La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Domain Name System Massimo Ianigro

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Domain Name System Massimo Ianigro"— Transcript della presentazione:

1 Domain Name System Massimo Ianigro massimo.ianigro@area.ba.cnr.it
Daniele Vannozzi

2 Argomenti trattati le funzioni del Domain Name System
lo spazio dei nomi interazioni tra nameserver e resolver interazioni tra DNS e posta elettronica

3 Domain Name System: breve storia
Gli indirizzi IP sono difficili da ricordare: vanno bene per la comunicazione tra le macchine modello centralizzato: agli albori di Internet l’associazione tra indirizzo IP e nomi delle macchine era registrata nel file HOSTS.TXT mantenuto presso SRI-NIC (Arpanet) traffico e sovraccarico del server centrale collisioni dei nomi consistenza dei dati gestiti centralmente modello distribuito: all’inizio degli anni ‘80, l’aumento del numero degli host ha reso indispensabile l’adozione di un modello di gestione distribuita denominato Domain Name System

4 DNS: le funzioni ad ogni risorsa TCP/IP può essere assegnato un nome simbolico Sono necessari: un metodo per associare al nome simbolico di una macchina l’indirizzo (o gli indirizzi) IP: risoluzione diretta un metodo per associare ad un indirizzo IP il nome simbolico della macchina: risoluzione inversa Domain Name System (DNS) definito presso ISI - USC 1984 RFC 882, RFC 883, RFC 973 (obsolete) RFC 1034, RFC 1035, RFC 1123, RFC 1537, RFC 1912

5 DNS: caratteristiche principali
database distribuito basato sul modello client/server tre componenti principali: spazio dei nomi e informazioni associate (Resource Record - RR) nameserver (application server che mantiene i dati) resolver (client per l’interrogazione del nameserver) accesso veloce ai dati (database in memoria centrale e meccanismo di caching)

6 Lo spazio dei nomi lo spazio dei nomi è organizzato secondo un modello gerarchico: il database del DNS ha una struttura logica “ad albero rovesciato” ciascun nodo dell’albero rappresenta un dominio ogni dominio può essere suddiviso in altri domini: sottodomini ogni nodo ha una etichetta che lo identifica rispetto al padre La radice dell'albero è unica, e la sua etichetta è vuota. In certi casi si indica anche come “.” struttura dello spazio dei nomi: domini generali (gTLD) domini nazionali (ccTLD) domini per la risoluzione inversa (arpa)

7 L’albero dei nomi a b c d f “.“ h g e
Top Level Domain, TLD First Level Domain Second Level Domain ..... il “domain name” (nome a dominio) di ogni nodo è composto dalla sequenza delle etichette dal nodo a “ “ (root), separate da “.” (punto). Es: e.c.a, h.g.f.d.b un nome a dominio assoluto è detto anche “fully-qualified domain name” o FQDN il ”Distributed Information Tree” (albero dei nomi) definisce una gerarchia dei nomi che rende ogni nome a dominio completamente qualificato univoco in tutto l’albero

8 I domini “.“ nodo con nome a dominio head.acme.com com per dominio si intende il sottoalbero che inizia dal nodo con il nome a dominio in questione di solito, le foglie rappresentano il nome a dominio di un host ai nodi sono associate le informazioni relative a quel nome a dominio (RR) entry di host entry strutturali dominio com acme goofy comp head sale duck www dominio acme.com dominio comp.acme.com

9 L’Internet Domain Name Space
lo spazio dei nomi di Internet, per “tradizione” (rfc1591), è strutturato secondo un modello misto organizzazionale/geografico i Top-Level-Domain sono domini generali “storici” di tipo organizzazionale (gTLD): com: organizzazioni commerciali edu: università e ricerca USA gov: organizzazioni governative USA mil: organizzazioni militari USA net: provider, centri di interesse per l’Internet, .. org: organizzazioni non governative int: organizzazioni internazionali, trattati, ... domini nazionali, rappresentati dai codici ISO 3166 di 2 lettere (ccTLD) il dominio arpa nuovi domini in corso di definizione: .info, …

10 L’Internet Domain Name Space
“.“ EDU COM US NL IT UK ARPA BERKELEY MIT STANFORD CNR FIAT FI LAZIO IN-ADDR COMUNE REGIONE AI LCS IAT MI RM PREP XX VX DNS HP4000

11 L’albero per la risoluzione inversa
ARPA IN-ADDR 146 128 195 193 8 65 “.“ ..... 254 69 1 48 in-addr.arpa dominio in-addr.arpa sotto-dominio in-addr.arpa macchina

12 La delega di autorità Il DNS permette a organizzazioni dotate di un proprio dominio di: amministrare la relazione nomi-indirizzi del proprio dominio in maniera autonoma ed indipendente definire le regole di naming all’interno del proprio dominio delegare ad altri la gestione degli eventuali domini figli (sotto-domini) risolvere i nomi fuori del proprio dominio accedendo alle informazioni gestite da altre organizzazioni la decentralizzazione della responsabilità amministrativa è ottenuta attraverso il meccanismo della delega il gestore del dominio “.” è InterNIC (per conto dello IANA/ICANN), che delega l’autorità per la gestione dei TLD

13 Domini e zone: differenze
le informazioni sono mantenute nei nameserver un nameserver mantiene i dati di un sottoinsieme dello spazio dei nomi: la zona ogni zona può essere un sottodominio completo, cioè comprendere vari domini su una porzione del DIT non disgiunta un nameserver può gestire più zone disgiunte il dominio padre contiene solo puntatori alla sorgente dei dati dei suoi sottodomini ciascuna zona contiene i nomi a dominio e i dati appartenenti ad certo dominio, esclusi i nomi e i dati dei sottodomini delegati ad altri dominio com zona com “.“ com acme roger goofy

14 Domini e zone: i nameserver
la struttura gerarchica dello spazio dei nomi si riflette nella relazione tra i nameserver il meccanismo della delega di autorità si basa sui seguenti principi: ogni nameserver di un dominio, per essere conosciuto nel DNS, deve essere stato registrato dal nameserver del dominio di livello superiore. Questo crea la delega una volta delegata l'autorità su una zona il nameserver “padre” perde ogni possibilità di modificare le informazioni dei domini contenuti nella zona delegata i nameserver delegati possono essere più d'uno (è consigliato averne almeno due, in alcuni casi è addirittura obbligatorio), ma uno solo è quello che possiede la vera autorità perché gestisce i files contenenti le informazioni

15 ? Il “parenting” ! Dipende da varie considerazioni:
necessità di definire sottodomini per partizionare uno spazio dei nomi piatto e molto esteso necessità di distinguere l’affiliazione delle macchine di un dominio necessità di distribuire la gestione quanti sottodomini definire? quando delegarne la gestione? che nome assegnare ai sottodomini? ! ? Attenzione alla corretta gestione del meccanismo della delega per garantire la risoluzione dei nomi per tutto il dominio!!

16 I root-servers i root-server sono i nameserver della “.“ (radice).
sono essenziali al funzionamento del DNS perchè: contengono le informazioni sui Top-Level-Domain e sui relativi nameserver ai quali ne delegano la gestione contengono le informazioni per la risoluzione inversa (risoluzione indirizzo-nome) ogni nameserver deve conoscere nomi ed indirizzi dei root-server la lista aggiornata dei root-server è mantenuta da InterNIC ftp://ftp.rs.internic.net/domain/named.root ftp://ftp.nic.it/pub/DNS/named.root

17 Nameserver autoritativi
un nameserver si definisce autoritativo quando è “in possesso dei dati” per una determinata zona dell’albero dei nomi per un dominio vi possono essere più nameserver autoritativi per avere una maggiore affidabilità è fortemente consigliato averne più di uno, localizzati in modo da ridurre il rischio di interruzione del servizio DNS i nameserver autoritativi si dividono in: primari secondari

18 Nameserver primari e secondari
un nameserver si definisce primario quando possiede i file delle informazioni (“file di zona”) e pertanto in ogni zona vi sarà un solo nameserver primario un nameserver si definisce secondario quando acquisisce, dal nameserver primario, i dati relativi alla zona mediante una procedura automatica denominata “zone-transfer” i parametri che regolano il funzionamento della procedura sono contenuti in uno specifico record del nameserver primario (record SOA) procedura: /usr/dns/etc/named-xfer -z domname -f outputfile authNS è necessario valutare attentamente il numero e la dislocazione dei nameserver secondari in modo da ridurre il più possibile il rischio che problemi di connessione possano impedire la risoluzione dei nomi di un dominio

19 Caching ogni nameserver mantiene copia di tutte le informazioni di cui è venuto a conoscenza tali informazioni sono utilizzate durante il processo di risoluzione dei nomi le risposte date dal nameserver sulla base della cache sono “not authoritative” le informazioni nella cache di un nameserver rimangono valide per un tempo limitato (Time-To-Live, TTL) può dare luogo a “temporanee” inconsistenze aumenta le performance del sistema

20 Il processo di risoluzione: Nameserver e Resolver
Il processo di risoluzione dei nomi a dominio è basato sul modello client-server: il nameserver (server) è un processo che ha il compito di fornire “risposte autoritative” ad interrogazioni sui nomi definiti nell’ambito dei domini per cui è autoritativo; il resolver (client) è invece utilizzato dalle applicazioni che hanno necessità di effettuare una risoluzione di nomi a dominio. Esso è costituito da un insieme di routine di libreria (es. gethostbyname) che sono in grado di colloquiare con i nameserver, interpretarne le risposte e restituire l’informazione al programma richiedente. E’ possibile configurare il default domain di appartenenza, la lista dei nameserver da interrogare e la search list in un apposito file di configurazione (es. file /etc/resolv.conf su Unix)

21 Il processo di risoluzione dei nomi
applicazione utente 1 Default Nameserver (cache vuota) root nameserver query per “.“ IT COM CNR UNIPI BO IAT www referral al NS per it. it. query for referral al NS per cnr.it cnr.it referral al NS per iat.cnr.it iat.cnr.it query: RR per 6 5 4 2 3 RESOLVER

22 Risoluzione dei nomi Se il nome desiderato non è nella zona (o nella cache) del NS interrogato, si innesca il processo di risoluzione dei nomi La richiesta di risoluzione risale il DIT fino alla radice e lo ridiscende fino ad arrivare ad un NS autoritativo la cui zona contiene il nome in questione e quindi anche gli RR La risposta, opportunamente salvata in tutti i cache intermedi, viene infine passata dal resolver all’utente che aveva effettuato la richiesta 2 modalità di risoluzione dei nomi: ricorsiva (il NS pensa a tutto) iterativa (il resolver si rivolge direttamente ai vari NS della catena)

23 Le piattaforme hardware e software
disponibile su quasi tutte le attuali piattaforme (PC, Macintosh, workstation, mainframe) software prodotti di pubblico dominio (BIND per Unix e WinNT/Win95, MIND/NonSequitur per MacOS) prodotti commerciali (MacDNS, QuickDNS Pro, distribuzione di WinNT server 4.0) BIND (Berkeley Internet Name Domain) è l’implementazione di nameserver più diffusa su Internet sviluppata per Unix BSD, ne esistono porting per molti altri ambienti spesso ne è inclusa una implementazione nel software di corredo di piattaforme Unix vi sono attualmente tre versioni: la versione “storica” 4.x.y (l’ultima rilasciata è la 4.9.7) la versione 8.x.y (l’ultima rilasciata è la P7) la versione 9.x.y, ancora in fase di evoluzione

24 Le maggiori differenze tra le versioni 4 e 8
File di configurazione named.boot (4.x.y) formato ormai in uso da anni consente solo alcune “personalizzazioni” generali named.conf (8.x.y) nuovo formato (stile linguaggio c) funziona con IPv6 (http://www.6bone.net) consente una personalizzazione completa sia generale che zona per zona Esiste una procedura perl (named-bootconf.pl) per la conversione dal formato 4.x.y al formato 8.x.y rimangono inalterati i file delle singole zone

25 Nuove funzionalità della versione 8.x.y
meccanismo del notify permette l’aggiornamento quasi in tempo reale tra nameserver primario e secondari meccanismo di logging flessibile e personalizzabile, senza uso obbligato del logging del sistema (syslog) controllo degli accessi personalizzabile per zona migliore ottimizzazione della memoria centrale migliora notevolmente le prestazioni del servizio, specialmente per implementazioni con molte zone attive sulla stessa macchina numero max di zone incrementato a (232 ) supporto iniziale di DNSSEC supporto di WindowsNT update dinamico (NSUPDATE) e incrementale (IXFR) $GENERATE

26 Caratteristiche salienti di BIND 9
Versione corrente 9.0.1 Miglioramento delle funzionalità di update dinamico Supporto per zone di elevate dimensioni (.com) Miglioramento funzionalità DNSSec/TSIG Miglioramento funzionalità IXFR Views RNDC - Remote Named Daemon Control Alcune delle funzionalità correnti della 8.x.y non sono ancora state implementate

27 Views (Bind 9) E’ possibile definire ‘viste’ differenti di una stessa zona: view "internal" { match-clients { /8; }; // rete interna recursion yes; //ricorsione abilitata solo alla LAN interna zone "example.com" { type master; file ”zone-internal.db"; // file “completo” }; view "external" { match-clients { any; }; // reti esterne recursion no; file ”zone-external.db"; //file con le macchine “pubbliche”

28 RNDC Consente il controllo di named in remoto (TCP/953)
Richiede un file di configurazione rndc.conf nel quale è possibile specificare le chiavi per l’autenticazione della connessione. Esempio: key rndc_key { algorithm "hmac-md5"; secret "c3Ryb25nIGVub3VnaCBmb3EgK"; }; options { default-server localhost; default-key rndc_key;

29 Differenze rispetto a BIND 8.2.2
Nuove categorie di logging; il logging viene attivato solo dopo il parsing completo di named.conf Assenza delle opzioni: $GENERATE, STATISTICS-INTERVAL, TOPOLOGY, SORTLIST, RRSET-ORDER, CHECK-NAMES,MIN-ROOTS, process limits, file path, selective forwarding Funzione di ‘resolver’ implementata da un processo demone (UDP/921) invece che da libresolv.a named-xfer integrato in named

30 Differenze rispetto a BIND 8.2.2 (2)
ACL ‘case sensitive’ Il TTL del SOA non viene più utilizzato come TTL di default; il default viene determinato dalla direttiva $TTL oppure dal TTL del primo resource record nella zona. In assenza di entrambi la zona non viene caricata!!! Nuova sintassi della direttiva controls Sistema operativo WindowsNT non supportato Administrator Reference Manual

31 La posta su Internet relazione tra SMTP e DNS
l’instradamento della posta su Internet si basa sulle interazioni tra mailer (MTA) SMTP e DNS per ogni destinatario di un messaggio il mailer SMTP chiede al DNS la lista di RR di tipo MX per il nome a dominio specificato nella parte globale i record MX costituiscono una lista ordinata, secondo la preferenza, di mailer (MTA) per il dominio (host) destinazione

32 Mail Routing & DNS algoritmo di un mailer SMTP per destinazione REMOTA: lista mailers vuota: ripete l’interrogazione per record A e tenta la consegna all'host remoto lista mailers non vuota: se la lista contiene il mailer stesso scarta se stesso ed ogni mailer con preference minore o uguale a se stesso (preference con valore numerico maggiore o uguale) - loop prevention se la lista risultasse vuota: ERROR tenta la consegna ai mailers della lista, partendo dal preference maggiore (numericamente minore).

33 Mail routing & DNS: esempio
mail to MTA1 MX for domainA DNS domainA MX MTA3 MX MTA2 MX 100 MTA4 MTA3 MTA2 MTA4 mail delivery domainA:LOCAL

34 Utilizzo dei record MX per il routing della posta elettronica
Utilizzando opportunamente i pesi associati ai record MX è possibile controllare il routing della posta elettronica Esempio: effettuare un controllo sull’instradamento della posta elettronica verso le macchine del dominio

35 Utilizzo dei record MX 2 User@host.domain.it Nella zona di domain.it
Host IN mx host mx firewall Firewall.domain.it Internet

36 Alcune regole pratiche per la sicurezza del named
Alcune regole pratiche per migliorare il livello di sicurezza di un named: restringere lo zone-transfer solo ai nameserver secondari e verificare che tali restrizioni siano attivate anche su tutti gli altri nameserver autoritativi disabilitare la possibilità di effettuare update dinamici (nsupdate) disabilitare la ricorsione eseguire named senza i privilegi di root (named -u xxx) nel caso di utilizzo di un firewall per proteggere una rete, predisporre un nameserver esterno con le sole informazioni relative alle macchine visibili su Internet (es. www server, mail server, etc) e uno interno, utilizzabile solo dalle macchine locali, con le informazioni complete della zona.

37 Utility di supporto nella gestione di un nameserver
nslookup host dig dnswalk ndc nsupdate L’RFC 1713 descrive un insieme di tools che possono essere utili per il debugging della configurazione di un nameserver

38 nslookup è normalmente distribuito insieme al S.O. o alla distribuzione di BIND si può utilizzare sia in modalità interattiva che tramite riga di comando dispone di aiuto in linea nslookup Default Server: dns.iat.cnr.it Address: > > set q=any > > canonical name = soi.cnr.it

39 nslookup (2) Query per tutti i record del dominio cnr.it > nslookup
Default Server: dns.pi.cnr.it Address: > set q=any > cnr.it Server: dns.pi.cnr.it Non-authoritative answer: cnr.it nameserver = nameserver.cnr.it cnr.it nameserver = dns2.nic.it cnr.it nameserver = itgbox.iat.cnr.it cnr.it nameserver = simon.cs.cornell.edu cnr.it nameserver = ns1.surfnet.nl cnr.it origin = nameserver.cnr.it mail addr = Daniele\.Vannozzi.iat.cnr.it serial = refresh = (1 day) retry = 1800 (30 mins) expire = (7 days) minimum ttl = (1 day) ... > set type=mx > ls iat.cnr.it

40 host è incluso nella distribuzione di BIND ed è inoltre reperibile presso: ftp://ftp.nikhef.nl/pub/network/host.tar.Z non è interattivo: si utilizza da linea di comando permette di fare interrogazioni complesse a qualsiasi nameserver è dotato di aiuto in linea host host -i host -av cnr.it nameserver.cnr.it host -avl cnr.it nameserver.cnr.it host -t soa cnr.it host -C cnr.it

41 host (2) Query per tutti i record del dominio cnr.it
> host -va cnr.it Query about cnr.it for record types ANY Trying cnr.it ... Query done, 6 answers, status: no error The following answer is not authoritative: cnr.it IN NS nameserver.cnr.it cnr.it IN NS dns2.nic.it cnr.it IN NS itgbox.iat.cnr.it cnr.it IN NS simon.cs.cornell.edu cnr.it IN NS ns1.surfnet.nl cnr.it IN SOA nameserver.cnr.it Daniele\.Vannozzi.iat.cnr.it ( ;serial (version) ;refresh period (1 day) ;retry interval (30 minutes) ;expire time (1 week) ;default ttl (1 day) ) ……

42 host (3) > host -C ba.cnr.it
ba.cnr.it NS nameserver.cnr.it dns.ba.cnr.it postmaster.dns.ba.cnr.it ( ) ba.cnr.it NS dns.ba.cnr.it dns.ba.cnr.it postmaster.dns.ba.cnr.it ( ) !!! dns.ba.cnr.it has different serial than nameserver.cnr.it ba.cnr.it NS area.area.ba.cnr.it dns.ba.cnr.it postmaster.dns.ba.cnr.it !!! area.area.ba.cnr.it has different serial than dns.ba.cnr.it

43 dig è incluso nella distribuzione di BIND
non è interattivo; si utilizza da linea di comando permette di fare interrogazioni complesse ed a qualsiasi nameserver è dotato di aiuto in linea dig -h dig dns.iat.cnr.it dig dns.iat.cnr.it mx dig -x cnr.it

44 dig (2) Query per tutti i record del dominio cnr.it > dig cnr.it
;; res options: init recurs defnam dnsrch ;; got answer: ;; ->>HEADER<<- opcode: QUERY, status: NOERROR, id: 6 ;; flags: qr rd ra; Ques: 1, Ans: 0, Auth: 1, Addit: 0 ;; QUESTIONS: ;; cnr.it, type = A, class = IN ;; AUTHORITY RECORDS: cnr.it SOA nameserver.cnr.it. Daniele\.Vannozzi.iat.cnr.it. ( ; serial ; refresh (1 day) ; retry (30 mins) ; expire (7 days) ) ; minimum (1 day) ….. ;; Total query time: 28 msec ;; FROM: dns.pi.cnr.it to SERVER: default ;; WHEN: Mon Nov :32:

45 dnswalk DNS debugger Esegue il trasferimento di zona di un dominio e ne controlla la consistenza dei dati (record NS e MX che corrispondono a CNAME, catena di CNAME, mancanza della risoluzione inversa, ecc.) Riproduce sul file system la struttura del DNS per il dominio controllato Fa parte dei contrib del BIND (disponibile anche su Necessita del perl e di alcuni moduli addizionali (Net::DNS e IO::Socket). Le vecchie versioni di dnswalk necessitano anche di ‘dig’

46 dnswalk (2) Effettua controlli su: associazione tra record A e PTR
uso dei CNAME (es. CNAME definito verso un altro CNAME) uso dei record MX (MX definito verso CNAME o host inesistenti) presenza di un solo nameserver utilizzo di caratteri non validi nei nomi a dominio (es: ‘_’ ) assenza del ‘.’ finale nei record PTR (125 IN PTR host.cnr.it ) lame delegations

47 dnswalk (3) Esempio: dnswalk -F ba.cnr.it. Checking ba.cnr.it.
Getting zone transfer of ba.cnr.it. from dns.ba.cnr.it...done. SOA=dns.ba.cnr.it contact=postmaster.dns.ba.cnr.it WARN: netrider.ba.cnr.it A : no PTR record WARN: mailhost.ba.cnr.it CNAME bigarea.ba.cnr.it: unknown host WARN: embnet.ba.cnr.it CNAME embnet.area.ba.cnr.it: CNAME (to area.area.ba.cnr.it) WARN: ftp.ba.cnr.it CNAME ftp.area.ba.cnr.it: CNAME (to area.area.ba.cnr.it) 0 failures, 6 warnings, 0 errors.

48 NDC - Name daemon control
NDC consente di gestire il processo named evitando di inviare segnali con il comando KILL. Esempi: # ndc reload BA.CNR.IT Zone is now scheduled for reloading. # ndc getpid my pid is <241> # ndc status named REL Sat Oct :27:21 MET 1999 number of zones allocated: 256 debug level: 0 xfers running: 0 xfers deferred: 0 soa queries in progress: 0 query logging is OFF server is DONE priming server IS NOT loading its configuration

49 NSUPDATE Consente di aggiornare una zona in modo dinamico, inviando al named i RR da inserire. Esempio: # nsupdate > update add cc.dynamic.ba.cnr.it 3600 IN A causerà l’inserimento del RR ‘cc 3600 IN A ’ nel dominio dynamic.ba.cnr.it L’operazione verrà registrata in un file di log (‘file di zona’.log) e propagata ai server secondari: ;BIND LOG V8 [DYNAMIC_UPDATE] id 8347 from [ ].1315 at (named pid 959) : zone: origin dynamic.ba.cnr.it class IN serial update: {add} cc.dynamic.ba.cnr.it IN A [INCR_SERIAL] from to Sat Nov 6 15:44:

50 NSUPDATE (2) ATTENZIONE! Il file di zona verrà riscritto (ogni 30 minuti o allo shutdown di named) con i RR aggiunti via nsupdate: file di zona prima di IN SOA dns.ba.cnr.it. postmaster.dns.ba.cnr.it. ( ) @ NS dns.ba.cnr.it. @ NS area.area.ba.cnr.it. ; WWW IN A file di zona riscritto da named ;BIND DUMP V8 $ORIGIN ba.cnr.it. dynamic IN NS dns.ba.cnr.it. ;Cl=4 IN NS area.area.ba.cnr.it. ;Cl=4 IN SOA dns.ba.cnr.it. postmaster.dns.ba.cnr.it. ( ) ;Cl=4 $ORIGIN dynamic.ba.cnr.it. cc IN A ;Cl=4 WWW IN A ;Cl=4

51 NSUPDATE (3) La possibilità di aggiornare una zona via nsupdate va abilitata in named.conf mediante ‘allow-update’. Il controllo dell’accesso al momento è basato solo sull’indirizzo IP. Esempio: zone "dynamic.ba.cnr.it" { type master; file "dom.dynamic.ba.cnr.it"; allow-update { ; };

52 Riferimenti Bibliografici
DNS and BIND, 3rd Edition (Paul Albitz & Cricket Liu, September 1998) RFC Domain Names, Concepts and Facilities (P. Mockapetris, Sep 1983) RFC Domain Names, Implementation and Specification (P. M., Nov 1983) RFC Domain System Changes and Observations (P. M., Jan 1986) RFC Mail Routing and the Domain System (C. Partridge, Jan 1986) RFC Domain Names, Concepts and Facilities (P. M., Nov 1987) RFC Domain Names, Implementation and Specification (P. M., Nov 1987) RFC Requirements for Internet Hosts, Application and Support (IETF, Oct 1989) RFC Assigned Numbers (ISI, Jul 1992) RFC Common DNS Data File Configuration Errors (P. Beertema, Oct 1993) RFC Domain Name System Structure and Delegation (J. Postel, Mar 1994) RFC Tools for DNS debugging (A. Romao, Nov 1994) RFC Common DNS Operational and Configuration Errors (D. Barr, Feb 1996) RFC Classless IN-ADDR.ARPA delegation (BSD - ISC, Mar 1998)

53 Il naming attuale del dominio CNR.IT
gestito presso lo IAT di Pisa organizzato in sottodomini che riflettono la struttura organizzativa del CNR, la distribuzione sul territorio ed esigenze di rete tutti i domini devono avere almeno 2 nameserver tutti i domini di terzo livello (es: pi.cnr.it, src.cnr.it, ecc) devono avere come nameserver secondario nameserver.cnr.it è suggerito avere un secondario sul nameserver primario del dominio padre è consigliato utilizzare come nameserver secondario per la risoluzione inversa delle reti usate dal CNR (non per le subnet delle reti in classe B) nameserver.cnr.it è necessario “registrare” il router che assicura l’interconnessione alla dorsale della rete nel dominio net.cnr.it IT CNR pi src www “.“ iat net dns area adrserv pisa-router iei ieiserv

54 Il nuovo naming del dominio cnr.it
Approvato dalla commissione CIRT attualmente all’approvazione del Presidente/Consiglio Direttivo Novita’ introdotte Eliminazione del dominio “geografico” Univocita’ delle sigle dei nuovi istituti Specifiche tecniche sull’erogazione del servizio di risoluzione dei nomi Controllo del rispetto dei requisti tecnici anche dopo l’attivazione del nuovo dominio Attivazione di un gruppo di esperti per la valutazione delle richieste di nuovi nomi a dominio non previsti dalle attuali policy

55 Un possibile utilizzo del nuovo naming del dominio cnr.it
IRPI un istituto con sezioni distribuite sul territorio nazionale

56 La situazione attuale Stesso nome di dominio Un dominio per ogni sede
Irpi (eccezione attuale sede di Bari) Un dominio per ogni sede Perugia irpi.pg.cnr.it Padova irpi.pd.cnr.it Cosenza irpi.cs.cnr.it Bari cerist.ba.cnr.it Torino irpi.to.cnr.it

57 Le possibili soluzioni
Adozione di uno schema di naming che non tenga conto della dislocazione fisica delle sezioni e delle macchine Host.irpi.cnr.it Adozione di uno schema geografico sotto al nuovo dominio Host.pg.irpi.cnr.it Host.pd.irpi.cnr.it

58 Alcuni elementi utili alla scelta dello schema di naming
Sinergie interne al nuovo istituto Comprensione/immediatezza/semplificazione dell’indirizzi Internet Conoscenze informatiche (dns ed altri servizi Internet di base) Disponibilita’ di risorse hardware nelle varie sedi Individuazione delle responsabilita’ nelle varie sedi

59 La migrazione verso il nuovo naming
Registrazione/delega del nuovo dominio Verifica/Attivazione dei server dns autoritativi per il nuovo dominio Gestione contemporanea del vecchio naming e nuovo naming

60 Interazione tra DNS e migrazione
l’interazione e’ “legata” al cambio, da parte di ogni host, del proprio nome a dominio i file da modificare/creare sono: named.conf file della risoluzione diretta file della risoluzione inversa i record coinvolti sono principalmente record A e CNAME record PTR


Scaricare ppt "Domain Name System Massimo Ianigro"

Presentazioni simili


Annunci Google