La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LE MISURE DELLO SVILUPPO: GLI INDICATORI ECONOMICI, SOCIALI E AMBIENTALI Cozzolino Cristina Santoro Valeria.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LE MISURE DELLO SVILUPPO: GLI INDICATORI ECONOMICI, SOCIALI E AMBIENTALI Cozzolino Cristina Santoro Valeria."— Transcript della presentazione:

1 LE MISURE DELLO SVILUPPO: GLI INDICATORI ECONOMICI, SOCIALI E AMBIENTALI Cozzolino Cristina Santoro Valeria

2 CRESCITA E SVILUPPO aumento PIL reale o reddito di uneconomia Dimensione quantitativa PIL 1. crescita economica 2. sviluppo umano 3. riduzione povertà Dimensione qualitativa Indicatori economici,sociali e ambientali

3 CRITICHE AL PIL non considerazione delle disuguaglianze di reddito non discriminazione tra costi e benefici delle attività economiche mancata attenzione verso il degrado ambientale non misurazione dell economia sommersa non considerazione della dimensione sociale (istruzione, salute, uguaglianza)

4 EVOLUZIONE DELLE MISURE DELLO SVILUPPO

5 A partire dagli anni 60, si è cercato di valutare il concetto di qualità della vita e nel 1966 R.Bauer introduce la nozione di indicatore sociale: statistiche, serie statistiche e ogni altra forma utile a valutare dove noi stiamo e dove stiamo andando, relativamente ai nostri valori e ai nostri scopi (Bauer, 1966)

6 GROSS NATIONAL HAPPINESS (GNH) Ideato dal quarto re del Bhutan, il quale riteneva che lo sviluppo non doveva essere limitato ad un maggior consumo e allaccumulazione della ricchezza, ma avrebbe dovuto massimizzare la felicità. Quattro erano le variabili alla base di questo indicatore : sviluppo economico-sociale Conservazione ambientale Promozione della cultura tradizionale Buon governo

7 MEASURE OF ECONOMIC GROWTH (MEW) Elaborato nel 1972 da due economisti statunitensi W.Nordhaus e J.Tobin con lo scopo di dare maggior rilievo al benessere sociale.Il PIL venne modificato sotto tre aspetti: Elaborato nel 1972 da due economisti statunitensi W.Nordhaus e J.Tobin con lo scopo di dare maggior rilievo al benessere sociale.Il PIL venne modificato sotto tre aspetti: riclassificazione delle spese del PIL come consumo e non produzione riclassificazione delle spese del PIL come consumo e non produzione Imputazione per i servizi del consumo capitale,per il tempo libero e per il prodotto del lavoro domestico Imputazione per i servizi del consumo capitale,per il tempo libero e per il prodotto del lavoro domestico correzione di alcune disameneties dellurbanizzazione e dellindustrializzazione correzione di alcune disameneties dellurbanizzazione e dellindustrializzazione

8 PHYSICAL QUALITY OF LIFE INDEX (PQOL) Elaborato nel 1979 da Morris David Morris analizza tre variabili: 1. Mortalità infantile 2. Aspettativa di vita ad un anno 3. Alfabetizzazione INDEX OF SOCIAL HEALTH (ISH) Ad opera di Marc Miringoff, professore di politica sociale presso lUniversità di Fordham. Esso racchiude 16 indicatori sociali, rappresentativi dei settori che incidono sul benessere come salute, occupazione, reddito, istruzione e sicurezza e che sono raggruppati per tappe detà: mortalità, povertà e abusi infantili suicidio, abuso di droga e alto abbandono scolastico adolescenziale disoccupazione, salari e copertura sanitaria assicurativa degli adulti povertà dai 65 anni a salire omicidi, disuguaglianze di reddito, alloggi a prezzi accessibili, copertura di cibo vittime degli incidenti stradali, valutati per tutte le età.

9 Dimensione globale: indicatori economici+ Indicatori sociali+ Indicatori ambientali sviluppo sostenibile

10 Human Development Index (HDI) Si cerca di superare lunidimensionalità del PIL e formulare unidea di sviluppo basata su di una misura di benessere multidimensionale Lo sviluppo umano è un processo di ampliamento delle scelte delle persone e del livello di benessere da loro raggiunto(UNDP,1992), indicando: 1. la possibilità di condurre una vita lunga e sana 2. Acquisizione di conoscenze 3. Accesso alle risorse necessarie per condurre una vita dignitosa

11 HDI Indice composito calcolato sulla base di 3 dimensioni: longevità, misura laspettativa di vita alla nascita, livello distruzione o conoscenza, valuta sia il tasso dalfabetizzazione delle persone adulte sia il tasso discrizione alle scuole elementari-medie-superiori standard di vita, stimato sulla base del PIL pro-capite, espresso in termini di parità di potere dacquisto. I valori dell HDI sono compresi tra 0 e 1; dove una media con valori prossimi ad 1, indica un alto livello di sviluppo umano. In base a tali valori i paesi vengono distinti in: paesi a basso, medio, alto e molto alto sviluppo umano.

12 HDI

13

14

15

16

17

18

19

20 QOL (Quality of Life Index) Basato su un set di valori universali, che si estendono dagli aspetti fisici a quelli sociali ed emotivi della vita degli individui. Il suo artefice, Ed Diener, psicologo delluniversità dellIllinois, ha sottoarticolato lindice con riferimento al livello di sviluppo dei paesi da analizzare: Basic QOL Index, per i paesi in via di sviluppo Advanced QOL Index, per i paesi sviluppati. Il Basic QOL Index si basa sullo studio di 7 indicatori: potere dacquisto, tasso domicidio, realizzazione dei bisogni di base, tassi di suicidio, tasso dalfabetizzazione gravi violazioni dei diritti umani, deforestazione. Anche l Advanced QOL Index è costituito da 7 indicatori: tasso di risparmio, reddito pro-capite, benessere soggettivo, tasso discrizione alluniversità, disparità di reddito, trattati ambientali, medici per persona.

21 GPI (Genuine Progress Indicator) Introdotto da unorganizzazione no-profit, Redefinig Progress, al fine di controllare la qualità dellambiente e il benessere umano un aumento del GPI indica che uneconomia è diretta verso il sentiero della sostenibilità, invece una diminuzione implica il contrario mentre nel PIL tutte le spese sono positive, nel calcolare il GPI, viene eseguita una differenza tra spese positive e negative. GPI 1. aggiunge al PIL i valori stimati delle operazioni benefiche (lavoro volontario, cura dei bambini, lavoro domestico) che soddisfano i bisogni primari 2. sottrae dal PIL i costi stimati dei danni ambientali (inquinamento, esaurimento delle risorse) e i costi sociali (crimine).

22 Gender Development Index (GDI) Misura le disuguaglianze tra i sessi in riferimento alle tre dimensioni dellHDI:salute, istruzione, standard di vita UNDP,1995 Gender Empowerment Measure (GEM) misura le differenti opportunità, riflettendo le disuguaglianze in tre aree fondamentali : la partecipazione politica, ossia le percentuali di seggi in Parlamento, occupati da donne e da uomini. la partecipazione economica; le percentuali di donne e uomini che detengono posizioni amministrativi e manageriali (legislatori, alti funzionari e dirigenti) sia quelle con posizioni tecniche e professionali. il potere sulle risorse economiche; si riferisce al reddito stimato da donne e uomini.

23 Human Poverty Index (HPI) Si utilizza una procedura multidimensionale nel valutare la povertà ( le opportunità e le scelte dello sviluppo umano di base sono negate). Tale concetto non è più legato solo alla mancanza di reddito ma anche ad altri aspetti, come la privazione dei requisiti materiali diretti a soddisfare minimamente i bisogni umani (salute, educazione) e lassenza di alcune capacità fondamentali (mancanza di libertà politica, incapacità di partecipare al processo decisionale e alla vita della comunità (difficili da misurare).

24 HPI Viene analizzata la privazione nei tre ambiti essenziali della vita umana: longevità: si considera lesposizione alla morte ad unetà relativamente bassa, che è misurata dalla percentuale di persone che si prevede muoiano prima dei quarantanni. istruzione: si riferisce allesclusione dal mondo della lettura e della comunicazione, che viene misurata dalla percentuale di adulti che sono analfabeti. standard di vita decenti: in tale ambito sono considerati la percentuale di persone con accesso allacqua potabile, la percentuale di persone con accesso ai servizi sanitari, la percentuale di bambini malnutriti al di sotto dei cinque anni. LHPI, ha valori compresi tra 0 e 100; un valore elevato indica un alto livello di privazione e quindi grave condizione di povertà umana. UNDP,1997

25 Crescita economica Aspetto quantitativo: si riferisce allincremento del prodotto interno lordo, ossia il valore complessivo di beni e servizi prodotti allinterno di un paese in un certo intervallo di tempo. Il benessere di una nazione non può essere facilmente desunto da un indice del reddito nazionale (Kuznets, 1934). Sviluppo Aspetto qualitativo: Affermazione e raggiungimento di obiettivi sociali e ambientali (miglioramento di standards nutrizionali, sanitari, distruzione, equa distribuzione del reddito, aumento delle libertà fondamentali, sviluppo sostenibile). PIL HDI GII MPI (Bric)

26 Human Development Index,Gender Inequality Index, Multipoverty Index HDI: vita lunga e sana (misurata dallaspettativa di vita alla nascita) conoscenza (anni medi di istruzione e anni previsti di istruzione) standarts di vita dignitosi (reddito pro-capite) MPI: salute (mortalità infantile e nutrizione) educazione (anni di scuola, bambini iscritti) tenore di vita (accesso allacqua, al cibo, allelettricità, ai servizi, alla terra, acqua, etc)

27 GII: salute riproduttiva, calcolata in riferimento: 1. al decesso delle madri, in un dato anno per 100 bambini nati vivi 2. al tasso di fertilità delle adolescenti tra i 15 e i 19 anni. empowernment, calcolato stimando la percentuale delle donne che siede in parlamento e con la percentuale di donne che posseggono unistruzione secondaria e superiore mercato del lavoro, percentuale di donne che partecipano al mondo del lavoro.

28

29

30

31

32

33

34

35

36 Aumento del PIL e del PIL pro-capite Incremento dellHDI e riduzione del GII

37 Nel conseguire questo successo economico fondamentali è stato : Linvestimento in termini di capitale umano Sostegno statale alle infant industries Ciò ha contribuito alla nozione di miracolo asiatico: questi paesi inizialmente specializzati in attività ad elevato contenuto di lavoro, sono passati alla produzione di componenti per lindustria meccanica e infine a quella più complessa do microchip e semiconduttori per lindustri elettronica.

38 Incremento PIL e PIL pro-capite Incremento HDI Riduzione GII Progressi materiali non distribuiti in modo uniforme Non considera: squilibri regionali, tra aree urbane e rurali, tra gruppi sociali infranazionali Nonostante le disuguaglianze ancora forti

39 Brasile, Russia, Cina, India Gruppo composito, i cui membri sono accumunati da una straordinaria crescita economica (grazie soprattutto al ruolo giocato dallo stto), alla quale purtroppo, non sono seguiti altrettanto notevoli risultati nella riduzione della mortalità femminile (Brasile), lotta al fenomeno delle missing woman (Cina, India), ridistribuzione più equa del reddito, bilanciamento degli squilibri regionali.

40 Alti valori di PIL e PIL pro-capite Alti valori di HDI Bassi valori di GII

41 USA, Giappone, Canada, Germania, Italia, Francia e Regno Unito : Nonostante il reddito elevato, i paesi del G7 hanno notevoli problemi di redistribuzione dello stesso: la diseguaglianza si è notevolmente accentuata in Germania e in Italia, paesi in cui i ricchi hanno visto aumentare i loro redditi ad un tasso di 5.5 volte più alto di quello relativo al reddito dei più poveri. LItalia è fanalino di coda in Europa per la partecipazione femminile alla vita sociale, economica e politica del nostro paese (gender gap). Gli Usa, pur essendo la prima economia al mondo, è solo al tredicesimo posto nelle statistiche sanitarie mondiali per laspettativa di vita e la mortalità infantile e hanno un tasso di criminalità molto più elevato rispetto a quello dellEuropa o del Giappone.

42 STATI GDP, current price, billion $ US GDP per capita $ US HDI GII 2011RANK2011RANK2011RANK2011RANK G7 Stati Uniti d'America ,730,9110,2994 Canada1736, ,510,90820,146 Giappone5869, ,340,90140,1238 Germania ,660,90530,08512 Francia2776, ,250,88470,10610 Regno Unito2417, ,170,863100,2095 Italia2198, ,980,87480,1247 TIGRI ASIATICHE Hong Kong243, ,990,8985 Singapore259, ,920,86690,08611 Taiwan466, ,511 Corea del Sud1116, ,9100,89760,1119 BRIC Brasile2492, ,6130,718120,4492 Russia1850, ,4120,755110,3383 Cina7298,125413,6150,687130,2095 India1676, ,8140,547140,6171

43 Un tempo lo sviluppo era inteso semplicemente come aumento del pil. Oggi guardiamo ad una più ampia gamma di obiettivi comprendente lo sviluppo democratico, il perseguimento delluguaglianza, lo sviluppo sostenibile (compatibile con i valori ambientali) e linnalzamento del tenore di vita (Stiglitz, 1997).


Scaricare ppt "LE MISURE DELLO SVILUPPO: GLI INDICATORI ECONOMICI, SOCIALI E AMBIENTALI Cozzolino Cristina Santoro Valeria."

Presentazioni simili


Annunci Google