La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La normativa di base relativa al riordinonormativa di base Le problematiche connesse con lavvio del riordino Le misure di accompagnamento previste dalle.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La normativa di base relativa al riordinonormativa di base Le problematiche connesse con lavvio del riordino Le misure di accompagnamento previste dalle."— Transcript della presentazione:

1 La normativa di base relativa al riordinonormativa di base Le problematiche connesse con lavvio del riordino Le misure di accompagnamento previste dalle disposizioni (v. MIUR dell e C.M. n. 76 del ) MIUR dell C.M. n. 76 del La funzione dellU.S.R. in questa fase: lo sportello unico territorialesportello unico territoriale Il blog dellU.S.R. Umbria, occasione e strumento di informazione e di confrontoblog dellU.S.R. Umbria ******************************************************** Nota ministeriale n del 12 aprile 2010: Trasmissione D.M. n. 9 del 27 gennaio 2010 con allegati (modello di certificazione dei saperi e delle competenze acquisite nellassolvimento dellobbligo di istruzione; indicazioni per la certificazione e per la compilazione del modello) [ ] - Decreto Ministeriale n. 9 del : Certificato delle competenze di base acquisite nellassolvimento dellobbligo di istruzioneNota ministeriale n del 12 aprile 2010modello di certificazioneindicazioni per la certificazione e per la compilazione del modelloDecreto Ministeriale n. 9 del

2 istituti professionali architettura generale e struttura organizzativa - RegolamentoRegolamento identità e finalità - Profilo educativo, culturale e professionaleProfilo educativo, culturale e professionale Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento (all. B e all. C)all. Ball. C Profilo educativo, culturale e professionale - Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento (all. B)Profilo educativo, culturale e professionaleall. B Linee guida (all. A.1) nuclei essenziali delle disciplineall. A.1 Linee guida (cap. 2) passaggio al nuovo ordinamentocap. 2 Regolamento (art. 8) - Linee guida (cap. 1)art. 8cap. 1 QUADRO RIEPILOGATIVO PER CONTENUTI [vedi il quadro riepilogativo per contenuti]quadro riepilogativo per contenuti istituti tecnici architettura generale e struttura organizzativa - RegolamentoRegolamento identità e finalità- Profilo educativo, culturale e professionaleProfilo educativo, culturale e professionale risultati/obiettivi di apprendimento, abilità e competenze - Profilo educativo, culturale e professionale - Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento (all. B)Profilo educativo, culturale e professionale all. B Linee guida (all. A.1) - - Profilo educativo, culturale e professionaleall. A.1Profilo educativo, culturale e professionale - Linee guida passaggio al nuovo ordinamento - Regolamento (art. 8) - Linee guida (cap. 1)art. 8cap. 1

3 ISTITUTI TECNICI Regolamento (decreto e documenti allegati): D.P.R. n. 88 del –Profilo educativo, culturale e professionale per gli Istituti Tecnici (all. A)all. A –Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento: - Settore economico (all. B) - Settore tecnologico (all. C)all. Ball. C –Tabella di confluenza dei percorsi previsti dallordinamento previgente nei percorsi del nuovo ordinamento (all. D)all. D Linee guida per il passaggio al nuovo ordinamento (direttiva e documento allegato): Direttiva n. 57 del 15 luglio 2010 –Linee guida (testo completo) [qui sotto, il testo viene riproposto suddiviso nelle parti e negli allegati che lo compongono]testo completo Indice e premessa cap. 1: Azioni per il passaggio al nuovo ordinamentocap. 1 cap. 2: Orientamenti per lorganizzazione del curricolocap. 2 allegato A: declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio - allegato A.1: Settore economico (primo biennio) - allegato A.2: Settore tecnologico (primo biennio)allegato A.1allegato A.2 allegato B: Glossarioallegato B

4 ISTITUTI PROFESSIONALI Regolamento (decreto e documenti allegati): D.P.R. n. 87 del –Profilo educativo, culturale e professionale per gli Istituti Professionali (all. A)all. A –Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento: - Settore servizi (all. B) - Settore industria e artigianato (all. C)all. Ball. C –Tabella di confluenza dei percorsi previsti dallordinamento previgente nei percorsi del nuovo ordinamento (all. D)all. D Linee guida per il passaggio al nuovo ordinamento (direttiva e documento allegato): Direttiva n. 65 del 28 luglio 2010 –Linee guida (testo completo) [qui sotto, il testo viene riproposto suddiviso nelle parti e negli allegati che lo compongono]testo completo Indice e premessa cap. 1: Azioni per il passaggio al nuovo ordinamentocap. 1 cap. 2: Orientamenti per lorganizzazione del curricolocap. 2 allegato A: declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio - allegato A.1: Settore servizi (primo biennio) - allegato A.2: Settore industria e artigianato (primo biennio)allegato A.1allegato A.2 allegato B: Glossarioallegato B

5 Le competenze costituiscono indubbiamente una delle principali novità ministeriali e scolastiche degli ultimi dieci anni. A partire dallesperienza ministeriale di Berlinguer esiste un patrimonio di riflessioni ampio, ma ciò che si verifica nella maggior parte delle scuole, spesso a partire da proposte di esperti nostalgici della programmazione per obiettivi, costituisce, purtroppo, la negazione di tutto ciò. La problematica delle competenze è stata nella maggior parte dei casi banalizzata, è diventata sostanzialmente una pratica burocratica consistente nella scrittura di elenchi di competenze di vario tipo (generali, di base, trasversali, specifiche, competenze chiave ecc.), che non ha modificato minimamente il modo di insegnare. Invece … laspetto importante da sottolineare è che quando parliamo di un apprendimento che fa diventare competente, noi ci riferiamo a qualcosa che si apprende fino in fondo, di cui si prende possesso, che si padroneggia. Non si tratta di memorizzare soltanto uninformazione che può esser subito dimenticata, che si assume magari per dovere o per benevolenza nei confronti dellinsegnante, informazione che si può verificare con un test oggettivo; parliamo invece di un apprendimento acquisito in profondità … Non è quindi apprendere per competenze, ma apprendere diventando competenti (A.M. Ajello, in M. Spinosi, Sviluppo delle competenze per una scuola di qualità, Napoli, Tecnodid, 2010). (Fiorentini)

6 Nota ministeriale n del 12 aprile 2010Nota ministeriale n del 12 aprile 2010: Trasmissione D.M. n. 9 del 27 gennaio 2010 con allegati (modello di certificazione dei saperi e delle competenze acquisite nellassolvimento dellobbligo di istruzione; indicazioni per la certificazione e per la compilazione del modello) [ ]modello di certificazioneindicazioni per la certificazione e per la compilazione del modello - Decreto Ministeriale n. 9 del : Certificato delle competenze di base acquisite nellassolvimento dellobbligo di istruzioneDecreto Ministeriale n. 9 del


Scaricare ppt "La normativa di base relativa al riordinonormativa di base Le problematiche connesse con lavvio del riordino Le misure di accompagnamento previste dalle."

Presentazioni simili


Annunci Google