La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Facoltà di Ingegneria VALUTAZIONI DI IMPATTO AMBIENTALE Corso di Pianificazione Energetica a.a. 2012-2013 ing. Giorgio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Facoltà di Ingegneria VALUTAZIONI DI IMPATTO AMBIENTALE Corso di Pianificazione Energetica a.a. 2012-2013 ing. Giorgio."— Transcript della presentazione:

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Facoltà di Ingegneria VALUTAZIONI DI IMPATTO AMBIENTALE Corso di Pianificazione Energetica a.a ing. Giorgio Baldinelli

2 Definizione Valutazione di impatto Ambientale (VIA) PROCEDURA AMMINISTRATIVA FINALIZZATA ALLA VALUTAZIONE DELLA COMPATIBILITA AMBIENTALE DI UNOPERA PROPOSTA SULLA BASE DI UNANALISI DI TUTTI GLI EFFETTI CHE LOPERA STESSA ESERCITA SULLAMBIENTE E SULLE COMPONENTI SOCIO- ECONOMICHE INTERESSATE NELLE VARIE FASI DELLA SUA REALIZZAZIONE

3 FINALITA PRINCIPALI DELLE PROCEDURE V.I.A.: ….gli effetti di un progetto sullambiente devono essere dichiarati per proteggere la salute umana, contribuire con un migliore ambiente alla qualità della vita, provvedere al mantenimento della varietà delle specie e conservare la capacità di riproduzione dellecosistema in quanto risorsa essenziale di vita….. (DIRETTIVA 85/337/CEE) LA V.I.A IN ITALIA: ORIENTATA INIZIALMENTE IN PREVALENZA ALLE OPERE CIVILI DI GRANDE ESTENSIONE, A PARTIRE DAL 1996, MEDIANTE IL D.P.R 12/4/1996, VIENE ESTESA ANCHE AD OPERE MINORI. SECONDA META ANNI 90: MATURA LESIGENZA DI APPLICARE LAPPROCCIO DELLA V.I.A. NON SOLO ALLE OPERE, MA ANCHE ALLE POLITICHE, AI PIANI E AI PROGRAMMI DI GESTIONE DEL TERRITORIO (VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA V.A.S.) IL D.P.R.12/4/96 INTRODUCE ELEMENTI INNOVATIVI, DANDO ALLA V.I.A UNA ACCEZIONE PIU MODERNA: ALLA LUCE DEL CONCETTO DI SVILUPPO SOSTENIBILE, LA V.IA. DEVE INTEGRARE ASPETTI TECNICI E PROCEDURALI, ACCOMPAGNARE ED INTEGRARE LINTERO PROCESSO DECISIONALE, PONENDOSI BEN AL DI SOPRA DI UN SEMPLICE ALLEGATO TECNICO DI COMPATIBILITA O INCOMPATIBILITA AMBIENTALE.

4 Data la complessità delle relazioni e delle interferenze tra natura e attività umane, il principio dello sviluppo sostenibile deve consentire di individuare un equilibrato rapporto, nell'ambito delle risorse ereditate, tra quelle da risparmiare e quelle da trasmettere, affinché nell'ambito delle dinamiche della produzione e del consumo si inserisca altresì il principio di solidarietà per salvaguardare e per migliorare la qualità dell'ambiente anche futuro. (DECRETO LEGISLATIVO 3 aprile 2006, n. 152) Principio dello sviluppo sostenibile: Volto a garantire che il soddisfacimento dei bisogni delle generazioni attuali non possa compromettere la qualità della vita e le possibilità delle generazioni future.

5 ELEMENTI CARATTERIZZANTI UNA PROCEDURA V.I.A.: 1. STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE: DOCUMENTO TECNICO REDATTO DAL PROPONENTE DELLO STUDIO, PRESENTA UNA DESCRIZIONE COMPLETA DELLE CARTTERISTICHE DEL PROGETTO E DELLE PRINCIPALI INTERAZIONI DELLOPERA CON LAMBIENTE CIRCOSTANTE (CARATTERIZZAZIONE ANTE E POST-OPERAM). 2. COINVOLGIMENTO DELLE AMM.NI LOCALI INTERESSATE: LA DOMANDA CONTENENTE IL PROGETTO DELLOPERA ED IL S.I.A. DEVONO ESSERE TRASMESSE ALLA PROVINCIA ED AI COMUNI INTERESSATI, AI FINI DI INDIVIDUARE LAUTORITA COMPETENTE PER LA PRONUNCIA DEL GIUDIZIO DI COMPATIBILITA. 3. PUBBLICITA DEL PROCEDIMENTO: IL PROPONENTE DEPOSITA PRESSO GLI UFFICI INDICATI DALLE AMM.NI LOCALI, A DISPOSIZIONE PER PUBBLICA CONSULTAZIONE: COPIA DEL PROGETTO S.I.A. SINTESI NON TECNICA IL PROPONENTE PROVVEDE ALLA PUBBLICAZIONE DI UN ANNUNCIO SU PIU QUOTIDIANI A LIVELLO PROVINCIALE, REGIONALE O NAZIONALE IN RAPPORTO AL RILIEVO DELLOPERA. 4. PARTECIPAZIONE AL PROCEDIMENTO: QUALUNQUE SOGGETTO PUO PRESENTARE IN FORMA SCRITTA OSSERVAZIONI SULLOPERA PROPOSTA; TALI OSSERVAZIONI DEVONO ESSERE PRESE IN CONSIDERAZIONE PER IL RILASCIO DEL GIUDIZIO DI COMPATIBILITA AMBIENTALE E POSSONO ORIGINARE INCHIESTE PUBBLICHE.

6 NORMATIVA IN MATERIA DI V.I.A.: STATI UNITI La valutazione di impatto ambientale (V.I.A.) viene introdotta per la prima volta negli USA, con il National Environmental Policy Act (NEPA) del 01/01/1970, firmato dal Presidente Richard Nixon, che istituisce il COUNCIL ON ENVIRONMENTAL QUALITY. I relativi studi devono valutare: Limpatto sullambiente dellazione proposta; Qualsiasi effetto negativo sullambiente che non può essere evitato nellattuazione della proposta; Le alternative allazione proposta; Il rapporto tra lutilizzazione locale a breve termine e la preservazione ed il miglioramento della produttività a medio termine e qualsiasi utilizzazione di risorse irreversibile ed irreparabile, che derivi dallattuazione dellazione proposta. Nascita

7 Il National Environmental Policy Act (NEPA), anticipa di quasi 10 anni il principio fondatore del concetto di Sviluppo sostenibile definito come uno sviluppo che soddisfi le nostre esigenze doggi senza privare le generazioni future della possibilità di soddisfare le proprie[1][1] [1] World Commission on Environment and Development, Our Common Future, Il NEPA assoggetta a VIA le attività degli stati e delle Agenzie Federali che possono avere un impatto ambientale rilevante (anche piani e programmi, politiche, formulazioni leggi e regolamenti)

8 La base della politica del NEPA (National Environmental Policy Act) è di assicurare che tutte le amministrazioni dello Stato esprimano le loro considerazioni ambientali prima di intraprendere qualsiasi azione o interventi federali rilevanti suscettibili di provocare effetti significativi per lambiente attraverso lobbligo di effettuare una Valutazione di Impatto Ambientale (VIA). Nascita

9 Stati Uniti e Europa Progressivo degrado ambientale. Scarsa considerazione degli aspetti ambientali nella programmazione degli interventi. Limiti delle metodologie scientifiche per valutare laccettabilità di interventi a potenziale elevato impatto ambientale. Processi decisionali che necessitano di strumenti complessivi di analisi e valutazione. Perché nasce

10 Formulazione della proposta Screening VIA non richiesta VIA richiesta Esame ambientale iniziale Scoping Analisi degli impatti Mitigazione e gestione degli impatti Studio di Impatto Ambientale Istruttoria Decisione Approvazione Implementazion e ricadute Non approvazione Nuova progettazione Nuova procedura Coinvolgimento del pubblico NB Il coinvolgimento del pubblico può avvenire anche in altri stadi NB Le informazioni relative controbuiranno alle VIA future Processo generale della Valutazione di Impatto Ambientale. Fonte UNEP (UNITED NATIONS ENVIRONMENT PROGRAMME) 2002

11 Direttiva 85/337/CEE Nel 1985 introduce la VIA nell'Unione Europea, imponendo la valutazione dell'impatto ambientale per determinate categorie di opere. La VIA in Europa

12 EUROPA DIRETTIVA DEL CONSIGLIO CEE DEL 27/06/1985 n.337 Valutazione dellimpatto ambientale di determinati soggetti pubblici e privati: si definiscono con chiarezza le competenze legislative ed attuative, gli ambiti di applicazione, le forme di pubblicità e gli adempimenti essenziali connessi alla V.I.A. Vengono elencati i fattori rispetto ai quali la VIA deve valutare gli effetti diretti ed indiretti di un progetto: luomo, la fauna e la flora; Il suolo, lacqua, laria, il clima ed il paesaggio; linterazione tra i fattori sopraelencati; I beni materiali ed il patrimonio culturale. Viene sancito lobbligo di pubblicità degli atti connessi allespletamento della VIA: ALLEGATO I: Progetti sottoposti obbligatoriamente alla VIA (art.4, parag.1) ALLEGATO II: Progetti da sottoporre alla VIA quando gli Stati membri lo ritengano opportuno (art.4,parag.2) ALLEGATO III: Informazioni essenziali che il Committente deve fornire in merito alle caratteristiche dellintervento (art.5, parag.1) NORMATIVA IN MATERIA DI V.I.A.: Direttiva 85/337/CEE Nel 1985 introduce la VIA nell'Unione Europea, imponendo la valutazione dell'impatto ambientale per determinate categorie di opere.

13 Direttiva 97/11/CE Presentata a valle dei primi anni di applicazione (nel 1993) e dopo una revisione critica, costituisce levoluzione della Direttiva 85/337/CEE. Fissano i principi fondamentali della VIA che i Paesi membri dovranno recepire. Individuano negli Allegati I e II le categorie di opere soggette a VIA. Introducono le fasi di screening e scoping. La VIA in Europa

14 Modifica la Direttiva 97/11/CE relativamente alla partecipazione del pubblico e allaccesso alla giustizia. Prevede la partecipazione del pubblico nell'elaborazione di taluni piani e programmi in materia ambientale e modifica le direttive del Consiglio 85/337/CEE e 96/61/CE relativamente alla partecipazione del pubblico e all'accesso alla giustizia. Obiettivo è quello di contribuire allattuazione degli obblighi derivanti dalla Convenzione sullaccesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali e laccesso alla giustizia in materia ambientale, fatta ad Arhus il 25 giugno Direttiva 2003/35/CE La VIA in Europa

15 ACCESSO ALLE INFORMAZIONI, LA PARTECIPAZIONE DEL PUBBLICO AI PROCESSI DECISIONALI E LACCESSO ALLA GIUSTIZIA IN MATERIA AMBIENTALE. Obiettivo programmatico: contribuire alla tutela del diritto di vivere in un ambiente adeguato per la salute ed il benessere, spettante a ciascun individuo delle generazioni attuali e future, sensibilizzando i cittadini sui problemi ambientali favorendo laccesso allinformazione e la loro partecipazione al processo decisionale. Intervento strutturato in tre settori principali: sviluppare laccesso dei cittadini alle informazioni di cui dispongono le autorità pubbliche; favorire la partecipazione dei cittadini alle attività decisionali aventi effetti sullambiente; estendere le condizioni per laccesso alla giustizia in materia ambientale. Convenzione di Aarhus: 25 giugno 1998.

16 Il 24 settembre 1996, il Consiglio dellUnione Europea ha adottato la DIRETTIVA 96/61/CEE sulla prevenzione e riduzione dellinquinamento integrato (IPPC) recepita mediante D.L.04/08/1999 n.372 Passaggio della legislazione ambientale comunitaria dallapproccio settoriale a quello integrato: novità (quasi) assoluta (unico precedente: direttiva 85/337/CEE in materia di valutazione di impatto ambientale (VIA), istituto avente anchesso carattere globale e trasversale) Le normative settoriali restano in vigore: la sostituzione riguarda solo determinate attività - quelle tassativamente elencate nellallegato I della direttiva 96/61/CE, individuate sul presupposto che esse abbiano un grande potenziale di inquinamento a livello locale e di conseguenza a livello trasfrontaliero (considerando n. 27)

17 Finalità passare da un sistema autorizzativo in campo ambientale suddiviso per matrici (acqua, aria, terreno …) ad una visione integrata e sistemica dellinquinamento. Il 24 settembre 1996, il Consiglio dellUnione Europea ha adottato la DIRETTIVA 96/61/CEE sulla prevenzione e riduzione dellinquinamento integrato (IPPC) recepita mediante D.L.04/08/1999 n.372 omogeneizzare le autorizzazioni ambientali degli impianti aventi un grande potenziale di inquinamento, al fine di evitare operazioni di dumping ambientale allinterno dellEuropa in vista del suo allargamento ad Est. garantire al pubblico il diritto di informazione sul funzionamento degli impianti e dei possibili effetti sullambiente e di trasmettere osservazioni; basare i Livelli di Emissione aziendali sulle potenzialità offerte dalle migliori tecniche ambientali disponibili (Best Available Techniques - BAT), in modo da incentivare linnovazione e laggiornamento verso ladozione di tecnologie verdi; privilegiare la prevenzione e la minimizzazione dellinquinamento alla fonte, al fine di garantire una gestione accorta e più sostenibile delle risorse naturali;

18 Attuazione Direttiva 337/85/CEE in Italia PROCEDURA INTRODOTTA IN ITALIA A SEGUITO DELLEMANAZIONE DIRETTIVA 337/85/CEE concernente la valutazione dellimpatto ambientale di determinati soggetti pubblici e privati. RECEPIMENTO INDIRIZZI MEDIANTE: L.349/86: stabilisce che lautorità preposta al rilascio del Giudizio di Compatibilità Ambientale sia il Ministero dellAmbiente. D.P.C.M. 377 DEL 10/8/1988 E 27/12/1988: individuano linsieme delle opere da sottoporre obbligatoriamente alla V.I.A. e si fissano le norme tecniche che regolano la procedura stessa. D.P.C.M. 27 dicembre 1988 Norme tecniche per la redazione degli studi di impatto ambientale e la formulazione del giudizio di compatibilità. D.P.R. 12 aprile 1996: regola la procedura V.I.A. anche alle altre opere minori; delega le Regioni a dotarsi di legislazione specifica per una serie di categorie di opere, inserite negli Allegati A e B.

19 ATTUAZIONE DELLA DIR. 96/61/CE IN ITALIA D. Lgs 372/99: recepimento solo per Impianti esistenti Dir. 96/61/CE D. Lgs. 59/2005 recepimento integrale della direttiva La DIRETTIVA 96/61/CEE sulla prevenzione e riduzione dellinquinamento integrato (IPPC) è recepita in Italia mediante D.Lgs04/08/1999 n.372 e D.Lgs. 59/2005 prevenzioneapprocciointegrato, Sancisce limportanza della prevenzione e dellapproccio integrato, per evitare che la soluzione di un problema in uno specifico comparto trasferisca i fattori di carico su un altro comparto, riconoscendo la natura sistemica dellambiente nelle sue componenti naturali ed antropiche.

20 Decreto Legislativo n° 372 del 4 agosto 1999 (D.Lgs. 372/99) Attuazione della direttiva 96/61/CE relativa alla prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Italiana n° 252 del 26/10/1999 (D.Lgs.372/99) L'autorizzazione integrata ambientale (AIA) é il provvedimento che autorizza l'esercizio di un impianto o di parte di esso a determinate condizioni, che devono garantire la conformità ai requisiti del decreto legislativo 18 febbraio 2005, n. 59, di recepimento della direttiva comunitaria 96/61/CE, relativa alla prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento (IPPC). Ai sensi di quanto previsto dall'articolo 16 del citato D.Lgs. 59/05, tale autorizzazione é necessaria per poter esercire le attività specificate nell'allegato I dello stesso decreto. ATTUAZIONE DELLA DIR. 96/61/CE IN ITALIA

21 NORMATIVA IN MATERIA DI V.I.A. A questi ordinamenti quadro va integrata una vasta e articolata, ma disorganica, legislazione emanata precedentemente alla Direttiva 85/377/CEE e volta a regolare diversi aspetti e fenomeni particolari in materia di tutela delle acque, difesa del mare, inquinamento dellaria negli ambienti esterni, emissioni nellatmosfera da impianti termoelettrici e vapore etc… Come già osservato la normativa italiana sulla VIA è particolarmente complessa ed articolata anche a scala regionale. La complessità della normativa è legata anche alla predisposizione di frequenti modifiche al Codice dell'ambiente, che prevedono spesso revisioni di parti significative dell'articolato sulla VIA. Questa complessità normativa è d'ostacolo all'efficacia ed all'efficienza delle procedure di VIA in Italia.

22 Totale provvedimenti a livello nazionale in materia di VIA, VAS, IPPC e collegati alla VIA per tipologia e per anno.

23 Totale provvedimenti per regione per anno M. Belvisi, G. Baccaro, A. Bartoccioni – La Via a livello Regionale, quadro di riferimento normativo– febbraio RT/AMB/VIA. Pubblicato sul sito dellAPAT

24 NORMATIVA VIGENTE: 1.Direttiva 85/337/CEE del 27 giugno D.P.C.M. 10 agosto 1988, n. 377 e s.m. 3.D.P.C.M. 27 dicembre 1988 e s.m. 4.L. 22 febbraio 1994, n Direttiva 96/61/CE del 24 settembre Direttiva 97/11/CE del 3 marzo L. 15 marzo 1997, n D.Lgs. 31 marzo 1998, n D.P.R. 2 settembre 1999, n Direttiva 2003/35/CE del 26 maggio D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 (Testo Unico sull'ambiente o Codice dell'ambiente) 12.D.P.C.M. 7 marzo D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4, decreto di modifica e integrazione del Codice dell'ambiente (D.Lgs. n. 152/2006) 14.D.Lgs. 29 giugno 2010, n. 128, decreto di modifica e integrazione del Codice dell'ambiente (d.lgs. n. 152/2006) 15.NORMA UNI 10744: pubblicata nel luglio 1999, definisce finalità e requisiti del SIA, riferimenti programmatici, descrizione del progetto, del contesto territoriale e degli impatti ambientali.

25 1.D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 (Testo Unico sull'ambiente o Codice dell'ambiente) 2.D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4, decreto di modifica e integrazione del Codice dell'ambiente (D.Lgs. n. 152/2006) 3.D.Lgs. 29 giugno 2010, n. 128, decreto di modifica e integrazione del Codice dell'ambiente (d.lgs. n. 152/2006) IMPATTO AMBIENTALE: l'alterazione qualitativa e/o quantitativa, diretta ed indiretta, a breve e a lungo termine, permanente e temporanea, singola e cumulativa, positiva e negativa dell'ambiente, inteso come sistema di relazioni fra i fattori antropici, naturalistici, chimico-fisici, climatici, paesaggistici, architettonici, culturali, agricoli ed economici, in conseguenza dell'attuazione sul territorio di piani o programmi o di progetti nelle diverse fasi della loro realizzazione, gestione e dismissione, nonché di eventuali malfunzionamenti. Testo unico in materia ambientale

26 1.D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 (Testo Unico sull'ambiente o Codice dell'ambiente) 2.D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4, decreto di modifica e integrazione del Codice dell'ambiente (D.Lgs. n. 152/2006) 3.D.Lgs. 29 giugno 2010, n. 128, decreto di modifica e integrazione del Codice dell'ambiente (d.lgs. n. 152/2006) La parte seconda del D.Lgs. 152/06 regolamenta tre procedimenti amministrativi e/o autorizzativi relativi però a situazioni/contesti ben diversi: VIA, VAS, AIA Testo unico in materia ambientale La VAS o Valutazione Ambientale Strategica si applica a PIANI e PROGRAMMI in altre parole agli strumenti di PIANIFICAZIONE TERRITORIALE (PSC Piano Strutturale Comunale, PTCP o Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale, PTR Piano Territoriale Regionale, e di SETTORE (es.: PTA Piano di Tutela delle Acque, PIAE Piano Infraregionale delle Attività Estrattive, eccetera).

27 1.D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 (Testo Unico sull'ambiente o Codice dell'ambiente) 2.D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4, decreto di modifica e integrazione del Codice dell'ambiente (D.Lgs. n. 152/2006) 3.D.Lgs. 29 giugno 2010, n. 128, decreto di modifica e integrazione del Codice dell'ambiente (d.lgs. n. 152/2006) Testo unico in materia ambientale La VIA o Valutazione di Impatto Ambientale è un processo decisionale che si pone lo scopo di identificare, prima della sua realizzazione, gli impatti che un'OPERA o uno STABILIMENTO avrà sull'ambiente, e quindi di DECIDERE se autorizzarne la costruzione, in caso di impatti trascurabili o accettabili, o viceversa di bocciarne il progetto, qualora troppo impattante. La VIA si applica quindi a opere e progetti, come ad esempio una nuova ferrovia, un nuovo elettrodotto, una nuova strada statale o un nuovo tratto di autostrada, eccetera.

28 1.D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 (Testo Unico sull'ambiente o Codice dell'ambiente) 2.D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4, decreto di modifica e integrazione del Codice dell'ambiente (D.Lgs. n. 152/2006) 3.D.Lgs. 29 giugno 2010, n. 128, decreto di modifica e integrazione del Codice dell'ambiente (d.lgs. n. 152/2006) Testo unico in materia ambientale L'AIA o Autorizzazione Integrata Ambientale è una autorizzazione unica rilasciata ad una ATTIVITA' PRODUTTIVA (esempio, una fabbrica di cemento, o una vetreria, o una fabbrica di elettrodomestici, e così via) che contiene in sè in un unico atto tutte le autorizzazioni ambientali appunto, che in precedenza erano settoriali e ognuna indipendente dalle altre. Elenco delle autorizzazioni ambientali da considerare sostituite dalla autorizzazione integrata ambientale: 1. Autorizzazione alle emissioni in atmosfera, fermi restando i profili concernenti aspetti sanitari; 2. Autorizzazione allo scarico; 3. Autorizzazione unica per i nuovi impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti; 4. Autorizzazione allo smaltimento degli apparecchi contenenti PCB-PCT; 5. Autorizzazione all'utilizzo dei fanghi derivanti dal processo di depurazione in agricoltura.

29 Impianti per i quali lo Stato è competente sia per la Via che per AIA Il Coordinamento tra le procedure inerenti la valutazione dimpatto ambientale e lAutorizzazione Integrata Ambientale è stabilito allArt. 10 della Parte seconda del D.lgs 152/06 così come modificato dal D.LGS N. 4: NORME PER IL COORDINAMENTO E LA SEMPLIFICAZIONI DEI PROCEDIMENTI Impianti per i quali sia VIA che AIA sono di competenza regionale In tale articolo sono distinti :

30 Art. 10, comma 1 Il provvedimento di valutazione d'impatto ambientale fa luogo dell'autorizzazione integrata ambientale per i progetti per i quali la relativa valutazione spetta allo Stato e che ricadono nel campo di applicazione dell'allegato V del decreto legislativo 18 febbraio 2005, n. 59. Lo studio di impatto ambientale e gli elaborati progettuali contengono, a tale fine, anche le informazioni previste ai commi 1 e 2 dell'articolo 5 e il provvedimento finale le condizioni e le misure supplementari previste dagli articoli 7 e 8 del medesimo decreto n. 59 del Il provvedimento di V.I.A. sostituisce (letteralmente fa luogo) quello di A.I.A. lo studio di impatto, gli elaborati progettuali e il provvedimento finale devono contenere le informazioni/condizioni e misure stabilite dai commi 1 e 2 dellart 5, art. 7 e art. 8 del D.lgs 59/2005 (procedura ai fini del rilascio dellaia, condizioni dellaia, migliori tecniche disponibili). IMPIANTI PER I QUALI LO STATO È COMPETENTE SIA PER LA VIA CHE PER AIA

31 1) Raffinerie di petrolio greggio (escluse le imprese che producono soltanto lubrificanti dal petrolio greggio), nonché impianti di gassificazione e di liquefazione di almeno 500 tonnellate (Mg) al giorno di carbone o di scisti bituminosi; 2) Centrali termiche ed altri impianti di combustione con potenza termica di almeno 300 MW; 3) Acciaierie integrate di prima fusione della ghisa e dell'acciaio; 4) Impianti chimici con capacità produttiva complessiva annua per classe di prodotto, espressa in milioni di chilogrammi, superiore alle soglie di seguito indicate:(omissis) 5) Impianti funzionalmente connessi a uno degli impianti di cui ai punti precedenti, localizzati nel medesimo sito e gestiti dal medesimo gestore, che non svolgono attività di cui all'allegato I; 6) Altri impianti rientranti nelle categorie di cui all'allegato I localizzati interamente in mare. Ai sensi dell'art. 18, comma 3, possono essere introdotte modifiche al presente allegato V con decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio di concerto con il Ministro delle attività produttive e con il Ministro della salute, d'intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano. Allegato V (articolo 2, comma 1, lettera i) Categorie di impianti relativi alle attività industriali di cui all'allegato I, soggetti ad autorizzazione integrata ambientale statalearticolo 2, comma 1, lettera iallegato I

32 IMPIANTI PER I QUALI LA VIA E LAIA SONO DI COMPETENZA REGIONALE Art. 10, comma 2 Le Regioni e le Province autonome assicurano che, per i progetti per i quali la valutazione d'impatto ambientale sia di loro attribuzione e che ricadano nel campo di applicazione dell'allegato I del decreto legislativo n. 59 del 2005, la procedura per il rilascio di autorizzazione integrata ambientale sia coordinata nell'ambito del procedimento di Via. E' in ogni caso assicurata l'unicità della consultazione del pubblico per le due procedure. Per i progetti sottoposti a VIA regionale (allegato III alla parte seconda del D.lgs 152/06) che ricadono nelle categorie industriali soggette al D.lgs. 59/2005 (allegato I del D.lgs 59/05), viene rinviata alle regioni la predisposizione degli strumenti atti ad assicurare il necessario coordinamento tra la procedura di A.I.A. nellambito del procedimento di V.I.A.; mentre viene fissata lunicità della consultazione al pubblico per le due procedure.

33 1. Attività energetiche. 2. Produzione e trasformazione dei metalli. 3. Industria dei prodotti minerali. 4. Industria chimica. 5. Gestione dei rifiuti. 6. Altre attività. Allegato I (articolo 1, comma 1) Categorie di attività industriali di cui all'art. 1

34 Valutazione ambientale dei progetti, o valutazione d'impatto ambientale, o VIA: il procedimento mediante il quale vengono preventivamente individuati gli effetti sull'ambiente di un progetto, ai fini dell'individuazione delle soluzioni più idonee al perseguimento dei seguenti obiettivi: Testo unico in materia ambientale 1. Assicurare che l'attività antropica sia compatibile con le condizioni per uno sviluppo sostenibile, e quindi nel rispetto della capacità rigenerativa degli ecosistemi e delle risorse, della salvaguardia della biodiversità e di un'equa distribuzione dei vantaggi connessi all'attività economica. 2. Proteggere la salute umana, contribuire con un migliore ambiente alla qualità della vita, provvedere al mantenimento delle specie e conservare la capacità di riproduzione dell'ecosistema in quanto risorsa essenziale per la vita. A questo scopo, la VIA individua, descrive e valuta, in modo appropriato, per ciascun caso particolare, gli impatti diretti e indiretti di un progetto sui seguenti fattori: 1) l'uomo, la fauna e la flora; 2) il suolo, l'acqua, l'aria e il clima; 3) i beni materiali ed il patrimonio culturale; 4) l'interazione tra i fattori di cui sopra.

35 Resta salva la possibilità delle regioni e delle province autonome di Trento e di Bolzano di definire eventuali ulteriori modalità, rispetto a quelle indicate nel decreto, per lo svolgimento della consultazione oltre al compito di disciplinare altri aspetti con propri provvedimenti legislativi (competenze regionali e locali, individuazione enti interessati e competenti in materia di ambiente, assoggettamento progetti a VIA e screening) Testo unico in materia ambientale Liter procedurale complessivo della valutazione d'impatto ambientale si articola principalmente nelle seguenti fasi a) lo svolgimento di una verifica di assoggettabilità b) la definizione dei contenuti dello studio di impatto ambientale; c) la presentazione e la pubblicazione del progetto; d) lo svolgimento di consultazioni; f) la valutazione dello studio ambientale e degli esiti delle consultazioni; g) la decisione; h) l'informazione sulla decisione; i) il monitoraggio. Le fasi della procedura VIA

36 Quadro delle sorgenti di impatto e dei principali elaborati coinvolti nei processi di valutazione ambientale PROGETTO PRELIMINARE PROGETTO DEFINITIVO SCREENING (occorre la VIA? Il progetto può essere compatibile? STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE VALUTAZIONE PRELIMINARE SCOPING Accertamento inesistenza elementi preclusivi Condizioni ed elementi per ottenere il consenso sul progetto definitivo Condizioni per lelaborazione del progetto e dello Studio di Impatto Ambientale STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALESTUDIO DI FATTIBILITA AMBIENTALE VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE CONFERENZA DEI SERVIZI SUL PROGETTO DEFINITIVO NOSI NO SI

37 Verifica di assoggettabilità: la verifica attivata allo scopo di valutare se progetti possono avere un impatto significativo e negativo sull'ambiente e devono essere sottoposti alla fase di valutazione secondo le disposizioni del DLgs 152/06. D. Lgs n.4 del 2008 ALLEGATO V - Criteri per la Verifica assoggettabilità di cui all'art Caratteristiche dei progetti Le caratteristiche dei progetti debbono essere considerate tenendo conto, in particolare: delle dimensioni del progetto; del cumulo con altri progetti; dell'utilizzazione di risorse naturali; della produzione di rifiuti; dell'inquinamento e disturbi ambientali ; del rischio di incidenti, per quanto riguarda, in particolare, le sostanze o le tecnologie utilizzate. Fase a)

38 D. Lgs. 4/08 ALLEGATO V - Criteri per la Verifica assoggettabilità di cui all'art Localizzazione dei progetti Deve essere considerata la sensibilità ambientale delle aree geografiche che possono risentire dellimpatto dei progetti, tenendo conto, in particolare : dell'utilizzazione attuale del territorio; della ricchezza relativa, della qualità e della capacità di rigenerazione delle risorse naturali della zona; della capacità di carico dell'ambiente naturale, con particolare attenzione alle seguenti zone : a) zone umide; b) zone costiere; c) zone montuose o forestali; d) riserve e parchi naturali; e) zone classificate o protette dalla legislazione degli Stati membri ; zone protette speciali designate; dagli Stati membri in base al-le dir. 79/409/CEE e 92/43/CEE; f) zone nelle quali gli standard di qualità ambientale fissati dalla legislazione comunitaria sono già stati superati; g) zone a forte densità demografica; h) zone di importanza storica, culturale o archeologica; i) territori con produzioni agricole di particolare qualità e tipicità di cui all'art. 21 del decreto legislativo 18 maggio 2001, n Fase a)

39 3.Caratteristiche dell'impatto potenziale Gli impatti potenzialmente significativi dei progetti debbono essere considerati in relazione ai criteri stabiliti ai punti 1 e 2 e tenendo conto, in particolare: della portata dell'impatto (area geografica e densità della popolazione interessata); della natura transfrontaliera dell'impatto; dell'ordine di grandezza e della complessità dell'impatto; della probabilità dell'impatto; della durata, frequenza e reversibilità dell'impatto. D. Lgs. 4/08 ALLEGATO V - Criteri per la Verifica assoggettabilità di cui all'art Fase a)

40 Passaggi per la procedura di screening Presentazione dell istanza per la procedura di screening Il proponente trasmette all'autorità competente il progetto preliminare, lo studio preliminare ambientale in formato elettronico, ovvero nei casi di particolare difficoltà di ordine tecnico, anche su supporto cartaceo. Dell'avvenuta trasmissione è dato sintetico avviso, a cura del proponente, nella GURI per i progetti di competenza statale, nel BUR per i progetti di rispettiva competenza, nonché all'albo pretorio dei comuni interessati. Nell'avviso sono indicati il proponente, l'oggetto e la localizzazione prevista per il progetto, il luogo ove possono essere consultati gli atti nella loro interezza ed i tempi entro i quali è possibile presentare osservazioni. Fase a)

41 Consultazioni Chiunque abbia interesse può far pervenire le proprie osservazioni entro quarantacinque giorni dalla pubblicazione dell'avviso. Passaggi per la procedura di screening Fase a) Deposito degli atti Copia integrale degli atti è depositata presso i comuni ove il progetto è localizzato. Nel caso dei progetti di competenza statale la documentazione è depositata anche presso la sede delle Regioni e delle Province ove il progetto è localizzato. I principali elaborati del progetto preliminare e lo studio preliminare ambientale, sono pubblicati sul sito web dell'autorità competente.

42 Decisione l'autorità competente si deve esprimere attraverso un provvedimento di assoggettabilità, disponendo: · lesclusione dalla procedura di VIA, con eventuali prescrizioni, se il progetto non ha impatti ambientali significativi o non costituisce modifica sostanziale; · lassoggettamento alla procedura di VIA, se il progetto ha possibili impatti significativi o costituisce modifica sostanziale. Il provvedimento di assoggettabilità comprese le motivazioni deve essere reso pubblico a cura dell'autorità competente attraverso: a) un sintetico avviso pubblicato nella GU o BUR b) con la pubblicazione integrale sul sito web dell'autorità competente. La verifica di assoggettabilità alla VIA può essere condotta anche nell'ambito della VAS. In tal caso le modalità di informazione del pubblico danno specifica evidenza della integrazione procedurale. Valutazione dello studio preliminare ambientale e del progetto preliminare. L'autorità competente nei successivi 45 giorni, sulla base dei criteri indicati nell'allegato V e tenuto conto dei risultati della consultazione, verifica se il progetto abbia possibili effetti negativi apprezzabili sull'ambiente. Passaggi per la procedura di screening Fase a)

43 Lo scoping Fase preliminare facoltativa di Definizione dei contenuti dello studio di impatto ambientale richiesta dal proponente al fine di consultare lautorità competente e i soggetti competenti in materia ambientale sulla portata delle informazioni da inserire nel SIA. Entro 60 giorni: pronuncia dellautorità competente con indicazioni sulle condizioni per lelaborazione del progetto e dello studio di impatto senza che ciò pregiudichi la definizione del successivo procedimento. Definizione dei contenuti dello studio di impatto ambientale Fase b) Documentazione da presentare: progetto preliminare; studio preliminare ambientale; relazione inerente al piano di lavoro per la redazione del SIA; elenco delle autorizzazioni, intese, concessioni, licenze, pareri, nulla osta e assensi comunque denominati necessari alla realizzazione ed esercizio del progetto.

44 1.L'istanza è presentata dal proponente l'opera o l'intervento all'autorità competente. Ad essa sono allegati il progetto definitivo, lo studio di impatto ambientale, la sintesi non tecnica e copia dell'avviso a mezzo stampa. Fase c) Presentazione dell'istanza 2.Dalla data della presentazione decorrono i termini per l'informazione e la partecipazione, la valutazione e la decisione. 3.Alla domanda è altresì allegato l'elenco delle autorizzazioni, intese, concessioni, licenze, pareri, nulla osta e assensi comunque denominati, già acquisiti o da acquisire ai fini della realizzazione e dell'esercizio dell'opera o intervento, nonché una copia in formato elettronico, su idoneo supporto, degli elaborati, conforme agli originali presentati.

45 5.Entro trenta giorni l'autorità competente verifica la completezza della documentazione e l'avvenuto pagamento del contributo dovuto. Qualora l'istanza risulti incompleta, l'autorità competente richiede al proponente la documentazione integrativa da presentare entro un termine non superiore a trenta giorni e comunque correlato alla complessità delle integrazioni richieste. In tal caso i termini del procedimento si intendono interrotti fino alla presentazione della documentazione integrativa. Qualora entro il termine stabilito il proponente non depositi la documentazione completa degli elementi mancanti e,l'istanza si intende ritirata. E' fatta salva la facoltà per il proponente di richiedere una proroga del termine per la presentazione della documentazione integrativa in ragione della complessità della documentazione da presentare. Fase c) 4.La documentazione è depositata (supporto informatico/cartaceo) presso gli uffici dell'autorità competente, delle regioni, delle province e dei comuni il cui territorio sia anche solo parzialmente interessato dal progetto o dagli impatti della sua attuazione. Presentazione dell'istanza

46 Consultazione 1.Contestualmente alla presentazione dellistanza, del progetto deve essere data notizia a mezzo stampa e su sito web dell'autorità competente. 2.Le pubblicazioni a mezzo stampa vanno eseguite a cura e spese del proponente. Nel caso di progetti di competenza statale, la pubblicazione va eseguita su un quotidiano a diffusione nazionale e su un quotidiano a diffusione regionale per ciascuna regione direttamente interessata. Nel caso di progetti per i quali la competenza allo svolgimento della valutazione ambientale spetta alle regioni, si provvederà con la pubblicazione su un quotidiano a diffusione regionale o provinciale. 3. La pubblicazione deve contenere, oltre una breve descrizione del progetto e dei suoi possibili principali impatti ambientali, l'indicazione delle sedi ove possono essere consultati gli atti nella loro interezza ed i termini entro i quali è possibile presentare osservazioni. 4.Entro il termine di sessanta giorni dalla presentazione, chiunque abbia interesse può prendere visione del progetto e del relativo studio ambientale, presentare proprie osservazioni, anche fornendo nuovi o ulteriori elementi conoscitivi e valutativi. 5.Il provvedimento di valutazione dell'impatto ambientale deve tenere in conto le osservazioni pervenute, considerandole contestualmente, singolarmente o per gruppi. 6.L'autorità competente può disporre che la consultazione avvenga mediante lo svolgimento di un'inchiesta pubblica per l'esame dello studio di impatto ambientale, dei pareri forniti dalle pubbliche amministrazioni e delle osservazioni dei cittadini. Senza che ciò comporti interruzioni o sospensioni dei termini per l'istruttoria. Fase d)

47 7.L'inchiesta si conclude con una relazione sui lavori svolti ed un giudizio sui risultati emersi, che sono acquisiti e valutati ai fini del provvedimento di valutazione dell'impatto ambientale. 8.Il proponente, qualora non abbia luogo l'inchiesta, può, anche su propria richiesta, essere chiamato, prima della conclusione della fase di valutazione, ad un sintetico contraddittorio con i soggetti che hanno presentato pareri o osservazioni. Il verbale del contraddittorio è acquisito e valutato ai fini del provvedimento di valutazione dell'impatto ambientale. 9.Entro trenta giorni successivi alla scadenza del termine per la presentazione delle osservazioni, il proponente può chiedere di modificare gli elaborati, anche a seguito di osservazioni o di rilievi emersi nel corso dell'inchiesta pubblica o del contraddittorio.Se accoglie l'istanza, l'autorità competente fissa per l'acquisizione degli elaborati un termine non superiore a quarantacinque giorni, prorogabili su istanza del proponente per giustificati motivi, ed emette il provvedimento di valutazione dell'impatto ambientale entro novanta giorni dalla presentazione degli elaborati modificati. 10.L'autorità competente, ove ritenga che le modifiche apportate siano sostanziali e rilevanti per il pubblico, dispone che il proponente ne depositi copia e, contestualmente, dia avviso dell'avvenuto deposito. Entro il termine di sessanta giorni dalla pubblicazione del progetto, chiunque abbia interesse può prendere visione del progetto e del relativo studio ambientale, presentare proprie osservazioni, anche fornendo nuovi o ulteriori elementi conoscitivi e valutativi in relazione alle sole modifiche apportate agli elaborati. In questo caso, l'autorità competente esprime il provvedimento di valutazione dell'impatto ambientale entro novanta giorni dalla scadenza del termine previsto per la presentazione delle osservazioni. 11.Sul suo sito web, l'autorità competente pubblica la documentazione presentata, ivi comprese le osservazioni, le eventuali controdeduzioni e le modifiche eventualmente apportate al progetto. Consultazione Fase d)

48 Presentazione di istanza ed allegati Pubblicazione Informazione su Web Verifica completezza elaborati 30 Osservazioni 45 Pareri R, SCA, MBAC 60 Espressione di PVIA 150 gg 0 AUTORITA COMPETENTEPROPONENTECONSULTAZIONI PROCEDURA ORDINARIA DI VIA La procedura ordinaria di VIA secondo il D.Lgs 152/06 mod. che si conclude con lespressione dello specifico Provvedimento (PVIA). Fase d)

49 3. Contestualmente alla pubblicazione, il proponente, affinchè l'autorità competente ne acquisisca le determinazioni, trasmette l'istanza, completa di allegati, a tutti i soggetti competenti in materia ambientale interessati, qualora la realizzazione del progetto preveda autorizzazioni, intese, concessioni, licenze, pareri, nulla osta e assensi comunque denominati in materia ambientale. Le amministrazioni rendono le proprie determinazioni entro sessanta giorni dalla presentazione dell'istanza, ovvero nell'ambito della (Conferenza dei servizi istruttoria eventualmente indetta) a tal fine dall'autorità competente. Entro il medesimo termine il Ministero per i beni e le attività culturali si esprime ai sensi dell'articolo 26 del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, e negli altri casi previsti dal medesimo decreto. Valutazione dello studio di impatto ambientale e degli esiti della Consultazione 1. Le attività tecnico-istruttorie per la valutazione d'impatto ambientale sono svolte dall'autorità competente. 2. L'autorità competente acquisisce e valuta tutta la documentazione presentata, le osservazioni, obiezioni e suggerimenti inoltrati, nonché, nel caso dei progetti di competenza dello Stato, il parere delle regioni interessate, che dovrà essere reso entro ((novanta giorni)) dalla presentazione dellistanza. 3-bis. Qualora le amministrazioni non si siano espresse nei termini ivi previsti ovvero abbiano manifestato il proprio dissenso, l'autorità competente procede comunque a prendere una decisione 4. L'autorità competente può concludere con le altre amministrazioni pubbliche interessate accordi per disciplinare lo svolgimento delle attività di interesse comune ai fini della semplificazione delle procedure. Fase e)

50 Decisione 1. L'autorità competente conclude con provvedimento espresso e motivato il procedimento di valutazione dell'impatto ambientale nei centocinquanta giorni successivi alla presentazione dell'istanza. Nei casi in cui e' necessario procedere ad accertamenti ed indagini di particolare complessità, l'autorità competente, con atto motivato, dispone il prolungamento del procedimento di valutazione sino ad un massimo di ulteriori sessanta giorni dandone comunicazione al proponente. 2. L'inutile decorso dei termini previsti, implica l'esercizio del potere sostitutivo da parte del Consiglio dei Ministri, che provvede, su istanza delle amministrazioni o delle parti interessate, entro sessanta giorni, previa diffida all'organo competente ad adempire entro il termine di venti giorni. 3. L'autorità competente può richiedere al proponente entro trenta giorni dalla scadenza del termine dei 60 giorni dalla presentazione dellistanza, in un'unica soluzione, integrazioni alla documentazione presentata, con l'indicazione di un termine per la risposta che non può superare i quarantacinque giorni, prorogabili, su istanza del proponente, per un massimo di ulteriori quarantacinque giorni. L'autorità competente esprime il provvedimento di valutazione dell'impatto ambientale entro novanta giorni dalla presentazione degli elaborati modificati. 3-bis. L'autorità competente, ove ritenga che le modifiche apportate siano sostanziali e rilevanti per il pubblico, dispone che il proponente depositi copia delle stesse, e, contestualmente, dia avviso dell'avvenuto deposito. Entro il termine di sessanta giorni dalla pubblicazione del progetto, chiunque abbia interesse può prendere visione del progetto e del relativo studio di impatto ambientale, presentare proprie osservazioni, anche fornendo nuovi o ulteriori elementi conoscitivi e valutativi in relazione alle sole modifiche apportate agli elaborati. In questo caso, l'autorità competente esprime il provvedimento di valutazione. Fase f)

51 Informazione della Decisione 1. Il provvedimento di valutazione dell'impatto ambientale è pubblicato per estratto, con indicazione dell'opera, dell'esito del provvedimento e dei luoghi ove lo stesso potrà essere consultato nella sua interezza, a cura del proponente nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana per i progetti di competenza statale ovvero nel Bollettino Ufficiale della regione, per i progetti di rispettiva competenza. Dalla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale ovvero dalla data di pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della regione decorrono i termini per eventuali impugnazioni in sede giurisdizionale da parte di soggetti interessati. 2. Il provvedimento di valutazione dell'impatto ambientale deve essere pubblicato per intero e su sito web dell'autorità competente indicando la sede ove si possa prendere visione di tutta la documentazione oggetto dell'istruttoria e delle valutazioni successive. Fase g)

52 Monitoraggio 1. Il provvedimento di valutazione dell'impatto ambientale contiene ogni opportuna indicazione per la progettazione e lo svolgimento delle attività di controllo e monitoraggio degli impatti. Il monitoraggio assicura, anche avvalendosi del sistema delle Agenzie ambientali, il controllo sugli impatti ambientali significativi sull'ambiente provocati dalle opere approvate, nonché la corrispondenza alle prescrizioni espresse sulla compatibilità ambientale dell'opera, anche, al fine di individuare tempestivamente gli impatti negativi imprevisti e di consentire all'autorità competente di essere in grado di adottare le opportune misure correttive. 1-bis. In particolare, qualora dalle attività di monitoraggio risultino impatti negativi ulteriori e diversi, ovvero di entità significativamente superiore, rispetto a quelli previsti e valutati nel provvedimento di valutazione dell'impatto ambientale, l'autorità competente, acquisite informazioni e valutati i pareri resi può modificare il provvedimento ed apporvi condizioni ulteriori rispetto a quelle decise. Qualora dall'esecuzione dei lavori ovvero dall'esercizio dell'attività possano derivare gravi ripercussioni negative, non preventivamente valutate, sulla salute pubblica e sull'ambiente, l'autorità competente può ordinare la sospensione dei lavori o delle attività autorizzate, nelle more delle determinazioni correttive da adottare. Fase h)

53 2. Delle modalità di svolgimento del monitoraggio, dei risultati e delle eventuali misure correttive adottate ai sensi del comma 1 è data adeguata informazione attraverso i siti web dell'autorità competente e dell'autorità procedente e delle Agenzie interessate. Per esempio: Sito web ARPA UMBRIA

54 d) la descrizione della tecnica prescelta, con riferimento alle migliori tecniche disponibili a costi non eccessivi, e delle altre tecniche previste per prevenire le emissioni degli impianti e per ridurre lutilizzo delle risorse naturali, confrontando le tecniche prescelte con le migliori tecniche disponibili. CONTENUTI DELLO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE - ALLEGATO VII al d.lgs. 4/ Descrizione del progetto, comprese in particolare: a) una descrizione delle caratteristiche fisiche dellinsieme del progetto e delle esigenze di utilizzazione del suolo durante le fasi di costruzione e di funzionamento; b) una descrizione delle principali caratteristiche dei processi produttivi, con lindicazione, per esempio, della natura e delle quantità dei materiali impiegati; c) una valutazione del tipo e della quantità dei residui e delle emissioni previsti (inquinamento dellacqua, dellaria e del suolo, rumore, vibrazione, luce, calore, radiazione, eccetera) risultanti dallattività del progetto proposto;

55 3. Una descrizione delle componenti dellambiente potenzialmente soggette ad un impatto importante del progetto proposto, con particolare riferimento alla popolazione, alla fauna e alla flora, al suolo, allacqua, allaria, ai fattori climatici, ai beni materiali, compreso il patrimonio architettonico e archeologico, nonché il patrimonio agroalimentare, al paesaggio e allinterazione tra questi vari fattori. CONTENUTI DELLO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE - ALLEGATO VII al d.lgs. 4/ Una descrizione delle principali alternative prese in esame dal proponente, compresa lalternativa zero, con indicazione delle principali ragioni della scelta, sotto il profilo dellimpatto ambientale, con una descrizione delle alternative prese in esame e loro comparazione con il progetto presentato.

56 5. Una descrizione delle misure previste per evitare, ridurre e se possibile compensare rilevanti impatti negativi del progetto sullambiente. c) dovuti allemissione di inquinanti, alla creazione di sostanze nocive e allo smaltimento dei rifiuti; nonché la descrizione da parte del proponente dei metodi di previsione utilizzati per valutare gli impatti sullambiente. 6. Una descrizione delle misure previste per il monitoraggio. 4. Una descrizione dei probabili impatti rilevanti (diretti ed eventualmente indiretti, secondari, cumulativi, a breve, medio e lungo termine, permanenti e temporanei, positivi e negativi) del progetto proposto sullambiente: CONTENUTI DELLO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE - ALLEGATO VII al d.lgs. 4/2008 a) dovuti allesistenza del progetto; b) dovuti allutilizzazione delle risorse naturali;

57 Allo studio di impatto ambientale deve essere allegata una sintesi non tecnica delle caratteristiche dimensionali e funzionali del progetto e dei dati ed informazioni contenuti nello studio stesso inclusi elaborati grafici. La documentazione dovrà essere predisposta al fine consentirne un'agevole comprensione da parte del pubblico ed un'agevole riproduzione. Ai fini della predisposizione dello studio di impatto ambientale e degli altri elaborati necessari per l'espletamento della fase di valutazione, il proponente ha facoltà di accedere ai dati ed alle informazioni disponibili presso la pubblica amministrazione. CONTENUTI DELLO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE

58 I contenuti dello Studio di Impatto Ambientale derivano: dalle indicazioni dellallegato VII del Decreto; dagli esiti della fase di consultazione facoltativa (scoping) che il proponente ha la facoltà di chiedere; dalle indicazioni delle norme tecniche del DPCM tuttora vigenti, in attesa di una loro revisione. Nel caso di progetti previsti da piani o programmi che erano già stati sottoposti a VAS è possibile (ed auspicabile) lutilizzo delle informazioni e delle analisi contenute nel relativo Rapporto Ambientale. Più in generale la documentazione e le conclusioni della VAS dovranno condizionare la redazione dei progetti e il relativo processo di valutazione. Contenuti generali del SIA

59 ELEMENTI CARATTERIZZANTI S.I.A.: 1. QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO: FORNISCE ELEMENTI SULLE RELAZIONI TRA LOPERA IN ESAME E GLI STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E SETTORIALE; FORNISCE I TEMPI DI REALIZZAZIONE PREVISTI PER LOPERA. 2.QUADRO DI RIFERIMENTO PROGETTUALE DESCRIVE: IL PROGETTO E LE SOLUZIONI ADOTTATE A SEGUITO DEGLI STUDI EFFETTUATI; NATURA E BENI DEI SERVIZI OFFERTI; CARATTERISTICHE TECNICHE DEL PROGETTO; CONDIZIONAMENTI E VINCOLI DOVUTI A NORME TECNICHE CHE REGOLANO LA REALIZZAZIONE DELLOPERA; PRESCRIZIONI CONTENUTE IN STRUMENTI URBANISTICI, PIANI PAESISITICI E TERRITORIALI; MOTIVAZIONI TECNICHE DELLA SCELTA PROGETTUALE; EVENTUALI ALTERNATIVE PROGETTUALI PRESE IN ESAME; QUANTITA E CARATTERISTICHE DELLE EMISSIONI DELLIMPIANTO CON RIFERIMENTO ALLE FASI DI REALIZZAZIONE DELLOPERA; MISURE ADOTTATE PER IL CONTENIMENTO DEGLI IMPATTI E PER OTTIMIZZARE INSERIMENTO DELLOPERA NEL TERRITORIO E NELLAMBIENTE; ANALISI ECONOMICA COSTI-BENEFICI. D.P.C.M. 27 dicembre 1988 e s.m.

60 ELEMENTI CARATTERIZZANTI S.I.A.: 1.QUADRO DI RIFERIMENTO AMBIENTALE: DEFINSCE LAMBITO TERRITORIALE, INTESO SIA COME SITO CHE COME AREA VASTA; DEFINISCE I SISTEMI AMBIENTALI INTERESSATI DIRETTAMENTE O INDIRETTAMENTE DAL PROGETTO; DOCUMENTA LUSO DELLE RISORSE E PRIORITA SUGLI USI DELLE STESSE; DOCUMENTA LIVELLI DI QUALITA PREESISTENTI LINTERVENTO PER CIASCUNA COMPONENTE AMBIENTALE ED EVENTUALI FENOMENI DI DEGRADO DELLE RISORSE IN ATTO; CONTIENE LA STIMA DEGLI IMPATTI INDOTTI DALLOPERA SULLAMBIENTE; DESCRIVE LE MODIFICHE PREVEDIBILI DELLE CONDIZIONI DUSO E DELLA FRUZIONE POTENZIALE DEL TERRITORIO IN RAPPORTO ALLA SITUAZIONE PREESISTENTE; DESCRIVE LA PREVEDIBILE EVOLUZIONE DELLE COMPONENTI AMBIENTALI E DEI FATTORI AMBIENTALI, DELLE RELATIVE RELAZIONI E DEL SISTEMA AMBIENTALE COMPLESSIVO; DESCRIVE GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE ED IL CONTROLLO E LE RETI DI MONITORAGGIO AMBIENTALE; ILLUSTRA I SISTEMI DI INTERVENTO NELLIPOTESI DI EVENTI RITENUTI ECCEZIONALI; D.P.C.M. 27 dicembre 1988 e s.m.

61 COMPARTIMENTI SETTORI AMBIENTALI ATMOSFERA Aria Clima AMBIENTE IDRICO Acque superficiali Acque sotterranee Acque marine LITOSFERA Suolo Sottosuolo Assetto idrogeologico AMBIENTE FISICO Rumore Vibrazioni Radiazioni ionizzanti e non-ionizzanti BIOSFERA Flora e Vegetazione Fauna Ecosistemi AMBIENTE UMANO Salute e benessere Paesaggio Beni culturali Assetto territoriale e viabilità D.P.C.M. 27 dicembre 1988 e s.m.

62 SCHEMA DI RELAZIONE FRA LE FASI PROCEDURALI DEL QUADRO DI RIFERIMENTO AMBIENTALE D.P.C.M. 27 dicembre 1988 e s.m.

63

64 CONNESSIONI TRA ATTIVITA DEL QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO ED ATTIVITA DEGLI ALTRI QUADRI DEL SIA: D.P.C.M. 27 dicembre 1988 e s.m.

65 ALBERO DELLE COMPONENTI AMBIENTALI: D.P.C.M. 27 dicembre 1988 e s.m.

66 RICETTORE GIUDIZIO DI SENSIBILITA 1)Fiume BisenzioMolto-alta 2) Falda 3) Area altamente esondabile 4) Area mediamente esondabile 5) Sorgente portata massima captata …….. GRAVITA INTERFERENZA EFFETTO GRAVITA EFFETTO IMPATTO GLOBALE 1.Alterazione corsi dacqua superficiali altaMolto-alta 2. Rischio inquinamento acque ….. MITIGAZIONE DELLEFFETTO NON MITIGABILE MEDIAMENTE MITIGABILE AMPIAMENTE MITIGABILE MATRICE GLOBALE DI IMPATTO RESIDUO COMPONENTE: AMBIENTE IDRICO VALORE IMPATTO RESIDUO Alta D.P.C.M. 27 dicembre 1988 e s.m.

67 COMPONENTI E FATTORI AMBIENTALI DELLA V.I.A PER IMPIANTI PRODUZIONE ENERGETICA: 1.ATMOSFERA: QUALITA DELLARIA E CARATTERIZZAZIONE METEOCLIMATICA; 2.AMBIENTE IDRICO: ACQUE SOTTERRANEE E SUPERFICIALI (DOLCI,SALMASTRE E MARINE) CONSIDERATE COME COMPONENTI, COME AMBIENTI E COME RISORSE; 3.SUOLO E SOTTOSUOLO: INTESI SOTTO IL PROFILO GEOLOGICO, GEOMORFOLOGICO E PEDOLOGICO, NEL QUADRO DELLAMBIENTE IN ESAME, ED ANCHE COME RISORSE NON RINNOVABILI; 4.VEGETAZIONE, FLORA, FAUNA: FORMAZIONI VEGETALI ED ASSOCIAZIONI ANIMALI, EMERGENZE PIU SIGNIFICATIVE, SPECIE PROTETTE ED EQUILIBRI NATURALI; 5.ECOSISTEMI: COMPLESSI DI COMPONENTI E FATTORI FISICI, CHIMICI E BIOLOGICI TRA LORO INTERAGENTI ED INTERDIPENDENTI, FORMANTI UN SISTEMA UNITARIO ED IDENTIFICABILE (UN LAGO, UN BOSCO, UN FIUME) PER PROPRIA STRUTTURA, FUNZIONAMENTO ED EVOLUZIONE TEMPORALE; 6.SALUTE PUBBLICA: COME INDIVIDUI E COMUNITA 7.RUMORE E VIBRAZIONI: CONSIDERATI IN RAPPORTO ALLAMBIENTE, SIA NATURALE CHE UMANO 8.RADIAZIONI IONIZZANTI E NON-IONIZZANTI: CONSIDERATI IN RAPPORTO ALLAMBIENTE, SIA NATURALE CHE UMANO 9.PAESAGGIO: ASPETTI MORFOLOGICI E CULTURALI DEL PAESAGGIO, IDENTITA DELLE COMUNITA UMANE INTERESSATE E RELATIVI BENI CULTURALI. D.P.C.M. 27 dicembre 1988 e s.m.

68 CARATTERIZZAZIONE ANTE-OPERAM: ATMOSFERA: DATI METEOROLOGICI CONVENZIONALI DATI DI CONCENTRAZIONE DI SPECIE GASSOSE E DI MATERIALE PARTICOLATO CARATTERIZZAZIONE REGIME ANEMOMETRICO, PLUVIOMETRICO, CONDIZIONI DI UMIDITA DELLARIA, TERMINI DI BILANCIO RADIATIVO ED ENEREGETICO; CARATTERIZZAZIONE PREVENTIVA DELLO STATO DI QUALITA DELLARIA (GAS E MATERIALE PARTICOLATO, DATI DI CONCENTRAZIONE MEDIA E DISTRIBUZIONE DEGLI INQUINANTI COMPRESI NEL DPR 203/88 AMBIENTE IDRICO: STABILIRE LA COMPATIBILITA AMBIENTALE DELLE VARIAZIONI QUANTITATIVE (PRELIEVI,SCARICHI) INDOTTE DALLINTERVENTO DI COSTRUZIONE DELLIMPIANTO CARATTERIZZAZIONE QUALI-QUANTITATIVA DEL CORPO IDRICO NELLE SUE DIVERSE MATRICI, NELLAREA DI INFLUENZA DELLIMPIANTO; DETERMINAZIONE DEI MOVIMENTI DELLE MASSE DACQUA, CON RIGUARDO AI REGIMI FLUVIALI, FENOMENI ONDOSI E ALLE CORRENTI MARINE; VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI DI ALTERAZIONE DEL REGIME IDRAULICO E DELLE CORRENTI PER I CORSI DACQUA VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI DI ALTERAZIONE DEL MOTO ONDOSO E DELLE CORRENTI PER MARI E LAGHI; CARATTERIZZAZIONE DEL TRASPORTO SOLIDO; CARATTERIZZAZIONE E CALCOLO DELLA DIFFUSIONE DEGLI INQUINANTI: RAME, MERCURIO, SOLIDI SOSPESI, NELLAMBITO DEI CORPI IDRICI RISCONTRABILI NELLAREA DELLIMPIANTO.

69 SUOLO E SOTTOSUOLO: CARATTERIZZAZIONE GEOLITOLOGICA E GEOSTRUTTURALE DEL TERRITORIO, DEFINIZIONE DELLA SISMICITA DELLAREA E DESCRIZIONE DI EVENTUALI FENOMENI VULCANICI; CARATTERIZZAZIONE IDROGEOLOGICA DELLAREA COINVOLTA DIRETTAMENTE ED INDIRETTAMENTE DALLINTERVENTO, CON RIGUARDO ALLINFILTRAZIONE E LA CIRCOLAZIONE DELLE ACQUE NEL SOTTOSUOLO, LA PRESENZA DI FALDE IDRICHE SOTTERRANEE E RELATIVE EMERGENZE (SORGENTI, POZZI), VULNERABILITA DEGLI ACQUIFERI; CARATTERIZZAZIONE GEOMORFOLOGICA ED INDIVIDUAZIONE DEI PROCESSI DI MODELLAMENTO IN ATTO (EROSIONE,SEDIMENTAZIONE, MOVIMENTI DI MASSA, FRANE), DELLE TENDENZE EVOLUTIVE DEI VERSANTI, DELLE PIANE ALLUVIONALI E DEI LITORALI INTERESSATI; DETERMINAZIONE DELLE CARATTERISTICHE GEOTECNICHE DEI TERRENI E DELLE ROCCE, FENOMENI DI INSTABILITA DEI PENDII; CARATTERIZZAZION PEDOLOGICA DELLAREA, CON RIFERIMENTO ALLA COMPOSIZIONE CHIMICO-FISICA DEL SUOLO, ALLA COMPONENTE BIOTICA, ALLA GENESI, ALLEVOLUZIONE E ALLA CAPACITA DUSO DEL SUOLO; CARATTERIZZAZIONE GEOCHIMICA DELLE FASI SOLIDE (MINERALI, SOSTENZE ORGANICHE) E FLUIDE (ACQUE, GAS) PRESENTI NEL SUOLO E SOTTOSUOLO; DATI DI CONCENTRAZIONI MEDIA DI INQUINANTI NEI TERRENI SITI NELLAREA DI INFLUENZA DELLIMPIANTO: CADMIO, CROMO, MERCURIO, NICHEL E PIOMBO.

70 VEGETAZIONE, FLORA E FAUNA: CARTA DELLA VEGETAZIONE PRESENTE NELLE ZONE LIMITROFE LAREA DI COSTRUZIONE DELLIMPIANTO; FLORA SIGNIFICATIVA POTENZIALE; CARTA DELLE UNITA FORESTALI E DI USO PASTORALE; LISTE DELLE SPECIE BOTANICHE; CARTA DEI RILEVAMENTI FITOSOCIOLOGICI; CARTA DELLE COLTURE; LISTA DELLA FAUNA VERTEBRATA PRESUMIBILE SULLA BASE DEGLI AREALI, DEGLI HABITAT PRESENTI E DELLA DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE; LISTA DELLA FAUNA INVERTEBRATA SIGNIFICATIVA POTENZIALE (SPECIE ENDEMICHE E DI INTERESSE BIOGEOGRAFICO), SULLA BASE DELLA DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE; RILEVAMENTI DIRETTI DELLA FAUNA VERTEBRATA PRESENTE, MAPPA DELLE AREE DI IMPORTANZA FAUNISTICA; RILEVAMENTI DIRETTI DELLA FAUNA INVERTEBRATA

71 ECOSISTEMI: INDIVIDUAZIONE CARTOGRAFICA DELLE UNITA ECOSISTEMICHE NATURALI ED ANTROPICHE PRESENTI; CARATTERIZZAZIONE QUALI-QUANTITATIVA DELLA STRUTTURA DEGLI ECOSISTEMI, ATTRAVERSO LA DESCRIZIONE DELLE COMP.BIOTICHE E ABIOTICHE; RILEVAMENTI DIRETTI SUL GRADO DI MATURITA DEGLI ECOSISTEMI E SUL LORO STATO DI QUALITA ; STIMA DELLA DIVERSITA BIOLOGICA TRA LA SITUAZIONE ATTUALE E QUELLA POTENZIALMENTE PRESENTE NELLHABITAT IN ESAME. SALUTE PUBBLICA: VERIFICA DELLA COMPATIBILITA DELLE CONSEGUENZE DIRETTE ED INDIRETTE DELLA COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DELLOPERA CON GLI STANDARD ED I CRITERI PER LA PREVENZIONE DEI RISCHI RIGUARDANTI LA SALUTE UMANA A BREVE, MEDIO E LUNGO TERMINE; CARATTERIZZAZIONE DELLAMBIENTE E DELLA COMUNITA UMANA POTENZIALMENTE COINVOLTA, NELLA SITUAZIONE IN CUI SI PRESENTANO PRIMA DELLATTUAZIONE DEL PROGETTO. RUMORE E VIBRAZIONI: DEFINIZIONE DELLA MAPPA DELLA RUMOROSITA SECONDO LE MODALITA DEFINITE DALLE NORME INTERNAZIONALI ISO 1996/1 E 1996/2 DEFINIZIONE DELLE FONTI DI VIBRAZIONE SECONDO LE MODALITA PREVISTE DALLA ISO 2631

72 RADIAZIONI IONIZZANTI E NON IONIZZANTI: DESCRIZIONE DEI LIVELLI MEDI E MASSIMI DI RADIAZIONI PRESENTI NELLAMBIENTE INTERESSATO, PER CAUSE NATURALI ED ANTROPICHE, PRIMA DELLINTERVENTO; PAESAGGIO: DEFINIZIONE DELLE AZIONI DI DISTURBO ESERCITATE DAL PROGETTO E MODIFICHE INTRODOTTE IN RAPPORTO ALLA QUALITA DELLAMBIENTE, IN TERMINI DI QUALITA DEL PAESAGGIO CON RIFERMINETO SIA AGLI ASPETTI STORICO-TESTIMONIALI E CULTURALI, SIA AGLI ASPETTI LEGATI ALLA PERCEZIONE VISIVA; ANALISI DEL PAESAGGIO NEI SUOI DINAMISMI SPONTANEI; ATTIVITA AGRICOLE, RESIDENZIALI, PRODUTTIVE, TURISTICHE, RICREAZIONALI, PRESENZE INFRASTRUTTURALI, LE LORO STRATIFICAZIONI E RELATIVA INCIDENZA SUL GRADO DI NATURALITA PRESENTE NEL SISTEMA; CONDIZIONI NATURALI ED UMANE CHE HANNO GENERATO LEVOLUZIONE DEL PAESAGGIO; STUDIO VISIVO O CULTURALE-SEMIOLOGICO DEL RAPPORTO TRA SOGGETTO ED AMBIENTE, NONCHE DELLE RADICI DELLA TRASFORMAZIONE E CREAZIONE DEL PAESAGGIO DA PARTE DELLUOMO; PIANI PAESISTICI E TERRITORIALI; VINCOLI AMBIENTALI, ARCHEOLOGICI, ARCHITETTONICI, ARTISTICI E STORICI. BENI MATERIALI E PATRIMONIO CULTURALE: VALUTAZIONE ANTE-OPERAM DELLINSIEME DEI BENI DELLE PERSONE FISICHE E GIURIDICHE DEL PATRIMONIO ARCHITETTONICO E STORICO-ARCHEOLOGICO ASSETTO GENERALE DELLA VIABILITA E DESTINAZIONI DUSO: DESCRIZIONE DELLASSETTO DEL TERRITORIO E DELLE CONDIZIONI GENERALI DI VIABILITA, MEDIANTE RICORSO A CARTE TEMATICHE

73 CARATTERIZZAZIONE POST-OPERAM: ATMOSFERA: CARATTERIZZAZIONE PREVENTIVA DELLO STATO DI QUALITA DELLARIA (GAS E MATERIALE PARTICOLATO); LOCALIZZAZIONE DELLE FONTI INQUINANTI; PREVISIONE DEGLI EFFETTI DEL TRASPORTO (ORIZZONTALE E VERTICALE) DEGLI EFFLUENTI MEDIANTE MODELLI DI DIFFUSIONE IN ATMOSFERA; PREVISIONI DELGI EFFETTI DELLE TRASFORMAZIONI CHIMICO-FISICHE DEGLI EFFLUENTI ATTRAVERSO MODELLI DEI PROCESSI DI TRASFORMAZIONE (FOTOCHIMICA O IN FASE LIQUIDA) E DI RIMOZIONE (UMIDA E SECCA) APPLICATI ALLE CARATTERISTICHE DEL TERRITORIO; STIMA DELLA DISPERSIONE IN ATMOSFERA DI: 1.PARTICOLATO; 2.C.O.V. 3.SO X 4.NO X 5.HCl 6.HF 7.CO 8.PCDD E PCDF DESCRIZIONE DELLE MISURE PREVISTE PER EVITARE, RIDURRE E COMPENSARE GLI EFFETTI NEGATIVI DEL PROGETTO SULLAMBIENTE; DESCRIZIONE DELLE MISURE DI MONITORAGGIO PREVISTE; VALUTAZIONE DEGLI IMPATTI DERIVANTI DAL TRASPORTO DEI RIFIUTI; STIMA IMMISSIONE DI GAS SERRA NELLA LOCALITA PREVISTA PER LA COSTRUZIONE.

74 ANALISI DEI RPINCIPALI INQUINANTI DERIVANTI DALLA COMBUSTIONE, CORREDATI DAI PRINCIPALI EFFETTI SULLUOMO E SULLAMBIENTE: 1.INQUINANTI NATURALI; 2.INQUINATI PRIMARI: CO E CO2, OSSIDI DI AZOTO, OSSIDI DI ZOLFO, POLVERI SOSPESE, C.O.V., IDROCARBURI, IPA, PIOMBO, MERCURIO, CADMIO, DIOSSINE EFURANI 3.INQUINANTI SECONDARI E SMOG FOTOCHIMICO: OZONO, PEROSSI-ACETIL- NITRATO, ACIDO NITRICO, ACIDO NITROSO, FORMALDEIDE, COMPOSTI ORGANICI IN FASE PARTICELLARE, NITRO-IPA. AMBIENTE IDRICO: STIMA DEL CARICO INQUINANTE, SENZA E CON INTERVENTO E LA LOCALIZZAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DELLE FONTI RICONDUCIBILI ALLIMPIANTO; DEFINIZIONE DEGLI USI ATTUALI E PREVISTI, A SEGUITO DELLA LOCALIZZAZIONE DELLIMPIANTO Acque superficiali: EVENTUALI MODIFICHE INDOTTE DALLIMPAINTO SUL REGIME DELLE ACQUE, IMPATTI CAUSATI DALLIMPIANTO SULLA QUALITA DELLE ACQUE CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALE RISORSE ATTUALI E A QUELLE PREVEDIBILI, EFFETTI PRODOTTI DAL DEFLUSSO DELLE ACQUE METEORICHE Acque sotterranee: MODIFICHE INDOTTE DALLIMPIANTO SUL REGIME IDRAULICO DELLE ACQUE DELLA ZONA SOTTOSATURA E SATURA, IMPATTI CAUSATI DALLIMPIANTO SULLA QUALITA DELLE ACQUE DESCRIZIONE DELLE MISURE PREVISTE PER EVITARE, RIDURRE E COMPENSARE EFFETTI NEGATIVI DEL PROGETTO SULL AMBIENTE IDRICO DESCRIZIONE DELLE MISURE DI MONITORAGGIO PREVISTE.

75 AMBIENTE IDRICO: DEFINIZIONE DEI RISCHI GEOLOGICI CONNESSI AD EVENTI VARIAMENTE PREVEDIBILI (SISMICI, VULCANICI, FRANOSI, METEOROLOGICI, MARINI) E CARATTERIZZATI DA DIFFERENTE ENTITA IN RELAZIONE ALLATTIVITA UMANA NEL SITO IN ESAME; ANALISI DELLE MODIFICHE INDOTTE DALLIMPIANTO SULLE CARATTERISTICHE GEOMORFOLOGICHE DELLAREA, SULLE PROPRIETA E CARATTERISTICHE CHIMICO- FISICHE DEI TERRENI PER LA RICADUTA DEGLI INQUINANTI; SVILUPPO DI CALCOLI DI SIMULAZIONE PER LA VALUTAZIONE DELLE CONCENTRAZIONI ATTESE SUL TERRENO; DESCRIZIONE DELLE MISURA PREVISTE PER EVITARE, RIDURRE O COMPENSARE GLI EFFETTI NEGATIVI EL PROGETTO SULLAMBIENTE GEOMORFOLOGICO; DESCRIZIONE DELLE MISURE DI MONITORAGGIO PREVISTE. VEGETAZIONE, FLORA E FAUNA: PERDITA DI HABITAT PER LE SPECIE ANIMALI E VEGETALI, IN FASE DI COSTRUZIONE DELLOPERA; VARIAZIONE DEGLI INDICI DI QUALITA BIOLOGICA; QUANTIFICAZIONE DEI DANNI E DELLE PERDITE DEGLI INDIVIDUI E DELLE SPECIE VEGETALI; STIMA DEI LIVELLI DI CONCENTRAZIONE DELLE SOSTENZE INQUINANTI E POTENZIALE BIOACCUMULO IN ORGANISMI CONCENTRATORI. ECOSISTEMI: STABILIRE GLI EFFETTI SIGNIFICATIVI DETERMINATI DALLIMPIANTO SULLECOSISTEMA E SULLE FORMAZIONI ECOSISTEMICHE PRESENTI AL SUO INTERNO;

76 SALUTE PUBBLICA: IDENTIFICAZIONE E CLASSIFICAZIONE DELLE CAUSE SIGNIFICATIVE DI RISCHIO PER LA SALUTE UMANA DA AGENTI PATOGENI, SOSTENZE CHIMICHE E COMPONENTI DI NATURA BIOLOGICA, QUALI RUMORE, VIBRAZIONI, RADIAZIONI IONIZZANTI E NON CONNESSE CON LOPERA; DEFINIZIONE DEI RISCHI ECO-TOSSICOLOGICI (ACUTI E CRONICI, A CARATTERE REVERSIBILE O IRREVERSIBILE) CON RIFERIMENTO ALLE NORMATIVE NAZIONALI,COMUNITARIE ED INTERNAZIONALI E DEFINIZIONE DEI RELATIVI FATTORI DI EMISSIONE; DESCRIZIONE DEL DESTINO DEGLI INQUINANTI CONSIDERATI, INDIVIDUATI ATTRAVERSO LO STUDIO DEL SISTEMA AMBEINTALE IN ESAME, DEI PROCESSI DI DISPERSIONE, DIFFUSIONE, TRASFORMAZIONE E DEGRADAZIONE DELLE CATENE ALIMENTARI; IDENTIFICAZIONE DELLE POSSIBILI CONDIZIONI DI ESPOSIZIONE DELLE COMUNITA UMANE E DELLE AREE COINVOLTE; INTEGRAZIONE DEI DATI OTTENUTI NELLE TRE ANALISI SETTORIALI E VERIFICA DELLA COMPATIBILITA CON LA NORMATIVA VIGENTE DEI LIVELLI DI ESPOSIZIONE PREVISTI; CONSIDERAZIONE DEGLI EVENTUALI GRUPPI DI INDIVIDUI PARTICOLARMENTE SENSIBILI E DELLEVENTUALE ESPOSIZIONE COMBINATA A PIU FATTORI DI RISCHIO. ANALISI COMPLETA DEL RISCHIO PER LA SALUTE ASSOCIATO ALLE EMISSIONI ATMOSFERICHE DERIVANTI DALLIMPIANTO (Identificazione e stima delle emissioni, Trasporto e diffusione nei comparti ambientali, esposizione e dose, relazione dose-risposta, stima del rischio individuale e globale, accettabilità del rischio)

77 RUMORE E VIBRAZIONI: DEFINIZIONE DELLA MAPPA DI RUMORE SECONDO LE NORME ISO 1996/1 E 1996/2 E STIMA DELLE MODIFICAZIONI A SEGUITO DELLA REALIZZAZIONE DELLIMPIANTO; DEFINIZIONE DELLE FONTI DI VIBRAZIONI CON ADEGUATI RILIEVI DI ACCELERAZIONE NELLLE 3 DIREZIONI FONDAMENTALI E CARATTERIZZAZIONE IN TERMINI DI ANALISI SETTORIALE ED OCCORRENZA TEMPORALE SECONDO LE MODALITA PREVISTE DALLA NORMA ISO 2631 STIMA DEI LIVELLI SONORI RIFERIBILI ALLESERCIZIO DELLIMPIANTO E PREVISIONE DI IMPATTO IN TERMINI DI LIVELLI AMBIENTALI E LIVELLI DIFFERENZIALI. RADIAZIONI IONIZZANTI E NON: DEFINIZIONE E CARATTERIZZAZIONE DELLE SORGENTI E DEI LIVELLI DI EMISSIONE DI RADIAZIONI PREVEDIBILI IN CONSEGUENZA DELLA COSTRUZIONE DELLIMPIANTO DEFINIZIONE DEI QUANTITATIVI EMESSI NELLUNITA DI TEMPO E DEL DESTINO DEL MATERIALE, QUALORA LATTUAZIONE DELLIMPIANTO POSSA CAUSARE RILASCIO NELLAMBIENTE DI MATERIALE RADIOATTIVO; DEFINIZIONE DEI LIVELLI PREVEDIBILI NELLAMBIENTE PER I DIVERSI TIPI DI RADIAZIONE; DEFINIZIONE DEI CONSEGUENTI SCENARI DI ESPOSIZIONE E RELATIVA INTERPRETAZIONE SECONDO PARAMETRI RILEVANTI (STANDARD, CRITERI DI ACCETTABILITA, ECC…) PAESAGGIO: TECNICHE DI COMPARAZIONE (SOVRAPPOSIZIONE FOTOGRAFICA) VISUALE; EFFETTI DEI LAVORI DI COSTRUZIONE DELLIMPIANTO E DELLE INFRASTRUTTURE; EFFETTI SULLA GODIBILITA E FRUIBILITA DELLE RISORSE NATURALI.

78 ARIA: Potenziali effetti negativi: PRODUZIONI SIGNIFICATIVE DI INQUINAMENTO ATMOSFERICO (POLVERE ETC..) DURANTE LA FASE DI CANTIERE CONTRIBUTI ALLINQUINAMENTO ATMOSFERICO LOCALE DA MACRO-INQUINANTI EMESSI DA SORGENTI PUNTUALI CONTRIBUTI ALLINQUINAMENTO ATMOSFERICO LOCALE DA MICRO-INQUINANTI EMESSI DA SORGENTI PUNTUALI CONTRIBUTI NON TRASCURABILI AD INQUINAMENTI ATMOSFERICI (ES.PIOGGE ACIDE) TRANSFRONTALIERI INQUINAMENTO ATMOSFERICO DA SOSTANZE PERICOLOSE PROVENIENTI DA SORGENTI DIFFUSE CONTRIBUTI ALLINQUINAMENTO ATMOSFERICO LOCALE DA PARTE DEL TRAFFICO INDOTTO DAL PROGETTO PRODUZIONE DI CATTIVI ODORI PRODUZIONE DI AEROSOL POTENZIALMENTE PERICOLOSI RISCHI DI INCIDENTI CON FUORIUSCITA DI NUBI TOSSICHE Potenziali effetti positivi: RIDUZIONE DELLINQUINAMENTO ATMOSFERICO LOCALE ATTUALE

79 CLIMA: Potenziali effetti negativi: MODIFICHE INDESIDERATE AL MICROCLIMA LOCALE RISCHI LEGATI ALLEMISSIONE DI VAPORE ACQUEO CONTRIBUTI ALLEMISSIONE DI GAS-SERRA Potenziali effetti positivi: MIGLIORAMENTO DEL MICROCLIMA LOCALE RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS-SERRA (E DEI CONSEGUENTI CONTRIBUTI AL GLOBAL CHANGE) RISPETTO ALLA SITUAZIONE ATTUALE PAESAGGIO: Potenziali effetti negativi: ALTERAZIONE DI PAESAGGI RICONOSCIUTI COME PREGIATI SOTTO IL PROFILI ESTETICO O CULTURALE INTRUSIONE NEL PAESAGGIO VISIBILE DI NUOVI ELEMENTI POTENZIALMENTE NEGATIVI SUL PIANO ESTETICO-PERCETTIVO Potenziali effetti positivi: ELIMINAZIONE DI ELEMENTI ATTUALI DI CRITICITA PAESAGGISTICA REALIZZAZIONE DI NUOVI ELEMENTI DI QUALITA PAESAGGISTICA IN SEGUITO AD AZIONI DI PROGETTO O COMPENSATIVE INTRODUZIONE SUL TERRITORIO DI NUOVE OPPORTUNITA PER FRUIRE VEDUTE PAESAGGISTICHE DI QUALITA

80 ACQUE SUPERFICIALI: Potenziali effetti negativi: DEVIAZIONE TEMPORANEA DI CORSI DACQUA PER ESIGENZE DI CANTIERE ED IMPATTI CONSEGUENTI INQUINAMENTO DEI CORSI DACQUA SUPERFICIALI DA SCARICHI DI CANTIERE CONSUMI INGIUSTIFICATI DI RISORSE IDRICHE DEVIAZIONI PERMANENTI DI CORSI DACQUA ED IMPATI CONSEGUENTI INTERFERENZE PERMANENTI IN ALVEO DA PILONI O ALTRI ELEMENTI NGOMBRANTI DI PROGETTO INTERFERENZE NEGATIVE CON LATTUALE SISTEMA DI DISTRIBUZIONE DELLE ACQUE INQUINAMENTO PERMANENTE DI ACQUE SUPERFICIALI DA SCARICHI DIRETTI INQUINAMENTO DI CORPI IDRICI SUPERFICIALI PER DILAVAMENTO METEORICO DI SUPERFICI INQUINATE RISCHI DI INQUINAMENTI ACUTI DI ACQUE SUPERFICIALI DA SCARICHI OCCASIONALI RISCHOI DI INQUINAMENTO DI CORPI IDRICI DA SVERSAMENTI INCIDENTALI DI SOSTANZE PERICOLOSE DA AUTOMEZZI Potenziali effetti positivi: RIDUZIONE DEGLI ATTUALI CONSUMI DI RISORSE IDRICHE SUL TERRITORIO RIDUZIONE DELLINQUINAMENTO ATTUALE DELLE ACQUE SUPERFICIALI

81 SALUTE E BENESSERE: Potenziali effetti negativi: INDUZIONE DI VIE CRITICHE COINVOLGENTI RIFIUTI ED, IN GENERALE, SOSTANZE PERICOLOSE SCARSAMENTE CONTROLLABILI RISCHI ALLA SALUTE DA CONTATTO POTENZIALE CON SOSTENZE PERICOLOSE PRESENTI NEI SUOLI INDUZIONE DI POTENZIALI BIOACCUMULI NELLE CATENE ALIMENTARI DI INTERESSE UMANO RISCHI IGIENICO-SANITARI LEGATI ALLA PRODUZIONE DI OCCASIONI DI CONTATTO CON ACQUE INQUINATE RISCHI DI INNESCO DI VIE CRITICHE PER LA SALUTE UMANA E LAMBIENTE BIOTICO IN GENERALE LEGATI AD INCIDENTI CON FUORIUSCITE ECCEZIONALI DA AUTOMEZZI DI SOSTENZE PERICOLOSE INDUZIONE DI PROBLEMI DI SICUREZZA IN SEGUITO A CROLLI O CEDIMENTI DELLE OPERE REALIZZATE INDUZIONE DI PROBLEMI DI SICUREZZA PER GLI USI CICLOPEDONALI DELLE AREE INTERESSATE DAL PROGETTO INDUZIONE DI PROBLEMI DI SICUREZZA PER GLI UTENTI FUTURI DL TERRITORIO INTERESSATO A CAUSA DI SCELTE TECNICHE INDEBITE IN GRADO DI PRODURRE RISCHI TECNOLOGICI DISAGI EMOTIVI CONSEGUENTI AL CREARSI DI CONDIZIONI RIFIUTATE DALLA SENSIBILITA COMUNE Potenziali effetti positivi: MIGLIORAMENTO, ATTRAVERSO INTERVENTI DI MITIGAZIONE O DI COMPENSAZIONE, DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA DELLE POPOLAZIONI COINVOLTE


Scaricare ppt "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Facoltà di Ingegneria VALUTAZIONI DI IMPATTO AMBIENTALE Corso di Pianificazione Energetica a.a. 2012-2013 ing. Giorgio."

Presentazioni simili


Annunci Google