La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

0 Il punto di vista di chi deve applicare la Legge Mario Di Domenicantonio Commissione Interministeriale permanente per limpiego delle tecnologie dellinformazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "0 Il punto di vista di chi deve applicare la Legge Mario Di Domenicantonio Commissione Interministeriale permanente per limpiego delle tecnologie dellinformazione."— Transcript della presentazione:

1 0 Il punto di vista di chi deve applicare la Legge Mario Di Domenicantonio Commissione Interministeriale permanente per limpiego delle tecnologie dellinformazione e della comunicazione a favore delle categorie deboli o svantaggiate Segreteria tecnico-scientifica

2 1 Il punto di vista di chi deve applicare la Legge La Legge: continuità, novità e riflessioni Continuità con i principi informatori della attuale normativa per salvaguardare gli investimenti in formazione, conoscenze, esperienze e tecnologia fin qui effettuati da chi ha dato attuazione alla normativa Novità rispetto allesistente per portare in conto i risultati (anche negativi) delle esperienze fatte per incidere maggiormente sulla realtà Riflessioni su alcuni aspetti che sembrano mancare Mario Di Domenicantonio Comm.Intermin.ICT.CategorieDeboli 12 dicembre 2003

3 2 Il punto di vista di chi deve applicare la Legge La Legge: continuità, novità e riflessioni La normativa attuale Circolare del Ministro della Funzione Pubblica Linee guida per lorganizzazione, lusabilità e laccessibilità dei siti Web delle pubbliche amministrazioni - 13 marzo 2001, n. 3/2001 Circolare della Autorità per lInformatica nella Pubblica Amministrazione (AIPA) Criteri e strumenti per migliorare laccessibilità dei siti Web e delle applicazioni informatiche a persone disabili – 6 settembre 2001 n. AIPA/CR/32 Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri La conoscenza e luso del dominio internet.gov.it e lefficace interazione del portale nazionale italia.gov.it con le pubbliche amministrazioni e le loro diramazioni territoriali – 30 maggio 2002 Mario Di Domenicantonio Comm.Intermin.ICT.CategorieDeboli 12 dicembre 2003

4 3 Il punto di vista di chi deve applicare la Legge Nel solco della continuità Circolare del Ministro della Funzione Pubblica Linee guida per lorganizzazione, lusabilità e laccessibilità dei siti Web delle pubbliche amministrazioni - 13 marzo 2001, n. 3/2001 contesto organizzativo usabilità accessibilità, di cui si danno regole applicative Mario Di Domenicantonio Comm.Intermin.ICT.CategorieDeboli 12 dicembre 2003

5 4 Il punto di vista di chi deve applicare la Legge Nel solco della continuità Circolare della Autorità per lInformatica nella Pubblica Amministrazione (AIPA) Criteri e strumenti per migliorare laccessibilità dei siti Web e delle applicazioni informatiche a persone disabili – 6 settembre 2001 n. AIPA/CR/32 definizione delle disabilità e delle tecnologie assistive linee guida e criteri per laccessibilità dei siti Web linee guida e criteri per laccessibilità delle applicazioni software Mario Di Domenicantonio Comm.Intermin.ICT.CategorieDeboli 12 dicembre 2003

6 5 Il punto di vista di chi deve applicare la Legge Nel solco della continuità Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri La conoscenza e luso del dominio internet.gov.it e lefficace interazione del portale nazionale italia.gov.it con le pubbliche amministrazioni e le loro diramazioni territoriali – 30 maggio 2002 accessibilità (conformità al livello A delle WCAG 1.0 del WAI) usabilità efficacia identificazione e controllo di accesso Privacy e sicurezza Monitoraggio Mario Di Domenicantonio Comm.Intermin.ICT.CategorieDeboli 12 dicembre 2003

7 6 Il punto di vista di chi deve applicare la Legge Nel solco della continuità Accessibilità dei siti Web E un tema comune a tutte e tre le fonti attuali Sono indicate linee guida e criteri da seguire per il raggiungimento della accessibilità Nella Legge, la accessibilità dei siti Web diventa un obbligo forte: sono da considerarsi nulli i contratti per la realizzazione e modifica dei siti che non prevedano il rispetto dei requisiti di accessibilità Mario Di Domenicantonio Comm.Intermin.ICT.CategorieDeboli 12 dicembre 2003

8 7 Il punto di vista di chi deve applicare la Legge Nel solco della continuità Accessibilità delle applicazioni software E argomento trattato nella Circolare AIPA, nella quale sono anche indicate linee guida e criteri da seguire Le applicazioni software non accessibili creano barriere: alla integrazione del personale con disabilità nella attività lavorativa alla fruizione di servizi telematici da parte dei cittadini con disabilità Particolare importanza viene posta nella necessità di realizzare in modo accessibile le applicazioni didattiche multimediali Mario Di Domenicantonio Comm.Intermin.ICT.CategorieDeboli 12 dicembre 2003

9 8 Il punto di vista di chi deve applicare la Legge Nel solco della continuità Accessibilità delle applicazioni software La Legge estende il campo di applicazione parlando espressamente di accessibilità dei sistemi informatici, non solo di siti Web e non solo di applicazioni software Prevede la emanazione di regole tecniche per la realizzazione di opere multimediali accessibili Soprattutto, prevede che siano realizzati in modo accessibile gli strumenti didattici e formativi utilizzati nelle scuole di ogni ordine e grado Mario Di Domenicantonio Comm.Intermin.ICT.CategorieDeboli 12 dicembre 2003

10 9 Il punto di vista di chi deve applicare la Legge Cosa non ha funzionato La normativa attuale è tutta di rango secondario e come tale è stata considerata di indirizzo, di indicazione, di suggerimento E stata vista come indirizzata solo ai tecnici del Web con la conseguenza di rendere di fatto laccessibilità un mero problema di tecnicità e non il risultato di un processo complesso che vede coinvolte diverse professionalità E mancata la fase di preparazione professionale del personale delle Amministrazioni Mario Di Domenicantonio Comm.Intermin.ICT.CategorieDeboli 12 dicembre 2003

11 10 Il punto di vista di chi deve applicare la Legge Cosa ha funzionato Le Amministrazioni hanno preso coscienza del problema e hanno cominciato ad attrezzarsi per affrontarlo La normativa attuale ha costituito la base culturale per una efficace attuazione della Legge Molti siti delle Pubbliche Amministrazioni hanno raggiunto una accessibilità di base ragionevole, dati i presupposti Mario Di Domenicantonio Comm.Intermin.ICT.CategorieDeboli 12 dicembre 2003

12 11 Il punto di vista di chi deve applicare la Legge Gli elementi di novità nella Legge E norma di rango primario Le norme attuali, in quanto di rango secondario, non hanno mostrato forza sufficiente a raggiungere gli obiettivi prefissati, almeno non secondo le aspettative E rivolta ad una platea più vasta di soggetti erogatori rispetto a quelli destinatari delle norme attuali Prevede sanzioni Mario Di Domenicantonio Comm.Intermin.ICT.CategorieDeboli 12 dicembre 2003

13 12 Il punto di vista di chi deve applicare la Legge Gli elementi di novità nella Legge E rivolta a tutti i settori della pubblica amministrazione Le norme attuali, in modo esplicito o implicito, si rivolgono al personale tecnico delle pubbliche amministrazioni La Legge considera la accessibilità dei sistemi informatici come un processo complesso per il quale vanno definiti criteri e principi operativi e organizzativi generali Coinvolge professionalità e competenze diverse, non solo tecnologiche Mario Di Domenicantonio Comm.Intermin.ICT.CategorieDeboli 12 dicembre 2003

14 13 Il punto di vista di chi deve applicare la Legge Gli elementi di novità nella Legge Prevede la formazione finalizzata Per il personale con disabilità, onde facilitarne lintegrazione nella attività lavorativa Per tutto il personale professionalmente impegnato nella erogazione di servizi e di informazioni, onde costruire il necessario bagaglio culturale e di conoscenze sul problema Mario Di Domenicantonio Comm.Intermin.ICT.CategorieDeboli 12 dicembre 2003

15 14 Il punto di vista di chi deve applicare la Legge Gli elementi di novità nella Legge Grande risalto alle necessità del mondo della scuola Il materiale formativo e gli strumenti didattici dovranno essere forniti in formato digitale accessibile agli studenti con disabilità e agli insegnanti di sostegno Possibili soluzioni diverse: semplice digitalizzazione del materiale oggi distribuito in formato cartaceo nuovi modelli di presentazione di strumenti didattici pensati per essere fruiti espressamente mediante le nuove tecnologie dagli studenti con disabilità (e da tutti gli studenti …) Mario Di Domenicantonio Comm.Intermin.ICT.CategorieDeboli 12 dicembre 2003

16 15 Il punto di vista di chi deve applicare la Legge Gli elementi di novità nella Legge Grande risalto alle necessità del mondo della scuola Soluzioni non solo tecnologiche, ma anche culturali e professionali perché anche lo studente con disabilità ha sue proprie capacità di apprendimento che vanno favorite e valorizzate In questa ottica si pongono i progetti di ricerca, previsti dalla Legge, volti alla realizzazione di opere multimediali accessibili Mario Di Domenicantonio Comm.Intermin.ICT.CategorieDeboli 12 dicembre 2003

17 16 Il punto di vista di chi deve applicare la Legge Riflessioni Linee guida e criteri demandati a Regolamento e Decreto Nella Legge non sono indicati né criteri né linee guida da seguire per ottenere i requisiti di accessibilità richiesti: si rinvia a un Regolamento e ad un Decreto da emanare successivamente La scelta sembra essere quanto mai opportuna perché: la tecnologia e la conoscenza si evolvono molto rapidamente ed è più facile adeguare un Regolamento o un Decreto piuttosto che una legge Regolamento e Decreto devono, per Legge, essere redatti con il contributo delle associazioni delle persone con disabilità e degli esperti del settore. E difficile immaginare come si possa usufruire di un tale fondamentale contributo nella redazione dei requisiti se questi fossero inseriti direttamente in sede legislativa Mario Di Domenicantonio Comm.Intermin.ICT.CategorieDeboli 12 dicembre 2003

18 17 Il punto di vista di chi deve applicare la Legge Riflessioni Nella Legge non ci sono riferimenti alla usabilità Nella Legge non si parla direttamente di usabilità, ma si dice che servizi e informazioni devono essere fruibili che è sinonimo di usabili La definizione della qualità in uso e cioè la capacità di un prodotto di aiutare determinati utenti a raggiungere determinati obiettivi con efficacia, efficienza, sicurezza e soddisfazione, in determinati contesti duso (ISO/IEC ) prevede le caratteristiche qualitative di un prodotto: la accessibilità dei contenuti, che tiene conto delle esigenze di diverse tipologie di utenti e di contesti duso lusabilità con la quale si indicano sinteticamente i requisiti di efficacia, efficienza, sicurezza e soddisfazione. Mario Di Domenicantonio Comm.Intermin.ICT.CategorieDeboli 12 dicembre 2003

19 18 Il punto di vista di chi deve applicare la Legge Riflessione finale La Legge interessa aspetti diversi della vita dei cittadini: dalla scuola al mondo del lavoro, dallinformazione ai servizi Costituisce una grande sfida Culturale: non è ancora sufficientemente percepita la ampiezza, tipologica e numerica, dei problemi Tecnologica: non si tratta solo del Web, ma di tutti i sistemi informatici e della comunicazione Metodologica: non solo verifiche a posteriori, ma una diversa impostazione dei modi e dei contenuti della comunicazione Mario Di Domenicantonio Comm.Intermin.ICT.CategorieDeboli 12 dicembre 2003


Scaricare ppt "0 Il punto di vista di chi deve applicare la Legge Mario Di Domenicantonio Commissione Interministeriale permanente per limpiego delle tecnologie dellinformazione."

Presentazioni simili


Annunci Google