La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROTOCOLLO DINTESA FRA LA.P.H.I.S. (USA), SERVIZIO FITOSANITARIO ITALIANO E ASSOPIASTRELLE ILLUSTRAZIONE DELLACCORDO E RELATIVE LINEE QUIDA A cura del.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROTOCOLLO DINTESA FRA LA.P.H.I.S. (USA), SERVIZIO FITOSANITARIO ITALIANO E ASSOPIASTRELLE ILLUSTRAZIONE DELLACCORDO E RELATIVE LINEE QUIDA A cura del."— Transcript della presentazione:

1 PROTOCOLLO DINTESA FRA LA.P.H.I.S. (USA), SERVIZIO FITOSANITARIO ITALIANO E ASSOPIASTRELLE ILLUSTRAZIONE DELLACCORDO E RELATIVE LINEE QUIDA A cura del Dr. Alberto Contessi Responsabile del Servizio Fitosanitario della Regione Emilia-Romagna Sassuolo, 20 gennaio 2006

2 PROTOCOLLO DINTESA FRA LA.P.H.I.S. (USA), SERVIZIO FITOSANITARIO ITALIANO E ASSOPIASTRELLE Apparentemente sembrerebbe che il commercio di piastrelle verso gli Stati Uniti niente abbia a vedere con i problemi fitosanitari, che riguardano le malattie delle piante. Le piastrelle invece, ed i loro imballaggi in particolare, si prestano egregiamente a trasportare organismi nocivi ai vegetali verso il Paese importatore. Le ragioni dellaccordo

3 PROTOCOLLO DINTESA FRA LA.P.H.I.S. (USA), SERVIZIO FITOSANITARIO ITALIANO E ASSOPIASTRELLE A volte quelli che per noi possono sembrare organismi innocui e banali, come ad esempio le lumache, introdotte in un nuovo continente possono trasformarsi in un vero e proprio flagello per i vegetali indigeni. Le autorità fitosanitarie dei vari Paesi sono preposte alla prevenzione di tali fenomeni. Le ragioni dellaccordo

4 PROTOCOLLO DINTESA FRA LA.P.H.I.S. (USA), SERVIZIO FITOSANITARIO ITALIANO E ASSOPIASTRELLE La sorveglianza ed il controllo dellelevato quantitativo di piastrelle introdotto annualmente negli U.S.A. comporta un onere non indifferente per questo Paese. Il ritrovamento da parte delle autorità americane di organismi ritenuti pericolosi o a rischio comporta disagi ed oneri finanziari non indifferenti per i nostri esportatori. Laccordo è nato per risolvere questi due problemi, con indubbio vantaggio per entrambi le parti. Le ragioni dellaccordo

5 PROTOCOLLO DINTESA FRA LA.P.H.I.S. (USA), SERVIZIO FITOSANITARIO ITALIANO E ASSOPIASTRELLE a)Lapplicazione volontaria di una serie di linee guida; b)La possibilità da parte delle aziende di adottare, fra le varie misure indicate, quelle che nel loro contesto risultano essere le più efficienti ed efficaci; c)Assopiastrelle si deve far carico di distribuire le linee guida fra gli associati e di organizzare incontri informativi; d)Chi intende aderire allaccordo deve darne comunicazione scritta da Assopiastrelle, che si fa carico di comunicare alle parti i marchi ed il codice assegnato; Laccordo, sancito fra i servizi fitosanitari italiano, statunitense ed Assopiastrelle prevede:

6 PROTOCOLLO DINTESA FRA LA.P.H.I.S. (USA), SERVIZIO FITOSANITARIO ITALIANO E ASSOPIASTRELLE e)AI fine di collaborare alla riduzione del problema, APHIS invierà periodicamente i dati ed i nomi delle aziende italiane che hanno subito intercettazioni di carichi infestati al Servizio Fitosanitario Nazionale e ad Assopiastrelle. Queste informazioni avranno carattere strettamente riservato e saranno ritenute confidenziali tra le entità di cui sopra e le aziende italiane coinvolte; f)Assopiastrelle comunicherà periodicamente una lista aggiornata delle aziende che hanno aderito allaccordo; Laccordo, sancito fra i servizi fitosanitari italiano, statunitense ed Assopiastrelle prevede:

7 PROTOCOLLO DINTESA FRA LA.P.H.I.S. (USA), SERVIZIO FITOSANITARIO ITALIANO E ASSOPIASTRELLE g)Se dopo un periodo di circa 6 mesi a partire dall'adesione al programma un'azienda avrà una cospicua diminuzione di intercettazioni, l'APHIS gli rilascerà una certificazione che le consentirà di subire un numero decisamente inferiore di ispezioni; h)Nel caso di ripetute intercettazioni nonostante l'adesione al programma, il Servizio Fitosanitario Nazionale ed Assopiastrelle valuteranno eventuali modifiche al Protocollo. Qualora ad un'azienda certificata venga riscontrata la presenza di gasteropodi o di altri insetti citati in premessa in più del 10% delle spedizioni ispezionate, la stessa verrà esclusa dal programma volontario. Laccordo, sancito fra i servizi fitosanitari italiano, statunitense ed Assopiastrelle prevede:

8 PROTOCOLLO DINTESA FRA LA.P.H.I.S. (USA), SERVIZIO FITOSANITARIO ITALIANO E ASSOPIASTRELLE a)I piazzali di stoccaggio devono avere una pavimentazione idonea (es. asfalto o cemento); b)I piazzali di stoccaggio devono essere mantenuti liberi da vegetazione; Le linee guida per la prevenzione della presenza di gasteropodi e insetti nella spedizione di piastrelle verso gli Stati Uniti prevedono che:

9 PROTOCOLLO DINTESA FRA LA.P.H.I.S. (USA), SERVIZIO FITOSANITARIO ITALIANO E ASSOPIASTRELLE c)Se opportuno, il perimetro del piazzale, in particolare dove confina con incolti, prati ed aiuole, deve essere protetto dall'ingresso di gasteropodi mediante l'uso di prodotti idonei (barriere continue di SOLFATO DI FERRO, da rinnovare settimanalmente o dopo ogni pioggia ed esche a base di METALDEIDE da spargere nei punti più idonei); Le linee guida per la prevenzione della presenza di gasteropodi e insetti nella spedizione di piastrelle verso gli Stati Uniti prevedono:

10 PROTOCOLLO DINTESA FRA LA.P.H.I.S. (USA), SERVIZIO FITOSANITARIO ITALIANO E ASSOPIASTRELLE A proposito dei prodotti indicati alla lettera c), occorre fare alcune precisazioni. Nelle linee guida è sono stati indicati il SOLFATO DI FERRO e la METALDEIDE, successivamente è stato registrato per questo impiego un prodotto a base di FOSFATO FERRICO, di cui vi è stata distribuita la scheda, quindi può essere utilizzato anche questo prodotto. Ad essere precisi il prodotto non è espressamente autorizzato per gli incolti, ma bensì per le piante ornamentali, tuttavia è una sostanza presente nellambiente, priva di tossicità.

11 PROTOCOLLO DINTESA FRA LA.P.H.I.S. (USA), SERVIZIO FITOSANITARIO ITALIANO E ASSOPIASTRELLE La METALDEIDE invece, pur essendo utilizzabile in agricoltura biologica, ha un certo grado di tossicità, quindi occorre impiegarla con maggiori precauzioni, seguendo le indicazioni presenti in etichetta. Con questo principio attivo si trovano numerosi prodotti in commercio, due di questi in particolare (LIMATER e METAFLOR) sono registrati per piante da appartamento e giardino domestico, il tipo di impiego che più si avvicina a quello che ci interessa.

12 PROTOCOLLO DINTESA FRA LA.P.H.I.S. (USA), SERVIZIO FITOSANITARIO ITALIANO E ASSOPIASTRELLE Entrambi i prodotti vanno impiegati per formare delle barriere fra le zone inerbite (interne ed esterne ai piazzali) ed i piazzali ove sono stoccate le pedane con le piastrelle, seguendo le indicazioni presenti in etichetta. I due prodotti possono essere impiegati alternativamente o contemporaneamente. Entrambi sono formulati come esche in pellet, restitenti allacqua, quindi vanno integrati man mano che si esauriscono.

13 PROTOCOLLO DINTESA FRA LA.P.H.I.S. (USA), SERVIZIO FITOSANITARIO ITALIANO E ASSOPIASTRELLE Il SOLFATO DI FERRO invece è un concime, che ha un effetto repellente nei confronti dei gasteropodi. Essendo solubili, occorre rinnovarlo periodicamente e dopo ogni pioggia. A differenza delle esche, che sono attrattive, occorre distribuirlo in modo da formare una linea continua, della larghezza almeno di una decina di centimetri.

14 PROTOCOLLO DINTESA FRA LA.P.H.I.S. (USA), SERVIZIO FITOSANITARIO ITALIANO E ASSOPIASTRELLE d)Ove possibile, i pallet debbono essere mantenuti all'interno dei magazzini; e)I pallet devono rimanere all'aperto per il minor tempo possibile, e nelle zone centrali dei piazzali, non ai bordi; f)Nel caso l'immagazzinamento si prolunghi, si raccomanda di ispezionare con attenzione i pallet confezionati con pellicole termoretraibili e di valutare le opzioni al punto h; Le linee guida per la prevenzione della presenza di gasteropodi e insetti nella spedizione di piastrelle verso gli Stati Uniti prevedono:

15 PROTOCOLLO DINTESA FRA LA.P.H.I.S. (USA), SERVIZIO FITOSANITARIO ITALIANO E ASSOPIASTRELLE h)Nel caso il carico venga effettuato presso lo stabilimento, i container devono essere ispezionati sia internamente che esternamente al fine di verificare la presenza di gasteropodi ed altri insetti. In caso di ritrovamento dì gasteropodi o insetti, il container dovrà essere sostituito o pulito. Nel caso vengano trovati questi insetti sul carico, i pallet dovranno essere eliminati o riconfezionati. Le linee guida per la prevenzione della presenza di gasteropodi e insetti nella spedizione di piastrelle verso gli Stati Uniti prevedono:

16 PROTOCOLLO DINTESA FRA LA.P.H.I.S. (USA), SERVIZIO FITOSANITARIO ITALIANO E ASSOPIASTRELLE Pre-requisito di fondamentale importanza sarà quello di rendere il prodotto esportato immediatamente riconducibile al produttore. A tal fine ogni scatola di piastrelle dovrà recare il nome del produttore (o il marchio commerciale). In alternativa il pallet dovrà recare un'etichetta con le informazioni di cui sopra. Le linee guida per la prevenzione della presenza di gasteropodi e insetti nella spedizione di piastrelle verso gli Stati Uniti prevedono:

17 PROTOCOLLO DINTESA FRA LA.P.H.I.S. (USA), SERVIZIO FITOSANITARIO ITALIANO E ASSOPIASTRELLE Infine il codice identificativo del produttore dovrà essere riportato nella documentazione commerciale e nei documenti di spedizione ("bill of lading"), nella sezione descrizione della merce. Le linee guida per la prevenzione della presenza di gasteropodi e insetti nella spedizione di piastrelle verso gli Stati Uniti prevedono:

18 GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "PROTOCOLLO DINTESA FRA LA.P.H.I.S. (USA), SERVIZIO FITOSANITARIO ITALIANO E ASSOPIASTRELLE ILLUSTRAZIONE DELLACCORDO E RELATIVE LINEE QUIDA A cura del."

Presentazioni simili


Annunci Google