La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Collezioni Digitali di periodici in Italia e in Europa: standard, applicazioni, valutazioni, prospettive Arco (Trento) 15-16 novembre Le collezioni di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Collezioni Digitali di periodici in Italia e in Europa: standard, applicazioni, valutazioni, prospettive Arco (Trento) 15-16 novembre Le collezioni di."— Transcript della presentazione:

1 Collezioni Digitali di periodici in Italia e in Europa: standard, applicazioni, valutazioni, prospettive Arco (Trento) novembre Le collezioni di periodici della Biblioteca Digitale italiana: le buone pratiche di gestione e lo sviluppo di standard nazionali Dott. Cristina Magliano (ICCU) Responsabile Laboratorio per le metodologie della catalogazione e per la didattica

2 Informazione elettronica e codici identificativi DOI, Digital Object Identifier PII, Publisher Item Identifier SICI, Serial Item and Contribution Identifier (SICI number) che corrisponde alla norma ANSI/NISO Z x versione 2. (adottato dal Progetto CASA e portato avanti dal CIB di Bologna); utilizzato in MAG per lelemento cronologia. tag 856 del formato MARC (Machine-Readable Catalogue), che non è un codice ma un campo all'interno di uno standard per la descrizione dei documenti, che connette a risorse esterne

3 Codici di connessione Tali codici di connessione intelligenti devono necessariamente far parte del nuovo bagaglio culturale del bibliotecario che si muove nel Web con la sua biblioteca capire il meccanismo dei codici che permettono di integrare le risorse situate in punti differenti della Rete permetterà al bibliotecario di poter effettuare scelte di prodotti (banche dati bibliografiche o full-text) adeguate al proprio sistema gestionale ed adattabili all'interfaccia OPAC della biblioteca.

4 Scelta tra accesso o possesso, tra edizione cartacea o edizione elettronica dei documenti sono divenuti così sempre più spesso materia di discussione tra bibliotecari.

5 Mercato globale dell'informazione digitale costi catalogazione e organizzazione dell'accesso alle informazioni individuazione di nuovi meccanismi di scelta della documentazione evoluzione del catalogo in funzione non solo del possesso ma anche dell'accesso problemi di copyrigth evoluzione tecnologica per laccesso conservazione costante nel tempo.

6 Digitalizzazione nuovo versante per la fruizione del materiale periodico esigenza di nuovi standard descrittivi amministrativi gestionali

7 Metadati e la biblioteca digitale La costituzione di collezioni elettroniche e cataloghi collettivi ha obbligato le biblioteche, gli archivi ed i Musei a dovere gestire: –una teca fisica; –una teca virtuale

8 >>>> necessità di ricorrere a nuovi strumenti di identificazione e descrizione che definiscano le risorse e le mettano in relazione con altre disponibili in rete. >>>> laccesso alloggetto digitale deve essere reso possibile attraverso uninfrastruttura di sistema informativo che aiuti lutente nellidentificazione e selezione della risorsa. I metadati sono uno strumento fondamentale per la creazione di questa infrastruttura.

9 Se la digitalizzazione del patrimonio culturale e la conditio sine qua non per un progetto di digital library, lutilizzo di metadati gestionali- amministrativi è comunque un aspetto da non trascurare per rendere efficiente questo strumento. In Italia, commissioni di studio hanno promosso lindividuazione di set di elementi di metadati estensibili ai vari ambiti dei beni culturali

10 Per quanto concerne i metadati amministativi-gestionali e strutturali (metadati tecnici) si è mirato a definire un set di metadati relativi a: –modalità e politica di accesso alle risorse digitali; –aspetti organizzativi e gestionali relativi agli oggetti digitali; –strategie di conservazione di lungo periodo degli oggetti medesimi

11 I metadati amministrativi e gestionali (MAG) Nascono in un momento successivo rispetto ai metadati descrittivi da una necessità nata nellambito dei progetti di digitalizzazione. Rendono possibili le funzioni di gestione degli oggetti digitali (derivati e nativi), in particolare quelle di presentazione allutente, di accesso e di conservazione. Scopo del set MAG è stato quello di produrre uno schema xml basato sul modello METS (Metadata Encoding and Transmission Standard ) utilizzato dalla Library of Congress e di predisporre un set minimo di metadati gestionali al fine di una loro applicazione nei progetti di digitalizzazione.

12 Obiettivi Lobiettivo dello SCHEMA MAG è quello di fornire delle specifiche formali relative alla fase di raccolta e riversamento di metadati e dati digitali nei rispettivi archivi. È stato individuato un set di metadati amministrativi, gestionali e strutturali di applicabilità generale.

13 Definisce: –come devono essere preparati gli oggetti digitali; –le modalità dellimmissione nellarchivio; –le modalità: dellarchiviazione a lungo termine; della manutenzione; dellaccesso. Obiettivi

14 LICCU, quale responsabile della diffusione delle normative e degli standard bibliografici, ha pertanto costituito nel 2003 un Gruppo di lavoro permanente, il Comitato MAG, quale struttura di riferimento per le attività connesse alla promozione, supporto, gestione ed evoluzione dello standard di Metadati Amministrativi Gestionali MAG, nonché allassistenza e consulenza alla comunità bibliotecaria, archivistica e museale per la gestione e laccesso alle informazioni sulloggetto digitale. Comitato MAG

15 Schemi importati e modelli di riferimento XML Schema Namespace (W3C) DC Dublin Core Element Set (traduzione italiana) Modello OAIS NISO-MAG XML Linking LanguageXML Linking Language della Library of Congress

16 XML eXtensible Markup Language Linguaggio di markup sviluppato dal W3C (1999). E un meta linguaggio, cioè un linguaggio per costruire altri linguaggi Costituito da tag Deve avere le seguenti caratteristiche: Ottemperare alle specifiche della sintassi (parser) Rispettare i vincoli dello schema Semanticamente coerente

17 XML eXtensible Markup Language Memorizza i dati Comprende sia la struttura che la semantica dei dati Rappresenta i dati sotto forma di strutture ad albero Creato per lo scambio dei dati tra le diverse piattaforme

18 Relazioni fra gli elementi Gerarchiche Ordinali La struttura deve essere rappresentata mediante un grafico ad albero Ciascun nodo corrisponde ad un elemento e a ogni ramo verso il basso una relazione di inclusione

19 NISO-MAG - -

20 Sezioni standard MAG informazioni generali sul progetto e sul tipo di digitalizzazione metadati descrittivi sull'oggetto analogico metadati strutturali metadati specifici relativi alle immagini fisse metadati specifici relativi al riconoscimento ottico del testo sezione utilizzata per descrivere ad esempio un file in formato pdf o rtf metadati specifici per file audio metadati specifici per file video metadati specifici per la distribuzione di oggetti bibliografici

21 Caratteristiche principali dello SCHEMA MAG

22 GRAFICO MAG: sezioneGEN GRAFICO MAG: sezione GEN istituzione responsabile del progetto di digitalizzazione,istituzione responsabile del progetto di digitalizzazione, Nome del progetto stessoNome del progetto stesso completezza o integrità del filecompletezza o integrità del file dati sull'accessibilità dell'oggetto (o degli oggetti) dati sull'accessibilità dell'oggetto (o degli oggetti)

23

24

25 Perché i metadati descrittivi nello SCHEMA MAG? La presenza di tali metadati nello schema è garanzia del collegamento con larchivio bibliografico standard. La sintassi fa riferimento al DCMES (Dublin Core Metadata Element Set ).

26

27

28 GRAFICO MAG: sezioneBIB GRAFICO MAG: sezione BIB

29

30

31 Nel file MAG un documento individuato dalla chiave (dc:identifier, piece) è decomposto in parti elementari in funzione della struttura e del processo di digitalizzazione subito. –Le parti elementari sono univocamente individuate dal sequence number nella sezione multimediale pertinente (img, audio, video) –Lassociazione sequence number/parte elementare viene definita in maniera permanente. Lutilizzo dellelemento datetimecreated garantisce la gestione degli aggiornamenti.

32

33 Sequence number: numero progressivo che identifica una stru allinterno del file XML. Nomenclature: descrizione dellelemento di struttura (es. Le Quattro Stagioni, Capitolo Primo, ecc.) GRAFICO MAG: sezione STRU

34 Contiene i metadati che descrivono le immagini digitalizzate. Componenti: –sequence number: numero progressivo che identifica limmagine allinterno del file XML. –nomenclature: la terminologia è definita dagli standard del progetto; –usage: indica luso consigliato per limmagine (es. visualizzazione web) –side: indica se limmagine acquisita comprende una o due pagine del libro e nel caso di una pagina singola, se è destra o sinistra. GRAFICO MAG: sezioneIMG GRAFICO MAG: sezione IMG

35 scale: indica la presenza di una scala millimetrica in fase di digitalizzazione; file: indica la localizzazione del file; md5: algoritmo generato automaticamente che garantisce lintegrità del file; filesize: dimensione del file in bit. imagedimensions imagemetrics target altimg: contiene i metadati relativi a formati alternativi dellimmagine considerata master (es. per il web, per anteprime, ecc.)

36 Usage Es.: 1: master 2: alta risoluzione 3: bassa risoluzione 4: preview a: il repository non ha il copyright dell'oggetto digitale b: il repository ha il copyright dell'oggetto digitale

37 GRAFICO MAG: sezione OCR e DOC

38 Sezione OCR Contiene metadati relativi a file di testo ottenuti mediante riconoscimento ottico automatico del contenuto

39 Sezione DOC Contiene i metadati gestionali amministrativi relativi a file di testo born digital Viene utilizzato il namespace NISO e ci si basa sul NISO draft Standard- technical MD for digital Still images

40 Sezione DOC Contiene i metadati gestionali amministrativi relativi a file di testo born digital Viene utilizzato il namespace NISO e ci si basa sul NISO draft Standard- technical MD for digital Still images

41 Sezione video Caratteristiche fisiche del supporto analogico di partenza filmato Videoregistrazione Videocartuccia Videocassetta Bobina video Materiale da proiettare Diapositiva, set di diapositive, stereografo

42 Sezione Dis La sezione si usa in fase di DIP per la disseminazione degli oggetti digitali e contiene informazioni circa la fruibilità dell'oggetto digitale

43 MAG: manuale utente

44 Interoperabilità Lo scambio di dati fra sistemi con diversità di hardware e/o software comporta spesso perdite di contenuto e funzionalità. La soluzione è quella di adottare schemi di metadati definiti, protocolli di trasferimento condivisi ed eventualmente crosswalks (mappature) fra schemi di metadati diversi.

45 Mapping Archivi, Biblioteche, Arti Iniziative dellICCU: Linee guida per la digitalizzazione del materiale fotografico (2005) Linee guida per la digitalizzazione di materiale cartografico (2006) Linee guida per la digitalizzazione di bandi, manifesti e fogli volanti (2006)

46 Set minimo degli elementi Dublin Core – Confronto DC-Unimarc ISBD/SBN-Scheda F LRCS, LRCC, LRA Note300Coverage DTSI, DTSF,DTSL; Data di pubbl. 210$d DateIssue LRDData Di esecuzione 210$hDateCreated NCTR, NCTN, NCTS Bid 001Identifier SGTISoggetto610$aSubject AUFN, AUFBAutore700$aCreator SGLA Titolo attribuito 540$a Title alternative SGLT Titolo proprio 200$a Title Scheda FISBD/SBNUNIMARCDublin Core

47 Dublin Core/ MAG UNIMARCISBD/SBNISAD(G) 2EAD 2002Scheda SAmbito di applicazione Identifier001BIDSegnatura o codice identificati- vo (3.1.1) COUNTRY CODE and REPOSITORY CODE attributes NCTR NCTN NCTS RVEL INVN Identificativo univoco della risorsa analogica Title200$aTitolo proprioDenomina- zione o titolo (3.1.2) SGTT SGTP SGTL Titolo della risorsa o, in assenza, titolo attribuito Creator7--Autore principaleDenomina- zione del soggetto produttore (3.2.1) AUTN AUTB ATBD AAT Responsabilità principale Contributor7--Autore secondarioECP EPR Responsabilità secondaria Subject610$SoggettoSGTI DESI DESS Soggetto; parole chiave; notazione di classificazione Date210$a $dLuogo e Data di pubblicazione Data (3.1.3) DTZG DTSI DTSF Luogo e data di stampa

48 Not_date (profilo MAG) Data di emanazione Data (3.1.3) Data topica e cronica di emanazione (solo per i bandi) TypeType of record, posizione 6 della Leader Designazione generica del materiale Livello di descrizion e (3.1.4) Valori: unità archivistic a/ unità documenta - ria and LEVEL Valori: file o item TSKDesignazione della risorsa; livello di descrizione Format215$aIndicazione specifica del materiale ed estensione Consistenz a e supporto dellunità di descrizion e (3.1.5) and subelements MTC MISA MISL MISD MIFU MIFA MIFL MIFD Descrizione fisica; materia; tecnica e formato Descriptio n 3--Nota di contenuto Ambiti e contenuto (3.3.1) OGTD OGTT Descrizione del contenuto; regesto

49 La descrizione archivistica e l'uso di identifier Per la scelta del valore di level nel caso si stiano elaborando metadati relativi a progetti di digitalizzazione di serie archivistiche, si precisa il significato da attribuire ai due valori suggeriti: f: unità archivistica (file). Un insieme organizzato di documenti raggruppati o dal soggetto produttore, per le esigenze della sua attività corrente, oppure nel corso dellordinamento dellarchivio, in base al comune riferimento allo stesso oggetto, attività o fatto giuridico. Costituisce di solito lunità elementare di una serie (ISAD(G) 2, Glossario) d: unità documentaria (document, item). Lunità minima, concettualmente non divisibile, di cui è composto un archivio, per esempio, una lettera, un memorandum, un rapporto, una fotografia, una registrazione sonora (ISAD(G) 2, Glossario).

50 Mentre negli standard di catalogazione in ambito bibliotecario si catalogano i singoli documenti, nella descrizione archivistica lunità di descrizione implica anche quella dei livelli superiori, che ne definiscono il contesto e ne completano il significato, rispecchiando la struttura logica degli archivi. Per quanto concerne l'uso degli elementi Dublin Core, si ricorda che l'unico elemento obbligatorio è dc:identifier, la cui struttura per gli archivi dovrà seguire le regole suggerite in ISAD(G) 3.1.1, applicate ad esempio per gli Archivi di Stato nellambito del SIAS in base alla sintassi: IT - acronimo archivio - numero univoco del complesso documentario con prefisso F - identificativo dellunità di descrizione, es. IT-ASMS-F , che corrisponde al bando n. 34 di: Archivio di Stato di Massa Carrara > Archivio ducale > Archivio Cybo Malaspina > Bandi, esprimendo cioè per intero la gerarchia di conservazione, es.

51 Sezione BIB Contiene i metadati descrittivi relativi all'oggetto analogico digitalizzato o comunque alloggetto fonte nome descrizionemetadati descrittivi che identificano la risorsa analogica path metadigit tipo xsd:sequence obbligatorietàM ripetibilitàNo attributi level = a spoglio m monografia s seriale c raccolta prodotta dall'istituzione f unità archivistica d unità documentaria)

52 valori componentitutti i tag Dublin Core,, note nome descrizione identificatore univoco alla risorsa analogica nellambito di un dato contesto path metadigit/bib tipo dc:elementType obbligatorietàM ripetibilitàSì attributi valori Es.: SBL info:sbn/CFI IT-ASMS-F componenti

53 note Cfr. e L'attributo xsi:type della precedente versione poneva problemi di validazione. In questa versione, nel caso si vogliano inserire più, si propone l'utilizzo di un identificatore standardizzato da porre nel contenuto dell'elemento, vale a dire lo schema URI info che serve a referenziare tramite una URI gli asset che pur avendo un identificatore pubblico non possono essere referenziati con una URI. Per poter usare tale sistema, è necessario registrare preventivamente un namespace al sito Ulteriori informazioni circa relative allo schema URI info possono essere lette al sito uri.info/registry/docs/misc/faq.html oppure al sito uri.info/registry/docs/misc/faq.html Per gli archivi, la struttura di dc:identifier dovrà seguire le regole suggerite in ISAD(G) 3.1.1, in base alla seguente sintassi: IT - acronimo archivio - numero univoco del complesso documentario del livello più basso - identificativo dellunità di descrizione

54 Per i documenti archivistici il valore di level potrà essere scelto fra i seguenti: f: unità archivistica (file) d: unità documentaria (document, item).

55 Nuovi servizi SBN: Internet culturale e i periodici riproduzione digitale periodici localizzazione e gestione documenti digitali Down load libero o a pagamento di tutto o parte di una sezione del periodico (commercio elettronico)

56 Criteri di selezione la particolare rappresentatività sotto il profilo storico-culturale, ove i materiali non siano stati già pubblicati in forma anastatica o in altro modo; lampia e frequente consultazione in specifici ambiti disciplinari o tematici, eventualmente documentata da studi e ricerche; la rarità, legata al valore storico-documentario e allintegrità delle copie conservate; la difficoltà di reperimento delle testate, sia in termini di numero degli esemplari disponibili sia in termini di completezza delle copie conservate; il precario stato di conservazione degli originali, dovuto alle modalità di stampa, alle caratteristiche tecnologiche dellinchiostro o della carta, ma anche a fattori estrinseci come la frequenza duso e le condizioni ambientali.

57 Progetti periodici BDI i periodici eruditi a partire dal 600; le riviste letterarie del 900, a carattere nazionale; i periodici storici locali di interesse comunale, provinciale e regionale; quotidiani e settimanali, comprese altre tipologie di giornale con formato simile al quotidiano.

58

59 Progetto Riviste storiche preunitarie Il progetto è stato approvato dalla BDI e ha riguardato la digitalizzazione di 67 riviste conservate revalentemente presso le Biblioteche: Nazionale Centrale e Storia Moderna e Contemporanea di Roma, Universitaria di Pisa. A completamento delle raccolte alcune annate delle riviste sono state localizzate e digitalizzate anche presso altre biblioteche come la Biblioteca Reale e la Nazionale Universitaria di Torino, la Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia, la Biblioteca Braidense di Milano. Il materiale periodico selezionato è interrogabile in linea nell'ambito della sezione Contenuti digitali del Portale Internet culturale e nel server periodici dellICCU

60

61 Specifiche dellelemento piece La prima parte dati cronologici del fascicolo ( ) sara' composta dai seguenti elementi: serie, annata, num. volume, anno I valori combinati si separano con lo slash. Il valore anno sara' sempre presente. Il numero si può normalizzare in cifre arabe "vol. 1" o "vol. 1/2". Es. vol. 1, 1934

62 Specifiche dellelemento piece ( ) sara' composta dai seguenti elementi: Mese, giorno, num. fascicolo I valori combinati si separano con lo slash. Se manca il giorno, si scrive solo il mese, se mancano tutti e due i valori si omettono tali indicazioni. Il mese si scrive in lettere eventualmente con abbr. (es. gen.). Il numero del fascicolo si scrive "fascicolo 1" o "fascicolo 1/2". Se il fascicolo non ha numero si scrive "fascicolo s.n." Es. gen./dic., fascicolo 1/2

63 Cronologia : il campo permette di registrare in una forma normalizzata il riferimento a un fascicolo di un periodico; questo sia per poter scambiare i dati, sia per poter ordinare in modo automatico i vari record. Il campo è opzionale, non ripetibile e non è inteso a sostituire le informazioni contenute negli altri campi di. Formalmente è definito come restrizione del tipo xsd:string, essendo il suo contenuto regolato da una complessa espressione regolare. La sintassi utilizzata per la normalizzazione è quella dello standard SICI (ANSI/NISO Z39.56) per i segmenti Chronology, Enumeration e Supplements and Indexes d=530. d=530

64 01 = gennaio 02 = febbraio 03 = marzo 04 = aprile 05 = maggio 06 = giugno 07 = luglio 08 = agosto 09 = settembre 10 = ottobre 11 = novembre 12 = dicembre 21 = Primavera 22 = Estate 23 = Autunno 24 = Inverno 31 = primo quarto 32 = secondo quarto 33 = terzo quarto 34 = quarto quarto Es: La Repubblica 23 gennaio > ( ) Airone febbraio > (200302) Renaissance Quarterly, 2? quarto > (200432)

65 4. Numerazione combinata e numerazione continua: Nella numerazione si può usare la barra "/" per una numerazione combinata. Es. (119021/22)17:3/4 per Primavera Estate 1990 volume 17 numero 3/4. Se vi sono due tipologie di numerazione si preferisce quella regolare volume:numero Es. Vol 21, n. 13 (fasc 389) 23 giugno 1995 viene codificato in ( )21:13 e non si tiene conto di "fasc 389" Cronologia

66 Se un periodico presenta solo una numerazione progressiva dei fascicoli senza alcuna indicazione cronologica e senza alcuna indicazione di fascicolo il risultato sarà, ad esempio, ()454 per indicare il fascicolo numero Supplementi e indici: Un supplemento al fascicolo si indica con il "+" ( )+ per Supplemento del 10 settembre 1995 non riferito a un particolare numero(198408)21:8+ per Supplemento al Volume 21 numero 8, Agosto 1984 Gli indici si indicano con "*" Indice dell'annata > (1990)*

67

68

69

70

71

72

73

74

75 Siti di riferimento METS: OAIS: MAG: versione Dublin Core: ANSI/NISO Z (R2002)


Scaricare ppt "Collezioni Digitali di periodici in Italia e in Europa: standard, applicazioni, valutazioni, prospettive Arco (Trento) 15-16 novembre Le collezioni di."

Presentazioni simili


Annunci Google