La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sistema nazionale integrato delle comunicazioni di protezione civile Protocollo di intesa tra Ministero delle comunicazioni e Sistema nazionale di Protezione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sistema nazionale integrato delle comunicazioni di protezione civile Protocollo di intesa tra Ministero delle comunicazioni e Sistema nazionale di Protezione."— Transcript della presentazione:

1 Sistema nazionale integrato delle comunicazioni di protezione civile Protocollo di intesa tra Ministero delle comunicazioni e Sistema nazionale di Protezione civile

2 Protocollo di Intesa Elementi rilevanti: MinCom e dPC, di intesa con AGCOM e Presidenza del Consiglio provvedono a quanto necessario a: a)Realizzazione rete nazionale b)Sviluppo ed utilizzo sistemi e servizi innovativi di telefonia mobile c)Realizzazione ed implementazione del circuito nazionale di emergenza (CNIE) d)Sperimentazione servizi su reti TETRA e WiMax e)Collaborazione e sinergia con operatori di telefonia fissa e mobile e operatori di radiodiffusione sonora e televisiva

3 Protocollo di Intesa Frequenze assegnate: Il protocollo definisce le frequenze da utilizzare per la realizzazione della rete, distinguendo le coppie di frequenze da utilizzare per le reti nazionali e ragionali

4 Carta di Fabriano Il 21 e 22 Marzo 2002 si è tenuta a Fabriano un incontro tra MinCom, dPC e Regioni, che si è concluso con la stesura di un documento in cui: si puntualizza la necessità : Di un comune standard di riferimento Di procedure di scambio di strumentazione e dati tecnici Di garantire un continuo flusso di comunicazioni in emergenza

5 Ripartizione delle frequenze sul territorio I canali sono stati ripartiti a livello sub- regionale per consentire una migliore pianificazione delle risorse, come da cartina

6 Lo stato dellarte Sono state già realizzate le reti illustrate nella cartina, ed in più sono stati approvati i progetti, e firmate le intese tra dPc, MinCom e Regioni per: Friuli V.G. Calabria Marche Lazio Provincia autonoma di Bolzano Sono allesame del Comitato tecnico i piani di:: Lombardia (prossima la firma), Liguria Si è in attesa dellinvio del progetto della Campania

7

8 Obiettivi del Progetto Connettere la Sala operativa del Dipartimento di Protezione Civile di Roma con: le Sale operative regionali le reti radio delle Regioni e delle Province autonome fonia/dati i radar meteo i sistemi di raccolta dati ambientali le reti radio fonia/dati del Dipartimento di Protezione Civile distribuite sul territorio (Sicilia or., Molise, Roma, Vesuvio, Isole Eolie) le reti radio sperimentali WiMax e Tetra connettere tra di loro le reti radio delle Regioni e del Dipartimento di Protezione Civile ai fini dellinteroperabilità delle squadre di soccorso sul territorio nazionale

9 Dorsale radio a microonde nazionale Schema generale della dorsale radio a microonde della Protezione Civile Italiana

10 ISDN Dorsale radio a microonde Interfaccia Ethernet Interfaccia ISDN Interfaccia analogica Interfaccia ??? Dorsale radio a microonde nazionale Collegamento delle reti regionali di monitoraggio ambientale Centro Regionale Sala operativa DPC di Roma Centro Regionale

11 Dorsale radio a microonde nazionale Collegamento di altri servizi di interesse per la Protezione Civile Dorsale radio a microonde WiMax Videoconferenza Telefonia Rete radar Altri servizi IP

12 Dorsale radio a microonde nazionale Sala operativa DPC di Roma Collegamenti satellitari di back up Sistema regionale di Protezione Civile Sistema regionale di Protezione Civile Dorsale radio a microonde

13 PROGETTO RETE D-STAR A seguito della presentazione del progetto D-STAR da parte dellARI – Comitato Regionale Emilia-Romagna, lAgenzia Regionale di Protezione Civile ha deciso di finanziare lacquisto dellapposito ripetitore installato presso lex base NATO di Monte del Giogo (MS).

14 PROGETTO D-STAR (coordinato da ARI)

15 SITO MONTE GIOGO 1528 s.l.m. Comano (MS)

16 Diametro parabola 20 m

17

18 MONTE GIOGO Tramite una delle parabole è già possibile il collegamento con analogo sito ex NATO situato sul Monte Maggiore (Roma). Questo sito ospiterà anche un ripetitore della dorsale Wi-Fi nazionale.

19 ASI – AGENZIA SPAZIALE ITALIANA PROGETTO EMERSAT Un modello preoperativo di servizi di comunicazione per le emergenze

20 Il Progetto Pilota EMERSAT ha lo scopo di sviluppare, integrare e collaudare un Modello PreOperativo di Servizi di Comunicazioni (prevalentemente satellitari) destinato agli Enti Istituzionali Nazionali preposti alla Sicurezza ed alla Gestione delle Emergenze. Il Progetto prevede lo sviluppo di una Architettura Applicativa MultiServizio, che contempla lerogazione di Servizi Integrati di Comunicazioni a LB (fisse, mobili e rilocabili), di Navigazione satellitare e Localizzazione georeferenziate, e di Telerilevamento ad alta definizione, con lobiettivo di dotare gli Operatori degli Enti Istituzionali preposti alla Sicurezza ed alla Gestione delle Emergenze, di tutte quelle Tecnologie atte a ricevere e trasmettere tutte le Informazioni necessarie e sufficienti per la più efficace e sicura gestione degli interventi di Emergenza.

21

22 Dorsale nazionale satellitare attuale

23 Architettura preliminare del sistema EmerSAT

24 Utilizzo integrato delle Reti Emergenziali Satellitari e Terrestri


Scaricare ppt "Sistema nazionale integrato delle comunicazioni di protezione civile Protocollo di intesa tra Ministero delle comunicazioni e Sistema nazionale di Protezione."

Presentazioni simili


Annunci Google