La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

STUDI DI POPULAR MUSIC 2009-2010 Docente Serena Facci.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "STUDI DI POPULAR MUSIC 2009-2010 Docente Serena Facci."— Transcript della presentazione:

1 STUDI DI POPULAR MUSIC Docente Serena Facci

2 Definizione di popular music Possibili traduzioni in italiano: musica popolare, musica leggera, musica di massa, musica di consumo. Definizioni quantitative (musica di massa, musica ci consumo) Definizioni qualitative (musica del popolo, musica leggera o per il popolo) Definizioni negative (ciò che non è musica tradizionale o colta) R. Middleton Studiare la popular musica, Feltrinelli 1994 (ed.or. 1990)

3 P. Tagg Popular Music, da Kodjak al Rave, CLUEB, Bologna 1994 Differenze tra popular music, musica folklorica e musica colta

4 COSA CE DIETRO UNA CANZONE COSA CE DENTRO UNA CANZONE

5 Non sono possibili definizioni stilistiche onnicomprensive. Cè però un tipo di forma che è prevalente nella popular music: la canzone. La canzone è un microcosmo in cui e intorno a cui muoversi per capire lo stile personale di un autore o un interprete, per individuare generi e tendenze, sviluppi storici e influssi tra repertori diversi, meccanismi di mercato e relazioni con i contesti storici. In un approccio musicologico, inoltre, la canzone è il testo più importante, anche se altri elementi testuali (video, concerti, trasmissione radiofonica, ecc.) e contestuali (pubblico, mercato, biografie di autori e interpreti, ecc.) sono essenziali nello studio.

6

7 Holly viene da Miami (Florida) in autostop attraverso gli USA sfoltendo le sue sopracciglia per strada depilandosi le gambe lui diventò lei Lei dice, Hey bambino Fatti un giro nella zona selvaggia Lei disse, hei dolcezza Fatti un giro nella zona selvaggia Candy viene dall'isola Nella camera sul retro lei era la ragazza di tutti ma non ha mai perso la testa neanche quando faceva pompini Lei dice, Hey bambino Fatti un giro nella zona selvaggia Disse, hei bambino Fatti un giro nella zona selvaggia e le ragazze di colore fanno do doo do doo..

8 Piccolo Joe non l'ha mai dato via gratis tutti devono pagare e pagare Una botta qui e una botta là NY city é il luogo dove dicono… Sugar Plum Fairy é venuto e batte le strade cercando cibo per l'anima e un posto dove mangiare é andato da Apollo avresti dovuto vederlo come ci dava dentro Loro dicono.. Jackie é completamente fatta per un giorno pensava di essere James Dean allora ho capito che presto si sarebbe schiantata il Valium l'avrebbe aiutata Diceva…

9 Lou Reed: A Walk on the wild side, Album Transformer Personaggi della Factory di Handy Warhol ( Holly Woodlawn, Candy Darling, Joe Dallesandro, Jackie Curtis (attori) e Joe Campbell (scrittore)). Il titolo è preso dal racconto A Walk on the Wild Side di Nelson Algren, Da Rolling Stone è considerata una delle 500 canzoni migliori di tutti i tempi. Reed fece parte dei Velvet Undeground dal 1966 al Partecipò alla seconda delle Factory di Warhol per circa due anni. Era un rappresentante del rock di sperimentazione. Tranformer fu prodotto da David Bowie, vi parteciparono Mick Ronson che curò anche gli arrangiamenti, Ronnie Ross (sax), Herbie Flowers (basso ecc.), John Halsey (batteria) [tutti inglesi].

10

11 Nato in una città di uomini morti il primo calcio lho preso quando ho toccato tessa fai la fine di un cane che è stato bastonato troppo fino a che passi metà della vita solo a metterti al riparo. Sono nato negli USA Mi sono messo in un piccolo pasticcio nella misa città Così mi hanno messo un fucile in amno Mi hanno spedito in Vietnam Per andare e uccidere luomo giallo Sono tornato casa alla raffineria Il mio capo mi ha detto Figliolo, fosse stato per me.. Sono sceso da uno dellAssistenza Veterani Mi ha detto Figliolo, tu non capisci...

12 Avevo un fratello a Khe Sahn Che combatteva i Viet Cong Loro sono ancora là, lui se ne è andato Aveva una piccola ragazza di Saigon Ho una piccola foto di lui tra le sue braccia. Giù nell'ombra del penitenziario Fuori vicino alle esalazioni infuocate della raffineria Sto bruciando da dieci anni giù in strada Nessun posto dove correre, non ho nessun posto dove andare Io sono un uomo vissuto negli USA

13 Bruce Springsteen: Born in the USA, (1981)1984 Album omonimo Era stata scritta per un film, in un periodo in cui il problema dei veterani stava emergendo. Springsteen aveva avuto un fratello morto durante lassedio di Khe Sahn. Inserita nella lista dell 500 canzoni migliori di tutti tempi di Rolling Stone. Bruce Springsteen e E street Band (Clarence Clemons - Sassofono, percussioni, cori, Roy Bittan - Sintetizzatore, pianoforte, tastiere, cori, Danny Federici - Organo, pianoforte, glockenspiel, tastiere, cori, Garry Tallent - Basso, cori, Steven Van Zandt - Chitarra, mandolino, cori, Max Weinberg - Batteria) Springsteen è considerato il maggior rappresentante della ripresa del rock autentico negli anni Ottanta.

14 Cosa cè dietro le canzoni Le due canzoni sono accomunate da: 1)Rifermenti a situazioni fortemente Americane, difficilmente internazionalizzabili se non in riferimento allunfluenza che la cultura statunitense ha avuto negli ultimi 60 anni. 2)Lappartenenza dei due autori al genere rock, pur se in momenti e con caratteri differenti.

15 Cosa cè dentro le canzoni Il sound complessivo dei due brani è completamente diverso. Le due canzoni sono però accomunate da: 1)La ripetitività di elementi melodici : il riff di basso in R. (mi-sol-la-sol) e la linea della voce in S. (fa#-fa#-re#-sol#-fa#-fa#-re) ambedue sono composte sui gradi )La ripetitività della relazione I-IV grado.

16 Philip Tagg: analisi musematica Al centro del metodo cè il concetto di musema, un unità musicale portatrice di significato e estrapolabile dal suo contesto. Lindividuazione dei musemi ha bisogno di: trascrizione e analisi della canzone, raccolta del materiale intersoggettivo attraverso gruppi di ascolto, confronto interoggettivo e sostituzione ipotetica per verificare la consistenza dellanalisi musematica. Il metodo di Tagg rientra nella semiotica musicale. Un esempio è lanalisi di Fernando degli Abba, nella quale Tagg ha individuato 11 musemi.

17 Allan Moore: scatola sonora Il sistema di analisi proposto da Allan Moore tiene in considerazione oltre ai normali parametri dellanalisi musicale (forma, melodia, armonia, ritmo, arrangiamento) anche alcuni parametri del sound, in particolare la disposizione spaziale delle varie componenti del brano. Ogni canzone è paragonabile a una scatola sonora in cui i vari elementi sono osservati in una disposizione tridimensionale che comprende: la disposizione delle parti (basso-alto),la disposizione stereofonica (destra-sinistra),la profondità dei piani (avanti-dietro).

18 Melodie, solisti Intelaiatura armonica Groove:basso Groove: battertia DISPOSIZIONE DELLE PARTI The Beatles: From me to you

19 Canale sinistro Canale destro DISPOSIZIONE STEREOFONICA The Rolling Stones: Paint it Black

20 Primo, secondo piano Sfondo PROFONDITA DEI PIANI Lou Reed: A walk in the wilde side

21 FORMA Generalmente la canzone ha una forma strofica. Più elementi strofici possono però combinarsi in una stessa canzone. Esistono casi anche di forme interamente composte o complesse. 2) Il blues da 12 battute (twelve bars blues) con schema AAB. 1) Il modello di 32 battute con schema AABA (chorus, chorus, bridge, chorus), preceduto talvolta da unintroduzione (verse). 3) Il modello strofa-ritornello. Le forme più ricorrenti sono : Franco Fabbri, Il suono in cui viviamo, Feltrinelli 4) La ballata monostrofica con una strofa o doppia strofa ripetuta senza ritornelli secondo lo stile di molti canti narrativi delle tradizioni popolari europee.

22 Un po di storia La chanson francese ai tempi del cafè chantant (anni 10 del XX secolo) Aristide Bruant: Chat Noire Forma A-B Strofa - ritornello Yvette Guilbert: Madame Arthur Forma monostrofica (a-b) Apri i file delle liriche Eric Satie, Polette dArty: Je te veux Forma A-B-A-B-A Ritornello - strofa

23 La melodia Ampi archi, intervalli larghi in ambiti che superano lottava, suoni lunghi: stili patogenici Linee di ribattuti, gradi congiunti con pochi salti, prevalentemente allinterno di unottava, suoni brevi: stili logogenici Le definizioni di patogenico e logogenico vengono da Curt Sachs, le sorgenti della musica. La petite Tonquinoise (canzone coloniale), George Villard Je te veux, Eic Satie

24 Il Caf-Con:tipologie di interpreti Yvette Guilbert (diseuse) Paulette DArty (Chanteuse de charme, o de voix) Fragson (Chanteur genre Anglais) Polaire (gommeuse- epileptique) Paulus, Charlus,Dranem, Georgius (comique gambillard, o loufoque) Polin (comique troupier) Mayol (fantasiste)

25 Canzoni da ballare Valzer : strofa e ritornello distinguono le fasi del dondolamento e del vortice. Amours fragiles (1906) Henry Fragson Danze di provenienza sudamericana: spostamento degli accenti

26 La matchiche, Anita di Landa La matchiche (1902), Mayol C'est la danse nouvelle Mademoiselle Prenez un air canaille Cambrez la taille Ça s'appelle la Mattchiche Prenez vos miches Ainsi qu'une Espagnole Joyeuse et folle !

27 FORMA Generalmente la canzone ha una forma strofica. Più elementi strofici possono però combinarsi in una stessa canzone. Esistono casi anche di forme interamente composte o complesse. 2) Il blues da 12 battute (twelve bars blues) con schema AAB. Es. Long gone Blues (B. Holiday) 1)Il modello di 32 battute con schema AABA (chorus, chorus, bridge, chorus), preceduto talvolta da unintroduzione (verse). Es. Nice work if you can get it (I.& G. Gershwin), da Damsl Distress ) Il modello strofa-ritornello. Le forme più ricorrenti sono : Franco Fabbri, Il suono in cui viviamo, Feltrinelli 4) La ballata monostrofica con una strofa o doppia strofa ripetuta senza ritornelli secondo lo stile di molti canti narrativi delle tradizioni popolari europee.

28

29

30 Cannons Jug Stompers Walk Right in (1929) Insieme strumentale: Chitarra, banjo, armonica, Kazoo 16 battute AABA

31 Blue Skies (1926) (Irving Berlin) Per Betsy di F. Ziegfild. Musiche di Rodgers and Hart. I was blue, just as blue as I could be Ev'ry day was a cloudy day for me Then good luck came a-knocking at my door Skies were gray but they're not gray anymore Blue skies Smiling at me Nothing but blue skies Do I see Bluebirds Singing a song Nothing but bluebirds All day long Never saw the sun shining so bright Never saw things going so right Noticing the days hurrying by When you're in love, my how they fly Blue days All of them gone Nothing but blue skies From now on [2] I should care if the wind blows east or west I should fret if the worst looks like the best I should mind if they say it can't be true I should smile, that's exactly what I do Versioni di Frak Sinatra e di Ella Fitzgerald: La reinvenzione della melodia Un modello di Song

32 Bixio-Cherubini La canzone dellamore Dalla CS del film Versione cantata da Zara I Strofa-ritornello

33 Serenata jazz-band - R. De Angelis

34 Test sulla forma

35 La disgregazione della forma canzone: il progressive rock The beatles: A day in the life (1967) I read the news today oh, boy About a lucky man who made the grade And though the news was rather sad Well, i just had to laugh I saw the photograph He blew his mind out in a car He didn't notice that the lights had changed A crowd of people stood and stared They'd seen his face before Nobody was really sure if he was from the house of lords I saw a film today oh, boy The english army had just won the war A crowd of people turned away But i just had to look Having read the book I love to turn you on. Woke up, got out of bed Dragged a comb across my head Found my way downstairs and drank a cup And looking up, i noticed i was late Found my coat and grabbed my hat Made the bus in seconds flat Found my way upstairs and had a smoke Somebody spoke and i went into a dream Ah I read the news today oh, boy Four thousand holes in blackburn, lancashire And though the holes were rather small They had to count them all Now they know how many holes it takes to fill the albert hall I'd love to turn you on

36 RITMO ed elementi cinetici. LAmerica Latina …la ballabilità di una canzone, cioè il suo rivolgersi agli ascoltatori come gente che balla e non tanto come gente che pensa o reagisce emotivamente si riferisce agli elementi di significazione cinetica… R. Middleton, Sudiare la popular music, p. 321 Conga Danza di origine cubana, il termine ne denota la provenienza dalla comunità congolese. Usata nel carnevale. Nelle versioni da sala è danza in linea con cambio di direzione sul quarto tempo ( Klick). Es. Me gusta la conga, di Xavier Cugat The king of Rumba, musicista ispano-cubano trapiantato negli Usa. Evidente il quarto movimento anticipato e forte sul tamburo. Nel testo si fanno riferimenti alle modalità del ballo e allo spirito con cui danzare. Il testo è sia in spagnolo che in inglese. Tango Il tango, danza di origine argentina (derivato forse dalla commistione di danze più antiche tra cui lhabanera cubana), ebbe unenorme diffusione in America Latina ed in Europa nei primi decenni del 900. Il primo viaggio in Europa di Casimiro Ain è del La base ritmica del tango argentino è indicata in quattro movimenti con un accento forte sull1 e sul 3 corrispondenti ai due passi base. Graficamente si rappresenta spesso con una doppia duina di crome in 2/4 (grafia insufficiente a rendere lidea cinetica). La melodia è generalmente in levare. Danza di coppia per eccellenza, grazie anche ai contenuti poetici dei testi e alle sue commistioni con il flamenco diventa ben presto simbolo di passionalità, quasi in contrapposizione con la spensieratezza attribuita alle danze di origine caraibica. Carlos Gardel, el rey del Tango, autore ed interprete, ne fu uno dei maggiori diffusori, attraverso numerose tournée. Es. Secreto 1933 (Discépolo) (Vedi: Meri Lao, T Come Tango, Elleu, Roma 2001)

37 DUE e/o TRE nella popular music in Europa e Stati Uniti Nuvolari (Lucchi-Casadei 1930 ca.), Orchestra Casadei - one step, duine sul piano e nella melodia. Cheek to cheek (I. Berlin 1935), per il film Top Hat, Ginger Rogers, duine sulla chitarra, melodia swing. 2 nel 2 a inizio 900 (tempi semplici 4/4 e 2/4) 2 nel 3 (3/4), Mazurka e valzer Je nen connais pas la fine (M. Monnot-R. Asso 1939), Edith Piaf, Valzer in 3 tempi 3 nel 2 (tempi composti). Nel blues, come nella tarantella la suddivisione in due o tre è spesso ambigua Shake em on down, (Bukka White 1937), blues, lunga-breve Il suo uso di accenti invariati nella chitarra … dà alla canzone una qualità run-on che la qualifica come un pezzo ballabile, perché risulta monotono per un ascoltatore sedentario.

38 Il terzinato: Blueberry hill (Lewis/Stock/Rose) Fats Domino terzine sul piatto Il rock&roll : Tuttifrutti 1955 (L. Richard) - cassa 1-3, rullante 2-4, duine sul piano From me to you 1963 (Lennon, McKartney) The Beatles - duine sui piatti All ly loving IDEM - terzine nella chitarra nel chorus I due modelli nel beat inglese Il 4/4 pesante del periodo Rock : Piece of my heart 1968 (J. Ragavoy, B. Bern) Jenis Joplin con Big brothers & Holding Com. Il tempo in 1, cassa sui 4 tempi : I know what I know, (Simon, Sirinda) 1986, P. Simon and Gaza Sisters 2+3, ritmi asimmetrici nel prog rock : Money 1973 (R.. Waters), Pink Floyd, 7/4 (riff del basso) MODELLI DELLA BATTERIA Ancora il tre: stile R&B/Soul, Somebody to love (Mercury), 1993 (A Day at the races.) Tarantella 12/8: Don Raffaé (De André, Bubola-Pagani 1990, Le nuvole) F. De André, R. Murolo, terzine nella melodia, nel tamburello, lunga-breve sui piatti.

39 ARMONIA Balla Linda di Battisti è impostata sulla relazione V-I, ma non ha mai una vera cadenza perfetta privilegiando le cadenze sospese (effetto ronda). Suzanne di Lehonard Cohen è tutta giocata sul rapporto Tonica-Sovratonia, o tonica-sottodominante (effetto culla). La città vecchia di De André ha un giro armonico che gioca sullambiguità tra modo minore e relativo maggiore (effetto antichizzante). Tra le canzoni scritte dai Beatles, almeno un terzo ricade interamente in questa categoria [le norme del comportamento tonale definite da Schenker], un altro terzo offre solo qualche esplorazione tangenziale fuori questo sistema, mentre il terzo rimanente metterebbe in crisi Schenker. (W. Everett, Sistemi tonali nelle musiche pop Rock, >, VIII,2, 2003)

40 ARMONIA Balla Linda di Battisti è impostata sulla relazione V-I, ma non ha mai una vera cadenza perfetta privilegiando le cadenze sospese (effetto ronda). Suzanne di Lehonard Cohen è tutta giocata sul rapporto Tonica- Sovratonia, o tonica-sottodominante (effetto culla). La città vecchia di De André ha un giro armonico che gioca sullambiguità tra modo minore e relativo maggiore (effetto antichizzante). Tra le canzoni scritte dai Beatles, almeno un terzo ricade interamente in questa categoria [le norme del comportamento tonale definite da Schenker], un altro terzo offre solo qualche esplorazione tangenziale fuori questo sistema, mentre il terzo rimanente metterebbe in crisi Schenker. (W. Everett, Sistemi tonali nelle musiche pop Rock, >, VIII,2, 2003)

41 G. Salvatore, Mogol Battisti. Lalchimia del verso cantato, Castelvecchi, Re La Sol La Balla Linda, balla come sai Re La Sol La Balla Linda, non fermarti Re La Sol La Balla Linda, balla come sai.

42 Suzanne di Lehonard Cohen è tutta giocata sul rapporto I-IV-I (Tonica- Sottodominan te, sostituita dalla sovratonica ii). Il iii grado non arriva mai a trasformarsi in V (dominante) Suzanne (Leonard Cohen) 1968 C (I) STR. Suzanne takes you down to her place by the river, Dm (ii) you can hear the boats go by, you can spend the night beside her, C (I) and you know that she's half crazy,but that's why you want to be there. Em (iii) F (IV) And she feeds you tea and oranges that come all the way from China, C (I) Dm (ii) and just when you mean to tell her, that you have no love to give her, C (I) Dm (ii) then she gets you on her wave-length and lets the river answer, C (I) that you've always been her lover. Em (iii) F (IV) RIT. And you want to travel with her, and you want to travel blind, C (I) and you know that she will trust you, Dm (ii) C (I) for you've touched her perfect body with your mind.

43 lam NEI QUARTIERI DOVE rem IL SOLE DEL BUON DIO Sol Do NON DA' I SUOI RAGGI rem HA GIA' TROPPI IMPEGNI lam PER SCALDAR LA GENTE MI D'ALTRI PARAGGI lam UNA BIMBA CANTA rem LA CANZONE ANTICA Sol Do DELLA DONNACCIA rem QUEL CHE ANCORA NON SAI lam TU LO IMPARERAI MIlam SOLO QUI FRA LE MIE BRACCIA La città vecchia Cadenza sospesa Modulazione transitoria a Do maggiore (pendolo eolico ) Cadenza perfetta

44 Accordi tetradici: il song americano anni 20 Larmonia della canzone americana classica comprende numerosi accordi standard della musica tonale tradizionale. Oltre ad essi, sono presenti anche altri accordi generati nel corso del tempo da tre processi di base. Si tratta di tre processi che hanno trasformato alcune di queste armonie tradizionali creando una nuova categoria di accordi molto diffusi che sono divenuti la lingua franca degli autori di canzoni dellEtà dellOro. (p.45) … La successione armonica in questo repertorio segue la sintassi della musica classica [triadi diatoniche legate tra loro per giungere a unarmonia di dominante cadenzale che definisce la tonica finale], ma ha proprie idiosincrasie come è possibile vedere quando si affronta lo studio dettagliato di singole canzoni. (p.55-56) (Allan Forte, Armonia, Melodia e forma nella canzone americana delletà delloro ( ), in «Rivista di Analisi e teoria musicale», VIII, 2, 2003). 1) Assimilazione degli abbellimenti 2) Assimilazione delle blue notes 3) Prestito modale

45 Altre possibilità armoniche (W. Everett, Sistemi tonali nelle musiche pop Rock, >, VIII,2, 2003) Passaggi a altre tonalità, talvolta senza preparazione, prestiti modali e ambiguità maggiore-minore Accordi dissonanti, le dissonanze spesso non risolvono ma hanno funzioni espressive. Successioni lineari ovvero movimenti melodici che generano armonie. In questo caso le verticalità sono guidate dal contrappunto ( p.e. un basso discendente, passaggi cromatici nella linea della voce, triadi di passaggio o di volta). Armonizzazioni di melodie modali (i modi più frequenti, oltre il maggiore e minore, sono leolio (la), il dorico (re), il frigio (mi). Il lidio (fa) è molto usato nel folk revival del sud-Italia. Armonizzazioni delle scale pentatoniche maggiori o minori. Power chords (accordi privi della terza). Armonie in cui non è evidente la tonica. Brani atonali (pochi).

46 There must be some kind of way out of here Said the joker to the thief There's too much confusion I can't get no relief Buisness men they drink my wine Plowmen dig my earth None would ever compromise Nobody of this world No reason to get excited The thief he kindly spoke There are many here among us Who feel that life is but a joke But you and I we've been through that And this is not our place So let us stop talking falsely now The hour's getting late All along the watchtower Princess kept the view While all the women came and went Barefoot servants too Outside in the cold distance A wildcat did growl Two riders were approaching And the wind began to howl All along the watchtover (Bob Dylan 1967, in John Wesley Harding) La melodia è pentatonica. La successione armonica è basata su un ostinato (do#m Si La SI) suggerita allinizio dalla chitarra non denuncia la presenza di una chiara tonalità.La lettura più verosimile è i-VII-VI- VII che armonizza un modo eolio (la-si-do- re-mi-fa-sol-la) in do# (do#re#mi fa#sol#la si do#).

47 Jimi Hendrix, All along the Watchtower? Dallalbum Electric Ladyland, Basso e voce principale al centro Chitarra solista con Wah-Wah e Panning nellimmagine stereofonica Batteria probabilmente con ADT a sx e dx Patrizio Simonini, La sperimentazione sonora sulleffettistica di studio e di chitarra nei tre album di Jimi Hendrix, Tesi di Laurea (Facoltà di Musicologia di Cremona) Fender Stratocaster Woodstock Clone (2002) La registrazione originale di All along the Watchtower, come il resto di John Weslay Harding (1967), è austera.(…), basso, batteria, chitarra acustica, voce, armonica, tre accordi e nessuna evidente manipolazione dei suoni. In questa condizione disadorna i temi di alienazione e angoscia della canzone ci attraversano con con unaria di rassegnazione. Per contrasto la registrazione di Hendrix con la sua potente apertura presenta una narrativa drammatica che produce un significato completamente differente. La versione di Hendrix contiene una sfida eroica. Albin J. Zak III, The poetics of rock. Cutting tracks, Making Records, University of California Press, Berkeley - London, 2001

48 Il sound: alcuni effetti Di studio Panning: spostamento orizzontale di un segnale nellimmagine stereofonica ATD (Automatic Double Tracking): aumenta il numero degli strumenti, con un effetto di sovraincisione. Phasing e Flanging: con tecniche diverse causano una variazione di fase delle frequenze con effetto di deformazione del timbro. Manipolazione di nastri: editing (taglio con lamette), alterazione della velocità, inversione del senso di rotazione. Filtro Pultec (filtro passabanda): lascia inalterata solo una banda eliminando le altre. Leffetto è quello di una nasalizzazione. Applicato a strumenti Fuzz Face: distorsione attraverso la modifica delle onde tonde in onde quadre Wah-Wah: Filtro passa banda regolato con un potenziometro e successivamente con un pedale Leslie: modulatore di ampiezza grazie alla rotazione degli altoparlanti Octavia: Duplica la frequenza del suono in entrata Feedback: loop creato da un sistema produttore e uno ricevente (microfono-cassa)

49 MODELLO DI ANALISI MUSICOLOGICA

50 Alle prese con una verde milonga (Paris milonga 1981) Alle prese con una verde milonga il musicista si diverte e si estenua... E mi avrai verde milonga che sei stata scritta per me per la mia sensibilità per le mie scarpe lucidate per il mio tempo per il mio gusto per tutta la mia stanchezza e la mia mia guittezza Mi avrai verde milonga inquieta che mi strappi un sorriso di tregua ad ogni accordo mentre mentre fai dannare le mie dita... Io sono qui sono venuto a suonare sono venuto ad amare e di nascosto a danzare... e ammesso che la milonga fosse una canzone, ebbene io, io l'ho svegliata e l'ho guidata a un ritmo più lento cosÏ la milonga rivelava di se molto più, molto più di quanto apparisse la sua origine d'Africa, la sua eleganza di zebra, il suo essere di frontiera, una verde frontiera una verde frontiera tra il suonare e l'amare, verde spettacolo in corsa da inseguire... da inseguire sempre, da inseguire ancora, fino ai laghi bianchi del silenzio finché Athaualpa o qualche altro Dio non ti dica descansate niño, che continuo io... ah...io sono qui, sono venuto a suonare, sono venuto a danzare, e di nascosto ad amare... Athaualpa Yupanqui: musicista e poeta argentino Milonga: danza della famiglia del Tango VEDI VIDEO Yupanqui, El carrero:

51 Athaualpa Yupanqui: musicista e poeta argentino Milonga: danza della famiglia del Tango, successiva allHabanera (?), con ritmo in 2/4, ma sovente terzinato VEDI VIDEO Yupanqui, El carrero: AMBIGUITA ritmica 3-2 nelle danze dellAmerica Latina. Il tresillo cubano: e q e q q = q. q. q

52

53

54

55

56 RICCARDO TESI LUNE Dallalbum omonimo Il Manifesto CD BANDITALIANA Riccardo Tesi: organetto diatonico Maurizo Geri: chitarra acustica, voce Claudio Carboni: sassofoni Ettore Bonafé: vibrafono, percussioni OSPITI Daniele Mencarelli: basso Marco Fadda: percussioni Damiano Puliti: violoncello Archea Strings: quartetto darchi Emiliano Licastro: scacciapensieri Nuovo Coro dei Maggianti di Scansano Ginevra di marco: voce Francesco Magnelli: pianoforte Daniele Sepe: sax soprano Claudio Fossati: batteria Mirco Guerrini: piano elettrico Silvano Lobina: basso elettrico Ominostanco: remix e arrangiamento

57

58 R. BowmanIl sound stax: unanalisi musicologica In R. Agostini e L. Marconi (a cura di) Analisi e popular music, Bollettino GATM VIII,2, 2004, pp 3-44 Il Sound Stax I can't get no satisfaction And I try, and I try, and I try, and I try I can't get no, I can't get no satisfaction When I'm drivin' in my car And that man comes on the radio And he's tellin' me more and more About some useless information Supposed to fire my imagination I can't get no, oh no no no Hey hey hey, this what I say CHORUS: I can't get no satisfaction I can't get no reaction And I try, and I try, and I try, and I try I can't get no, I can't get no satisfaction When I'm watchin' my TV and that girl comes on to tell me how tight my skirts should be well she can't tell me who to be cause I've got my own identity. I can't get no, oh no no no I can't get no satisfaction Repeat CHORUS I can't get no, satisfaction I can't get no satisfaction baby Nel 1966 Otis Redding registra Satisfation di M. Jagger e K. Richard, negli studi della Stax Records

59 Dubas- Piaf Mon Légionnaire (1935) Paroles: Raymond Asso. Musique: Marguerite Monno ANALISI SONOGRAFICA Dubas- Piaf Mon Légionnaire (1935) Paroles: Raymond Asso. Musique: Marguerite Monno ANALISI SONOGRAFICA

60 Il avait de grands yeux très clairs Où parfois passaient des éclairs Comme au ciel passent des orages. Il était plein de tatouages Que j'ai jamais très bien compris. Son cou portait : "Pas vu, pas pris." Sur son cœur on lisait : "Personne" Sur son bras droit un mot : "Raisonne". {Refrain:} J'sais pas son nom, je n'sais rien d'lui. Il m'a aimée toute la nuit, Mon légionnaire ! Et me laissant à mon destin, Il est parti dans le matin Plein de lumière ! Il était minc' (snello), il était beau, Il sentait bon le sable chaud, Mon légionnaire ! Y avait du soleil sur son front Qui mettait dans ses cheveux blonds De la lumière ! Bonheur perdu, bonheur enfui, Toujours je pense à cette nuit Et l'envie de sa peau me ronge (rode, consuma). Parfois je pleure et puis je songe (penso) Que lorsqu'il était sur mon cœur, J'aurais dû crier mon bonheur... Mais je n'ai rien osé lui dire. J'avais peur de le voir sourire ! {Refrain} On l'a trouvé dans le désert. Il avait ses beaux yeux ouverts. Dans le ciel, passaient des nuages. Il a montré ses tatouages En souriant et il a dit, Montrant son cou : "Pas vu, pas pris" Montrant son cœur : "Ici, personne." Il ne savait pas...Je lui pardonne. J'rêvais pourtant que le destin Me ramèn'rait un beau matin Mon légionnaire,etc.

61 Dubas, incipit di Mon légionnaire

62 Piaf, incipit di Mon légionnaire

63 Dubas – Fine frase

64 Piaf, Fine frase

65 Dubas, idem con zoomPiaf, idem con zoom

66 HUMAN BEHAVIOUR (Songwriters: Jobim, Antonio Carlos; Gudmundsdottir, Bjork; Hooper, Nellee) 1993 If you ever get close to a human and human behaviour be ready to get confused there's definitely no logic to human behaviour but yet so irresistible there's no map to human behaviour they're terribly moody then all of a sudden turn happy but, oh, to get involved in the exchange of human emotions is ever so satisfying there's no map and a compass wouldn't help at all human behaviour Versione in studio Versione live acustica Per il concerto MTV unplugged nel 1994

67 Antonio Carlos Jobin Con Joao Gilberto e Vinicius de Moraes è considerato tra i fondatori della bossanova. Garota de Ipanema (testo di Vinicio de Moraes) Desafinado con Stan Getz Il sample è tratto dalla colonna sonora di The adventurers (Gli avventurieri), un film di Lewis Gilbert del Il brano Go down daying è suonato dalla Ray Brown Orchestra.

68 Studio-Live, diversi arrangiamenti. Björk Human behaviour Versione in studio

69 Versione live

70 Notiamo le tante novità nate tra la fine degli anni Settanta e gli Ottanta (il punk, levoluzione dellhard rock in heavy metal,la new wave, la diffusione commerciale del reggae, la nascita della disco-music, lesplosione dellelettronica, il rap, la world music). Ne nascono modelli compositivi e stilemi che spesso si intrecciano e sovrappongono, tra i novanta e i duemila. Un modello rilevante è proprio il rifare, il riutilizzare quel che è già stato fatto, come nel semple di Human Behaviour. (sugg. Bibl. Nicola Duse, Lucio Speziante, Remix remake, pratiche di replicabilità, Meltemi 2006).

71 IL RAPPORTO TESTO-MELODIA Stefano La Via, Poesia per musica e musica per poesia, Carocci, Roma 2006

72 Musica per poesia o poesia per musica. In ambedue i casi è importante studiare ambedue gli aspetti nelle loro relazioni. Partire prima dal testo è una strategia utile. Osservare sia il significato sia la versificazione (natura del verso, piedi, rime). Lanalisi della melodia oltreché della macroforma deve tener conto dellambitus, del profilo melodico generale (ordine delle note importanti: iniziale, più grave, più acuta, finale), delle caratteristiche dei segmenti melodici (ribattuti, ascendenti, discendenti, arco), delluso degli abbellimenti (appoggiature, note di passaggio, melismi). Importanza delle figure retoriche e delle figure melodiche (teoria degli affetti).

73 Ambitus: il Do3 è il do centrale del pianoforte, scritto in chiave di violino sotto il pentagramma con il taglio in testa.

74

75 Yesterday Trocheo: - u Giambo: u – Tribraco: uuu Dattilo – u u Anapesto: u u – Spondeo: - - Anfibraco: u - u

76

77 Da: S. La Via, cit, Parte II

78

79

80 Litaliano cantato La musica delle canzoni si definisce leggera o popolare; ma si può dire che litaliano delle canzoni sia – o sia stato – un italiano leggero o popolare? In effetti no. La lingua delle canzoni è appesantita dalla ritmica, che la rendono ben poco spontanea o lineare, facile anzi alle inversioni sintattiche e rigida nella selezione delle parole in rima (da scegliersi quasi sempre tra le poche accentate sullultima sillaba Giuseppe Antonelli Ma cosa vuoi che sia una canzone, Bologna, Il mulino, 2010, p.22

81 Isoritmia: corrispondente suddivisione dei valori ritmici del verso nelle battute In un campo di grano che dirvi non so U U -- U U -- U U -- U U -- e e | e e e e e e e e e q Dormi sepolto in un campo di grano -- U U -- U U -- U U -- U e e e e e e e e e q e

82 Versi di varia natura, note di varia durata, con corrispondenza ritmo poetico e ritmo musicale Grazie dei fior -- U U -- h q q | q Tra tutti gli altri li ho riconosciuti U – U -- U -- U U U -- U e | e e e e e e e e | e e Atteggiamenti prosaici Ieri ho incontrato mia madre -- U U U -- U U -- U e e g. e e e e e | e e

83 La rottura dellisoritmia Battisti […] infila cinque parole in una misura e al ritorno nella medesima misura è capace di infilarne dieci (G. Manfredi cit. in Antonelli) Sì viaggiare evitando le buche più dure, senza per questo cadere nelle tue paure gentilmente senza fumo con amore dolcemente viaggiare rallentare per poi accelerare con un ritmo fluente di vita nel cuore gentilmente senza strappi al motore. E tornare a viaggiare e di notte con i fari illuminare chiaramente la strada per saper dove andare. Con coraggio gentilmente, gentilmente dolcemente viaggiare

84 Marlene Kuntz Bellezza (da Bianco sporco 2005) (testo di Cristiano Godano) Noi sereni e semplici cupi ed acidi, noi puri e candidi o un po' colpevoli per voglie che ardono: noi cerchiamo la bellezza ovunque. E noi compresi e amabili offesi e succubi di demoni e lupi, noi forti ed abili o spenti all'angolo: Noi cerchiamo la bellezza ovunque. E passiamo spesso il tempo così, senza utilità (quella che piace a voi) senza utilità (perché non serve a noi) Non ci stupirà più di tanto se nel caso delle parole sdrucciole – ultimamente sempre più frequenti nel pop – risulta molto alta la percentuale di rime ritmiche, ovvero senza piena identità di suoni dallaccento in poi (Antonelli,cit., p-43)

85 Baustelle La guerra è finita (da La malavita 2005) (testo di Francesco Bianconi) Vivere non è possibile Lasciò un biglietto inutile Prima di respirare il gas Prima di collegarsi al caos Era mia amica Era una stronza Aveva sedici anni appena Vagamente psichedelica La sua t-shirt allepoca Prima di perdersi nel punk Prima di perdersi nel crack Si mise insieme ad un nazista Conosciuto in una rissa E nonostante le bombe vicine e la fame Malgrado le mine Sul foglio lasciò parole nere di vita La guerra è finita Per sempre è finita Almeno per me Max Pezzali degli 883 evoca apertamente il modello del rap americano: Gruppi come RUN DMC o Public enemy erano usi a spostare accenti […]. Assecondando le esigenze di ritmo e di rima Pezzali pronuncia con una sorta di doppia accentazione su alcune parole originariamente sdrucciole. (Antonelli, ib., p. 35)


Scaricare ppt "STUDI DI POPULAR MUSIC 2009-2010 Docente Serena Facci."

Presentazioni simili


Annunci Google