La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il clima del Mediterraneo e la sua potenziale previsione Gruppo G3 Dipartimento di Fisica, Università di Roma La Sapienza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il clima del Mediterraneo e la sua potenziale previsione Gruppo G3 Dipartimento di Fisica, Università di Roma La Sapienza."— Transcript della presentazione:

1 Il clima del Mediterraneo e la sua potenziale previsione Gruppo G3 Dipartimento di Fisica, Università di Roma La Sapienza

2

3 Considerazioni generali

4 Media mensile della pressione al livello del mare

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17 Media mensile della temperatura a 1000 mb

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30 Media mensile delle precipitazioni

31 Gennaio

32 Febbraio

33 Marzo

34 Aprile

35 Maggio

36 Giugno

37 Luglio

38 Agosto

39 Settembre

40 Ottobre

41 Novembre

42 Dicembre

43 Calcolo delle anomalie delle precipitazioni

44 Precipitazioni stagionali normalizzate (/30)

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56 Parametro a

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69 Parametro b

70

71

72

73

74

75

76

77

78

79

80

81

82 Distribuzioni gamma per le precipitazioni della Sicilia Orientale per dodici mesi (dati NCEP)

83 Siccità e sua potenziale previsione Analisi del bacino dellElba (Germania) e della Regione Sicilia

84 Siccità ed i suoi impatti

85 Metodi di analisi Allo scopo di selezionare eventi siccitosi bisogna individuare un indice in grado di catturare l'essenza del fenomeno. Nella letteratura internazionale sono stati discussi ed applicati diversi indici, tra questi i principali sono: 1.Percentuale della Media 2. Decili; 3. Palmer Drought Severity Index; 4. Surface Water Supply Index; 5. Standardized Precipitation Index (SPI).

86 Calcolo dello Standardized Precipitation Index (SPI) Introdotto da McKee et al. nel 1993 Scopo: monitorare omogeneamente lo stato della siccità in diverse regioni climatiche per diverse scale temporali; Dati: serie storica di precipitazioni mensili lunga ed affidabile; Calcolo per ciascun mese dellanno della precipitazione cumulata sulla scala temporale dinteresse (1, 2, 3,..24,.. mesi); Calcolo per ciascun mese dellanno della distribuzione della precipitazione cumulata: si assume che sia una distribuzione Gamma; Trasformazione di equi-probabilità dalla distribuzione Gamma alla distribuzione di Gauss; Il valore dello SPI per il mese dinteresse è il numero di deviazioni standard della precipitazione cumulata rispetto alla media.

87 Dati NCEP/NCAR 1948-Giugno 2003

88 Collaborazione tra UniRoma1, Università di Amburgo e PIK

89 Sicilia: 36 stazioni pluviometriche Bacino dellElba (Germania): 369 stazioni pluviometriche Dati: precipitazioni mensili dal Gennaio 1951 al Dicembre 2000

90 SPI-24 mesi ( ) Periodi (anni): 9.6, 6.7, 6.0, 5.3, 4.8, 4.4 Periodi (anni): 12.2, 9.6, 6.7, 6.0, 5.3, 4.8, 4.4, 3.4, 3.2 Stazione dellElba:Doberlug - Kirchhain Stazione della Sicilia: Gela

91 Analisi delle componenti Principali Primo loading per le due regioni Loading 1 (64,5%)

92 Score Bacino dellElba Score della Regione Sicilia

93 Area MEDOCC

94 Area CADSES

95 Analisi degli eventi rari dellSPI per la Sicilia Orientale

96 Eventi rari di SPI positivo > 1.5

97 Eventi rari di SPI negativo < -1.5

98 Analisi degli eventi estremi delle anomalie di precipitazione a 45N e 10 E

99

100

101 Analisi degli eventi estremi positivi delle anomalie precipitazione a 45N 10E (soglia = 100)

102 Analisi degli eventi estremi negativi delle anomalie a 45N 10E (soglia = -75)


Scaricare ppt "Il clima del Mediterraneo e la sua potenziale previsione Gruppo G3 Dipartimento di Fisica, Università di Roma La Sapienza."

Presentazioni simili


Annunci Google