La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Risparmiare energiaRisparmiare energia Come costruire oggi nel rispetto dellisolamento termico acustico e di resistenza al fuoco Nodi applicativi – evoluzione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Risparmiare energiaRisparmiare energia Come costruire oggi nel rispetto dellisolamento termico acustico e di resistenza al fuoco Nodi applicativi – evoluzione."— Transcript della presentazione:

1 Risparmiare energiaRisparmiare energia Come costruire oggi nel rispetto dellisolamento termico acustico e di resistenza al fuoco Nodi applicativi – evoluzione legislativa Rimini, 22 ottobre 2009 ing. CASTRIOTTA Lorenzo G. Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Rimini

2 TERMICA Trasmissione del calore D.L.n.192-n.311 D.L. n.115 Certificazione en. 771 Legge Regione D.A.L. n.156 ACUSTICA D.P.C.M. 5 Dic.1997 STRUTTURE D.M. 16/01/1996 D.M. 14/01/2008 R E I : D.M. 16/02/2007 MURATURA ECOSOSTENIBILITA

3 DECRETO LEGISLATIVO n.192/ n.311/ 2006 Normativa termica DECRETO LEGISLATIVO 30 MAGGIO 2008, N. 115 D.A.L. Emilia Romagna n. 156 del

4

5

6

7 Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Decreto Ministero dello Sviluppo Economico 26 giugno 2009 (Gazzetta Ufficiale del 10 luglio 2009, n. 158) definiscono un sistema di certificazione energetica degli edifici in grado di fornire informazioni chiare sulla qualità energetica degli immobili e strumenti che consentono di valutare la convenienza economica per interventi di riqualificazione energetica oltre che tenere conto della prestazione energetica degli edifici nelle operazioni di acquisto e di locazione hanno l'obiettivo di: 1.contribuire ad una applicazione omogenea della certificazione energetica degli edifici a livello nazionale, coerente con la direttiva 2002/91/CE e con i principi desumibili dal decreto legislativo 19 agosto 2005, n Fornire importanti chiarimenti sull'attestato di certificazione energetica (ACE) del quale dovranno essere dotati tutti gli edifici oggetto di compravendita, gli edifici di nuova costruzione e quelli soggetti a ristrutturazione

8 Lattestato di certificazione energetica è obbligatorio nei casi e con le gradualità nel seguito indicate e con onere a carico rispettivamente del venditore e del locatore: b) a decorrere dal 1° luglio 2009, alle singole unità immobiliari, nel caso di trasferimento a titolo oneroso; c) a decorrere dal 1° luglio 2010, agli edifici e singole unità immobiliari soggetti a locazione con contratto stipulato successivamente a tale data. LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DM 26 GIUGNO 2009

9 ZONA E (Rimini) < 50 KWh/mq anno Sistema di classificazione nazionale concernente la climatizzazione invernale degli edifici D.L. 311/2006 All.C

10 ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Allegato A, paragrafo 8

11 LAtto di Indirizzo disciplina in particolare: - gli standard minimi di rendimento energetico degli edifici e degli impianti; - le metodologie per la valutazione della prestazione energetica degli edifici ed impianti; - la certificazione energetica degli edifici; - l'accreditamento dei soggetti certificatori; - la disciplina di esercizio, manutenzione ed ispezione degli edifici ed impianti D.A.L. Emilia Romagna n. 156 del

12 limiti di trasmittanza delle chiusure opache verticali, obbligatori già da 1 luglio 2008 Zona Climatica U (W/m 2 K) D 0,36 E 0,34 F 0,33 Valori coincidenti con i limiti 2010 del D.L. 311 D.A.L. Emilia Romagna n. 156 del ALLEGATO 3 REQUISITI MINIMI DI PRESTAZIONE ENERGETICA

13 Soggetti certificatori riconosciuti: Art. 4 D.L. 192 ACE: Per tutti gli edifici oggetto di compravendita, gli edifici di nuova costruzione e quelli da ristrutturare. D.L.G.R , n°1050 (Regione Emilia Romagna) Sistema di accreditamento dei soggetti preposti alla certificazione energetica degli edifici D.A.L. Emilia Romagna n. 156 del Per edifici fino a 1000 mq in pessime condizioni Termiche è ammessa unautocertificazione in classe G da parte del proprietario.

14

15 PONTI TERMICI Parete omogenea Lunghezza parete Altezza parete Spessore parete U c < U limite

16 Parete con ponte termico (es. Pilastro in c.a.) Altezza parete U c U f U c Lc Lf Il ponte termico è corretto se: U f < 1,15 U c In tale caso si deve solo verificare, Come nel caso di parete omogenea, che: U c < U limite Il ponte termico si considera non corretto se: U f > 1,15 U c In tale caso si deve verificare, che: U media < U limite U media = [(U c *Ac)+(U f *Af)] / (Ac + Af)

17 COME SI PROGETTA UNA PARETE ? Dove si deve realizzare la parete ? Quale valore di trasmittanza U deve avere ? Come possiamo realizzarla, quali materiali utilizzare e di che spessore S = ? Valori termo-igrometrici al contorno. Buone prestazioni termiche e benessere abitativo.

18 TUTTI I COMUNI D ITALIA

19 Zona Climatica A B C D E F /1/2008 1/1/2010 Tabella della trasmittanza U limite [W/m²K]

20 Nel caso di blocchi semipieni o comunque di blocchi strutturali il disegno deve rispettare le prescrizioni geometriche previste dalle normative vigenti (Il D.M. 14 gennaio 2008 fissa la percentuale di foratura e dimensione massima dei fori. ( I D.M. 20/11/87, 16/1/96 e lOrdinanza 3431 fissavano anche lo spessore delle pareti esterne e dei setti interni) Più libera è invece la progettazione di blocchi per esclusivo uso di tamponamento

21 I BLOCCHI PER TAMPONAMENTO A SETTI SOTTILI Se, a parità di percentuale di foratura, si progettano blocchi con setti di spessore ridotto, è possibile ottenere un elevato numero di file di fori nel senso perpendicolare al flusso termico, e si utilizzano al meglio le caratteristiche di conduttività dellaria in quiete

22

23

24 IL CONFRONTO – Calcoli secondo UNI EN 1745 Blocco 30x25x25 cm, disegno tradizionale U = 0,65 W/m 2 K (argilla: 1550 kg/mc λ = 0,45 W/mK λ eq blocco = 0,190 W/mK )

25 Blocco 35x25x19 cm, disegno innovativo U = 0,48 W/m 2 K (argilla: 1550 kg/mc λ = 0,45 W/mK) λ eq blocco = 0,147 W/mK (- 22%)

26 Blocco 38x25x19 cm, disegno innovativo U = 0,41 W/m 2 K (argilla: 1550 kg/mc λ = 0,45 W/mK) λ eq blocco = 0,150 W/mK (- 21%)

27 Blocco 48x25x19 cm, disegno innovativo U = 0,32 W/m 2 K (argilla: 1550 kg/mc λ = 0,45 W/mK) λ eq blocco = 0,140 W/mK (-26%)

28 Levoluzione dei blocchi per tamponamento: I blocchi riempiti 35x25x25 cm λ eq blocco = 0,09 W/mK U = 0,30 W/m 2 K

29 Levoluzione dei blocchi per tamponamento: I blocchi parzialmente riempiti 35x25x25 cm λ eq blocco = 0,118 W/mK U = 0,32 W/m 2 K

30 BLR 40/70BLR 40/70 BLR 40/70 IBLR 40/70 I U = 0,24 W/m²K

31 BRICKWOOL RETTIFICATO U = 0,225 W/m²K

32

33 BLOCCHI ALLO STUDIO Con riempimento inCon vernici materiali a cambiamento basso-emissive di fase

34 I BLOCCHI SEMIPIENI DI NUOVO DISEGNO Anche per i blocchi semipieni il miglioramento termico si realizza aumentando lo spessore del muro, creando un elevato numero di file di fori nel senso perpendicolare al flusso termico, utilizzando al meglio le caratteristiche di conduttività dellaria in quiete

35 Nuovo blocco semipieno 35x25x19 cm U = 0,54 W/m 2 K (argilla: 1550 kg/mc λ = 0,45 W/mK) λ eq blocco = 0,178 W/mK

36

37

38 Caratteristiche Resistenza media a compressione > 7 MPa Resistenza a flessione > 1,5 MPa Massa a secco 1000 kg/m³ Conduttività 0,27 W/mK (valore Prosp. A 12 UNI EN 1745 P = 50%)

39 Pareti pluristrato con materiale isolante interposto + F V TIPI DI PARETI STUDIATE Pareti monostrato con intonaco civile Pareti monostrato con materiale isolante esterno (cappotto)

40 COME SI VERIFICANO LE PARETI Gli esempi applicativi di Verifiche di GLASER su tutte le pareti verticali riportate sono riferite ai valori del Tutte le pareti verticali verificate hanno una Massa Frontale maggiore di 230 Kg/mq. Tutte le pareti verticali prese in considerazione devono essere verificate ed approvate dal D.D. e da Progettista prima della messa in opera. Per tutte le pareti verticali si sono utilizzati uguali valori di umidità relativa int. ed estr. di 65% e 90% con le relative temperature di 20 °C e 0.0 °C.

41

42 DECRETO 30 Maggio 2008 n° 115 Attuazione della direttiva 206/32/CE relativa allefficienza degli usi finali e i servizi energetici Art EDIFICI DI NUOVA COSTRUZIONE lo spessore delle Murature esterne, delle tamponature o dei muri portanti, superiori ai 30 centimetri, il maggior spessore dei solai e tutti i maggiori volumi e superfici necessari ad ottenere una riduzione minima del 10 per cento dell'indice di prestazione energetica previsto dal decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, e successive modificazioni, certificata con le modalità di cui al medesimo decreto legislativo, non sono considerati nei computi per la determinazioni dei volumi, delle superfici e nei rapporti di copertura, con riferimento alla sola parte eccedente i 30 centimetri e fino ad un massimo di ulteriori 25 centimetri per gli elementi verticali e di copertura e di 15 centimetri per quelli orizzontali intermedi.

43 Art RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Nel caso di interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti che comportino maggiori spessori delle murature esterne e degli elementi di copertura necessari ad ottenere una riduzione minima del 10 per cento dei limiti di trasmittanza previsti dal decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, e successive modificazioni, certificata con le modalità di cui al medesimo decreto legislativo, è permesso derogare a quanto previsto dalle normative nazionali, regionali o dai regolamenti edilizi comunali, in merito alle distanze minime tra edifici e alle distanze minime di protezione del nastro stradale, nella misura massima di 20 centimetri per il maggiore spessore delle pareti verticali esterne, nonché alle altezze massime degli edifici, nella misura massima di 25 centimetri, per il maggior spessore degli elementi di copertura. La deroga può essere esercitata nella misura massima da entrambi gli edifici confinanti.

44

45

46

47

48

49

50 I VALORI DI TRASMITTANZA SONO STATI CALCOLATI ALLO STATO SECCO CON LA UNI EN 1745 / 2005 Trasmittanza U = 0.30 [W/m²K] ( SENZA INTONACO)

51 I VALORI DI TRASMITTANZA REALE DELLA PARETE DEVE TENER CONTO DELLA UMIDITA DI EQUILIBRIO Infatti, la norma UNI EN 1745, al punto 5.1 prevede che i valori di conduttività siano maggiorati per tenere conto dellumidità. In assenza di norme specifiche, laumento deve essere del 6% per ogni punto percentuale di umidità. La norma UNI EN / 2008 fornisce gli elementi per valutare le necessarie maggiorazioni, pari al 12,7% per le argille e del 27,1% per le malte. Questo porta ad una maggiorazione della conduttività della parete del 7,5% circa PERTANTO : LA U = 30 W/m²K DIVENTA U = W/m²K MENTRE LA U = 27 W/m²K DIVENTA U = W/m²K

52

53

54 Zona Climatica A B C D E F /1/2008 1/1/2010 Tabella della trasmittanza U limite [W/m²K]

55

56

57 COMPORTAMENTO TERMICO ED IGROMETRICO parete a cappotto parete monostrato

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70

71 Comportamento acustico Richiami di ACUSTICA Ing. CASTRIOTTA Lorenzo

72 Ambiente trasmittente Potenza trasmessa (via aerea) Potenza riflessa POTENZA INCIDENTE Potenza dissipata Potenza trasmessa (via struttura) Ambiente ricevente

73

74 TABELLA A - CLASSIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI ABITATIVI (art. 2) Categoria Descrizione AEdifici adibiti a residenza o assimilabili BEdifici adibiti ad uffici e assimilabili CEdifici adibiti ad alberghi, pensioni ed attività assimilabili DEdifici adibiti ad ospedali, cliniche, case di cura e assimilabili EEdifici adibiti ad attività scolastiche a tutti i livelli e assimilabili FEdifici adibiti ad attività ricreative o di culto o assimilabili GEdifici adibiti ad attività commerciali o assimilabili Il D.P.C.M. 5 dicembre 1997 impone per le nuove costruzioni di prevedere in fase di progetto e di valutare e certificare in opera lisolamento acustico

75 D.P.C.M. 5 dicembre 1997 indice del potere fonoisolante apparente di partizioni tra ambienti (R' w ) (misura in opera) indice dell'isolamento acustico standardizzato di facciata (D 2m,nT,w ) (misura in opera) indice del livello di rumore di calpestio di solai (L' n,w ) (misura in opera) Categorie R w D 2m,nT,w L n,w 1. D A, C E B, F, G

76 RwRw RwRw Potere fonoisolante misurato in laboratorio (rumori aerei) Potere fonoisolante misurato in opera (rumori aerei) INDICE DI VALUTAZIONE A 500 Hz Comportamento acustico

77 Non esiste un decreto attuativo della legge quadro che indichi i metodi previsionali e progettuali idonei al conseguimento dei requisiti prestazionali richiesti dal D.P.C.M. del 5/12/1997. Alcune regioni hanno predisposto un Regolamento Edilizio Tipo con il quale disciplinare gli interventi urbanistici ed edilizi nei territori comunali e quindi definire specifiche tecnico-progettuali per conseguire i requisiti previsti dal D.P.C.M.. Adozione di una soluzione tecnica certificata con prestazioni superiori a quelle previste per compensare le perdite di isolamento dovute alla posa in opera. Adozione di una soluzione tecnica conforme indicata nel regolamento edilizio. Mediante metodi di calcolo previsti dalla norma UNI-EN e TR 1175 Comportamento acustico

78 A conclusione dei lavori i requisiti acustici devono essere verificati Attraverso una dichiarazione di conformità dellopera realizzata secondo il progetto, se utilizzati i criteri di cui sopra in fase progettuale Il potere fonoisolante di una parete dipende sostanzialmente dal proprio peso e dalle condizioni al contorno. Mediante prova in opera se utilizzati criteri diversi da quelli utilizzati in fase progettuale.

79 Potere fonoisolante Rw e Rw prestazioni di laboratorio e prestazioni in opera Massa ed isolamento acustico Metodologie di valutazione

80 UNI EN ISO 140-3:2006 APPARATO DI PROVA Camera emittente: dodecaedro, microfono Camera ricevente: microfono

81 PARETE BLR UNI EN ISO 140-3:2006 APPARATO DI PROVA

82 PRESTAZIONI ACUSTICHE: RISULTATI BLR da 35 cm riempito con lana di roccia BLR da 35 cm riempito con lana di roccia, intonaco tradizionale da 1,5 cm per lato. Rw = 52 dB

83 RAPPORTO DI PROVA N DEL , ISTITUTO GIORDANO Rw = 52 dB

84 Blocco A 62/45 ZS Blocco A 62/45 ZS 25 cm giunto continuo orizzontale e verticale intonaco tradizionale da 1,5 cm lato ricevente, peso blocco 13,2 Kg Rw = 52 dB PRESTAZIONI ACUSTICHE: RISULTATI

85 PARETE IN MURATURA PORTANTE UNI EN ISO 140-3:2006 APPARATO DI PROVA

86 PARETE VENTILATA IN COTTO simulazione parete reale UNI EN ISO 140-3:2006 APPARATO DI PROVA

87 TERMICA Trasmissione del calore D.L.n.192-n.311 D.L. n.115 Certificazione en. 771 Legge Regione D.A.L. n.156 ACUSTICA D.P.C.M. 5 Dic.1997 STRUTTURE D.M. 16/01/1996 D.M. 14/01/2008 R E I : D.M. 16/02/2007 ECOSOSTENIBILITA

88 La progettazione acustica si esegue sulla base della norma UNI EN Per facilitare la progettazione, l UNI, attraverso il lavoro del Gruppo GL 12, ha predisposto un documento applicativo della Norma (Tecnical Report 11175)

89 Nel documento sono disponibili formule per la determinazione del potere fonoisolante e anche tabelle per una prima valutazione dellIsolamento acustico (e quindi in opera) mediante la formula R' w = R w - C F

90 PARETI – GIUNTO RIGIDO A CROCE - Massa superficiale media delle strutture laterali (kg/m 2 ) Massa superficiale della partizione (kg/m 2 )

91 PARETI – GIUNTO RIGIDO A T - Massa superficiale media delle strutture laterali (kg/m 2 ) Massa superficiale della partizione (kg/m 2 )

92 Riduzione delle prestazioni acustiche in opera, dovuta alla presenza di porte e infissi Quando la differenza del potere fonoisolante dei due componenti è maggiore di 15 dB, il potere fono- isolante può essere calcolato in base al potere fono- isolante della parte più debole (ad esempio l'infisso) e alla sua estensione superficiale rispetto alla parete nel suo insieme. R w,risultante = R w,infisso + 10 log sup. parete/sup. infisso

93 Esempio Superficie della parete =12 m 2 R w parete= 50 dB Superficie infisso = 2 m 2 R w Infisso= 20 dB R w,ris. = R w,inf log sup. parete/sup. infisso = ,778 = 28 dB

94 Esempio Superficie della parete =12 m 2 R w parete= 50 dB Superficie infisso = 2 m 2 R w Infisso= 32 dB R w,ris. = R w,inf log sup. parete/sup. infisso = ,778 = 40 dB

95 Parete spess. tot. 25,5 cm. Massa 245 Kg/mq

96 Parete spess. tot. 34,5 cm. Massa 285 Kg/mq

97 Nuova norma UNI classificazione acustica degli edifici

98

99 COMPORTAMENTO AL FUOCO Ing. CASTRIOTTA Lorenzo

100 COMPORTAMENTO AL FUOCO Resistenza al fuoco: attitudine di un elemento da costruzione a conservare, secondo un programma termico prestabilito e per un tempo determinato, la stabilità, la tenuta e lisolamento termico così definiti: ( R ) STABILITA : capacità di un elemento da costruzione a conservare la resistenza meccanica sotto lazione del fuoco. ( E ) TENUTA : capacità di un elemento da costruzione a non lasciarsi attraversare o produrre -se sottoposto allazione del fuoco su un lato - da fiamme, vapori o gas caldi. ( I ) ISOLAMENTO : capacità di un elemento da costruzione a resistere entro un dato limite di tempo ad essere attraversato da calore, fino a ché il lato non esposto al fuoco, raggiunga la temperatura media di 150 °C.

101 COMPORTAMENTO AL FUOCO Con il simbolo REI espresso in minuti 15…..180 si identifica un elemento da costruzione che deve conservare, per quel prefissato tempo la stabilità, tenuta e lisolamento termico. Con il simbolo RE espresso in minuti 15…..180 si identifica un elemento da costruzione che deve conservare, per quel prefissato tempo la stabilità e la tenuta Con il simbolo R espresso in minuti 15…..180 si identifica un elemento costruzione che deve conservare, per quel prefissato CLASSIFICAZIONE DEI PRODOTTI IN LATERIZIO : Euroclasse A1 ( classe 0 del D.M. del 26 giugno 1984) Senza necessità di eseguire prove sperimentali in quanto il laterizio è un materiale non combustibile e non sviluppa, in presenza di incendio, gas tossici e fumi.

102 COMPORTAMENTO AL FUOCO Classificazione di resistenza al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi di opere da Costruzione Decreto del Ministero dellinterno 16/02/2007 Decreto del Ministero dellinterno 09/03/2007 Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attività soggette al controllo del Corpo dei Vigili del Fuoco. NUOVI D.M. per R.E.I.

103 D.M. del 16/02/2007 REI Decreto 9 marzo 2007 ha abrogato, tra laltro, la Circolare 91/61; mentre il Decreto 16 febbraio 2007 indica le scadenze delle prove eseguite o ancora da eseguire, e precisamente - rapporti emessi entro il 31 dicembre 1985: fino a un anno dall'entrata in vigore del decreto (28 settembre 2007); - rapporti emessi dal 1° gennaio 1986 al 31 dicembre 1995: fino a tre anni dall'entrata in vigore del decreto; - rapporti emessi dal 1° gennaio 1996: fino a cinque anni dall'entrata in vigore del decreto

104 TABELLA PER MURATURE IN LATERIZIO NON SOTTOPOSTE A CARICO (TAMPONAMENTO) MaterialeTipo blocco E.I 30 E.I. 60 E.I. 90 E.I. 120 E.I. 180 E.I. 240 Laterizioforatura > 55% Laterizioforatura < 55 % Laterizio Con int. protettivo foratura > 55% Laterizio Con int. protettivo foratura < 55% Intonaco normale: sabbia e cemento; sabbia calce e cemento; sabbia calce e gesso; massa volumica compresa fra 1000 e 1400 kg/mc Intonaco protettivo antincendio: intonaco tipo gesso vermiculite e argilla esapnsa e cemento o gesso: massa volumica compresa fra 600 e 1000 kg/mc

105 TABELLA PER MURATURE SOGGETTE A CARICO DI ESERCIZIO CIRCOLARE N° 1968 DEL 15/02/2008. Classificazione R.E.I. MaterialeTipo blocco LaterizioPieno (foratura 15%) Laterizio (*) Semipieno e forato (15% < foratura 55 %) Calcestruzzo Pieno, semipieno e forato (foratura 55 %) Calcestruzzo leggero (**) Pieno, semipieno e forato (foratura 55 %) Pietra squadrata Pieno (foratura 15 %) (*) presenza di 10 mm di intonaco su ambedue le facce ovvero di 20 mm sulla sola faccia esposta al fuoco; i valori in tabella si riferiscono agli elementi di laterizio sia normale che alleggerito in pasta (**) massa volumica netta non superiore a 1700 kg/m 3

106 STATICA Il 14 Gennaio 2008 è stato pubblicato il Decreto del Ministero delle Infrastrutture Aggiornamento delle Norme tecniche per le costruzioni G.U. n° 29, supplemento Ordinario n° 30 del 4 Febbraio Circolare n. 617 del 2 febbraio 2009 NUOVO D.M. 14 /01/2008 N.T.C 2008 IN VIGORE DAL 1 - LUGLIO

107 Sono confermate le caratteristiche geometriche dei blocchi (percentuale di foratura, fori di presa…), già fissate dal D.M. 20/11/87 ma non è più imposto il limite di 10 mm al netto della rigatura per le pareti e di 8 mm per i setti.

108 Spessore minimo delle murature in zona 4 : - in elementi pieni, ordinaria o armata = cm 15, snellezza 20 - in elementi in semipieni ordinaria o armata = cm 20, snellezza 20 - in elementi forati = cm 24, snellezza 20

109 Spessore minimo delle murature in zona sismica : - pieni o semipieni ordinaria = cm 24, snellezza 12 armata = cm 24, snellezza 15

110 Poiché vige lobbligo di marcatura CE non è più richiesta la verifica, almeno annuale, della resistenza dei blocchi e della muratura presso laboratori ufficiali

111

112 Le malte preconfezionate possono essere a composizione prescritta (sistema di controllo 4) o a prestazione garantita, (sistema di controllo 2+ secondo Uni En 998-2). Per le malte confezionate in cantiere, è necessario eseguire una prova presso un laboratorio autorizzato prima dellinizio dei lavori.

113 I Coefficienti di sicurezza M cambiano in funzione della: - classe di esecuzione della muratura (Classe 1 e Classe 2), - Categoria dei laterizi (Cat. I o Cat. II) - tipo di malta impiegata (prestaz. garantita o composizione prescritta

114 La nuova classificazione delle malte a prestazione garantita è: M2,5 M5 M10 M 15 M20 Md Per le malte a composizione prescritta è M2,5 M5 M8 M12 In zone a bassa sismicità (zona 4) è ammesso luso di malta M2,5. M5 nella altre zone. M10 per la muratura armata

115 In conclusione, il benessere abitativo di un ambiente è il risultato complessivo che, unitariamente alla validità dei costi : di realizzazione strutturale ed impiantistica, energetici e di gestione, E certamente il processo di una corretta progettazione ed esecuzione dellopera

116 Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Rimini


Scaricare ppt "Risparmiare energiaRisparmiare energia Come costruire oggi nel rispetto dellisolamento termico acustico e di resistenza al fuoco Nodi applicativi – evoluzione."

Presentazioni simili


Annunci Google