La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LEVASIONE FISCALE IN EUROPA Grecia28,7 Italia27,1 Portogallo22,7 Spagna22,7 Belgio22,2 Svezia19,2 Norvegia19,1 Finlandia18,1 Danimarca18,0 Germania16,0.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LEVASIONE FISCALE IN EUROPA Grecia28,7 Italia27,1 Portogallo22,7 Spagna22,7 Belgio22,2 Svezia19,2 Norvegia19,1 Finlandia18,1 Danimarca18,0 Germania16,0."— Transcript della presentazione:

1

2 LEVASIONE FISCALE IN EUROPA Grecia28,7 Italia27,1 Portogallo22,7 Spagna22,7 Belgio22,2 Svezia19,2 Norvegia19,1 Finlandia18,1 Danimarca18,0 Germania16,0 Irlanda15,9 Francia15,2 Paesi Bassi13,1 Regno Unito12,7 La classifica europea del lavoro sommerso (dati FMI) La tabella (diapositiva 1) ed il grafico n° 2 Documentano lattuale percentuale di evasione fiscale sul PIL. La pressione fiscale potrà essere diminuita a condizione di combattere levasione attraverso gli studi di settore e lelusione fiscale attraverso linasprimento delle norme e dei controlli.

3 LEVASIONE FISCALE IN EUROPA La classifica europea del lavoro sommerso (dati FMI) %

4 Pressione Fiscale sul PIL Confronto tra Paesi Europei Anno 2001 % F o n t e R a p p o r t o M e r r yl L.

5 Evoluzione della pressione fiscale sul PIL Confronto tra tre Paesi Europei FonteRapportoMerrylL.FonteRapportoMerrylL. % I grafici 3 e 4 Descrivono (il 3) i livelli percentuali di pressione fiscale di numerosi stati europei nellanno 2001, (il 4) andamenti della pressione fiscale a confronto di tre paesi europei. Da un minimo del 32,9% dellIrlanda al 52,6% della Svezia mentre lItalia si attesta al 42,7% livello quasi simili a Francia e Germania. E noto che i modelli di protezione sociale sono diversi, in Svezia universali, in Irlanda con maggiore livelli di sussidiarietà tra Stato e cittadini, lItalia con un sistema di protezione sociale discreto che può essere migliorato. Il buon fine delle risorse dipende dal sistema dei controlli ma anche dalla educazione civica e fiscale dei cittadini.

6 LE DIVERSE PROGRESSIVITA % delle aliquote Reddito in migliaia di VISCO TREMONTI Il grafico n° 5 Pone le due e diverse impostazioni governative in merito al prelievo fiscale. Ladozione delluna o dellaltra può comportare scenari diversi. A nostro parere se passerà limpostazione dellattuale governo le risorse da destinare alle prestazioni dello stato sociale si ridurranno a meno che il volume delle attuali risorse economiche siano recuperate attraverso limposizione regionale. Tale scelta accentuerà le differenze qualitative e quantitative dei servizi erogati in ogni singola Regione. Qualsiasi tetto rappresenta un limite virtuale al prelievo fiscale di cui la comunità si dota e che rappresenta di norma il concetto di equità rispetto alla contribuzione cui ogni cittadino è tenuto allo scopo di concorrere al cosiddetto bene comune.

7 IL PATTO PER LITALIA ricrea lequilibrio e riduce le tasse Aliquote deduzioni e detrazioni Reddito in migliaia di Il sesto grafico Dimostra come laccordo per lo sviluppo e loccupazione (Patto per lItalia) sottoscritto dalla CISL e da altre organizzazioni ha contribuito a ridurre la forbice che si sarebbe creata. Per la CISL, come è evidente, linteresse è stato orientato alla protezione dei redditi sino a Laccordo trova applicazione allinterno della legge finanziaria per lanno 2003

8 La % della spesa sociale sul PIL in EUROPA EEEITALIA E.U. 12 E.U. 15 Fonte Rapporto Merryl L. I grafici n° 7 ed 8 Il numero 7 mette in evidenza come in Italia la percentuale del PIL dedicato alla spesa sia di due punti inferiore alla media europea (1 punto di PIL è uguale a circa 12 miliardi di ) e quindi una riduzione della stessa non è ipotizzabile. Il numero 8 documenta il confronto tra Italia e Paesi europei in merito alla composizione dei fondi destinati ai singoli capitoli di spesa per la protezione sociale. Laumento di due punti percentuali consentirebbe operazioni di riequilibrio tra i capitoli di spesa altrimenti la riduzione della spesa previdenziale (già ormai socialmente ridistribuita nelle famiglie) impoverirebbe chi percepisce redditi medio bassi.

9 Spesa per lo stato sociale Confronto tra Italia e Paesi Europei Previdenza Famiglia Sanità e invalidità Disoccupazione Esclusione sociale Fonte Rapporto Merryl L.

10 Addizionale IRPEF Regione Lombardia l'aumento per il 2002 è previsto per scaglioni di reddito: redditi da pensione sino ,14 - 0,9 % redditi sino a ,71 - 1,2 % da ,71 a ,41 - 1,3% oltre ,42 - 1,4%

11 Possibile incremento dei tributi per compensare i minori trasferimenti LEURISPES stima per la Regione Lombardia una riduzione dei trasferimenti dallo STATO pari ad 115,14 milioni che potranno costringere la Regione Lombardia ad inasprire lincremento dei tributi delluno per cento Il grafico n° 9 e la diapositiva 10 Documentanoladdizionale di pressione fiscale esercitata in regione Lombardia. E in evoluzione rapida non si rapporta alle fasce di reddito per cui colpisce in percentuale maggiormente i redditi medio bassi. Solo attraverso laccordo dalla Regione con CISL – CGIL – UIL è stato introdotto il criterio della progressività per i percettori di reddito da pensione. La diapositiva 10 documenta il possibile incremento di imposizione fiscale in Lombardia

12 Reddito disponibile pro capite I grafici n° 11 ed 12 e 13 e 14 Pongono a confronto i valori di reddito medio pro capite Bergamo verso Italia ed altre provincie italiane oltre a Bergamo verso le altre provincie lombarde. Leggendo in modo integrato i tre grafici si apprende che Bergamo è una provincia che produce un reddito medio alto, 5° posto in Lombardia, reddito leggermente superiore alla media italiana, ma lindice dei prezzi al consumo – raffronto Bergamo verso Italia - dimostra un costo della vita decisamente più alto. Il 14 grafico descrive la variazione valore aggiunto 1999/1991 Italia=100 Fonte: Istituto G.Tagliacarne

13 Reddito disponibile pro capite provincie lombarde Fonte: Istituto G.Tagliacarne

14 Indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati Valore 1995 = 100 Il grafico evidenzia il differenziale di questo indice comparando quello indice allindice bergamasco Bergamasco Italiano Fonte: Istituto G.Tagliacarne

15 variazione valore aggiunto 1999/1991 Italia=100 Stime Eurispes

16 IRPEF Addizionali comunali % Il grafico n° 15 Documenta le decisioni comunali in merito alla decisione di acquisire risorse attraverso limposizione locale delladdizionale IRPEF. Tra i 14 comuni censiti ve ne sono due che non hanno ancora imposto laddizionale pur garantendo entrambi lerogazione di 15 servizi socio assistenziali alla persona ed equilibrati e medi i costi dei servizi industriali. Gli altri 12 hanno già imposto laddizionale e ne stanno annualmente innalzando laliquota.

17 ALIQUOTA ORDINARIA ICI VALORE MEDIO NEI 14 COMUNI CENSITI % I grafici n° Evidenziano le tendenze in atto in merito ad unaltra imposta locale lICI. Dal 1993 al 2002 mediamente è salita di un punto percentuale, 4 Comuni già applicano dal 2002 laliquota massima, tre laliquota del 5% gli altri tra il 6 ed il 7%. La detrazione più importante è applicata dai Comuni di Bergamo, Grumello e Dalmine.

18 Aliquota Ordinaria ICI 2002 %

19 Detrazioni Anno 2002 in migliaia di Lire Migliaia di lire

20 imposte locali e Servizi Socio Assistenziali erogati La tabella (diapositiva 19) E riassuntiva e consente al lettore di osservare i rapporti esistenti tra imposizione fiscale locale e servizi socio assistenziali erogati.

21 Servizi Socio Assistenziali alla persona erogati nei 14 Comuni censiti I grafici n° Documentano il numero di servizi socio assistenziali alla persona ed il rapporto tra il numero totale e quello relativo ai sei servizi obbligatori determinati dalla legge n° 328/2000. Come è evidente tra gli obbligatori quasi i tutti i Comuni ne erogano attualmente tre mentre è evidente la carenza negli ulteriori tre servizi. Fonte:elaborazione CISL

22 I sei servizi obbligatori Fonte:elaborazione CISL

23 Costo dei servizi industriali: acqua gas rifiuti Il grafico n° 22 Pone a confronto il costo di tre servizi industriali. Motivi di rappresentazione dei costi ci hanno indotto a considerare la tariffa media per una famiglia di 4 persone dellacqua ( 300 mc anno) gas metano (250 mc mese) e TARSU annua ( rapportata a 100 mq di abitazione). E evidente che il Comune di Bergamo impone i costi maggiori per tutti e tre i servizi mentre gli altri Comuni seguono una politica di distribuzione del carico più equilibrata. Fonte:elaborazione CISL

24 Prezzo dellora di S.A.D. in 7 dei 14 Comuni censiti minimo ad medio ad e massimo ad Fonte:elaborazione CISL

25 Effetti sul reddito del costo di 6 ORE settimanali di SAD in 7 dei 14 Comuni censiti Il grafico n° 23 e la tabella (diapositiva 24)Tra i servizi erogati dai Comuni che richiedono la partecipazione del cittadino alla spesa abbiamo scelto di rapportare i costi di due servizi perché sono tra i più indicativi e diffusi: il SAD ( servizio di assistenza domiciliare) ed Asilo Nido.Per quanto attiene al SAD sono illustrati i valori minimo, medio e massimo del costo di unora di SAD nei sette Comuni che ci hanno fornito linformazione. E evidente che in alcuni Comuni sino a il cittadino non contribuisce mentre altri richiedono una quota medio alta (10 lora) con picchi di 12. La successiva tabella dimostra come il valore di reddito medio di di un pensionato mediante lacquisto di prestazioni SAD si impoverisca in modo diverso da Comune a Comune passando dagli di Treviglio ai di Grumello. Da questo reddito vanno ancora ed ulteriormente sottratti i costi sostenuti dalla famiglia per lacquisto dei servizi industriali.

26 Retta asilo nido in 7 dei 14 Comuni censiti minimo ad medio ad e massimo ad Fonte:elaborazione CISL

27 Effetti sul reddito con retta asilo nido sommato alle tariffe delle tre utenze censite Il grafico n° 25 e la tabella (diapositiva 26) Per quanto attiene allAsilo Nido sono illustrati i valori minimo, medio e massimo del costo di unora della retta mensile nei sette Comuni che ne dispongono. Le differenze sono evidenti e si colgono osservando il grafico. La successiva tabella dimostra come il valore di reddito medio di di una famiglia di 4 persone attraverso la retta pagata per lasilo nido unita ai costi sostenuti per lacquisto dei servizi industriali si riduca in modo diverso nei tre Comuni posti a confronto


Scaricare ppt "LEVASIONE FISCALE IN EUROPA Grecia28,7 Italia27,1 Portogallo22,7 Spagna22,7 Belgio22,2 Svezia19,2 Norvegia19,1 Finlandia18,1 Danimarca18,0 Germania16,0."

Presentazioni simili


Annunci Google