La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Strutture del DNA. Cominciamo ora a vedere più da vicino la struttura del DNA e poi i processi che permettono di trasmettere, mantenere e modificare questa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Strutture del DNA. Cominciamo ora a vedere più da vicino la struttura del DNA e poi i processi che permettono di trasmettere, mantenere e modificare questa."— Transcript della presentazione:

1 Strutture del DNA

2 Cominciamo ora a vedere più da vicino la struttura del DNA e poi i processi che permettono di trasmettere, mantenere e modificare questa molecola da una generazione allaltra. Cercheremo cioè di rispondere alle seguenti domande sulla molecola di DNA: - Come può la struttura determinare la funzione? - Come può essere contenuta nel nucleo, date le sue dimensioni estremamente lunghe? - Come viene replicata in modo così accurato durante il ciclo cellulare? - Come viene protetta e riparata da danneggiamenti spontanei o ambientali? - Come si scambiano le sequenze fra cromosomi nei processi di ricombinazione?

3 Oggi sappiamo che la molecola di DNA è sottoposta sia a processi di conservazione (riparo del danno) che di cambiamento (evoluzione), oltre che a forze che tendono a: - separarne i filamenti, - contorcerla in strutture topologiche ben definite - avvolgerla attorno a proteine che generano strutture specifiche, o che rompono e richiudono la doppia elica. Tutte queste operazioni sono mediate da enzimi e apparati molecolari specifici, che permettono la propagazione, il mantenimento e la modificazione del materiale genetico. Cominciamo col vedere la struttura del DNA a livello atomico, la chimica delle basi, linterazione fra le coppie di basi che tengono uniti i due filamenti, le costrizioni topologiche cui è sottoposto il DNA, gli effetti biologici di tali costrizioni e gli enzimi che le modificano.

4

5

6

7

8

9

10

11 Le varie forme del DNA

12

13

14

15

16

17

18

19 Confronto fra le forme A, B e Z Forma AForma BForma Z Senso dellelicaDestrorsa DestrorsaSinistrorsa Diametro 26 Å20 Å18 Å Coppie basi/giro Distanza fra le basi2.6 Å 3.4 Å 3.7 Å Piegamento basi rispetto20°6°7° alla normale allasse Conformazione zuccheroC3-endoC2-endoC2-endo (Py) C3-endo (Pu) Conformazione legameAntiAntiAnti (Py) N-glicosidicoSyn (Pu)

20

21

22

23 Strutture dellRNA

24

25

26

27

28

29

30

31

32 Topologia del DNA

33 Il DNA è una molecola flessibile, la cui struttura (e dinamica) dipende molto dalla forza ionica e dalla natura delle proteine con cui interagisce. Se la molecola è lineare e con terminali non vincolati, il numero di avvolgimenti di un filamento attorno allaltro può variare per rotazione reciproca. Se però la molecola è circolare chiusa, o le estremità sono vincolate, es. da interazioni con proteine, il numero di giri di un filamento attorno allaltro non può variare, ossia ha una topologia ben definita. Nonostante ciò, i due filamenti devono essere separati in molti processi, come replicazione e trascrizione. Capire la topologia del DNA e come la cellula possa modificarla a proprio vantaggio è di fondamentale importanza in biologia molecolare.

34

35

36

37

38

39

40

41

42

43

44

45


Scaricare ppt "Strutture del DNA. Cominciamo ora a vedere più da vicino la struttura del DNA e poi i processi che permettono di trasmettere, mantenere e modificare questa."

Presentazioni simili


Annunci Google