La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il vangelo salesiano 3. La teologia delleducazione del sistema preventivo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il vangelo salesiano 3. La teologia delleducazione del sistema preventivo."— Transcript della presentazione:

1 Il vangelo salesiano 3. La teologia delleducazione del sistema preventivo

2 Perché RIPENSARE LA TEOLOGIA DELLEDUCAZIONE SALESIANA 1.1. Lesigenza di rinnovare la tradizione educativa salesiana alla luce della teologia del Concilio 1.2. Cosa infatti vuol dire «da mihi animas»? Cosa vuol dire «la salvezza dei giovani»? Oggi? 1.3. Quale teologia, quale spiritualità, …quale santità può/deve sostenerla?

3 1. La teologia dei tempi di don Bosco Ossessività della salvezza-dannazione Dio/cristo giudice… spiritualità dei novissimi… Morale della norma e della condotta sociale precettata e esecutiva = obbedienza (= precetti della chiesa) Enfasi sulla pratica sacramentaria più che celebrazione del misterium salutis Teologia della Chiesa cattolica come unico luogo di salvezza (extra ecclesia nulla salus),anti-protestante e perfidi giudei Chiesa «società perfetta»-clericale tendenzialmente antimoderna (contro le libertà moderne, giacobinismo sovversivo –> rivoluzione Francese – il sillabo…) Dogmatismo verticistico (top-down) cfr. le 5 piaghe della Chiesa secondo Rosmini…una certa «papolatria» con il Vat. I

4 Le attenuazioni di Don Bosco - ha attenuato lantimodernità = strumentalità della tecnologia moderna, condivisione illuministica della (buona) stampa,della istruzione, formazione professionale … -si è riferito all umanesimo devoto salesiano (s.Francesco di Sales) e filippino (s. Filippo Neri) -ha fatto forza su una devozione lieta del buon cuore (confessione, comunione frequente, devozione mariana, festa, gioco…) - ha dato veste agapica, paterna, misericordiosa alla sua vitalità operosa e costruttiva e al suo essere prete per i giovani

5 2. In e oltre la tradizione Si tratta allora di andare oltre, ma non tralasciando il quadro tradizionale caratterizzato a LIVELLO PEDAGOGICO da: +… centralità della preoccupazione della formazione integrale del ragazzo = salvezza- da mihi animas +… educazione ( il cuore oltre la mente) e non solo istruzione/formazione; +…orizzonte umanistico della vita personale ( le 3 s: sanità studio santità) e dello sviluppo sociale ( pietà moralità- cultura – civiltà) + …priorità data alla relazione interpersonale educativa; e alla comunità educativa ( i giorni dellamore …spirito di famiglia); +…coniugando in tutto tradizione carismatica e innovazione ( con don Bosco e con i tempi)

6 Alla luce della TEOLOGIA del Concilio Vat. II Il concilio criterio di verità storica della Chiesa contemporanea a cui riferirsi (Giovanni Paolo II). In particolare sullidea di chiesa, di salvezza, di dialogo interreligioso, di dialogo con la modernità (cfr. Lumen Gentium e GS)… sui sacramenti (Sac. Conc.), sulla parola di Dio (Dei Verbum),… sulla devozione alla Madonna (L.G., cap. VIII

7 Le indicazioni delle Costituzioni salesiane * Aderendo in forma totale a Dio, amato sopra ogni cosa, ci impegniamo in una forma di vita che si fonda interamente sui valori del Vangelo (Cost. 60) * Lo spirito salesiano trova il suo modello e la sua sorgente nel cuore stesso di Cristo, apostolo del Padre (Cost. 11)

8 Il vangelo salesiano Nella lettura del Vangelo siamo più sensibili a certi lineamenti della figura del Signore: la gratitudine al Padre per il dono della vocazione divina a tutti gli uomini; la predilezione per i piccoli e i poveri; la sollecitudine nel predicare, guarire, salvare sotto lurgenza del Regno che viene; latteggiamento del Buon Pastore che conquista con la mitezza e il dono di sé; il desiderio di radunare i discepoli nellunità della comunione fraterna (Cost. 11)..> si può integrare….

9 Il Vangelo della carità educativa 1. Vangelo dei piccoli e per i piccoli, gli ultimi, dei servi del signore (pais) 2. Il Vangelo rivelato ai piccoli (=umili,del Crocifisso- scandalo-stoltezza..) 3. ll Vangelo delle beatitudini, poveri, puri di cuore, pacificatori, lottatori per la giustizia… 4. Il Vangelo delle parabole-del seme che cresce il Vangelo dello Spirito del Regno 5. Il Vangelo dellapazienza-misericordia- lungimiranza di Dio-Padre verso i figli 6. Il Vangelo dei talenti e del dono per lutilità comune… 7. Il Vangelo del Servo di Yahvé, della Serva del Signore, del servo buono e fedele…

10 "Senza lo Spirito Santo, Dio è lontano, il Cristo resta nel passato, il Vangelo è lettera morta, la Chiesa una semplice organizzazione, l'autorità un potere, la missione una propaganda, il culto un arcaismo, e l'agire cristiano una morale da schiavi. Ma nello Spirito Santo il cosmo si solleva e geme nelle doglie del Regno, il Cristo risorto si fa presente, il vangelo è potenza di vita, la Chiesa realizza la comunione trinitaria, l'autorità si trasforma in servizio, la missione è pentecoste, la liturgia è memoriale e anticipazione, l'agire umano viene deificato". (Ignazio IV Hazim, patriarca della Chiesa greco-ortodossa di Antiochia)..nello Spirito

11 appendice

12 Testi biblici di approfondimento 1. Sugli educatori 2 Cor. 5, (la carità di Cristo ci spinge) Fil. 2,5-11 (abbiate i sentimenti di Cristo) Mt 18,1-5 (se non diventerete) Mt 20,25-28 (primi nel servire) Mt 5, 1-16 (Beatitudini e sale della terra) Mt 25, (talenti) Ef. 4, (stessa fede compiti diversi)

13 2. Sulla dinamica educativa Mt. intero Cap. 13 (le parabole del seme che cresce e è da far crescere) Ef 4, (ledificare ledificio spirituale allaltezza dellumanità del Cristo risorto) Apoc. 21, Pt 3,13 (cieli nuovi e terra nuova) Apoc 21, Mt 18,20(Dio in mezzo a loro – Gesù in mezzo ai suoi discepoli radunati nel suo nome)

14 3. sullagire educativamente cristianamente 2Cor. 5,14.21 = la carità di cristo ci spinge… Mt 6,23-34 = cercate il Regno di Dio 1Cor cap. 13 = nella carità Ef. 4, 15 =facendo la verità nella carità Gal 5, = liberi! Camminare nello Spirito … i frutti dello Spirito Tess. 5,4-11 = figli della luce e del giorno Fil. 4, 4-9 = tutto ciò che è buono

15 3. La risorsa-Vangelo per leducatore salesiano 3.1. gli permette una visione cristiana del mondo e della vita =orizzonte di senso delleducazione = Dio-Padre (=riferimento primo/ultimo) = Cristo vivente -> centralità del Vangelo della vita = …il mistero del tempo nello Spirito (= che è Signore e dà la vita) = La Chiesa (in Cristo e nello Spirito) -> sacramento di salvezza per il mondo = nel cercate il Regno di Dio ->storia= storia di salvezza

16 3.2...gli permette di motivare in modo particolare lazione educativa non solo eros, filantropia, ideologia, affetto, amore, ma AGAPE non solo fini istituzionali del sistema educativo di istruzione e di formazione o fini sociali: onesti cittadini ma anche buoni cristiani non solo successo educativo, ma salvezza per ciascuno, per tutti, per il mondo

17 gli offre risorse particolare nellagire educativo oltre lenergia/motivazione personale..e la competenza acquisita(di vita, generale, specifica…) anche la grazia di Dio (…talenti personali avuti da Dio + carisma congregazionale) lispirazione dello Spirito nel momento dellagire la grazia dei sacramenti, liturgia, eucaristia come alimento la preghiera come aiuto il conforto, sostegno, convivialità comunitaria la coscienza del buon frutto della carità fatta

18 3.4. gli permette di trasfigurare 1) la relazione educativa = non solo il ragazzo- partner, persona, immagine e somiglianza di Dio, modello dei piccoli del regno, ma insieme FIGLI NEL FIGLIO (pur nella differenziazione dei ruoli e delle funzioni) 2) la comunità educativa e la comunità religiosa = espressione del MISTERO DELLA CHIESA, sacramento di salvezza per il mondo 3) la pratica della funzione educativa comeSEQUELA di Gesù Maestro (via crucis e via lucis)

19 4) lautorità/potere educativo come SERVIZIO educativo ( servi … come Cristo, che si è fatto servo e venuto per servire) 5)la presenza/azione educativa = TESTIMONIANZA CRISTIANA annunciante cieli nuovi e terra nuova e stimolante nei ragazzi gli impegni e la gioia della speranza (Cost. 63) 6)leducazione (istruzione, formaz.profess., orientamento, gioco, sostegno… = EVANGELIZZAZIONE 7)la continuità educativa = un CAMMINARE INSIEME con i ragazzi/exallievi NELLO SPIRITO

20 20 Conclusione: Quale spiritualità delleducatore? Nella linea del concilio Vaticano II e della tradizione salesiana:-> LG 32 = nel popolo di Dio, pari dignità, diversità di funzioni e ministeri 1) spiritualità della integrazione (personale, di ruolo, di azione educativa, didattica e scolastica, di conoscenza e azione, di ragione, fede, cultura, comportamenti….) 2) spiritualità della incarnazione –com-unione(condivisione, critica e profezia rispetto alle persone, tempo, cultura, società in cui si vive) don Bosco comunione con Dio 3) spiritualità della buona relazione (con sé, con gli altri, con il mondo, con Dio…) 4) spiritualità della carità operativa, fattiva e gioiosa (-> laetare, bene facere e lasciar cantar le passere) 5) della comunitarietà e del vivere e stare e lavorare insieme ( famiglia salesiana) finalizzata al bene/felicità dei giovani,delle persone e del mondo (salvezza come pienezza di vita)


Scaricare ppt "Il vangelo salesiano 3. La teologia delleducazione del sistema preventivo."

Presentazioni simili


Annunci Google