La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ADF Semeiotica Equilibrio acido-base Enrico Fiaccadori Dipartimento di Clinica Medica, Nefrologia & Scienze della Prevenzione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ADF Semeiotica Equilibrio acido-base Enrico Fiaccadori Dipartimento di Clinica Medica, Nefrologia & Scienze della Prevenzione."— Transcript della presentazione:

1 ADF Semeiotica Equilibrio acido-base Enrico Fiaccadori Dipartimento di Clinica Medica, Nefrologia & Scienze della Prevenzione

2 Il controllo dellequilibrio acido base ha un ruolo centrale nellomeostasi dei fluidi corporei, assicurando il mantenimento della concentrazione idrogenionica entro limiti stretti

3 Lo ione idrogeno come specie altamente reattiva H+H+ Legame con le proteine (enzimi, proteine contrattili, proteine di trasporto etc.) Alterazioni strutturali Alterazioni funzionali

4

5 MAJOR ADVERSE CONSEQUENCES OF SEVERE ALKALEMIA (Adroguè HJ, Madias NE, N Engl J Med 1998; 338: ) Cardiovascular - Arterial constriction - Reduction in coronary blood flow - Reduction in anginal threshold - Predisposition to refractory supraventricular and ventricular arrhythmias Respiratory - Hypoventilation with attendant hypercapnia and hypoxemia - Enhancement of hypoxic pulmonary vasoconstriction worsening of ventilation-perfusion relationships Metabolic - Stimulation of anaerobic glycolysis and organic acid production - Hypokalemia - Decreased plasma ionized calcium concentration - Hypomagnesiemia and hypocalcemia Cerebral - Reduction in cerebral blood flow - Tetany, seizures, lethargy, delirium and stupor

6 Impatto della dieta sullequilibrio acido-base (Dieta media con circa 70 –100 g. di proteine prevalentemente animali) - Produzione di acidi 240 mEq - Produzione di basi (rimozione di acidi) 170 mEq Il bilancio netto è di circa 70 mEq di H + che si accumulano nellorganismo (1 mEq/Kg/die)

7 Forme di acidi fissi e volatili Acidi fissi Inorganici H 3 PO 4 (Fosfati organici, proteine) H 2 SO 4 (AA solforati) Organici Acido lattico Chetoacidi Tossici Farmaci Acidi volatili H 2 CO 3 CO 2 + H 2 O

8 Produzione di basi (rimozione di acidi) con la dieta Metabolizzazione aminoacidi anionici (glutamato, aspartato) Metabolizzazione anioni organici (ad es. citrato)

9 Parametri dellequilibrio acido-base: - quali sono, come si esprimono (unità di misura) - concetto di valori medi e range fisiologico [H + ] 40 nEq/L (36-44) pH 7.40 (7.36–7.44) PaCO2 40 mmHg (36-44) HCO3 24 mEq/L (22–26) Dove si misurano: Lequilibrio acido-base nel suo complesso si può valutare solamente sul sangue arterioso, che consente di analizzare il ruolo dei tre componenti fondamentali della regolazione: trasporto ematico sotto forma di tamponi, polmone, rene lemogasanalisi arteriosa rappresenta lesame più importante

10 Concentrazioni normali anioni e cationi nel plasma CATIONI, mEq/L Na 140 K 4.5 Ca 5 Mg 2 H (40 nEq/L) ANIONI, mEq/L Cl 103 HCO3 24

11 Finalità dei sistemi che concorrono allequilibrio acido-base: mantenimento omeostasi idrogenionica

12 Meccanismi che limitano e/o correggono modificazioni della concentrazione idrogenionica nellorganismo Sistemi tampone Sistema di prima difesa verso le alterazioni acido-basiche + trasporto acidi e basi verso gli apparati escretori (rene e polmone) Rene eliminazione acidi fissi (e basi) Polmone eliminazione acidi volatili (CO2) derivanti dal metabolismo dei nutrienti o dal tamponamento di acidi da parte del bicarbonato

13 Un sistema tampone è costituito da un acido e dalla sua base coniugata ed è in grado di rilasciare o legare H+ a seconda delle necessità. In caso di legame lH+ cessa temporaneamente di esistere come specie dissociata autonoma (e quindi altamente reattiva) nel fluido contenente il tampone

14 Sistemi tampone dellorganismo: tamponi intra- ed extracellulari

15 Ruolo centrale del sistema tampone bicarbonato E il tampone quantitativamente più importante nellextracellulare E in equilibrio con i sistemi tampone intracellulari Le due componenti del sistema (bicarbonato/acido carbonico) sono controllate separatamente dal rene (componente metabolica) e dal polmone (componente respiratoria) La valutazione delle due componenti del sistema del bicarbonato consente di valutare lequilibrio acido-base dellorganismo, attraverso lequazione di Henderson- Hasselbalch

16 H2CO3 HCO3 - + H + Il sistema tampone bicarbonato/acido carbonico

17 CO 2 + H 2 O H 2 CO 3 HCO H +

18 polmone rene

19 CO 2 + H 2 O H 2 CO 3 HCO H + polmone rene Tamponi cellulari

20 CO 2 + H 2 O H 2 CO 3 HCO H + polmone rene Tamponi cellulari Lo studio dellequilibrio di dissociazione del sistema tampone bicarbonato/acido carbonico fornisce indicazioni sullequilibrio acido-base dellorganismo in toto e sui meccanismo di compenso renali (metabolici) e polmonari (respiratori)

21 CO 2 + H 2 O H 2 CO 3 HCO H + polmone rene pH = log HCO PaCO 2 Lequilibrio di dissociazione del sistema tampone HCO3/H 2 CO 3 è descritto dalla legge dazione di massa, espressa come equazione di Henderson-Hasselbach, nella quale lH 2 CO 3 è inserito sotto forma di PaCO2 moltiplicata per un coefficiente di solubilità della CO 2 in H 2 O (si ottiene un dato in mEq/L) Tamponi cellulari

22 pH = log HCO xPaCO 2 pH = log 24 mEq/L x 40 mmHg pH = log 24 mEq/L 1.2 mEq/L pH = log (24/1.2) pH = log 20 pH = = 7.40

23 Nellorganismo esistono numerosi sistemi e ciascuno di essi ha un equilibrio espresso dalla sua equazione di HH Però, poiché tutti sono anche in equilibrio tra di loro, sarà sufficiente studiarne uno solo per conoscere lequilibrio acido-base di un soggetto Il sistema tampone che viene utilizzato in clinica è quello bicarbonato/acido carbonico, cioè bicarbonato/CO2 Vine utilizzato in quanto le due componenti sono facilmente misurabili e in quanto direttamente influenzata dai due sistemi coinvolti nella regolazione dellequilibrio acido-base: emuntorio renale e sistema respiratorio

24

25 RENE

26 Ruolo del rene nel mantenimento del bilancio acido-basico Riassorbimento del bicarbonato già presente nel sangue e che venendo filtrato dal glomerulo verrebbe perso nelle urine (tubulo prossimale) Eliminazione netta di H + (tubulo distale) La base fisiologica di entrambi gli effetti è rappresentata dalla secrezione di H+, a livello dei tubuli prossimale e distale

27 Riassorbimento dei bicarbonati nel tubulo prossimale 85% del bicarbonato filtrato elevata capacità (24 mEq/L di bicarbonato x 150 L di filtrato glomerulare = 3600 mEq/24 ore filtrati) Elevata permeabilità luminale agli H+ Basso gradiente di H+ (7.4 inizio t.p., 7 fine t.p.) per la presenza della anidrasi carbonica Scambio Na/H epitelio tubulare + cotrasporto Na/HCO3 basolaterale Soglia dei bicarbonati 26 mEq/L Na+ NaHCO3

28 Controllo del riassorbimento prossimale di bicarbonato Acidosi extracellulare Volemia efficace Sistema renina-angiotensina Potassiemia e patrimonio potassico

29 Eliminazione netta di H+ (generazione di bicarbonati) nel tubulo distale Secrezione di H+ mediata da una H + ATPasi nelle cellule intercalate Secrezione contro gradiente elevato (pH 7.4 nel sangue, 4.5 nelle urine gradiente di 1:1000) con bassa permeabilità luminale agli H + Presenza di tamponi luminali (Fosfati e NH3) per legare gli H+ secreti lacidificazione è massima per valori di pH di 4.5, oltre ai quali non è possibile creare maggiore gradiente di H+; manca inoltre la anidrasi carbonica luminale H+ escreti come H+ liberi (quantità minima), acidità titolabile e ioni ammonio (NH 4 + ) questultimo rappresenta il principale meccanismo di eliminazione degli H + sia in condizioni fisiologiche che quando sia necessario eliminare un carico di H + (acidosi)

30 Escrezione netta di H+ come acidità titolabile

31 Escrezione netta di H + come ammoniuria Delle varie forme di escrezione di H+, solamente lescrezione dello ione ammonio può aumentare significativamente in presenza di un carico acido

32 A parità di valori di pH urinario raggiunti, in corso di acidosi (da cause non renali), vengono eliminati più H +, perché nelle urine ci sono più NH 3 (e quindi NH 4 + )

33 Fattori che stimolano lescrezione di idrogenioni nel tubulo distale Riduzione pH ematico Aumento PaCO 2 Ipopotassiemia Aumento aldosterone

34 POLMONE

35 Ruolo del polmone nel bilancio acido-base: eliminazione acidi volatili (CO2) attraverso la ventilazione alveolare

36 Ventilazione alveolare (VA) e PaCO2 (I) La VA è la quantità di aria che raggiunge gli alveoli e prende parte agli scambi respiratori. E data dalla differenza tra VE (ventilazione minuto) e VD (spazio morto, cioè le vie aeree che non partecipano agli scambi respiratori) La VA rappresenta lunica modalità di eliminazione della CO2 prodotta dal metabolismo (VCO2) In condizioni normali la quantità di CO2 eliminata con VA è uguale a alla produzione metabolica di CO2 (circa 200 ml/min)

37 Ventilazione alveolare (VA) e PaCO 2 (II) Il rapporto tra VCO2 e VA è espresso dal valore di PaCO 2 VCO 2 x VA PaCO 2 =

38

39 Le alterazioni dellequilibrio acido-base

40 Equilibrio acido-base: definizioni AcidemiapH < 7.36 AlcalemiapH > 7.44 AcidosiProcesso fisiopatologico che tende ad aumentare [H+] e a ridurre il pH AlcalosiProcesso fisiopatologico che tende a ridurre [ H+] e ad aumentare il pH Acidosi metabolicaprocesso che primitivamente riduce HCO3 Alcalosi metabolicaprocesso che primitivamente aumenta HCO3 Acidosi respiratoriaprocesso che primitivamente aumenta la PaCo2 Alcalosi respiratoriaprocesso che primitivamente riduce la PaCO2 Disordine mistoCondizione nella quale è presente più di un disturbo acido- base primitivo CompensoRisposta fisiologica allacidosi o allalcalosi, che determina un parizlale ritorno del pH verso i livelli normali

41 Alterazioni dellequilibrio acido-base: alterazioni respiratorie e alterazioni metaboliche

42 Componente respiratoria e componente metabolica dellequilibrio acido-base

43 Squilibrio primitivo respiratorio compenso metabolico Squilibrio primitivo metabolico compenso respiratorio

44 Compensi acidosi metabolica alcalosi metabolica acidosi respiratoria alcalosi respiratoria riduzione PaCO2 (polmone) aumento PaCO2 (polmone) aumento bicarbonati (rene) riduzione bicarbonati (rene)

45 ACIDOSI RESPIRATORIA Alterazione dellequilibrio acido acido-base caratterizzata da un primitivo aumento della PaCO2, eventuale riduzione del pH arterioso (acidosi respiratoria con acidemia), e da secondario aumento dei bicarbonati (compenso renale) La patogenesi riconosce cause secondarie ad alterazioni del sistema ventilatorio

46 Sistema ventilatorio e ventilazione fisiologica La ventilazione fisiologica è il risultato di complesse interazioni tra centri respiratori del SNC, chemocettori centrali e periferici, muscoli respiratori e parenchima polmonare Ha lo scopo di eliminare la CO 2 prodotta dal metabolismo I determinanti della PaCO2 arteriosa saranno quindi rappresentati dalla ventilazione alveolare e dalla produzione metabolica di CO 2

47 ACIDOSI RESPIRATORIA a) pazienti che non ventilano (di solito acidosi resp. acute) il problema è la depressione dello stimolo respiratorio (es. sedativi, narcotici, alcool, lesioni SNC post-anossiche, trauma cranico, encefalite, etc) b) pazienti che non possono ventilare (di solito acidosi resp. croniche) due possibili problemi 1) insufficienza primitiva della pompa ventilatoria (m. respiratori): farmaci e tossici (curarizzanti, esteri organofosorici etc.), sclerosi multipla, miopatie acute etc. 2) insufficienza secondaria della pompa ventilatoria (fatica dei muscoli respiratori) da eccessivo aumento del lavoro respiratorio - lavoro elastico (malattie restrittive, ARDS etc.) - lavoro resistivo (ad es. crisi asmatica, BPCO) 3) patologie del parenchima polmonare compromissione degli scambi gassosi (BPCO grave, edema polmonare acuto etc.)

48 due meccanismi: # sistemi tampone (acidosi resp.acuta) meccanismo rapido ma quantitativamente limitato HCO3 = 0.1 mEq/L per mmHg PaCO2 # rene (acidosi respiratoria cronica) meccanismo più lento ma quantitativamente più adeguato HCO3 = mEq/L per mmHg PaCO2 COMPENSO ALLACIDOSI RESPIRATORIA

49

50 ACIDOSI RESPIRATORIA CLINICA ACIDOSI RESPIRATORIA ACUTA - cefalea - alterazioni visus - tremori - agitazione – stato soporoso – coma - ipotensione ACIDOSI RESPIRATORIA CRONICA - dispnea - agitazione – stato soporoso – coma - segni e sintomi della pneumopatia di base - segni e sintomi di cuore polmonare cronico Diagnosi: emogasanalisi arteriosa PaCO2 > 44 mmHg

51 Acidosi metabolica Condizione caratterizzata da primitiva riduzione della concentrazione di bicarbonati, con eventuale riduzione del pH (acidosi metabolica con acidemia) e riduzione secondaria della PaCO2 (compenso respiratorio) La patogenesi riconosce più spesso cause che determinao perdita di bicarbonati, aumentata produzione di acidi (di solito organici), o insufficiente capacità escrezione di H + sotto forma di ioni ammonio

52 Meccanismi di compenso allacidosi metabolica Sistemi tampone extra- e intracellulari Polmone (se il sistema ventilatorio è adeguato) Rene (se non è causa primitiva dellacidosi metabolica)

53

54 Il sistema tampone HCO 3 /H 2 CO 3 : importanza della rimozione della CO 2 nellacidosi metabolica CondizioneH+ (nmol/L) pHPCO2 (mmHg) HCO3 (mmol/L) sistema chiuso PCO2 costante PCO2 ridotta (iperventilazione)

55 Entità del compenso respiratorio allacidosi metabolica (di quanto si dovrà ridurre la PaCO 2 se il sistema respiratorio funziona)

56

57

58 Acidosi metabolica: eziopatogenesi 2) Perdita di bicarbonati a) Perdita diretta Via gastroenterica (diarrea, fistole biliari, pancreatiche, intestinali etc. Via renale (acidosi tubulari prossimali) 1)Aumentata produzione di acidi Endogena Acidosi lattica Chetoacidosi Apporto esogeno di acidi o precursori di acidi Tossici b) Perdita indiretta di bicarbonati (ridotta capacità di rigenerazione renale dei bicarbonati per deficit di eliminazione urinaria di NH 4 + ) insufficienza renale acuta o cronica, acidosi tubulari distali

59 Acidosi da aumentata produzione endogena di acidi organici: lacidosi lattica Ridotta disponibilità periferica O2 a) Ridotta utilizzazione del piruvato b) Aumentata produzione piruvato

60 Patogenesi dellacidosi lattica

61 Acidosi da aumentata produzione endogena di acidi organici: la chetoacidosi diabetica

62 Acidosi metaboliche da aumentata produzione di acidi secondaria ad introduzione esogena (intossicazioni acute)

63 Acidosi metabolica da perdita di bicarbonati per via gastroenterica Diarrea Drenaggi chirurgici Fistole enteriche Ureterosigmoidostomie

64 Composizione elettrolitica dei fluidi gastroenterici HCO3 mEq/L Na mEq/L K mEq/L Cl mEq/L plasma bile pancreas Int tenue Colon

65

66 Meccanismi patogenetici dellalterato riassorbimento di bicarbonato nelle acidosi tubulari prossimali (tipo 2) Alterato riassorbimento di HCO3 Difetti c.a. luminale Difetti Na/H luminale Difetti cotrasp Na/3HCO3 basolat Difetti c.a. cellulare Difetti Na/K ATPasi

67 Acidosi metabolica da ridotta capacità di rigenerazione renale dei bicarbonati: acidosi tubulari distali da ridotta secrezione distale di H+ ( ridotta escrezione urinaria di ioni ammonio) X

68 Acidosi metabolica da ridotta capacità di rigenerazione renale dei bicarbonati: acidosi dellinsufficienza renale ridotta produzione di NH3 ridotto trasferimento luminale di NH3 ridotta escrezione urinaria di ioni ammonio X

69 Diagnosi differenziale dellacidosi metabolica: due categorie da individuare Acidosi metaboliche da aumentata produzione di acidi (endogena o da precursori esogeni): cè iperproduzione di acidi e di che tipo sono? Acidosi da perdita di bicarbonati: cè perdita di bicarbonati e da dove avviene (è diretta o indiretta?

70 Acidosi metaboliche: semeiotica di laboratorio SANGUE Emogasanalisi arteriosa Gap anionico (Na, Cl, HCO3) Gap osmolare (osmolarità misurata, osmolarità calcolata) Acido lattico Screening tossicologico (tossici e farmaci) URINE pH urinario Acidità titolabile e ammoniuria Gap anionico urinario Gap osmolare urinario Misurazione diretta NH 4 + Misurazione indiretta NH 4 +

71 Gap anionico su sangue Come si calcola (in mEq/L o mmol/L) Na + – (Cl - + HCO3 + ) Valore normale Cosa occorre per calcolarlo Emogasanalisi arteriosa Sodiemia Cloremia Cosa significa Quantifica gli anioni non misurati (in condizioni fisiologiche costituiti in gran parte dai siti anionici dellalbumina) Se è aumentato, esprime laccumulo di anioni derivanti da acidi endogeni o esogeni di solito viene utilizzato per individuare le acidosi da aumentata produzione endogena o a partire da precursori esogeni (acidosi a gap anionico aumentato)

72 Gap anionico e tipi di acidosi metabolica

73 Bicarbonatemia < 22 mEq/L pH < 7.36 Acidosi metabolica Calcolo gap anionico Aumentato Acidosi metaboliche da accumulo e/o aumentata produzione di acidi organici (lattico, chetoacidi, tossici esogeni etc.) Acidosi a gap anionico elevato Normale Acidosi metaboliche da perdita di bicarbonati, che può essere diretta (gastroenterica o renale) o indiretta (ridotta rigenerazione renale) Acidosi a gap anionico normale o ipercloremiche

74 Diagnosi differenziale dellacidosi metabolica GAP ANIONICO AUMENTATO Acidosi metaboliche da aumentata produzione di acidi (endogena o da precursori esogeni): di che acidi si tratta?

75 Gap osmolare plasmatico: background Losmolarità è determinata dal numero di particelle osmoticamente attive presenti in una soluzione A determinare losmolarità plasmatica concorrono sia sostanze ioniche che nonioniche In condizioni normali losmolarità plasmatica è determinata da cationi, anioni, glucosio e urea e può essere misurata con un osmometro oppure calcolata dalla formula 2Na + glicemia/18 + azotemia/60)(VN mosm/L) Losmolarità potrà aumentare per aumento della concentrazione di ioni (praticamente solo il Na) o di sostanze nonioniche già presenti nel plasma (ad es. iperglicemia), oppure in seguito allaggiunta di sostanze esogene a basso peso molecolare (ad es. tossici non misurati di routine, come ad esempio alcooli o glicoli, oppure farmaci) La differenza tra osmolarità misurata e calcolata è di solito inferiore a 10 mOsm/L Se la differenza aumenta possibile accumulo di sostanze esogene

76

77 Lalcool metilico, in quanto alcool, di per sé non dà direttamente acidosi, ma provoca aumento del gap osmolare Lacido formico che deriva dal metabolismo dellalcool metilico nella via della aldeide deidrogenasi, provoca acidosi metabolica con gap anionico aumentato Intossicazione da alcool metilico

78 Acidosi metaboliche: semeiotica di laboratorio SANGUE Gap anionico Gap osmolare Acido lattico e screening tossicologico (tossici e farmaci) URINE Indici diretti: Acidità titolabile e ammoniuria Indici indiretti Gap anionico urinario Gap osmolare urinario

79 Diagnosi differenziale dellacidosi metabolica GAP ANIONICO NORMALE Acidosi da perdita di bicarbonati (diretta o indiretta) è il rene responsabile della perdita di bicarbonati?

80 Escrezione urinaria di ioni ammonio (NH 4 + ) Elevata (appropriata alla presenza di acidosi) il rene risponde appropriatamente allacidosi lacidosi è di origine extrarenale Bassa (inappropriata alla presenza di acidosi) il rene non risponde in maniera adeguata alla presenza di acidosi lacidosi è di origine renale Presupposto fisiopatologico: il principale meccanismo di compenso allacidosi metabolica è rappresentato dallaumento dellammoniuria (aumenta la rigenerazione di HCO3) nellacidosi metabolica, se la causa non è il rene, dovrà esserci una ammoniuria elevata

81 Diagnosi differenziale dellacidosi metabolica gap anionico normale (acidosi ipercloremiche) La via più breve è rappresentata dalla misura dellacidità titolabile (titolazione delle urine con una soluzione basica fino ad un pH sovrapponibile a quello ematico) e soprattutto dellammoniuria Se il pH è < 5 in presenza di acidosi, la capacità di acidificazione è conservata, ma il problema è negli accettori di H+ (essenzialmente è un problema di produzione e/o secrezione di NH3 cioè di eliminazione di NH 4 + ); se il pH è maggiore di 6, il problema invece è nella secrezione di H + la somma dellacidità titolabile e dellammoniuria esprime lescrezione acida netta; in condizioni fisiologiche lescrezione acida netta è pari a circa mEq/Kg nelle 24 ore, 2/3 dei quali sotto forma di ioni ammonio NH 4 + In condizioni di acidosi da cause non renali, lacidità titolabile resta praticamente invariata, mentre è soprattutto lescrezione di NH4 + che aumenta notevolmente (compenso renale), con valori a 200 mEq nelle 24 ore e oltre Non sempre lammoniuria è facilmente disponibile, e quindi si utilizzano indici derivati che forniscono indicazioni approssimative sullescrezione di ioni ammonio: il gap anionico urinario ed il gap osmolare urinario

82 Gap anionico urinario (carica urinaria netta): background fisiopatologico Il gap anionico urinario si calcola come (Na + + K + ) – Cl - I principali cationi urinari sono Na +, K+, NH 4 +, il principale anione è Cl - (se pH < 6.5 lHCO 3 non è infatti presente) In presenza di acidosi metabolica, se Cl - è maggiore della somma di Na + e K+ (carica urinaria netta negativa), per il principio dellelettroneutralità deve essere presente nelle urine un catione non misurato in quantità equivalente alla differenza di solito si tratta di NH 4 + risposta adattativa adeguata In presenza di acidosi, se Cl- è inferiore alla somma di Na + e K+, significa che NH 4 + è presente in scarsa quantità ( risposta adattativa inadeguata), oppure che NH 4 + è escreto con un altro anione come ad esempio lanione di un acido organico in questo caso per valutare indirettamente lescrezione di NH 4 + si deve utilizzare il gap osmolare urinario)

83 Gap anionico urinario (carica urinaria netta) Come si calcola (in mEq/L o mmol/L) (Na + + K + ) – Cl - Valore normale positivo In condizioni fisiologiche Cosa occorre per calcolarlo Na +, K +, Cl - urinari, in mEq/L Volume di diuresi nelle 24 ore Misurazione pH urinario (deve essere inferiore a 6.5) Cosa significa E un marker dellescrezione urinaria di H + sotto forma di ioni ammonio (fornisce indicazioni sulla presenza di ioni ammonio, ma non è in grado di quantificarli con esattezza per questo è necessaria lammoniuria) Limiti metodologici Non devono essere presenti altri cationi urinari in quantità elevate (è quasi sempre vero) Non devono essere presenti altri anioni urinari oltre al Cl - in quantità elevate (attenzione in caso di eliminazione di anioni di acidi organici, utilizzare il gap osmolare urinario) Non utilizzabile in urine alcaline

84 Esempio 1: Paziente con acidosi metabolica a gap anionico plasmatico normale Dati urinari (urine 24 ore): Na 100 mEq, K 70 mEq, Cl 370 mEq Carica netta urinaria (Gap anionico urinario) ( ) – 370 = Lammoniuria nelle 24 ore è elevata (appropriatamente) Lacidosi è presumibilmente da cause extrarenali (per es diarrea, fistola intestinale etc.)

85 Esempio 2: Paziente con acidosi metabolica a gap anionico plasmatico normale Dati urinari (urine 24 ore): Na 100 mEq, K 70 mEq, Cl 70 mEq Carica urinaria netta (Gap anionico urinario) ( ) – 150 = 20 Lammoniuria nelle 24 ore è bassa (assente): il compenso è inappropriato Lacidosi è presumibilmente da cause renali (per es insufficienza renale, acidosi tubulare renale etc.)

86 Bicarbonatemia < 22 mEq/L, pH < 7.36 Acidosi metabolica Aumentato Acidosi a gap anionico elevato Normale Acidosi a gap anionico normale o ipercloremiche Calcolo gap anionico Ricerca acidi organici endogeni o esogeni (intossicazioni) Carica urinaria netta elevata (Na+K < Cl) Cause extrarenali (ad es diarrea, fistole intestinali etc.) Carica urinaria netta assente (Na+K > Cl) Cause renali (ad es insufficienza renale, acidosi tubulari distali)

87

88

89

90 Alcalosi metabolica Condizione caratterizzata da aumento primitivo dei bicarbonati con aumento del pH, e da aumento secondario della PaCO2 (compenso respiratorio)

91 Compenso allalcalosi metabolica: ipoventilazione aumento PaCO2 Risposta ventilatoria prevista nellalcalosi metabolica - aum PaCO2 (rispetto a 40 mmHg) = 0.7 x HCO3 (rispetto a 24 mmol/L) - la PaCO2 attesa di solito corrisponde alle due cifre decimali del pH

92 MAJOR ADVERSE CONSEQUENCES OF SEVERE ALKALEMIA (Adroguè HJ, Madias NE, N Engl J Med 1998; 338: ) Cardiovascular - Arterial constriction - Reduction in coronary blood flow - Reduction in anginal threshold - Predisposition to refractory supraventricular and ventricular arrhythmias Respiratory - Hypoventilation with attendant hypercapnia and hypoxemia - Enhancement of hypoxic pulmonary vasoconstriction worsening of ventilation-perfusion relationships Metabolic - Stimulation of anaerobic glycolysis and organic acid production - Hypokalemia - Decreased plasma ionized calcium concentration - Hypomagnesiemia and hypocalcemia Cerebral - Reduction in cerebral blood flow - Tetany, seizures, lethargy, delirium and stupor

93 Alcalosi metabolica - lieve: HCO3 < mEq/L, K mEq/L - moderata: HCO , K grave: > 40, K 2-2.5

94 ALCALOSI METABOLICA: MECCANISMI FISIOPATOLOGICI A)GENERAZIONE Meccanismi che determinano aumento della bicarbonatemia attraverso la perdita di H+ o un guadagno di basi a) Perdita di fluido gastrico b) Diuretici FORME CLORO-RESPONSIVE O VOLUME-SENSIBILI (95% dei casi) c) Alcalosi post-ipercapnica d) Eccesso di attività mineralcorticoide FORME CLORO-RESISTENTI (reale o apparente) O VOLUME RESISTENTI (5% dei casi)

95 Patogenesi dellalcalosi metabolica nel vomito

96 ALCALOSI METABOLICA: MECCANISMI FISIOPATOLOGICI B) MANTENIMENTO Meccanismi che mantengono elevata la bicarbonatemia (aumento soglia renale HCO3) 1) Ipopotassiemia - acidosi intracellulare - aumento attività scambiatore H+/K+ nefrone distale - (aumentata produzione ed escrezione di ammonio) 2) Eccesso di mineralcorticoidi - stimolo diretto sulla H+-ATPasi del tubulo collettore - stimolo indiretto (voltaggio dipendente): riassorbimento di Na nel t. collettore 3) Deplezione di volume (volemia efficace) - iperaldosteronismo - angiotensina II - stimolo adrenergico - riduzione GFR - effetti diretti del cloro

97 Alcalosi metabolica: iter diagnostico

98

99 ALCALOSI METABOLICA MORTALITA - pH : 41% - pH > 7.65: 80%

100 Alcalosi respiratoria Alterazione dellequilibrio acido-base caratterizzato da una primitiva riduzione della pressione parziale di CO2 nei fluidi corporei, eventuale aumento del pH (alcalosi respiratoria con alcalemia) e riduzione secondaria dei bicarbonati (compenso renale)

101 Compenso renale allalcalosi respiratoria (riduzione dei bicarbonati) Alcalosi respiratoria acuta riduzione di 0.2 mEq/mmHg di riduzione della PaCO2 Alcalosi respiratoria cronica riduzione di 0.4 mEq/mmHg di riduzione della PaCO2

102 Ipoventilazione = ipercapnia Iperventilazione = ipocapnia

103 Cause di iperventilazione Sepsi Anemia grave Ipossia Intossicazione da salicilati Pneumopatie Insufficienza epatica Compenso respiratorio acidosi metabolica

104

105

106

107 Neurologic Effects of Hypocapnia Systemic hypocapnia results in cerebrospinal fluid alkalosis, which decreases cerebral blood flow, cerebral oxygen delivery, and to a lesser extent, cerebral blood volume. The reduction in intracranial pressure may be lifesaving in patients in whom the pressure is severely elevated. However, hypocapnia-induced brain ischemia may occur because of vasoconstriction (impairing cerebral perfusion), reduced oxygen release from hemoglobin, and increased neuronal excitability, with the possible release of excitotoxins such as glutamate. Over time, cerebrospinal fluid pH and, hence, cerebral blood flow gradually return to normal. Subsequent normalization of the partial pressure of arterial carbon dioxide can then result in cerebral hyperemia, causing reperfusion injury to previously ischemic brain regions.

108 pH Normale (7.36 – 7.44) PaCO HCO PaCO2 < 36 HCO3 < 22 PaCO2 > 44 HCO3 > 26 < 7.36 PaCO2 < 40 > 40 > 7.44 PaCO2 < 40> 40 Acid Metabolica Riduz PaCO2 = 1.2 HCO3 oppure ultime due cifre pH Eq. A-b Normale* ac met + alc resp ac resp + alc met Acidosi Respiratoria Ac: aum HCO3= 0.1 PaCO2 Cr: aum HCO3= 0.4 PaCO2 Alcalosi Respiratoria Ac: riduz HCO3 = 0.25 PaCO2 Cr: riduz HCO3 = 0.5 PaCO2 Alc Metabolica Aum PaCO2= 0.7 x HCO3 o le due cifre decimali del pH *alc metab+ ac metab


Scaricare ppt "ADF Semeiotica Equilibrio acido-base Enrico Fiaccadori Dipartimento di Clinica Medica, Nefrologia & Scienze della Prevenzione."

Presentazioni simili


Annunci Google