La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lezione 2 – Biologia della Riproduzione BOTANICA SISTEMATICA Alessandro Petraglia Trichomanes reniforme G. Forst.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lezione 2 – Biologia della Riproduzione BOTANICA SISTEMATICA Alessandro Petraglia Trichomanes reniforme G. Forst."— Transcript della presentazione:

1 Lezione 2 – Biologia della Riproduzione BOTANICA SISTEMATICA Alessandro Petraglia Trichomanes reniforme G. Forst.

2 ? Biologia della riproduzione La riproduzione è quel processo mediante il quale un individuo dà origine ad uno o più discendenti a lui simili capaci di riprodursi La riproduzione è importante per la conservazione e la diffusione della specie In tantissimi casi la conservazione della specie non coincide con la conservazione dellindividuo, infatti molte specie, dopo essersi riprodotte, muoiono. Questo si verifica non solo nelle piante annuali o bienni, ma anche in molte specie perenni che fioriscono e producono semi una sola volta nella loro vita Agave americana L.

3 Biologia della riproduzione Nei vegetali sono stati distinti vari tipi di riproduzione In base alla parte del corpo interessata a questo processo si parla di SPECIE OLOCARPICHE se lindividuo passa nella sua interezza alla fase riproduttiva. SPECIE EUCARPICHE se lindividuo, dopo un periodo più o meno lungo di vita vegetativa, modifica una porzione del suo corpo in modo che sia solo questa a partecipare in modo diretto al processo riproduttivo La riproduzione rappresenta la scomparsa dellindividuo come tale LOLOCARPIA si trova solo negli organismi unicellulari nei quali la funzione vegetativa e quella riproduttiva sono più o meno distanziate nel tempo, ma non nella parte del copro che vi partecipa In base alla modalità con cui avviene il processo riproduttivo si distinguono due differenti tipi di riproduzione VEGETATIVA SESSUATA

4 1 Biologia della riproduzione La riproduzione vegetativa (o agamica) consiste nella produzione di nuovi individui in seguito alla suddivisione in due o più parti del corpo vegetativo di un individuo, o al semplice distacco di una sua parte più o meno grande Modalità della riproduzione vegetativa Riproduzione vegetativa SCISSIONE1. GEMMAZIONE2. FRAMMENTAZIONE VEGETATIVA3. PROPAGULI PLURICELLULARI4. SPORULAZIONE5.

5 Biologia della riproduzione SCISSIONE1. GEMMAZIONE2. FRAMMENTAZIONE VEGETATIVA3. PROPAGULI PLURICELLULARI4. SPORULAZIONE5. Biologia della riproduzione

6

7 SCISSIONE1. E la forma più semplice di riproduzione vegetativa Nella scissione la cellula madre si divide completamente in due nuove cellule figlie SCHIZOTOMIA Un più elevato valore di propagazione si ha nella divisione multipla (SCHIZOGONIA) di una cellula nella quale da una cellula madre si originano molte cellule figlie Chlamydomonas sp. Biologia della riproduzione GEMMAZIONE2. Differisce dalla scissione perché le cellule originatesi per mitosi sono più piccola della cellula madre Nella gemmazione le cellule che si originano costituiscono delle protuberanze della cellula madre Sia la cellula madre che la cellula figlia possono riprendere a dividersi prima che avvenga il distacco Saccharomyces sp.

8 Biologia della riproduzione FRAMMENTAZIONE VEGETATIVA3. Consiste nel semplice distacco di una parte del corpo dellindividuo capace a propria volta di riaccrescersi e di ripristinare un nuovo individuo Questa forma di riproduzione si riscontra dalle alghe azzurre fino alle piante superiori In giardinaggio viene utilizzata la capacità rigenerativa per propagare alcune specie vegetali (TALEA)

9 Biologia della riproduzione Dentaria bulbifera L. PROPAGULI PLURICELLULARI4. Consiste nel semplice distacco di una parte del corpo specializzata per questa funzione e dalla quale si originerà un nuovo individuo Questa forma di riproduzione si riscontra in numerosi gruppi Marchantia polymorpha L.

10 Biologia della riproduzione SPORULAZIONE5. Si può considerare come un caso particolare di frammentazione che si concretizza con la produzione, sempre per mitosi, di cellule capaci di dare origine ad un individuo se le condizioni ambientali sono favorevoli In quasi tutti i gruppi di organismi vegetali (procarioti ed eucarioti) si sono sviluppate cellule germinali asessuate (AGAMETI) che rappresentano un importante mezzo di moltiplicazione Endogeni ENDOSPORE Esogeni CONIDI (Esospore o Conidiospore) Se sono unicellulari si chiamano sporocisti, se sono pluricellulari si chiamano sporangi e contengono meiospore Prodotte allinterno di sporocisti

11 Biologia della riproduzione 2 Riproduzione sessuata La riproduzione sessuata consiste nellunione di due cellule Durante la quale avviene la fusione del loro contenuto GAMIA PLASMOGAMIACARIOGAMIA + Limportanza della riproduzione sessuata (o sessuale) risiede più che nellaumento del numero degli individui, nella ricombinazione del loro patrimonio genetico. In tal modo vengono sostanzialmente migliorate le condizioni per ladattamento e levoluzione Il risultato della gamia è una nuova cellula ZIGOTE

12 Come sono fatte le cellule tra le quali avviene la gamia? Biologia della riproduzione La riproduzione sessuale ha come presupposto due successive divisioni di una cellula particolare (cellula madre = meiocito = cellula gonotoconte), dalla quale verranno prodotte sempre quattro cellule (tetradi) La divisione della cellula non avviene per mitosi, ma per MEIOSI Meiosi I 2n 4 meiospore (n) Meiosi II Queste cellule si differenziano da quelle che si originano per mitosi perché hanno un numero di cromosomi dimezzato (n, aploide) e perché i loro cromosomi hanno una distribuzione dei geni differente da quella del meiocito

13 Negli organismi vegetali esistono diversi tipi di gameti Biologia della riproduzione ISOGAMIA I gameti sono morfologicamente uguali (ISOGAMETI) Si differenziano fisiologicamente ANISOGAMIA I gameti sono morfologicamente uguali, ma uno è più grande e laltro è più piccolo (MACROGAMETI e MICROGAMETI) Il macrogamete, più grande e meno mobile, viene definito come gamete femminile OOGAMIA Il gamete femminile è grande e immobile e viene fecondato da gameti maschili piccoli e mobili (SPERMI) SPERMATOZOIDI Con flagelli SPERMAZI Senza flagelli -+

14 Le strutture in cui si formano i gameti sono dette Biologia della riproduzione GAMETOCISTIGAMETANGI Se i gameti si formano allinterno di organi riproduttori unicellulari Se i gameti si formano allinterno di organi riproduttori pluricellulari OOGONISPERMATOGONI ALGHE FUNGHI ANTERIDI ARCHEGONI Chara sp.

15 Modalità di riproduzione sessuale Biologia della riproduzione Se ad incontrarsi sono i gameti si parla di GAMETOGAMIA Se ad incontrarsi sono i gametangi si parla di GAMETANGIOGAMIA Se ad incontrarsi sono cellule somatiche di segno opposto si parla di SOMATOGAMIA ISOGAMIA ANISOGAMIA GAMETOGAMIA OOGAMA Zygomicetes Oomycetes Basidiomycetes Ascomycetes

16 I cicli metagenetici Biologia della riproduzione In tutti gli organismi con riproduzione sessuata ha luogo, in seguito alla gamia di gameti aploidi, una successione di Nel corso della meiosi si formano poi nuovamente cellule riproduttive aploidi Questa successione ciclica prende il nome di ALTERNANZA DI FASE NUCLEARE DICARIOFASE DIPLOFASE APLOFASE n n+n 2n Plasmogamia Cariogamia

17 Biologia della riproduzione Alternanza di riproduzione e generazione Nel corso dellevoluzione delle piante pluricellulari si è giunti molte volte ad una ripartizione regolare di determinate modalità di riproduzione in distinti momenti dello sviluppo ontogenetico Si sono in tal modo originate diverse forme di ALTERNANZA DI GENERAZIONE GENERAZIONE Periodo dellontogenesi che inizia con un particolare tipo di germe e dopo varie mitosi si conclude con un altro tipo di germe La denominazione delle generazioni segue quella dei germi da loro prodotti GAMETOFITOSPOROFITO Generazione formante gametiGenerazione formante spore

18 Biologia della riproduzione Per GENERAZIONE si intende il complesso di cellule che svolgono vita vegetativa e che, dividendosi per mitosi, danno origine ad altre cellule caratterizzate dalla medesima fase nucleare (n o 2n) Nei vegetali esiste una grande variabilità per quanto riguarda la fase nucleare che caratterizza gli individui che noi di norma riconosciamo in natura A questo proposito si distinguono i seguenti cicli, il cui significato sistematico e filogenetico è molto differente APLONTE APLODIPLONTE DIPLONTE P K M gameti singamia

19 Biologia della riproduzione 1. CICLO APLONTE I vegetali APLONTI sono i più primitivi Negli APLONTI la gamia, con la conseguente formazione dello zigote, è immediatamente seguita dalla meiosi con la quale non vengono prodotti gameti, ma meiospore Ognuna di queste può accrescersi e formare un individuo formato da cellule con corredo cromosomico n (APLOIDE) P = plasmogamia K = cariogamia M = meiosi = mitosi P K M n 2n - mitosi limitate allaplofase = non esiste una fase diploide dellorganismo - tutta la vita dellorganismo è aploide - meiosi immediata alla germinazione dello zigote (2n) = unica cellula diploide - immediata successione di parziale singamia e meiosi forma primitiva di alternanza tipica di organismi a basso livello di organizzazione (Protisti) - alghe - funghi

20 Biologia della riproduzione 2. CICLO DIPLONTE I DIPLONTI sono lopposto degli APLONTI Alla gamia con formazione di zigote si succede una repentina suddivisione per mitosi in modo da produrre un individuo diploide, detto DIPLOFITO. Questo diplofito si accresce fino ad essere pronto per una nuova meiosi che darà origine a gameti P K M 2n n P = plasmogamia K = cariogamia M = meiosi = mitosi - mitosi limitate alla diplofase = non esiste una fase aploide - le spore sono le uniche cellule aploidi e funzionano da gameti - meiosi precede la formazione dei gameti - immediata successione di parziale singamia e meiosi forma rara nelle piante (molto più diffusa nei metazoi) Clorofite - Diatomee - Oomycota

21 Biologia della riproduzione 3. CICLO APLODIPLONTE P K M P = plasmogamia K = cariogamia M = meiosi = mitosi Come indica la loro stessa denominazione, gli organismi aplodiplonti hanno due generazioni antitetiche: una aplonte ed una diplonte Come nei diplonti la gamia porta alla formazione di zigoti che si dividono per semplice mitosi dando origine ad uno o più diplofiti (SPOROFITI) Questi al momento della meiosi non producono gameti, ma meiospore che, dividendosi per mitosi, danno origine ad uno o più aplofiti (GAMETOFITI) che al termine della loro differenziazione e crescita produrranno dei gameti - mitosi sia nellaplofase che nella diplofase - alternanza di gametofito/sporofito alghe maggiormente organizzate e nelle embriofite

22 Biologia della riproduzione 4. CICLO APLODICARIONTE P = plasmogamia K = cariogamia M = meiosi = mitosi I cicli metagentici fin qui illustrati hanno in comune il fatto che lo zigote è anche cellula ZEUGIDE In alcuni funghi ( Basidiomycota, Ascomycota ) si verifica che alla plasmogamia non succeda immediatamente la cariogamia e, quindi, la cellula ZIGOTE sia provvista di due nuclei (DICARION) Cellula zeugide, in questi casi, sarà la cellula GONOTOCONTE P M K 2n n aplodicarionti CELLULA ZEUGIDE = cellula nella quale avviene la CARIOGAMIA Questo vuol dire che in questi organismi la generazione 2n sarà caratterizzata da cellule DICARIONTI CELLULA GONOTOCONTE = cellula nella quale avviene la MEIOSI CELLULE BINUCLEATE

23 Biologia della riproduzione spermi ovocellula gametofito (n) riproduzione asex zigote (2n) meiospore (n) sporofito (2n) fecondazione ciclo di Polypodium


Scaricare ppt "Lezione 2 – Biologia della Riproduzione BOTANICA SISTEMATICA Alessandro Petraglia Trichomanes reniforme G. Forst."

Presentazioni simili


Annunci Google