La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sassuolo, 17 dicembre 2007 GRUPPI E IMPRESE: DUE MODELLI A CONFRONTO LA COMPETITIVITA DELLINDUSTRIA ITALIANA DELLE PIASTRELLE IN CERAMICA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sassuolo, 17 dicembre 2007 GRUPPI E IMPRESE: DUE MODELLI A CONFRONTO LA COMPETITIVITA DELLINDUSTRIA ITALIANA DELLE PIASTRELLE IN CERAMICA."— Transcript della presentazione:

1 Sassuolo, 17 dicembre 2007 GRUPPI E IMPRESE: DUE MODELLI A CONFRONTO LA COMPETITIVITA DELLINDUSTRIA ITALIANA DELLE PIASTRELLE IN CERAMICA

2 Sassuolo, 17 dicembre 2007 SITUAZIONE 2006 – FOCUS TEMATICO RECUPERO DELLA PRODUZIONE PER IL SETTORE MANIFATTURIERO CRESCITA DEI COSTI OPERATIVI REDDITIVITA STAZIONARIA RECUPERO DELLA PRODUZIONE PER IL SETTORE MANIFATTURIERO CRESCITA DEI COSTI OPERATIVI REDDITIVITA STAZIONARIA PETROLIO PETROLIO: aumento da 59$ a 71$ da gennaio a ottobre, riduzione a 60$ a fine anno. TASSI INTERESSE TASSI INTERESSE: 5 interventi BCE hanno portato il tasso di riferimento dal 2,25% al 3,50%. SETTORE PIASTRELLE IN CERAMICA Produzione in calo, sebbene ad un ritmo meno intenso rispetto al periodo Deciso recupero delle esportazioni, a fronte di vendite sostanzialmente stazionarie sui mercati domestici. Aumento dei margini sulle vendite. SETTORE PIASTRELLE IN CERAMICA Produzione in calo, sebbene ad un ritmo meno intenso rispetto al periodo Deciso recupero delle esportazioni, a fronte di vendite sostanzialmente stazionarie sui mercati domestici. Aumento dei margini sulle vendite. EURO/DOLLARO EURO/DOLLARO: recupero progressivo delleuro da 1.18 a 1.32 sul dollaro.

3 Sassuolo, 17 dicembre 2007 NOTE METODOLOGICHE: IL CAMPIONE FATTURATO NUMEROSITA Livello di rappresentatività: 87,90%

4 Sassuolo, 17 dicembre 2007 GRUPPI ANNO 2006: GRUPPI CRESCITA DEL FATTURATO PARZIALI TENSIONI SUI COSTI RECUPERO DEI MARGINI MIGLIORAMENTO DEI RISULTATI ROE4,184,486,377,09 ROA 4,245,136,476,57 M O N6,738,068,098,97 ONERI FINANZIARI1,551,451,541,71 I dati sono espressi in percentuale sui ricavi netti RALLENTAMENTO DEGLI INVESTIMENTI DIMINUZIONE DEL CASH FLOW INDEBITAMENTO STAZIONARIO GIUDIZIO DI SINTESI: EVOLUZIONE FAVOREVOLE

5 Sassuolo, 17 dicembre 2007 IMPRESE FATTURATO ML DI ANNO 2006: IMPRESE FATTURATO ML DI CRESCITA DEL FATTURATO TENSIONI MAGGIORI SUI COSTI MINORE INCREMENTO DEI MARGINI FLESSIONE DEI RISULTATI ROE3,675,145,202,89 ROA 5,195,475,075,05 M O N6,627,616,246,82 ONERI FINANZIARI2,041,791,711,86 I dati sono espressi in percentuale sui ricavi netti RALLENTAMENTO DEGLI INVESTIMENTI DIMINUZIONE DEL CASH FLOW AUMENTO DELLINDEBITAMENTO GIUDIZIO DI SINTESI: POSITIVO MA MAGGIORE FRAGILITA

6 Sassuolo, 17 dicembre 2007 IMPRESE FATTURATO FINO A 50 ML DI ANNO 2006: IMPRESE FATTURATO FINO A 50 ML DI CRESCITA MINORE DEL FATTURATO MARCATA FLESSIONE DEI RISULTATI EROSIONE DEI MARGINI FORTI TENSIONI SUI COSTI ROE-0,53-1,78-6,82-15,20 ROA 3,112,911,45-0,58 M O N5,575,303,031,44 ONERI FINANZIARI2,342,052,312,62 I dati sono espressi in percentuale sui ricavi netti RALLENTAMENTO DEGLI INVESTIMENTI INCAPACITA DI PRODURRE CASH FLOW AUMENTO DELLINDEBITAMENTO GIUDIZIO DI SINTESI: GRAVE VULNERABILITA

7 Sassuolo, 17 dicembre 2007 ANNO 2006: CONFRONTI E CONCLUSIONI Gruppi Gruppi: modello vincente. Capacità di risposta molto rapida ai mutamenti congiunturali, utilizzo di strategie competitive nuove, integrazione dei processi. INTERNAZIONALIZZAZIONE PUNTO DI FORZA: INTERNAZIONALIZZAZIONE Gruppi Gruppi: modello vincente. Capacità di risposta molto rapida ai mutamenti congiunturali, utilizzo di strategie competitive nuove, integrazione dei processi. INTERNAZIONALIZZAZIONE PUNTO DI FORZA: INTERNAZIONALIZZAZIONE Imprese Imprese: difficoltà maggiori sul mercato e vulnerabilità più evidente, debolezza che assume contorni gravi per le piccole. PUNTO DI FORZA: DIMENSIONE Imprese Imprese: difficoltà maggiori sul mercato e vulnerabilità più evidente, debolezza che assume contorni gravi per le piccole. PUNTO DI FORZA: DIMENSIONE WARNING SITUAZIONE CRITICA PER LE IMPRESE MINORI IN RAPIDO DECLINO.WARNING

8 Sassuolo, 17 dicembre 2007 ANNO 2006: CONFRONTI ITALIA/SPAGNA SPAGNA Nel 2006 i produttori spagnoli sembrano aver incontrato maggiori difficoltà degli italiani. Crescita della produzione, forti tensioni sui costi, margini operativi in calo. Flessione della redditività industriale e finale. SPAGNA Nel 2006 i produttori spagnoli sembrano aver incontrato maggiori difficoltà degli italiani. Crescita della produzione, forti tensioni sui costi, margini operativi in calo. Flessione della redditività industriale e finale. ITALIA E SPAGNA A CONFRONTO La dimensione rappresenta un punto di forza per entrambi i settori, ma il processo di internazionalizzazione avviato in Italia risulta nettamente vincente anche rispetto ai maggiori produttori spagnoli. I piccoli spagnoli, benché caratterizzati da maggiori criticità rispetto ai grandi, non sembrano soffrire un processo di declino analogo ai piccoli italiani. ITALIA E SPAGNA A CONFRONTO La dimensione rappresenta un punto di forza per entrambi i settori, ma il processo di internazionalizzazione avviato in Italia risulta nettamente vincente anche rispetto ai maggiori produttori spagnoli. I piccoli spagnoli, benché caratterizzati da maggiori criticità rispetto ai grandi, non sembrano soffrire un processo di declino analogo ai piccoli italiani.

9 Sassuolo, 17 dicembre 2007 ANDAMENTO 2007 Forti tensioni sul fronte dei prezzi, in particolare su quelli delle fonti energetiche, in parziale attenuazione sul finire dellanno. Rivalutazione delleuro. Leggero recupero dei margini, a seguito dellaumento dei listini. Interventi sulla fiscalità delle imprese (cuneo fiscale). Lieve aumento della redditività. Prosecuzione delle nuove strategie aziendali basate non sui volumi, ma su qualità e servizi.

10 Sassuolo, 17 dicembre 2007 PROIEZIONI Elevata incertezza sul prossimo futuro a causa di alcune pesanti minacce, la cui manifestazione nelle forme più gravi potrebbe produrre serie ripercussioni sul sistema: ACCENTUAZIONE DELLA CRISI DEL MERCATO IMMOBILIARE USA CRESCITA PESANTE DEL PREZZO DEL PETROLIO ULTERIORE GRAVE APPREZZAMENTO DELLEURO Ipotesi caratterizzata da uno scenario tecnico più favorevole delle condizioni esterne. rallentamento della crescita dei costi, :rallentamento della crescita dei costi, stabilizzazione del cambio (soprattutto nel 2009), interventi governativi sulla fiscalità, interventi governativi sulla fiscalità, miglioramento del quadro complessivo, aumento della redditività industriale e finale. aumento della redditività industriale e finale.


Scaricare ppt "Sassuolo, 17 dicembre 2007 GRUPPI E IMPRESE: DUE MODELLI A CONFRONTO LA COMPETITIVITA DELLINDUSTRIA ITALIANA DELLE PIASTRELLE IN CERAMICA."

Presentazioni simili


Annunci Google