La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Limitazioni strumentali del prodotto telerilevato Orbita, scansione e strumenti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Limitazioni strumentali del prodotto telerilevato Orbita, scansione e strumenti."— Transcript della presentazione:

1 Limitazioni strumentali del prodotto telerilevato Orbita, scansione e strumenti

2 SALVARE VITE UMANE E STRUTTURE DALLE CONSEGUENZE DI EVENTI DI PRECIPITAZIONI INTENSE FARE UNA PREVISIONE DELLA PRECIPITAZIONE AL SUOLO CON 48 ORE DI ANTICIPO, UN ERRORE SULLA PRECIPITAZIONE DEL 30%, SULLA SUA LOCALIZZAZIONE DI 5 KM E SUL TEMPO DI 1 ORA E TRASMETTERE LA PREVISIONE AGLI ORGANISMI COMPETENTI ENTRO 1 ORA. MISURARE OGNI 6 ORE (ALL WEATHER) ENTRO 1000 KM PROFILI DI VAPOR DACQUA CON UN ERRORE DEL 10%, UN CAMPIONAMENTO VERTICALE DI 2 KM NELLA TROPOSFERA, ED UN CAMPIONAMENTO ORZZONTALE DI 50 KM E TRASMETTERE LA MISURA AI CENTRI DI PREVISIONE ENTRO 1 ORA. AVERE UNA RETE DI 2 SATELLITI IN ORBITA BASSA ELIOSINCRONA E TRA LORO PERPENDICOLARE CON RADIOMETRI A MICROONDE CON UNANTENNA DI 2 M, MISURE NELLE BANDE DI ASSORBIMENTO DELL02 (E DEL VAPOR DACQUA PER UN TOTALE DI xxx CANALI ALLE FREQUENZE yyy E RISPETTIVAMENTE DI LARGHEZZA SPETTRALE zzz CON UN ERRORE RADIOMETRICO MASSIMO ASSOCIATO DI vvv K

3 Limitazioni strumentali del prodotto telerilevato Campionamento temporale Campionamento (risoluzione) orizzontale Campionamento (risoluzione) verticale Copertura Accuratezza Overall observation characteristics are determined by the combination of Radiometric factors + scanning system + orbit characteristics Orbita, scansione e strumenti

4 Accellerazioni agenti su un satellite in orbita in funzione dellaltitudine

5

6 F g =GM e M s /r 2 F c =M s v 2 /r F c =F g T= F (r)

7

8 Intervallo d'interesse per la maggior parte delle missioni meteorologiche (la linea trattegiata si riferisce al caso dell'orbita geostazionaria). Relazione tra periodo T e distanza dal centro della terra r di un satellite in orbita circolare Intervallo d'interesse per i satelliti in orbita bassa come i satelliti in orbita eliosincrona.

9

10

11

12 Equator Crossing Times for NOAA Polar Orbiters

13

14

15 ORBITE GEOSTAZIONARIA POLARE - ELIOSINCRONA POLARE - NON-ELIOSINCRONA PUNTO LAGRANGIANO L1

16

17

18 INCLINAZIONE

19 Orbita eliosincrona

20

21 Subsatellite track

22 ESEMPI DI SCANSIONI

23 ESEMPI DI SCANSIONI: MODIS

24 x X/H=D/F Esempio: D=20 micron X=1 m H=1000 km F=20 m !!!!! D=20 micron X=100 m H=1000 km F=20 cm

25 DIFFRAZIONE Il diametro dello specchio usato nella scansione determina la capacità del radiometro di risolvere 2 punti differenti alla superficie terrestre. Il criterio di Rayleigh indica che langolo di separazione, θ, tra 2 punti risolvibili (il massimi dele figure di diffrazione di un punto cade nel minimo dellaltro) e: sin θ = λ / d Dove: d: e il diametro dello specchio λ: la lunghezza donda. Per esempio uno specchio di 30 cm su un satellite geostazionario (H=36000 km) alla lunghezza donda di 10 micron da una risoluzione di circa 1 km: m / 0.3 m = 3.3 x sin θ ~ θ X = H*θ = * 3.3 x = 1.2 km

26 λ: lunghezza d'onda della radiazione e.m., f : distanza focale della lente a: diametro del raggio di luce o (se il raggio di luce è più ampio della lente) il diametro della lente. L'ampiezza risultante contiene circa il 70% dell'energia della luce e corrisponde al raggio del primo minimo del disco di Airy, approssimato con il criterio di Rayleighdisco di Airycriterio di Rayleigh L'ampiezza d dei dispositivi dove si raccoglie la luce, nel fuoco di una lente

27 GEOMETRIE D'OSSERVAZIONE: Nadir Limb

28 ENVISAT INSTRUMENTS SCANNING GEOMETRY ceos.cnes.fr:8100/cdrom-00b/ceos1/satellit/envisat/insnts00/index.htm NADIR LIMB

29 Scansione Cross-track

30

31

32

33

34 Limb measurements resolve the vertical structure of the atmosphere and emission measurements provides continuous (global) geographical coverage. Limb emission measurements

35

36 Caratteristiche di piattaforma Dimensioni Massa Consumo energetico Presenza di parti mobili Posizione particolare Data rate Interferenze e.m.

37 Caratteristiche Geometriche Stabilita dellorbita (2-3 cm per altimetri) Accuratezza geometrica assoluta e relativa Copertura (swath) & Geometria di scansione Risoluzione spaziale & caratteristiche (per es.forma) del campo di vista (Instantaneous Field of View) Posizione relative dei campi di vista dei differenti canali (Channel co-registration) Risoluzione Verticale (limb viewer)

38 DIFFRAZIONE Il diametro dello specchio usato nella scansione determina la capacità del radiometro di risolvere 2 punti differenti alla superficie terrestre. Il criterio di Rayleigh indica che langolo di separazione, θ, tra 2 punti risolvibili (il massimi dele figure di diffrazione di un punto cade nel minimo dellaltro) e: sin θ = λ / d Dove: d: e il diametro dello specchio λ: la lunghezza donda. Per esempio uno specchio di 30 cm su un satellite geostazionario (H=36000 km) alla lunghezza donda di 10 micron da una risoluzione di circa 1 km: m / 0.3 m = 3.3 x sin θ ~ θ X = H*θ = * 3.3 x = 1.2 km

39 Chen, H.S., Space Remote Sensing Systems: An introduction. Academic Press. 258 pp.

40 Orbit W/m 2 α α β<αβ<α W/m 2 sr

41 Channel co-registration

42

43 Caratteristiche Temporali Campionamento temporale Ripetitività Ora di passaggio (Eliosincronicità) 2007/05/28, UTC AM, AMSR-E Atmospheric Water Vapor (mm) 2007/05/27, UTC AM, AMSR-E Atmospheric Water Vapor (mm) 2007/05/26, UTC AM, AMSR-E

44 Caratteristiche Spettrali Intervallo (Range): Es. Visibile, Infrarosso, Microonde Risoluzione spettrale (Spectral resolution) Numero di canali Risposta spettrale del singolo canale: funzione di risposta (per es. Trasmittanza del filtro), lunghezza donda centrale e larghezza del filtro (central wavelength & bandwidth), trasmittanza del filtro fuori della banda (out of band response) Stabilità spettrale: e.g. la risposta del filtro rimane la stessa nel tempo? Crosstalk: independenza tra le misure

45 Metodi per separare lunghezze donda +Gas cell

46

47 IEEE TRANSACTIONS ON INSTRUMENTATION AND MEASUREMENT, VOL 38, NO 2, APRIL 1989, Precise Measurement of Photodiode Spectral Responses Using the Calorimetric Method HIDEAKI YAMAGISHI, YASUYUKI SUZUKI, AND AKIO HIRAIDE Si Fig. 8. Spectral response of the InGaAs photodiode. The response depends greatly on the temperature in the region below 0.95 pm and between 1.6 and 1.8 pm. Fig. 7. Spectral response of commercially available Ge photodiode. Si InGaAs

48 IEEE TRANSACTIONS ON INSTRUMENTATION AND MEASUREMENT, VOL 38, NO 2, APRIL 1989, Precise Measurement of Photodiode Spectral Responses Using the Calorimetric Method HIDEAKI YAMAGISHI, YASUYUKI SUZUKI, AND AKIO HIRAIDE Ge Spectral response of commercially available photodiodes. Si InGaAs

49

50

51

52 Polarization characteristics Capability to measure polarization components Response of the instrument to polarized signal

53 Carateristiche Radiometriche Risoluzione Radiometrica Dinamica del segnale (Dynamic Range): Discretizzazione Calibrazione Accuratezza radiiometrica assoluta e relativa. Sensibilità (Sensitivity) Rumore (Noise)

54 A general problem: noise Time sampling Horizontal resolution Vertical resolution Coverage Accuracy EXAMPLE: Noise equivalent radiance for infrared detector can be expressed as NEDR( ) = [Ad Δf] 1/2 / [Ao (Δ ) Ω D* Δ ] where is preamplifier degradation factor Ad is detector area in cm2 Δf is effective electronic bandwidth of radiometer Ao is mirror aperture area in cm2 (Δ ) is transmission factor of radiometer optics in spectral interval Δ Ω is solid angle of FOV in steradians D* is specific spectral detectivity of detector in spectral band in cm Hz 1/2 / watt, and Δ is spectral bandwidth of radiometer at wavenumber in cm-1.

55 Fattori operativi Accessibilita ai dati Tempo di acquisizione+distribuzione+processamento Rete di distribuzione e di supporto utenti

56

57

58 Fattori economici Costi missione (output) Supporti missione (input)

59 Non-instrumental limiting factors Sunglint (VIS) Cloud contamination (VIS-IR) Mixed surface type (land contamination) Large aerosol load (VIS) Precipitation (MW) Night-time (VIS) Large viewing angle

60 STRUMENTI RADIOMETRI INTERFEROMETRI RADAR LIDAR

61 modis.gsfc.nasa.gov/about/specifications.php

62 ESEMPIO DI STRUTTURA DI RADIOMETRO: MODIS

63 STRUTTURA GENERALE DI UN RADIOMETRO 1.SCANSIONE 2.TELESCOPIO 3.SEPARAZIONE SPETTRALE DELLA RADIAZIONE 4.MISURA DELLA RADIAZIONE 5.CONVERSIONE A/D E TRASFORMAZIONE DELLE MISURE PER TRASMISSIONE 6.CALIBRAZIONE

64 SCANSIONE DI MODIS

65

66

67


Scaricare ppt "Limitazioni strumentali del prodotto telerilevato Orbita, scansione e strumenti."

Presentazioni simili


Annunci Google