La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Stefano Sodi Le lettere copernicane Galileo e la teologia del suo tempo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Stefano Sodi Le lettere copernicane Galileo e la teologia del suo tempo."— Transcript della presentazione:

1 Stefano Sodi Le lettere copernicane Galileo e la teologia del suo tempo

2 Uno dei costituti o interrogatori originali di Galileo Galilei di fronte allInquisizione (ff. 78r 87r). Si tratta della parte finale della deposizione che Galileo rese il 12 aprile 1633, da lui sottoscritta, secondo la regola (alla riga 8: Io Galileo Galilei ho deposto come di sopra), e dellinizio del costituto seguente.

3 La grandezza di Galileo è a tutti nota, come quella di Einstein; ma a differenza di questi […] il primo ebbe molto a soffrire […] da parte di uomini e organismi di Chiesa. Il Concilio Vaticano II ha riconosciuto e deplorato certi indebiti interventi: «Ci sia concesso di deplorare – è scritto al n. 36 della Costituzione conciliare Gaudium et Spes – certi atteggiamenti mentali, che talvolta non mancarono nemmeno tra i cristiani, derivati dal non avere sufficientemente percepito la legittima autonomia della scienza, e che, suscitando contese e controversie, trascinarono molti spiriti a tal punto da ritenere che scienza e fede si oppongano tra loro». Il riferimento a Galileo è reso esplicito dalla nota aggiunta, che cita il volume Vita e opere di Galileo Galilei, di mons. Paschini, edito dalla Pontificia Accademia delle Scienze. A ulteriore sviluppo di quella presa di posizione del Concilio, io auspico che teologi, scienziati e storici, animati da uno spirito di sincera collaborazione, approfondiscano lesame del caso Galileo e, nel leale riconoscimento dei torti, da qualunque parte provengano, rimuovano le diffidenze che quel caso tuttora frappone, nella mente di molti, alla fruttuosa concordia tra scienza e fede, tra Chiesa e mondo. A questo compito che potrà onorare la verità della fede e della scienza, e di schiudere la porta a future collaborazioni, io assicuro tutto il mio appoggio.

4 Mi sia lecito, Signori, offrire alla loro attenta considerazione e meditata riflessione, alcuni punti che mi appaiono importanti per collocare nella sua vera luce il caso Galileo, nel quale le concordanze tra religione e scienza sono più numerose, e soprattutto più importanti, delle incomprensioni che hanno causato laspro e doloroso conflitto che si è trascinato nei secoli successivi. Colui che è chiamato a buon diritto il fondatore della fisica moderna, ha dichiarato esplicitamente che le due verità, di fede e di scienza, non possono mai contrariarsi «procedendo di pari dal Verbo divino la Scrittura sacra e la natura, quella come dettatura dello Spirito Santo, e questa come osservantissima esecutrice degli ordini di Dio» come scrive nella lettera al Padre Benedetto Castelli il 21 dicembre Non diversamente, anzi con parole simili, insegna il Concilio Vaticano II: «La ricerca metodica di ogni disciplina, se procede in maniera veramente scientifica e secondo le norme morali, non sarà mai in reale contrasto con la fede, perché le realtà profane e le realtà della fede hanno origine dal medesimo Iddio» (Gaudium et Spes, 36). Galileo ha enunciato delle importanti norme di carattere epistemologico indispensabili per accordare la Sacra Scrittura con la scienza. Nella Lettera alla Granduchessa Madre di Toscana, Cristina di Lorena, Galileo riafferma la verità della Scrittura: «Non poter mai la Sacra Scrittura mentire, tutta volta che sia penetrato il suo vero sentimento, il qual non credo che si possa negare essere molte volte recondito e molto diverso da quello che suona il puro significato delle parole». Galileo introduce il principio di una interpretazione dei libri sacri, al di là anche del senso letterale, ma conforme allintento e al tipo di esposizione propri di ognuno di essi. È necessario, come egli afferma, che «i saggi espositori ne produchino i veri sensi». La pluralità delle regole di interpretazione della Sacra Scrittura, trova consenziente il magistero ecclesiastico, che espressamente insegna, con lenciclica Divino afflante Spiritu di Pio XII, la presenza di diversi generi letterari nei libri sacri e quindi la necessità di interpretazioni conformi al carattere di ognuno di essi. Giovanni Paolo II, Discorso per la commemorazione della nascita di Albert Einstein, 10 novembre 1979

5 Le Lettere copernicane Le cosiddette Lettere copernicane che, pur essendo inviate a privati, vennero fatte circolare fra numerosi amici e conoscenti, furono scritte dallo scienziato pisano dopo la pubblicazione del Sidereus Nuncius (1610). 1. Lettera allabate benedettino Benedetto Castelli (21 dicembre 1613) Galilei affronta il problema della diversità fra il linguaggio scientifico e quello biblico. La lettera si conclude con il tentativo di dimostrare come il sistema copernicano si adatti meglio di quello tolemaico allaffermazione di Giosuè 10, 24 che Dio impose al Sole di fermarsi in cielo.

6 2. Prima lettera a monsignor Piero Dini, referendario apostolico a Roma e poi dal 1621 arcivescovo di Ferrara (16 febbraio 1615) In questa lettera, che risente del clima di accuse che i domenicani (in particolare Tommaso Caccini e Niccolò Lorini) lanciano contro il copernicanesimo, Galilei vuole esplicitare la sua posizione rispetto alle accuse che gli erano state mosse. In particolare sottolinea da un lato il rischio per la Chiesa di sostenere uninterpretazione letterale della Bibbia in quelle conclusioni naturali che non sono de fide, dallaltro la cattolicità e la buona fede di Copernico. 3. Seconda lettera a monsignor Piero Dini (23 marzo1615) Galilei risponde ad unosservazione che il Dini gli aveva fatto in una lettera inviatagli il 14 marzo 1615 in cui il presule affermava che, riguardo allopera di Copernico, sarebbe stato meglio se si fossero salvate le apparenze, aggiungendo qualche postilla al testo, per non incorrere nella censura ecclesiastica (il Dini sembra qui suggerire la lettura non realistica del De Revolutionibus Orbium Coelestium che lOsiander aveva proposto nella sua introduzione del 1543). Galilei difende invece linterpretazione realistica dellopera di Copernico. Sostiene inoltre che danni minori avrebbe avuto la Chiesa non salvando le apparenze piuttosto che difendendo ostinatamente una teoria falsa (quella geocentrica).

7 Affronta il problema dei rapporti fra scienza e fede con argomentazioni fondate sullesegesi del testo biblico. Galilei introduce il tema mostrando come molti uomini, non avendo seguito il consiglio di S. Agostino a non avere paura della verità per amore del proprio errore, usino il testo biblico per sostenere tesi non de fide, ma riguardanti le sensate esperienze e certe dimostrazioni. Riconosce di essersi convinto della verità della teoria eliocentrica e si lamenta per il fatto che ci si accanisca contro di lui, quasi ne fosse lautore. Comunque sia, intende mostrare lerrore dei suoi critici, confrontandosi in unanalisi esegetica della Scrittura. Galilei non solo mette in dubbio il primato della teologia sulle altre scienze, affermando la sua indiscutibile autorità nella questioni de fide ma non in quelle di natura, ma sembra voler competere con i teologi anche nel loro ambito. Probabilmente fu proprio questatteggiamento a indispettire lInquisizione, alla quale sembrò che Galileo intendesse insegnare alle gerarchie ecclesiastiche qualcosa in fatto di esegesi biblica. 4. Lettera a Cristina di Lorena, Granduchessa di Toscana (1615)

8

9 Quanto alla prima domanda generica di Madama Serenissima, parmi che prudentissimamente fusse proposto da quella e conceduto e stabilito dalla Paternità Vostra, non poter mai la Scrittura Sacra mentire o errare, ma essere i suoi decreti dassoluta ed inviolabile verità. Solo avrei aggiunto, che, se bene la Scrittura non può errare, potrebbe nondimeno talvolta errare alcuno de suoi interpreti ed espositori, in varii modi: tra i quali uno sarebbe gravissimo e frequentissimo, quando volessero fermarsi sempre nel puro significato delle parole, perché così vi apparirebbono non solo diverse contradizioni, ma gravi eresie e bestemmie ancora; poi che sarebbe necessario dare a Iddio e piedi e mani e occhi, e non meno affetti corporali e umani, come dira, di pentimento, dodio, e anco talvolta lobblivione delle cose passate e lignoranza delle future. Onde, sì come nella Scrittura si trovano molte proposizioni le quali, quanto al nudo senso delle parole, hanno aspetto diverso dal vero, ma son poste in cotal guisa per accomodarsi allincapacità del vulgo, così per quei pochi che meritano desser separati dalla plebe è necessario che i saggi espositori produchino i veri sensi, e nadditino le ragioni particolari per che siano sotto cotali parole stati profferiti.

10 Stante, dunque, che la Scrittura in molti luoghi è non solamente capace, ma necessariamente bisognosa desposizioni diverse dallapparente significato delle parole, mi par che nelle dispute naturali ella doverebbe esser riserbata nellultimo luogo: perché, procedendo di pari dal Verbo divino la Scrittura Sacra e la natura, quella come dettatura dello Spirito Santo, e questa come osservantissima esecutrice de gli ordini di Dio; ed essendo, di più, convenuto nelle Scritture, per accomodarsi allintendimento delluniversale, dir molte cose diverse, in aspetto e quanto al significato delle parole, dal vero assoluto; ma, allincontro, essendo la natura inesorabile e immutabile e nulla curante che le sue recondite ragioni e modi doperare sieno o non sieno esposti alla capacità de gli uomini, per lo che ella non trasgredisce mai i termini delle leggi imposteli; pare che quello de gli effetti naturali che o la sensata esperienza ci pone innanzi a gli occhi o le necessarie dimostrazioni ci concludono, non debba in conto alcuno esser revocato in dubbio per luoghi della Scrittura chavesser nelle parole diverso sembiante, poi che non ogni detto della Scrittura è legato a obblighi così severi comogni effetto di natura. Anzi, se per questo solo rispetto, daccomodarsi alla capacità de popoli rozzi e indisciplinati, non sè astenuta la Scrittura dadombrare de suoi principalissimi dogmi, attribuendo sino allistesso Dio condizioni lontanissime e contrarie alla sua essenza, chi vorrà asseverantemente sostenere che ella, posto da banda cotal rispetto, nel parlare anco incidentemente di Terra o di Sole o daltra creatura, abbia eletto di contenersi con tutto rigore dentro a i limitati e ristretti significati delle parole? E massime pronunziando di esse creature cose lontanissime dal primario instituto di esse Sacre Lettere, anzi cose tali, che, dette e portate con verità nuda e scoperta, avrebbon più presto danneggiata lintenzion primaria, rendendo il vulgo più contumace alle persuasioni de gli articoli concernenti alla salute.

11 Stante questo, ed essendo di più manifesto che due verità non posson mai contrariarsi, è ofizio de saggi espositori affaticarsi per trovare i veri sensi de luoghi sacri, concordanti con quelle conclusioni naturali delle quali prima il senso manifesto o le dimostrazioni necessarie ci avesser resi certi e sicuri. Anzi, essendo, come ho detto, che le Scritture, ben che dettate dallo Spirito Santo, per laddotte cagioni ammetton in molti luoghi esposizioni lontane dal suono litterale, e, di più, non potendo noi con certezza asserire che tutti glinterpreti parlino inspirati divinamente, crederei che fusse prudentemente fatto se non si permettesse ad alcuno limpegnar i luoghi della Scrittura e obbligargli in certo modo a dover sostenere per vere alcune conclusioni naturali, delle quali una volta il senso e le ragioni dimostrative e necessarie ci potessero manifestare il contrario. E chi vuol por termine a gli umani ingegni? chi vorrà asserire, già essersi saputo tutto quello che è al mondo di scibile? E per questo, oltre a gli articoli concernenti alla salute ed allo stabilimento della Fede, contro la fermezza de quali non è pericolo alcuno che possa insurger mai dottrina valida ed efficace, sarebbe forse ottimo consiglio il non ne aggiunger altri senza necessità: e se così è, quanto maggior disordine sarebbe laggiugnerli a richiesta di persone, le quali, oltre che noi ignoriamo se parlino inspirate da celeste virtù, chiaramente vediamo chelleno son del tutto ignude di quella intelligenza che sarebbe necessaria non dirò a redarguire, ma a capire, le dimostrazioni con le quali le acutissime scienze procedono nel confermare alcune lor conclusioni?

12 Io crederei che lautorità delle Sacre Lettere avesse avuto solamente la mira a persuader a gli uomini quegli articoli e proposizioni, che, sendo necessarie per la salute loro e superando ogni umano discorso, non potevano per altra scienza né per altro mezzo farcisi credibili, che per la bocca dellistesso Spirito Santo. Ma che quel medesimo Dio che ci ha dotati di sensi, di discorso e dintelletto, abbia voluto, posponendo luso di questi, darci con altro mezzo le notizie che per quelli possiamo conseguire, non penso che sia necessario il crederlo, e massime in quelle scienze delle quali una minima particella e in conclusioni divise se ne legge nella Scrittura; qual appunto è lastronomia, di cui ve nè così piccola parte, che non vi si trovano né pur nominati i pianeti. Però se i primi scrittori sacri avessero auto pensiero di persuader al popolo le disposizioni e movimenti de corpi celesti, non ne avrebbon trattato così poco, che è come niente in comparazione dellinfinite conclusioni altissime e ammirande che in tale scienza si contengono.

13 Dopo la condanna delle tesi scientifiche sostenute da Galileo si giunse allabiura pronunciata nella chiesa della Minerva il 22 giugno Nei mesi che seguirono Galileo ottenne da Urbano VIII di poter scontare la pena della prigionia nella sua villa di Arcetri (1 dicembre 1633). Da qui il 17 dicembre 1633 inviò questa lettera interamente autografa al suo «protettore», il cardinale Francesco Barberini, per il cui intervento aveva ottenuto quel favore.

14 […] Ero mosso da simili preoccupazioni, il 10 novembre 1979, in occasione della celebrazione del primo centenario della nascita di Albert Einstein […] Una commissione di studio è stata costituita a tal fine il 3 luglio Ed ora, nellanno stesso in cui si celebra il 350° anniversario della morte di Galileo [1992], la Commissione presenta, a conclusione dei suoi lavori, un complesso di pubblicazioni che apprezzo vivamente. […] Il lavoro svolto per oltre dieci anni risponde a un orientamento suggerito dal Concilio Vaticano II e permette di porre meglio in luce vari punti importanti della questione. In avvenire, non si potrà non tener conto delle conclusioni della Commissione.

15 […] Una doppia questione sta al cuore del dibattito di cui Galileo fu il centro. La prima è di ordine epistemologico e concerne lermeneutica biblica. A tal proposito, sono da rilevare due punti. Anzitutto, come la maggior parte dei suoi avversari, Galileo non fa distinzione tra quello che è lapproccio scientifico ai fenomeni naturali e la riflessione sulla natura, di ordine filosofico, che esso generalmente richiama. È per questo che egli rifiutò il suggerimento che gli era stato dato di presentare come unipotesi il sistema di Copernico, fin tanto che esso non fosse confermato da prove irrefutabili. Era quella, peraltro, unesigenza del metodo sperimentale di cui egli fu il geniale iniziatore. Inoltre, la rappresentazione geocentrica del mondo era comunemente accettata nella cultura del tempo come pienamente concorde con linsegnamento della Bibbia, nella quale alcune espressioni, prese alla lettera, sembravano costituire delle affermazioni di geocentrismo. Il problema che si posero dunque i teologi dellepoca era quello della compatibilità delleliocentrismo e della Scrittura. Così la scienza nuova, con i suoi metodi e la libertà di ricerca che essi suppongono, obbligava i teologi a interrogarsi sui loro criteri di interpretazione della Scrittura. La maggior parte non seppe farlo. Paradossalmente, Galileo, sincero credente, si mostrò su questo punto più perspicace dei suoi avversari teologi. […] Si conosce anche la sua lettera a Cristina di Lorena (1615) che è come un piccolo trattato di ermeneutica biblica. […]

16 Possiamo già qui formulare una prima conclusione. Lirruzione di una nuova maniera di affrontare lo studio dei fenomeni naturali impone una chiarificazione dellinsieme delle discipline del sapere. Essa le obbliga a delimitare meglio il loro campo proprio, il loro angolo di approccio, i loro metodi, così come lesatta portata delle loro conclusioni. In altri termini, questa novità obbliga ciascuna delle discipline a prendere una coscienza più rigorosa della propria natura. Il capovolgimento provocato dal sistema di Copernico ha così richiesto uno sforzo di riflessione epistemologica sulle scienze bibliche, sforzo che doveva portare più tardi frutti abbondanti nei lavori esegetici moderni e che ha trovato nella Costituzione conciliare Dei Verbum una consacrazione e un nuovo impulso. […]

17 La crisi che ho appena evocato non è il solo fattore ad aver avuto delle ripercussioni sullinterpretazione della Bibbia. Noi tocchiamo qui il secondo aspetto del problema, laspetto pastorale. […] si tratta di sapere come prendere in considerazione un dato scientifico nuovo quando esso sembra contraddire delle verità di fede. Il giudizio pastorale che richiedeva la teoria copernicana era difficile da esprimere nella misura in cui il geocentrismo sembrava far parte dellinsegnamento stesso della Scrittura. Sarebbe stato necessario contemporaneamente vincere delle abitudini di pensiero e inventare una pedagogia capace di illuminare il popolo di Dio. Diciamo, in maniera generale, che il pastore deve mostrarsi pronto a unautentica audacia, evitando il duplice scoglio dellatteggiamento incerto e del giudizio affrettato, potendo luno e laltro fare molto male. […] È un dovere per i teologi tenersi regolarmente informati sulle acquisizioni scientifiche per esaminare, alloccorrenza, se è il caso o meno di tenerne conto nella loro riflessione o di operare delle revisioni nel loro insegnamento. Se la cultura contemporanea è segnata da una tendenza allo scientismo, lorizzonte culturale dellepoca di Galileo era unitario e recava limpronta di una formazione filosofica particolare. Questo carattere unitario della cultura, che è in sé positivo e auspicabile ancor oggi, fu una delle cause della condanna di Galileo. La maggioranza dei teologi non percepiva la distinzione formale tra la Sacra Scrittura e la sua interpretazione, il che li condusse a trasporre indebitamente nel campo della dottrina della fede una questione di fatto appartenente alla ricerca scientifica.

18 In realtà, come ha ricordato il Cardinal Poupard, Roberto Bellarmino, che aveva percepito la vera posta in gioco del dibattito, riteneva da parte sua che, davanti ad eventuali prove scientifiche dellorbita della terra intorno al sole, si dovesse andar con molta considerazione in esplicare le Scritture che paiono contrarie alla mobilità della terra e più tosto dire che non lintendiamo, che dire che sia falso quello che si dimostra (Lettera al Padre A. Foscarini, 12 aprile 1615). Prima di lui, la stessa saggezza e lo stesso rispetto della Parola divina avevano già guidato santAgostino a scrivere: Se a una ragione evidentissima e sicura si cercasse di contrapporre lautorità delle Sacre Scritture, chi fa questo non comprende e oppone alla verità non il senso genuino delle Scritture, che non è riuscito a penetrare, ma il proprio pensiero, vale a dire non ciò che ha trovato nelle Scritture, ma ciò che ha trovato in se stesso, come se fosse in esse (Epistula 143, n. 7). […]

19 Un altro insegnamento che si trae è il fatto che le diverse discipline del sapere richiedono una diversità di metodi. Galileo, che ha praticamente inventato il metodo sperimentale, aveva compreso, grazie alla sua intuizione di fisico geniale e appoggiandosi a diversi argomenti, perché mai soltanto il sole potesse avere funzione di centro del mondo, così come allora era conosciuto, cioè come sistema planetario. Lerrore dei teologi del tempo, nel sostenere la centralità della terra, fu quello di pensare che la nostra conoscenza della struttura del mondo fisico fosse, in certo qual modo, imposta dal senso letterale della S. Scrittura. […] Esistono due campi del sapere, quello che ha la sua fonte nella Rivelazione e quello che la ragione può scoprire con le sole sue forze. A questultimo appartengono le scienze sperimentali e la filosofia. La distinzione tra i due campi del sapere non deve essere intesa come una opposizione. I due settori non sono del tutto estranei luno allaltro, ma hanno punti di incontro. Le metodologie proprie di ciascuno permettono di mettere in evidenza aspetti diversi della realtà. Giovanni Paolo II, Discorso ai partecipanti alla sessione plenaria della pontificia accademia delle scienze, 31 ottobre 1992


Scaricare ppt "Stefano Sodi Le lettere copernicane Galileo e la teologia del suo tempo."

Presentazioni simili


Annunci Google