La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA PROGETTAZIONE LOGICA Didattica delle applicazioni informatiche mod.B Docente :A.Staiano Specializzanda:P.Fulgieri.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA PROGETTAZIONE LOGICA Didattica delle applicazioni informatiche mod.B Docente :A.Staiano Specializzanda:P.Fulgieri."— Transcript della presentazione:

1 LA PROGETTAZIONE LOGICA Didattica delle applicazioni informatiche mod.B Docente :A.Staiano Specializzanda:P.Fulgieri

2 Progettazione Base Dati Ricordiamo che la progettazione di una Base Dati si divide nelle seguenti tre fasi: Progettazione Concettuale Progettazione Logica Progettazione Fisica

3 Progettazione Base Dati Progettazione Concettuale : rappresentazione formale e astratta della realtà di interesse, indipendentemente dai criteri di rappresentazione del DBMS. schema concettuale modello concettuale Il prodotto è lo schema concettuale e fa riferimento ad un modello concettuale dei dati

4 Progettazione Base Dati Progettazione logica: consiste nella traduzionedello schema concettuale in un modello di rappresentazione concreto adottato dal DBMS a disposizione. schema logico modello logico Il prodotto do tale fase è lo schema logico e fa riferimento ad un modello logico dei dati. Le scelte progettuali di tale fase si basano poi su criteri di ottimizzazione da effettuarsi sui dati

5 Progettazione Base Dati Progettazione fisica : consiste nel completamento dello schema logico con le specifiche dei parametri fisici di memorizzazione dei dati. schema fisico modello fisico Il prodotto di tale fase è lo schema fisico e fa riferimento ad un modello fisico dei dati che dipende dallo specifico DBMS scelto.

6 La Progettazione Logica Obiettivo: Costruire uno schema logico in grado di descrivere le informazioni contenute nello schema Entità-Relazione prodotto nella fase di progettazione concettuale Prima di passare allo schema logico, lo schema E-R va ristrutturato: Per semplificare la traduzione (non tutti i costrutti del modello E-R hanno una traduzione naturale nei modelli logici) Per ottimizzare il progetto (la progettazione logica deve tener conto delle prestazioni del sistema)

7 La Progettazione Logica FASI: Ristrutturazione dello schema E-R: indipendente dal modello logico si basa su criteri di ottimizzazione. Traduzione verso il modello logico: fa riferimento ad un preciso modello logico, in questo caso quello relazionale.

8 La Progettazione Logica INPUT: carico applicativo +schema E-R Modello logico + schema E-R ristrutturato OUTPUT:schema logico Ristrutturazione dello schema E-R Traduzione nel modello logico

9 Analisi delle prestazioni su schemi E-R Indici di prestazioni: le prestazioni di una base di dati non sono valutabili in maniera precisa dalla progettazione logica (prestazioni approssimate) Due parametri che regolano le prestazioni dei sistemi software: Costo di una operazione: in termini di numero di occorrenze di entità e associazione che mediamente vanno visitate per rispondere a una operazione Occupazione di memoria: lo spazio di memoria necessario per memorizzare i dati descritti dallo schema

10 Analisi delle prestazioni su schemi E-R Per studiare questi parametri, dobbiamo conoscere: Volume dei dati: Numero di occorrenze di ogni entità e associazione dello schema Dimensioni di ciascun attributo (di entità o associazione) Caratteristiche delle operazioni: tipo delloperazione, frequenza, dati coinvolti Tali informazioni vengono raggruppate nella Tavola dei Volumi, Tavola delle Operazioni, Tavola degli Accessi.

11 Analisi delle prestazioni su schemi E-R Esempio: Tavola dei volumi: entità e associazioni con il volume (numero di occorrenze) previsto personacittà Residenza popolazione (1,1) (1,N) ConcettoTipoVolume Città E200 Persona E Residenza R

12 Analisi delle prestazioni su schemi E-R Tavola delle operazioni: Per ogni operazione, la frequenza prevista e il tipo : interattiva (I) o batch (B) Esempio: Op. 1: memorizza una nuova persona con la relativa città di residenza Op. 2: stampa tutti i dati di una città (incl. num. abitanti) OperazioneTipoFrequenza Op. 1I500 al giorno Op. 2I2 al giorno

13 Analisi delle prestazioni su schemi E-R Tavola degli accessi : Per una operazione, il numero e il tipo accessi di lettura (L) o scrittura (S) necessario per svolgere loperazione Esempio : ConcettoCostruttoAccessiTipo PersonaE1S ResidenzaR1S CittàE1L E1S ConcettoCostruttoAccessiTipo CittàE1L Op.1 Op.2

14 Ristrutturazione schema E-R Attività della ristrutturazione Analisi delle ridondanze Eliminazione delle generalizzazioni Partizionamento/accorpamento di entità e relationship Scelta degli identificatori primari

15 Analisi delle Ridondanze Una ridondanza in uno schema E-R è una informazione significativa ma derivabile da altre. Forme di ridondanza in uno schema E-R Attributi derivabili: - da altri attributi della stessa entità (o associazione) - da attributi di altre entità (o associazioni) Relazioni derivabili dalla composizione di altre relazioni in presenza di cicli

16 Analisi delle Ridondanze : esempio Attributo derivabile impiegato Importo netto ritenute Importo lordo(ridondanza)

17 Analisi delle Ridondanze : esempio Attributo derivabile da altre entità acquistoprodotto composizione (1,N) prezzo Importo totale (ridondanza)

18 Analisi delle Ridondanze : esempio studente professoreCorso frequenza insegnamento docenza La relazione docenza deriva da frequenza + insegnamento. Non tutti i cicli danno luogo a ridondanze

19 Analisi delle Ridondanze La presenza di ridondanze presenta : un vantaggio : riduzione degli accessi necessari alcuni svantaggi : appesantimento degli aggiornamenti maggiore occupazione di spazio (trascurabile) La decisione di mantenere o eliminare una ridondanza va presa confrontando il costo delle operazioni che coinvolgono il dato ridondante e la relativa occupazione in memoria nei casi di presenza o assenza della ridondanza

20 Analisi delle ridondanze : esempio Il dato ridondante è costituito dallattributo popolazione = n°abitanti. Assumiamo che tale attributo richieda 4 byte e poiché le città prese in considerazione nelle tabelle precedenti sono 200, il dato ridondante richiede 800 byte. personacittà Residenza popolazione (1,1) (1,N)

21 Analisi delle ridondanze : esempio Con dato di ridondanza Op. 1: memorizza una nuova persona con la relativa città di residenza. Dalla sua tavola degli accessi, op. 1 richiede: Un accesso tipo S a Persona (memorizzare la nuova persona) Un accesso tipo S a Residenza (per memorizzare una nuova coppia persona-città) Un accesso tipo L a Città (per cercare la città di interesse) Un accesso tipo S a Città (per incrementare di uno il numero di abitanti di quella città) ConcettoCostr.Acc.Tipo PersonaE1S ResidenzaR1S Citt à E1L E1S

22 Analisi delle ridondanze : esempio Senza dato di ridondanza Op. 1: una nuova tavola degli accessi: Un accesso tipo S a Persona (memorizzare la nuova persona) Un accesso tipo S a Residenza (per memorizzare una nuova coppia persona-città) Conclusione: per op. 1, è meglio lassenza del dato ridondante (meno accessi, 800 byte risparmiato) ConcettoCostr.Acc.Tipo PersonaE1S ResidenzaR1S

23 Analisi delle ridondanze : esempio La situazione per op. 2 : stampa tutti i dati di una città, incluso numero abitanti, è diversa. Con ridondanza: 1 accesso tipo L Senza ridondanza: in media, 5000 accessi tipo L a Residenza [5000 è ottenuto dividendo il numero di persone ( ) per il numero di città (200)] ConcettoCostrAccTipo CittàE1L ConcettoCostr.Acc.Tipo CittàE1L ResidenzaR5000L

24 Analisi delle ridondanze : esempio Conclusioni : supponendo che il costo in scrittura sia doppio rispetto a quello in lettura si può concludere che: con la ridondanza si hanno 3500 ( 1500x2 in S in L)accessi al giorno senza ridondanza si hanno 12000( 5000x2 in S in L) accessi al giorno Pertanto considerando che il risparmio di tempo è notevole conviene lasciare il dato di ridondanza

25 Eliminazione delle generalizzazioni I modelli logici tradizionali, tra cui il modello relazionale, non consentono di rappresentare direttamente una generalizzazione È necessario trasformare le generalizzazioni in entit à e/o associazioni Tre metodi: 1. Accorpamento delle figlie della generalizzazione nel padre 2. Accorpamento del padre della generalizzazione nelle figlie 3. Sostituzione della generalizzazione con associazioni

26 Eliminazione delle generalizzazioni La soluzione più conveniente si ricava da unanalisi simile a quella fatta per le ridondanze o ci si basa su alcune regole generali. Questa ristrutturazione ha il vantaggio di generare entità con pochi attributi e quindi di creare strutture logiche di piccole dimensioni.

27 Partizionamenti o accorpamenti di concetti Le entità e le relazioni di un modello E-R possono essere partizionate o accorpate con lo scopo di ottenere una maggior efficienza delle operazioni, ossia ridurre il numero di accessi mediante: Partizionamento di entità Eliminazione di attributi multivalore Accorpamento di entità

28 Partizionamenti o accorpamenti di concetti : esempio Partizione dellentità impiegato nel caso in cui le operazioni più frequenti su tale entità riguardano i dati anagrafici o i dati retributivi Prima impiegato codice livello stipendio ritenute cognome indirizzo Data nascita

29 Partizionamenti o accorpamenti di concetti : esempio Dopo Dati anagrafici Dati lavorativi Dati impiegato codice indirizzo cognome Data nascita ritenutestipendio livello

30 Scelta degli identificatori principali (chiavi primarie) Questa fase è fondamentale nelle traduzioni verso il modello relazionale poiché le chiavi vengono usate per stabilire legami tra dati in relazioni diverse. Infatti i sistemi di gestione dei DB richiedono generalmente di specificare una chiave primaria sulla quale costruire delle strutture di dati (indici) per il reperimento dei dati in modo più efficiente.

31 Scelta degli identificatori principali (chiavi primarie) Criteri di decisione: Non possono essere attributi con valori nulli È preferibile scegliere un identificatore costituito da uno o pochi attributi È preferibile scegliere identificatori interni È preferibile usare un identificatore utilizzato da molte operazioni.

32 Traduzione verso il modello relazionale Traduzione tra modelli di dati diversi: dallo schema E-R ristrutturato allo schema logico equivalente in grado di rappresentare le medesime informazioni. Si fa riferimento ad un modello che: Non contiene generalizzazioni Non contiene attributi multivalore Utilizza solo identificatori primari

33 Traduzione verso il modello relazionale Per tradurre il modello E-R ristrutturato si tiene conto dei diversi casi che si possono presentare: Entità e associazioni molti a molti Associazioni uno a molti Associazioni uno a uno Entità con identificatore esterno

34 Traduzione verso il modello relazionale Per ogni entità viene creata una relazione (tabella) con lo stesso nome avente per attributi i medesimi attributi dellentità e pe chiave il suo identificatore Per ogni relazione E-R molti a molti, viene creata una relazione (tabella) con lo stesso nome, avente per attributi quelli della relazione E-R e gli identificatori delle entità coinvolte. Tali identificatori formano la chiave della relazione

35 Traduzione verso il modello relazionale : esempio molti a molti Lo schema relazione corrispondente: Impiegato(Matricola, Cognome, Stipendio) Progetto(Codice, Nome, Budget) Partecipazione(Matricola, Codice, DataInizio) Due vincoli di integrità: tra Matricola e Codice di Partecipazione e Matricola e Codice di Impiegato e Progetto Impiegato Progetto Partecipazione (0,N) (1,N) Nome Codice Cognome Stipendio Matricola Data inizio Budget

36 Traduzione verso il modello relazionale : esempio uno a uno docentecattedra titolare Nome Cognome CF anno Monte ore Nome ( 1,1) Se la partecipazione è totale da ambo le parti DOCENTE ( CF, Nome, Cognome, Cattedra, Anno) CATTEDRA (Nome, Monte ore) Oppure DOCENTE( CF, Nome, Cognome) CATTEDRA (Nome, Monte ore, Docente, Anno)

37 Traduzione verso il modello relazionale : esempio uno a uno impiegatodipartimento direzione Stipendio Data inizio SedeTelefono Nome Codice (0,1) (1,1) Se la partecipazione è parziale su un lato: IMPIEGATO( Codice, Nome, Stipendio) DIPARTIMENTO( Nome, Sede, Codicedirettore, Data inizio) Oppure IMPIEGATO (Codice, Nome, Stipendio,Dipartimento,Sede,Telefono, Datainizio) Se la partecipazione è parziale da ambo le parti: IMPIEGATO (Codice, Nome, Stipendio) DIPARTIMENTO ( Nome, Sede, Telefonare) DIREZIONE (CodiceDirettore, Nomedip, Datainizio)

38 La Progettazione Logica Conclusioni : esistono sul mercato degli strumenti di supporto a tutte le fasi di progettazione di un DB ( strumenti CASE). Tali supporti sono utili in fase di traduzione ma non in fase di ristrutturazione del modello E-R che rimane quindi interamente a carico del progettista.

39 verifica Prova semistrutturata


Scaricare ppt "LA PROGETTAZIONE LOGICA Didattica delle applicazioni informatiche mod.B Docente :A.Staiano Specializzanda:P.Fulgieri."

Presentazioni simili


Annunci Google