Respir symptoms only Restrictive lung disease * Proportional Hazard model adjusted for lung function category, age, race, sex, education, smoking status, pack years of smoking, years since regulary smoked, and body mass index from Mannino DM et al. – Thorax 2003

44 CONCLUSIONI 1) Le malattie respiratorie rappresentano attualmente la TERZA causa di morte in Italia, e il loro peso non sembra destinato a scendere a causa dellinvecchiamento della popolazione. 2) Lasma corrente colpisce circa il 5% negli adulti e circa l11% dei bambini, con grande variabilità a livello internazionale. La rinite allergica e la bronchite cronica affliggono rispettivamente il 19% e il 12% dei giovani adulti. 3) Mentre la patologia asmatica sembra avere raggiunto un plateau negli ultimi anni, la rinite allergica continua ad essere in aumento. 4) Agli inizi degli anni Novanta un terzo degli asmatici non erano consapevoli di esserlo. 5) La mortalità è notevolmente aumentata nei soggetti che soffrono di BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva

45 PROBLEMI METODOLOGICI nellEPIDEMIOLOGIA delle MALATTIE RESPIRATORIE: 1)diagnosi EPIDEMIOLOGICA vs diagnosi CLINICA 2)distorsione da selezione (selection bias) MORTALITA PER MALATTIE RESPIRATORIE DIFFUSIONE dellASMA, della RINITE ALLERGICA, della BRONCHITE CRONICA: 1) variabilità geografica nella prevalenza 2) trend temporali nella prevalenza RELAZIONE TRA RINITE ALLERGICA E ASMA CARICO SOCIALE ADEGUATEZZA della DIAGNOSI e del TRATTAMENTO RISPOSTE del SISTEMA SANITARIO NAZIONALE

46 Nella penultima versione dei 21 Piani Sanitari Regionali, il fumo viene menzionato in 12 casi, lasma in 8 e la BPCO in 9. Bassi M, Rizzini P (2005) Tabagismo, Asma e Broncopneumopatia Cronico Ostruttiva nei Piani Sanitari delle Regioni. In Boner A, Dal Negro RW, de Marco R, Donner CF, Rizzini P, Senna G, La salute del respiro. Milano, FrancoAngeli.

47 FUMO, ASMA, BPCO nei PIANI SANITARI REGIONALI Presente nel Piano SanitarioAssente nel Piano Sanitario

48

49 Distribuzione geografica della prevalenza di IPERREATTIVITA BRONCHIALE (PD20 <= 1 mg metacolina) (20-44 anni) - ECRHS ECRHS – Eur Respir J 1997, 10, MEDIANA 13% Galdakao (SP) MIN 3.4% Hawkes Bay (NZ) MAX 27.8%

50 ECRHS - J Allergy Clin Immunol 1997,9 9: Distribuzione geografica della prevalenza di ATOPIA (20-44 anni) – ECRHS 1991/1993 ATOPIA definita come sensibilizza- zione a uno degli allergeni: erba, pelo di gatto, acaro della polvere, Cladosporium

51 Zanolin ME et al. for the ISAYA Study Group. Allergy 2004: 59: Distribuzione geografica della prevalenza di alcuni sintomi respiratori (20-44 anni) - ISAYA UD Udine VR Verona PV Pavia TO Torino FE Ferrara Sas Sassuolo PI Pisa SS Sassari SR Siracusa Stime aggiustate per sesso, età, tasso di risposta cumulativo, tipo di intervista (telefonica o postale), abitudine al fumo e classe sociale

52 Community prevalence of cat ownership and centre averaged cat allergen levels in 22 study centers stratified by cat ownership Heinrich J, Bero Bedada G, Zock JP, Chinn S, Norbäck D, Olivieri M, Svanes C, Ponzio M, Verlato G, Villani S, Jarvis D, Luczynska C, for the Indoor Working Group of the European Community Respiratory Health Survey II. Cat allergen levels, its determinants and relationship to specific IgE to cat across European centers. J Allergy Clin Immunol, 118:

53 Verlato G, Villani S (2001) La prevalenza di asma e atopia nella popolazione adulta. In: de Marco R, Bugiani M, Cerveri I, Lo Cascio V, Marinoni A (eds) L'epidemiologia dell'asma in Italia. EDI-AIPO: Ospedaletto (PI), pp * Le percentuali di risposta si riferiscono all'intero campione in studio di età: 8-64 anni nel delta del Po nell'80-82, 8-73 anni nel delta del Po nell'88-91, 5-90 anni a Pisa nell'85-88 e nell' ° Asma corrente = attacchi di asma o trattamento con farmaci antiasmatici o sibili nel torace senza raffreddore e con mancanza di respiro.

54 Andamento temporale dei disturbi respiratori in funzione del luogo di residenza

55 Although no cure for asthma has yet been found it is reasonable to expect that in most patients control of the disease can and should be achieved and maintained. Control of asthma is defined as: j Minimal chronic symptoms, including nocturnal symptoms j Minimal exacerbations j No emergency visits j No limitations or activities, including exercise j Minimal use of as needed 2 agonists GINA guidelines 1995

56 Minimal chronic symptoms Minimal episodes No emergency visits Minimal need for 2 -agonist No limitations on activities Normal on near normal lung function The Global Initiative for Asthma (GINA) recommendations and the Asthma Insights and Reality in Europe (AIRE) results. GINA recommendationsAIRE results Symptoms % Children Adults Daytime symptoms once a week Sleep disturbances at least once a week Reported episodes of coughing, wheezing, chest tightness or shortness of breath in the last month Unscheduled urgent care visits during last year Emergency visits during last year Used as-required 2 -agonist during the last month Limitation of activities Sports Normal physical activity Choice of jobs/career Social activities Sleep Lifestyle Housekeeping chores School/work absence Never had a lung function test Rabe K.F. et al. Eur Respir J 2000

57 The control of asthma in Italy ISAYA de Marco R. et al. Allergy 2003 Number of asthma attacks in the last 12 months (%) >3 Prevalence of asthma-like symptoms in the last 12 months (%) diurnal symptoms § nocturnal symptoms At least one working day lost (%) mean number of days lost * At least one day impaired (%) mean number of days impaired per month* ED visits (%) Hospital admissions (%) Men Women Total p-value n.s. <0.05 n.s. <0.05 n.s. § Diurnal = wheeze and/or wheeze with breathlessness and/or wheeze without cold Nicturnal = waking with tightness in the chest and/or working with shortness of breath * menas refer to subjects who experienced at least one event

58 Prevalenza di trattamento per inalzione nei pazienti con diagnosi clinica in asma. Le aree tratteggiate indicano il trattamento giornaliero, mentre le aree chiare indicano il trattamento durante la crisi. Janson C. at al. Eur Respiratory J 1997

59 5) Nonostante laumento del consumo di farmaci antiasmatici (in particolare ICS) lasma continua ad essere non controllata in Italia. Tra gli asmatici persistenti (55% di tutti gli asmatici) solo 2 su 10 utilizzano un trattamento adeguato alle linee guida. Le principali ragioni dello scarso controllo della malattia sembrano essere: La scarsa regolarità nellassunzione dei farmaci (il 67% dei pazienti con indicazione non li assume regolarmente) Lutilizzo di una combinazione terapeutica non adeguata alla propria severità (48% dei pazienti) CONCLUSIONI - II 6) Di conseguenza, le malattie respiratorie comportano una non-trascurabile limitazione delle attività quotidiane.

60 Per identificare i casi di rinite allergica è stata utilizzata la seguente domanda [Burney et al, 1994; de Marco et al, 1998; Olivieri et al, 2002]: Ha raffreddori allergici compreso il raffreddore da fieno? Sono state altresì considerate le seguenti domande sui sintomi nasali: Quando viene in contatto con animali (es. cani, gatti, cavalli), con piume (compresi cuscini, piumoni, trapunte) o con una parte polverosa della casa, le capita mai di: 52.5 avere il naso che cola o chiuso o di incominciare a starnutire? Quando si trova vicino a piante, erbe o fiori o quando cè molto polline in giro, le capita mai di: 53.5 avere il naso che cola o chiuso o di incominciare a starnutire? Rinite allergica

61 Definition of Atopy At the skin prick test a mean wheal diameter of 3 mm or more was taken to be a positive reaction. A subject was considered to be atopic if positive to one or more of the tested allergens at the skin prick test or when at least one specific IgE measurement was 0.35 kU/l (class 1) [Olivieri et al, 2002]

62 Accordingly to the GOLD guidelines [Pauwels et al, 2001] the presence of chronic cough and sputum production before airflow obstruction offers a unique opportunity to identify subjects at risk for COPD (GOLD stage 0) for an early intervention. The following question, administered by a screening questionnaire 99, was used to identify chronic cough and phlegm in a screening questionnaire [Cerveri et al, 2003]: Have you had cough and phlegm on most days for as much as (a minimum of) three months per year and for at least two successive years? Q8. Ha avuto tosse e catarro per la maggior parte dei giorni per almeno 3 mesi allanno e da almeno 2 anni consecutivi? Chronic Obstructive Pulmonary Disease (COPD): Screening questionnaire

63 About 30% of subjects with subjects identified by this question were non-smokers. In comparison with current smokers, they comprised a higher proportion of females (58.9% vs 47.4%) and they reported more frequently asthma (26.4% vs 15.1%) and nasal allergies (44.5% vs 22.1%). The overall prevalence of subjects with chronic cough and phlegm was 11.9 % (95% CI: %). Of these 2.2% ( %) reported also coexisting asthma. Hence, 18.5% of those subjects self-reporting chronic cough and phlegm also declare to suffer from asthma. However, the Authors avoided the term COPD and rather used the phrase chronic cough and phlegm.

64 References Burney PGJ, Luczynska C, Chinn S, Jarvis D, for the European Community Respiratory Health Survey. The European Community Respiratory Health Survey. Eur Respir J 1994; 7: Cerveri I, Accordini S, Corsico A, Zoia MC, Carrozzi L, Cazzoletti L, Beccaria M, Marinoni A, Viegi G, de Marco R, for I.S.A.Y.A. Study Group. Chronic cough and phlegm in young adults. Eur Respir J 2003; 22: 413-7(IF 02 = 2.931) Cerveri I, Accordini S, Verlato G, Corsico A, Zoia MC, Casali L, Burney P, de Marco R, for ECRHS-Study Group (2001) Variations in the prevalence of chronic bronchitis and smoking habits in young adults across countries. The European Community Respiratory Health Survey (ECRHS). Eur Respir J, 18: (I.F. 01=2.989) de Marco R, Cerveri I, Bugiani M, Ferrari M, Verlato G (1998) An undetected burden of asthma in Italy: the relationship between clinical and epidemiological diagnosis of asthma. Eur Respir J, 11: (I.F. 98=2.233) de Marco R, Zanolin ME, Accordini S, Signorelli D, Marinoni A, Bugiani M, Lo Cascio V, Woods R, Burney P, on behalf of the ECRHS. A new questionnaire for the repeat of the first stage of the European Community Respiratory Health Survey: a pilot study. Eur Resp J 1999; 14: de Marco R, Accordini S, Cerveri I, Corsico A, Sunyer J, Neukirch F, Kunzli N, Leynaert B, Janson C, Gislason T, Vermeire P, Svanes C, Anto JM, Burney P, for the European Community Respiratory Health Survey (ECRHS) Study Group. An international survey of chronic obstructive pulmonary disease in young adults according to GOLD stages. Thorax 2004; 59: 120-5(IF 02=4.078) European Commission, Directorate-General XIII. Protocol for the European Community Respiratory Health Survey. L-2920 Luxembourg: Office for official Publications, Olivieri M, Verlato G, Corsico A, Lo Cascio V, Bugiani M, Marinoni A, de Marco R, for the Italian ECRHS group (2002) Prevalence and features of allergic rhinitis in Italy. Allergy, 57: (IF 02=3.666) Pauwels RA, Buist AS, Calverley PM, Jenkins CR, Hurd SS, the GOLD Scientific Committee. Global strategy for the diagnosis, management, and prevention of chronic obstructive pulmonary disease. NHLBI/WHO Global Initiative for Chronic Obstructive Lung Disease (GOLD) Workshop summary. Am J Respir Crit Care Med 2001; 163:

65

66 Asma e rinite allergica sono fortemente correlate anche se le distribuzioni epidemiologiche non sempre si sovrappongono. Il 60/80% degli asmatici ha rinite allergica e il 25/30% dei rinitici è affetto da asma.

67 PROBLEMI METODOLOGICI nellEPIDEMIOLOGIA delle MALATTIE RESPIRATORIE: 1)diagnosi EPIDEMIOLOGICA vs diagnosi CLINICA 2)distorsione da selezione (selection bias) PREVALENZA dellASMA, della RINITE ALLERGICA, della BRONCHITE CRONICA: 1)variabilità geografica in Europa e in Italia 2)andamenti (trend) temporali FATTORI di RISCHIO chiamati in causa per spiegare i TREND 1)inquinamento 2)cambiamenti climatici 3)allergeni POSSIBILI CONSEGUENZE per il SISTEMA SANITARIO NAZIONALE 1)adeguatezza del trattamento 2)costi diretti 3)costi indiretti

68 past-year = wheeze + breath shortness + attacks + drugs BHR = initial FEV 1 <70% predicted or PD 20 <2 mg methacholine atopy = wheal diameter 4mm at skin prick test or specific IgE 0.7 kU/l

69 With respect to clinicians diagnosis of current asthma, the specificity of the single questions pertaining to the last 12 months ranged from 91.2% to 99.7%, while the sensitivity was especially low, particularly for shortness of breath and asthma attack. The single question maximizing the sum of sensitivity and specificity was that on asthma in the lifetime (ever-asthma), which had a sensitivity of 67.6% and a specificity of 97.5%. The combination defined as self-reported current asthma [asthma attacks + medicines for asthma] did not improve the sensitivity, with respect to the single question on ever asthma, while the combination named past year symptoms [wheeze + shortness of breath + asthma attacks + medicines for asthma] achieved a good sensitivity (82.9%) at the expense of a substantial drop in specificity. The use of past year symptoms associated with BHR only slightly increased the sensitivity. A noticeable improvement in sensitivity was obtained when adding the results of allergological tests: in this case the sensitivity was 71.4% and the specificity 95.2%. de Marco et al, 1998

70

71 Se eliminiamo leffetto dellinvecchiamento della popolazione mediante un procedimento statistico noto come standardizzazione diretta

72 La prevalenza di asma diagnosticata è massima nei paesi di lingua inglese, che presentano un clima oceanico (estati fresche ed inverni miti).

73 La mortalità è un indicatore parziale dello stato di salute di una popolazione. Molte malattie di grande diffusione ed impatto sociale (artrosi, diabete, ipertensione, ecc), presentano bassi o addirittura trascurabili livelli di mortalità. Conti S, Scipione R, Carrani E, Roazzi P, Mari E, Minutoli E. La mortalità per causa in Italia: Istituto Superiore di Sanità – Ufficio di Statistica.

74 Analisi bivariata

75 Analisi multivariata

76 Atopy as a function of self-reported allergic rhinitis or nasal symptoms

77

78 Atopy as a function of both self-reported allergic rhinitis and nasal symptoms


Scaricare ppt "La salute del respiro: unattualità nazionale Die Gesundheit der Atemwege: ein aktuelles Thema von nationaler Bedeutung ROBERTO DE MARCO GIUSEPPE VERLATO."

Presentazioni simili


Annunci Google