La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

POR Campania FESR Struttura 1.ANALISI DI CONTESTO 2.VALUTAZIONI 3.STRATEGIA 4.LE PRIORITA DI INTERVENTO 5.PROCEDURE DI ATTUAZIONE 6.DISPOSIZIONI FINANZIARIE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "POR Campania FESR Struttura 1.ANALISI DI CONTESTO 2.VALUTAZIONI 3.STRATEGIA 4.LE PRIORITA DI INTERVENTO 5.PROCEDURE DI ATTUAZIONE 6.DISPOSIZIONI FINANZIARIE."— Transcript della presentazione:

1 POR Campania FESR Struttura 1.ANALISI DI CONTESTO 2.VALUTAZIONI 3.STRATEGIA 4.LE PRIORITA DI INTERVENTO 5.PROCEDURE DI ATTUAZIONE 6.DISPOSIZIONI FINANZIARIE

2 POR Campania FESR Struttura 3. STRATEGIA 3.1 Quadro generale di coerenza strategia (OSC, QSN, Lisbona, PICO……..) 3.2 Descrizione della strategia 3.3 Aspetti specifici di sviluppo a carattere territoriale 3.4 Integrazione strategica dei principi orizzontali 3.5 Ripartizione delle categorie di spesa

3 POR Campania FESR Struttura 4. LE PRIORITA DI INTERVENTO 4.1 Asse 1 - Sostenibilità ambientale ed attrattività culturale e turistica 4.2 Asse 2 – Competitività del sistema produttivo regionale 4.3 Asse 3 – Energia 4.4 Asse 4 - Accessibilità e trasporti 4.5 Asse 5 – Società dellInformazione 4.6 Asse 6 - Sviluppo urbano e qualità della vita 4.7 Asse 7 – Assistenza tecnica e cooperazione 4.8 Sinergie con altri Fondi (FSE e FESR) 4.9 Grandi Progetti

4 POR Campania FESR Struttura Struttura della descrizione inerente ogni Asse prioritario: 4.x.1 Contenuto strategico dellAsse 4.x.2 Obiettivi specifici ed operativi 4.x.3 Attività 4.x.4 Applicazione principio flessibilità 4.x.5 Sinergie con altri Fondi e strumenti finanziari 4.x.6 Grandi Progetti 4.x.7 Strumenti di ingegneria finanziaria 4.x.8 Indicatori di realizzazione e risultato

5 POR Campania FESR Struttura 5. PROCEDURE DI ATTUAZIONE 5.1 Autorità Autorità di Gestione (AdG) Autorità di Certificazione (AdC) Autorità di Audit (AdA) 5.2. Organismi Organismo di valutazione della conformità Organismo responsabile per la ricezione dei pagamenti Organismo responsabile per lesecuzione dei pagamenti Organismo Nazionale di Coordinamento per la trasmissione delle domande di pagamento Organismo Nazionale di Coordinamento in materia di controllo Organismi intermedi Comitato di Sorveglianza (CdS)

6 POR Campania FESR Struttura 5.3 Sistemi di attuazione Selezione delle operazioni Modalità e procedure di monitoraggio Valutazione Modalità di scambio automatizzato dei dati Sistema contabile, di controllo e reporting Flussi finanziari Informazione e pubblicità Complementarietà degli interventi

7 POR Campania FESR Focus sulla strategia Le priorità tematiche del QSN trovano rispondenza nei sette Assi prioritari del POR Campania FESR , nei quali trova concreta attuazione la strategia di sviluppo della Regione Campania: lAsse 1 - Sostenibilità ambientale ed attrattività culturale e turistica - è incentrato sugli interventi afferenti luso sostenibile delle risorse ambientali e la valorizzazione delle risorse naturali e culturali per lo sviluppo (priorità 3 e 5); lAsse 2 - Competitività del sistema produttivo regionale - racchiude le azioni che ricadono nelle priorità 2, 7 e 9 riguardanti la promozione della ricerca e dellinnovazione e la competitività dei sistemi produttivi, comprendendovi inoltre le priorità per linternazionalizzazione delle imprese e lattrazione degli investimenti; lAsse 3 - Energia - si concentra sulla riduzione del deficit energetico e la promozione di fonti rinnovabili (priorità 3);

8 POR Campania FESR Focus sulla strategia lAsse 4 - Accessibilità e trasporti – ove ricadono le operazioni coerenti con la realizzazione di reti e collegamenti infrastrutturali (priorità 6); lAsse 5 - Società dellInformazione - comprende le azioni a favore della diffusione della Società dellInformazione, sia in termini infrastrutturali che per lerogazione di servizi innovativi a vantaggio della cittadinanza e del tessuto produttivo (priorità 2); lAsse 6 - Sviluppo urbano e qualità della vita - contiene le azioni pertinenti con le priorità di inclusione sociale e qualità della vita e di attrattività delle città e sistemi urbani (priorità 1, 4 e 8); lAsse 7 - Assistenza tecnica e cooperazione – con cui si promuovono le attività di assistenza tecnica volte a migliorare lattuazione del Programma (priorità 7, 10) e la cooperazione territoriale interregionale per favorire lapertura internazionale della Campania

9 POR Campania FESR Focus sulla strategia Gli Assi si declinano ulteriormente in obiettivi specifici ed obiettivi operativi a loro volta declinati in attività per arrivare ai progetti che possono essere finanziati. Asse -> Obiettivi specifici -> Obiettivi operativi -> Attività -> Progetti Il singolo Asse rappresenta le priorità strategiche del PO; esso comprende un gruppo di operazioni connesse tra loro e aventi obiettivi specifici. LObiettivo Specifico indica le finalità generali che intende raggiungere ciascun Asse, esplicitando maggiormente gli ambiti in cui si attueranno gli obiettivi operativi. LObiettivo Operativo indica, in un ambito di intervento dato, le azioni che si intendono realizzare per perseguire le finalità descritte nellobiettivo specifico. Lattività, infine, descrive linsieme degli interventi possibili da finanziare per il raggiungimento degli obiettivi sopra descritti. I potenziali beneficiari delle attività sono indicati a livello di Obiettivo operativo.

10 POR Campania FESR Focus sullattuazione Autorità Nel rispetto del principio della separazione delle funzioni di cui allart. 58, lettera b), del Regolamento (CE) n. 1083/2006, al fine di garantire lefficace e corretta attuazione del Programma Operativo e il corretto funzionamento del sistema di gestione e controllo, sono individuate tre Autorità: Autorità di Gestione Autorità di Certificazione Autorità di Audit

11 POR Campania FESR Focus sullattuazione Autorità di Gestione LAutorità di Gestione del PO è il dirigente dellamministrazione regionale designato dal Presidente della Giunta Regionale. AllAutorità di Gestione viene attribuita, con atto del Presidente della Giunta, la responsabilità dellattuazione del programma. LAutorità di Gestione svolge tutte le attività necessarie allattuazione del PO, avvalendosi della struttura organizzativa nella quale è istituzionalmente incardinato

12 POR Campania FESR Focus sullattuazione Autorità di Gestione Adempie a tutte le funzioni corrispondenti a quanto definito dal Reg. (CE) n. 1083/2006, secondo le modalità attuative definite dal Reg. (CE) n. 1828/2006. In particolare, essa è tenuta a: a)garantire che le operazioni destinate a beneficiare di un finanziamento siano selezionate in conformità ai criteri applicabili al Programma operativo e rispettino la vigente normativa comunitaria e nazionale per lintero periodo di attuazione; b)informare il Comitato di Sorveglianza sui risultati della verifica di cui al par ; c)accertarsi, se del caso, anche mediante verifiche in loco su base campionaria, dell'effettiva fornitura dei prodotti e dei servizi cofinanziati, dellesecuzione delle spese dichiarate dai Beneficiari della conformità delle stesse alle norme comunitarie e nazionali;

13 POR Campania FESR Focus sullattuazione Autorità di Gestione d)garantire l'esistenza di un sistema informatizzato di registrazione e conservazione dei dati contabili relativi a ciascuna operazione attuata nell'ambito del PO, e assicurare la raccolta dei dati relativi all'attuazione necessari per la gestione finanziaria, la sorveglianza, le verifiche, gli audit e la valutazione; e)garantire che i Beneficiari e gli altri organismi coinvolti nell'attuazione delle operazioni adottino un sistema di contabilità separata o una codificazione contabile adeguata per tutte le transazioni relative all'operazione, ferme restando le norme contabili nazionali; f)garantire che le valutazioni del PO siano svolte conformemente allart. 47 del Reg. (CE) n. 1083/2006; g)stabilire procedure tali che tutti i documenti relativi alle spese e agli audit necessari per garantire una pista di controllo adeguata siano conservati, sotto forma di originali o di copie autenticate, secondo quanto disposto dallart. 90, per i tre anni successivi alla chiusura del PO o, qualora si tratti di operazioni soggette a chiusura parziale, per i tre anni successivi all'anno in cui ha avuto luogo la chiusura parziale; ;

14 POR Campania FESR Focus sullattuazione Autorità di Gestione h)garantire che lAdC riceva tutte le informazioni necessarie in merito alle procedure e verifiche eseguite in relazione alle spese ai fini della certificazione; i)guidare i lavori del Comitato di Sorveglianza e trasmettergli i documenti per consentireuna sorveglianza qualitativa dell'attuazione del Programma Operativo; j) elaborare e presentare alla Commissione, previa approvazione del Comitato di Sorveglianza, i Rapporti Annuali e Finale di Esecuzione, nei termini previsti e in accordo con le richieste della Commissione; k)garantire il rispetto degli obblighi in materia di informazione e pubblicità previstiall'articolo 69 del Regolamento (CE) del Consiglio n. 1083/2006; l)trasmettere alla Commissione le informazioni che le consentano di valutare i Grandi Progetti; m)Provvedere a quanto previsto per liniziativa Regions for economic change.

15 POR Campania FESR Focus sullattuazione Autorità di Certificazione LAutorità di Certificazione è responsabile della corretta certificazione delle spese erogate a valere sui fondi comunitari/statali per lattuazione del Programma Operativo. LAutorità di Certificazione è un dirigente dellamministrazione regionale designato dal Presidente della Giunta Regionale. LAutorità di Certificazione adempie a tutte le funzioni corrispondenti a quanto definito dal Reg. (CE) n. 1083/2006, secondo le modalità attuative definite dal Reg. (CE) n. 1828/2006. In particolare, essa è incaricata dei compiti seguenti: a)elaborare e trasmettere alla Commissione le dichiarazioni certificate delle spese e le domande di pagamento;

16 POR Campania FESR Focus sullattuazione Autorità di Certificazione b)certificare che: i) la dichiarazione delle spese è corretta, proviene da sistemi di contabilità affidabili ed è basata su documenti giustificativi verificabili; ii) le spese dichiarate sono conformi alle norme comunitarie e nazionali applicabili e sono state sostenute in rapporto alle operazioni selezionate per il finanziamento conformemente ai criteri applicabili al programma e alle norme comunitarie e nazionali; c)garantire di aver ricevuto dallAdG informazioni adeguate in merito alle procedure seguite e alle verifiche effettuate in relazione alle spese figuranti nelle dichiarazioni di spesa; d)operare conseguentemente ai risultati di tutte le attività di audit svolte dallAdA o sotto la sua responsabilità; e)mantenere una contabilità informatizzata delle spese dichiarate alla Commissione; f)tenere una contabilità degli importi recuperabili e degli importi ritirati a seguito della soppressione totale o parziale della partecipazione a unoperazione.

17 POR Campania FESR Focus sullattuazione Autorità di Certificazione I rapporti fra lAdG e lAdC sono definiti da apposite procedure. LAutorità di Certificazione predisporrà le proprie attività in modo che le domande di pagamento siano inoltrate alla Commissione Europea con cadenza periodica, almeno quattro volte lanno (entro il 28 febbraio, il 30 aprile, il 31 luglio e il 31 ottobre) con la possibilità di presentare unulteriore domanda di pagamento, solo ove necessaria, entro il 31 dicembre di ogni anno per evitare il disimpegno automatico delle risorse.

18 POR Campania FESR Focus sullattuazione Autorità di Audit LAdA è responsabile della verifica dellefficace funzionamento del sistema di gestione e di controllo. LAdA è funzionalmente indipendente sia dallAdG che dallAdC. LAdA adempie a tutte le funzioni corrispondenti a quanto definito dal Reg. (CE) n. 1803/2006, secondo le modalità definite dal Reg. (CE) n. 1828/2006. In particolare, essa è incaricata dei compiti seguenti: a)garantire che le attività di audit siano svolte per accertare l'efficace funzionamento del sistema di gestione e di controllo del PO ; b)garantire che le attività di audit siano svolte su un campione di operazioni adeguato per la verifica delle spese dichiarate; c)presentare alla Commissione, entro 9 mesi dall'approvazione del PO, una strategia di audit riguardante gli organismi preposti alle attività di audit di cui alle lettere a) e b), la metodologia utilizzata, il metodo di campionamento per le attività di audit sulle operazioni e la pianificazione indicativa delle attività di audit ;

19 POR Campania FESR Focus sullattuazione Autorità di Audit d) entro il 31 dicembre di ogni anno, dal 2008 al 2015: i) presentare alla Commissione un rapporto annuale di controllo che evidenzi le risultanze delle attività di audit effettuate nel corso del periodo precedente di 12 mesi che termina il 30 giugno dellanno in questione conformemente alla strategia di audit del Programma Operativo e le carenze riscontrate nei sistemi di gestione e di controllo del Programma; ii) formulare un parere, in base ai controlli ed alle attività di audit effettuati sotto la propria responsabilità, in merito all'efficace funzionamento del sistema di gestione e di controllo, indicando se questo fornisce ragionevoli garanzie circa la correttezza delle dichiarazioni di spesa presentate alla Commissione e circa la legittimità e regolarità delle transazioni soggiacenti; iii) presentare, nei casi previsti dall'articolo 88 del Reg. 1083/2006, una dichiarazione di chiusura parziale in cui si attesti la legittimità e la regolarità della spesa in questione;

20 POR Campania FESR Focus sullattuazione Autorità di Audit e)presentare alla Commissione, entro il 31 marzo 2017, una dichiarazione di chiusura che attesti la validità della domanda di pagamento del saldo finale e la legittimità e la regolarità delle transazioni soggiacenti coperte dalla dichiarazione finale delle spese, accompagnata da un rapporto di controllo finale. LAdA assicura che gli audit siano eseguiti tenendo conto degli standard internazionalmente riconosciuti, e garantisce che le componenti che li effettuano siano funzionalmente indipendenti ed esenti da qualsiasi rischio di conflitto di interessi.

21 POR Campania FESR Focus sullattuazione Organismo abilitato a ricevere i pagamenti della Commissione Lorganismo abilitato a ricevere i pagamenti della Commissione per conto della Amministrazione regionale è il Ministero dellEconomia e delle Finanze – Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato - Ispettorato Generale per i Rapporti Finanziari con lUnione Europa (IGRUE). I contributi comunitari sono versati allIGRUE mediante accredito dei relativi fondi su apposito conto. LIGRUE provvede ad erogare in favore della Regione Campania le quote comunitarie FESR acquisite e le corrispondenti quote del cofinanziamento nazionale. Lorganismo responsabile dellesecuzione dei pagamenti LUfficio competente provvede alla gestione delle risorse finanziarie assegnate al PO sulla base della legislazione amministrativa e contabile comunitaria, nazionale e regionale e dei criteri di buona gestione finanziaria.

22 POR Campania FESR Focus sullattuazione Organismo nazionale di coordinamento per la trasmissione delle domande di pagamento LAdC trasmette le dichiarazioni certificate delle spese e le domande di pagamento alla Commissione Europea per il tramite dellAutorità Capofila di Fondo (Ministero dello Sviluppo Economico – DPS – Servizio per le Politiche dei Fondi Strutturali Comunitari). LAutorità Capofila di Fondo è responsabile della validazione delle dichiarazioni certificate delle spese e delle domande di pagamento e del successivo inoltro telematico alla Commissione Europea utilizzando i web services del sistema SFC2007.

23 POR Campania FESR Focus sullattuazione Organismi Intermedi LAmministrazione regionale può designare un organismo o un servizio pubblico o privato per svolgere una parte o la totalità dei compiti dellAdG o dellAdC, sotto la responsabilità di detta autorità o per svolgere mansioni per conto di dette autorità nei confronti dei Beneficiari che attuano le operazioni. I pertinenti accordi sono formalmente registrati per iscritto. LAffidamento viene effettuato mediante un atto che stabilisce i contenuti della delega, le funzioni reciproche, le informazioni da trasmettere allAdG e/o AdC e la relativa periodicità, gli obblighi e le modalità di presentazione delle spese conseguite, le modalità di svolgimento delle attività di gestione e di controllo, la descrizione dei flussi finanziari, le modalità, la conservazione dei documenti, gli eventuali compensi e le sanzioni per ritardi, negligenze, inadempienze. In particolare, LAdG e/o lAdC si accertano che gli Organismi Intermedi siano correttamente informati delle condizioni di ammissibilità delle spese e che siano verificate le loro capacità di assolvere gli impegni di loro competenza.

24 POR Campania FESR Focus sullattuazione Comitato di Sorveglianza Il Comitato di Sorveglianza ha la funzione di accertare lefficacia e la qualità dellattuazione del PO.. Esso è istituito, con atto formale, entro 3 mesi dalla data di notifica della decisione di approvazione del Programma, e sarà convocato con ordini del giorno separati per ciascun Fondo. Il CdS accerta lefficacia e la qualità dell'attuazione del PO. A tal fine: esamina e approva, entro 6 mesi dallapprovazione del PO, i criteri di selezione delle operazioni finanziate ed approva ogni revisione di tali criteri, secondo le necessità di programmazione; viene informato sui risultati della verifica di conformità ai criteri di selezione effettuata dallAdG sulle operazioni avviate prima dellapprovazione di detti criteri; valuta periodicamente i progressi compiuti nel conseguimento degli obiettivi specifici del PO;

25 POR Campania FESR Focus sullattuazione Comitato di Sorveglianza esamina i risultati dellesecuzione, in particolare il conseguimento degli obiettivi fissati per ogni asse prioritario; esamina ed approva i Rapporti annuali e finali di esecuzione prima della loro trasmissione alla Commissione Europea; è informato in merito al Rapporto annuale di controllo e alle eventuali osservazioni espresse a riguardo dalla Commissione Europea in seguito allesame del Rapporto; può proporre allAdG qualsiasi revisione o esame del PO di natura tale da permettere il conseguimento degli obiettivi dei Fondi o di migliorarne la gestione, compresa quella finanziaria; esamina ed approva qualsiasi proposta di modifica inerente al contenuto della decisione della Commissione relativa alla partecipazione dei Fondi; è informato del piano e delle attività di informazione, di comunicazione e di pubblicità.

26 POR Campania FESR Focus sullattuazione Sistemi di attuazione Conformemente all'arti. 65 del Reg. 1083/2006, le operazioni cofinanziate sono selezionate sulla base dei criteri di selezione approvati dal Comitato di Sorveglianza. Per consentire il tempestivo avvio della programmazione operativa , le Autorità di Gestione aveva facoltà di valutare lopportunità di avviare operazioni a valere sul PO, anche prima dellapprovazione dei criteri di selezione delle operazioni. Tuttavia, ai fini dellinserimento delle relative spese nelle domande di pagamento, lAdG dovrà effettuare una verifica tesa ad accertare che tali operazioni siano conformi ai criteri di selezione approvati dal Comitato di Sorveglianza; nello stesso tempo lAdG dovrà assicurarsi che sia stata rispettata la normativa comunitaria in materia di pubblicità e comunicazione.

27 POR Campania FESR Focus sullattuazione Sistemi di attuazione Non possono essere giudicate ammissibili le operazioni che non sono state selezionate sulla base di criteri di selezione conformi a quelli stabiliti dal CdS. Ttutte le operazioni selezionate dovranno: essere conformi ai criteri di selezione stabiliti dal Comitato di Sorveglianza, rispettare le regole di ammissibilità, rispettare le regole di informazione e pubblicità degli interventi Tutti i progetti dovranno essere selezionati in modo tale da garantire: a)l'osservanza del campo di intervento del FESR, stabilito dal Reg. (CE) n. 1083/2006, b)la fattibilità giuridico-amministrativa, tecnica gestionale ed economico-finanziaria, c)la coerenza con gli obiettivi specifici e operativi dellasse di riferimento, d)lammissibilità al cofinanziamento, e)il rispetto delle politiche comunitarie, specie in materia di concorrenza, di appalti pubblici, di tutela ambientale.

28 POR Campania FESR Focus sullattuazione Sistemi di attuazione Le modalità di accesso ai finanziamenti del FESR saranno le seguenti: 1. A titolarità regionale, corrispondenti ad esigenze dirette della Regione che individuerà soggetti e/o strutture pubbliche o private per la realizzazione delle operazioni. 2.A regia regionale, concernenti le azioni di programmazione e di interesse degli Enti Locali o altri Enti pubblici. Dallapplicazione della regia regionale, attraverso forme e procedure di negoziazione, deriverà la selezione delle progettualità. 3.A bando, concernenti le azioni riguardanti soggetti privati e pubblici e misti, con assegnazione dei finanziamenti tramite la presentazione di domande di finanziamento e successiva selezione sulla base di criteri di ammissibilità e di selezione delle operazioni. 4.Procedure concertative/negoziali, che consentono di sostenere e realizzare progetti di rilevanza strategica, anche a regia regionale, attraverso il coinvolgimento, nel processo decisionale e di costruzione delle scelte, di tutti i soggetti interessati, sia pubblici che privati, favorendo sempre la risposta a bisogni collettivi.


Scaricare ppt "POR Campania FESR Struttura 1.ANALISI DI CONTESTO 2.VALUTAZIONI 3.STRATEGIA 4.LE PRIORITA DI INTERVENTO 5.PROCEDURE DI ATTUAZIONE 6.DISPOSIZIONI FINANZIARIE."

Presentazioni simili


Annunci Google