La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La nascita della tragedia Da Schopenhauer a Nietzsche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La nascita della tragedia Da Schopenhauer a Nietzsche."— Transcript della presentazione:

1 La nascita della tragedia Da Schopenhauer a Nietzsche

2 Schopenhauer Nasce a Danzica nel 1788 Studia a Gottinga (Kant, Platone) A Weimar nel salotto della madre Johanna conosce Goethe e lorientalista Mayer (lettura dei Veda) 1819: a Dresda pubblica:Il mondo come volontà e rappresentazione. 1820: a Berlino: scontro con Hegel

3 Per lui Hegel È un accademico mercenario, Un ciarlatano di mente ottusa, Ha corrotto unintera generazione, Usa la filosofia come mezzo di lucro, E il sicario della verità, Rende la filosofia serva dello Stato e colpisce la libertà di pensiero La sua invece è una verità non rimunerata.

4 Principi filosofici Il mondo è una mia rappresentazione Che ha due metà: il soggetto (colui che conosce) e loggetto (ciò che è conosciuto) Loggetto è condizionato dalle forme a priori dello spazio e del tempo. Il soggetto è invece fuori di queste forme. Ciascuna delle due metà non esiste senza laltra Il principio di causalità ordina gli oggetti.

5 Il mondo come volontà Il mondo come rappresentazione non è la cosa in sé ma fenomeno (sogno e veglia sono pagine di un medesimo libro). Non può cogliere la cosa in sé.E apparenza: è il velo di Maya. Luomo con il suo corpo è rappresentazione e fenomeno, ma essendo anche soggetto conoscente è anche volontà. La volontà squarcia il velo di Maya e ci fa pervenire alla cosa in sé.

6 Dolore e noia Lessenza del mondo è volontà insaziabile. La volontà produce conflitto, lacerazione, dolore; è tensione continua verso una soddisfazione, che una volta raggiunta non è durevole. La vita è bisogno e dolore. Se il bisogno viene soddisfatto, si piomba nella sazietà e nella noia. Perciò la vita umana e la storia in genere oscilla come un pendolo fra il dolore e la noia. La storia è cieco caso, destino, non razionalità e progresso (Hegel). Il progresso è unillusione.

7 Larte Ci si può liberare dal dolore e dalla noia attraverso larte e lascesi. Nellesperienza estetica luomo si annienta come volontà e si trasforma in puro occhio del mondo e scorge idee, modelli al di fuori dei principi di spazio, tempo,causalità. Per un istante ci si libera di ogni desiderio e preoccupazione.

8 Lascesi Larte libera solo per un istante. La liberazione totale avviene solo sopprimendo la volontà di vivere attraverso la realizzazione della: Giustizia: gli altri sono uguali a me (permane però il principium individuationis, che mi contrappone agli altri); Bontà ( agaph >charitas) che è compassione Lascesi: castità perfetta, la povertà volontaria, la rassegnazione, il sacrificio (voluntas>noluntas)

9 Nietzsche Io non sono un uomo, sono una dinamite…uomo del destino. (precursore del nazismo?) Nasce a Rocken nel Studia filologia classica a Bonn e a Lipsia, dove legge Il mondo come volontà e rappresentazione. 1869: (24 anni) cattedra di filologia classica a Basilea. 1872: La nascita della tragedia, dedicata a R. Wagner. (In lui scorgeva il prototipo dellartista tragico) E ferocemente attaccato da Wilamowitz- Moellendorf

10 Nascita della tragedia dire sì alla vita Dal libro di Sch.: solo larte può offrire allindividuo la forza di dire sì alla vita. Nella civiltà greca presocratica scopre il coraggio davanti al fato, laccettazione ebbra della vita. Il segreto di quel mondo era nello spirito di Dioniso: forza istintiva, salute, ebbrezza, passione, umanità in pieno accordo con la natura. Mentre lapollineo è visione di sogno, è misura, ordine, moderazione. Dalla fusione dei due elementi nacque la tragedia.

11 Apollo e Dioniso Lo sviluppo dell'arte è legato alla duplicità di - apollineo : arti figurative e poesia epica > dal sogno, illusione : Omero=I'uomo artista oggettivo - dionisiaco : la musica > dall' ebbrezza. Archiloco (e in genere la poesia lirica) = l'uomo opera d'arte - artista soggettivo APOLLO = prototipo delle divinità olimpiche, create dalla necessità di sublimazione dell'esistenza, della quale i Greci ebbero una concezione profondamente pessimistica (vedi il mito di Mida e Sileno). E' il dio della misura e del "conosci te stesso". DIONISO = L'eccesso, la gioia nata dal dolore.

12 Morte della tragedia La tragedia greca è morta suicida: sopravvisse solo in una forma degenerata: la commedia attica nuova. Colpevole di quella morte: Euripide, il quale secondo N. eliminò gli elementi dionisiaci. Egli spinse lo spettatore, l'uomo della vita quotidiana, sulla scena. Ora lo spettatore vedeva sulla scena il suo sosia e si rallegrava che quello sapesse parlare tanto bene. Anzi nei drammi di Euripide anche gli spettatori imparano a parlare (cfr le Rane). Euripide si sentiva molto al di sopra della massa, ma non al di sopra dei suoi due spettatori: la massa la portò sulla scena e quei due spettatori li rispettò come i soli giudici competenti e maestri della sua arte.

13 Euripide Di questi uno è Euripide stesso, come pensatore, non come poeta, l'altro è Socrate. Eliminato l'elemento dionisiaco, fu impossibile raggiungere l'effetto apollineo dell'epos. Euripide ricorse allora a due nuovi eccitamenti: - pensieri freddi (in luogo delle intuizioni apollinee), - passioni roventi (in luogo delle estasi dionisiache); gli uni e le altre imitati in modo realistico, non artistico. Le Baccanti costituiscono una specie di tardiva ritrattazione, fatta quando ormai il tempio era crollato.

14 Socrate Causa di questa rivoluzione fu il principio estetico socratico: "Tutto deve essere razionale per essere bello ". Tale principio è chiaramente ispiratore dei prologhi euripidei che vogliono spiegare tutto. "La virtù è il sapere; si pecca solo per ignoranza: il virtuoso è felice ". In queste tre forme fondamentali di ottimismo sta la morte della tragedia e il primo passo verso la sua dissoluzione fu 1' eliminazione del coro e in genere della musica. disse di no alla vita Socrate fu ostile alla vita, volle morire, disse di no alla vita

15 Influsso di Socrate sulla scienza Socrate è il mistagogo della scienza, per la sua fede incrollabile nelle possibilità del pensiero di giungere fino alla profondità dell'essere e alla conoscenza della natura delle cose. Di fronte al pessimismo dell'artista sta l'ottimismo dello scienziato: la conoscenza è una medicina universale. Di qui lo sviluppo delle scienze e delle scuole filosofiche in epoca ellenistica. Tutto il mondo moderno è ancora preso nella rete della cultura alessandrina


Scaricare ppt "La nascita della tragedia Da Schopenhauer a Nietzsche."

Presentazioni simili


Annunci Google