La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Progetto per il Risanamento Ambientale della città di MBOUR – Senegal RISANAMENTO AMBIENTALE – RACCOLTA E GESTIONE RIFIUTI RelatoreMansi Ida : ONG C P.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Progetto per il Risanamento Ambientale della città di MBOUR – Senegal RISANAMENTO AMBIENTALE – RACCOLTA E GESTIONE RIFIUTI RelatoreMansi Ida : ONG C P."— Transcript della presentazione:

1 Progetto per il Risanamento Ambientale della città di MBOUR – Senegal RISANAMENTO AMBIENTALE – RACCOLTA E GESTIONE RIFIUTI RelatoreMansi Ida : ONG C P S ComponentiBarra Alfredo : Reg. Campania Crucillà Massimo : Prov. Di Roma Marra Giuseppina :Reg. Campania Pagnozzi Lucia :Reg. Campania Policastro Domenico :Reg: Campania Regione CampaniaComune di Ravello Città di Mbour Comunità Promozione e Sviluppo

2 SENEGAL Capitale : DAKAR - Superficie : Km Repubblica dellAfrica Occidentale. Occupa lestrema propaggine ovest del continente africano.

3 è, geograficamente, un paese piatto dal suolo sabbioso, la cui altitudine massima è di mt.130.

4 Il clima è tropicale secco, caratterizzato da due stagioni : stagione secca : novembre-giugno stagione delle piogge : luglio-ottobre Indipendente dal 1961, è una Repubblica Democratica che negli ultimi anni ha assistito ad un rafforzamento progressivo del pluralismo. Nellultimo decennio, è in atto un processo di decentramento: lo Stato trasferisce alle collettività locali (comuni, consigli regionali e comunità rurali) alcune importanti competenze, come listruzione, la sanità e la gestione delle risorse idriche. Una caratteristica che contraddistingue la popolazione senegalese, è una forma diffusa di associazionismo comunitario che permette ai membri di ottimizzare e di unire le risorse economiche ed umane.

5 SITUAZIONE SOCIALE e DIAGNOSI DELLA POVERTA Nel gennaio 1994, la svalutazione del franco CFA ha registrato una ripresa delleconomia senegalese, ma senza sostanziale miglioramento delle condizioni di vita. Il Paese, nel maggio 2001, è stato collocato fra i 49 Paesi Meno Avanzati, e classificato, secondo il rapporto UNDP sullo sviluppo umano 2003, al 156° posto su 175 Paesi recensiti. Reddito pro capite (2001) :356 $USA Popolazione stimata : circa 9,8 milioni, di cui circa il 50% al disotto dei 18 anni ed il 2,5% al disopra dei 65 anni. speranza di vita alla nascita : 52,9 anni. Nel luglio 2001, il Governo ha sottoscritto il programma di azione NEPAD - Nouveau Partenariat pour le Développement de lAfrique, adottato dallOUA – Organizzazione per lUnità Africana.

6 Nel 2002, ha formulato il Poverty Reduction Strategy Paper, approvato dalla Banca Mondiale e dal Fondo Monetario, che evidenzia il profilo della povertà disegnato con i dati raccolti nel 1994, dallinchiesta ESAM-I Enquête Sénégalaise Auprès des Ménages e attualizzato nel 2001, con i dati elaborati da : ESAM-II–2001 : attraverso questionari QUID « Questionnaire Unifié des Indicateurs de Développement » (inchiesta riferita a 12 mesi con tre passaggi comprendenti più visite presso i nuclei familiari) EPPS : « Enquête Participatives de Perception de la Pauvreté » (condotta sullo stesso campione di ESAM-II con interviste, storie di vita, analisi, per capire come il popolo percepisce il benessere e la povertà).

7 DIMENSIONE e CARATTERISTICHE DELLA POVERTA Secondo lEPPS, i principali segni di povertà sono : la difficoltà nella nutrizione, la mancanza di cure sanitarie, la mancanza di un alloggio decente. Analisi ESAM-I (2400 calorie/giorno/adulto) : è povero il 57,9% dei nuclei familiari Analisi ESAM II : 53,9% ha evidenziato che: il 65% delle famiglie si considerano povere, il 23% estremamente povere, ed il 64% ritiene che la povertà è aumentata nel corso degli ultimi cinque anni. La povertà è localizzata maggiormente nelle zone rurali. Infatti, lincidenza della povertà nelle zone rurali varia fra il 72% e l88%, mentre nelle zone urbane varia fra il 44% ed il 59%.

8 La povertà è correlata : dimensione nucleo familiare, livello di istruzione capofamiglia sesso capofamiglia

9 ASPETTI e MANIFESTAZIONE DELLA POVERTA Lo stato di povertà ha prodotto la crescita di: violenza e delinquenza mendicità prostituzione lavoro minorile degrado ambientale Se la povertà è stata determinata da fattori naturali, vanno aggiunti anche fattori antropologici : pratiche usuraie e divorzi, conflitti, riduzione del traffico effettuata dalla Società Nazionale dei Trasporti Ferroviari che ha soppresso le molteplici attività nei pressi delle stazioni, mancanza di politiche strutturali, corruzione. impari ripartizione delle risorse : ha impedito il miglioramento del reddito pro-capite nonostante la diminuzione del tasso di crescita demografica. L indice di Gini (indicatore che misura lineguaglianza) era di 0,50 a Dakar nel 1996, dato che evidenzia una elevata ineguaglianza. A LIVELLO NAZIONALE, la stima è dello 0,30.

10 ISTRUZIONE per le elementari il tasso di scolarizzazione è del 73,9% (ragazzi) e del 58,88% (ragazze) lanalfabetismo degli adulti è di circa il 65% Il settore risente della bassa qualità dellinsegnamento, dello scarso livello degli insegnanti, della demotivazione del personale, dellassenza di rigore nelle ispezioni.

11 SANITA 50,4%delle famiglie hanno accesso a un dispensario a meno di 1 km. 39,0%hanno accesso alla maternità 31,8%hanno accesso a una case de santé La malnutrizione dei bambini al disotto dei 5 anni costituisce un serio problema per la sanità pubblica. Mortalità infantile : 60 su mille, in ribasso in rapporto al periodo Mortalità giovanile : 98 su mille, in rialzo sempre rispetto allo stesso periodo, causa malattie diarroiche, carenza di programma vaccinazioni, malnutrizione e malaria (prima causa di morbilità con il 25%).

12 ACCESSO ALLACQUA POTABILE I risultati del QUID hanno evidenziato che il 70% delle famiglie accedono allacqua potabile entro i 15 minuti. Nelle città, i poveri pagano lacqua più cara dei ricchi. I POVERI SI RIFORNISCONO ALLE FONTANE PUBBLICHE: il prezzo è tre/quattro volte maggiore di quello pagato dalle famiglie che dispongono dellallaccio privato a domicilio.

13 Nelle zone rurali, le famiglie povere si riforniscono a fonti non protette (parassiti intestinali – mortalità infantile)

14 La disponibilità attuale è di 28 LITRI PER ABITANTE / GIORNO

15 AMBIENTE Solo il 13% della popolazione urbana ha accesso alle fognature. Solo 5 città sono dotate di una rete di scolo, che, comunque, non copre la totalità del perimetro e : solo l8% dei nuclei familiari evacuano le acque domestiche attraverso la rete fognaria, che è completamente inesistente nelle zone rurali; solo il 37% delle famiglie ha accesso al gabinetto entro i 100 metri. Il sistema di evacuazione delle acque pluviali è quasi inesistente nelle zone urbane: frequenti inondazioni con ristagno delle acque.

16 Varie cause hanno determinato il degrado ambientale : la crescita demografica, la siccità - fra cui la più disastrosa quella del 1973, lerosione costiera e la salinità del suolo, calamità naturali quali incendi ed inondazioni, la distruzione delle colture per opera dei parassiti (cavalletta migratoria), e, non meno determinante, la povertà. Nei centri rurali la bassa condizione di vita, induce la popolazione ad aggrapparsi alle risorse naturali incrementando il ritmo veloce della deforestazione.

17 OBIETTIVI e STRATEGIE Il PRSP, confermando gli orientamenti strategici del NEPAD, si pone lobiettivo di : raddoppiare il reddito pro-capite entro il 2015 nel quadro di una crescita equilibrata e meglio ripartita generalizzare laccesso ai servizi sociali essenziali potenziando le infrastrutture di base sradicare le forme di esclusione entro il 2015 instaurando luguaglianza dei sessi nel campo dellistruzione primaria e secondaria. La STRATEGIA DI RIDUZIONE DELLA POVERTÀ è ispirata a un processo partecipativo, e si sviluppa su quattro livelli : la creazione di reddito, il rafforzamento delle capacità locali e la promozione di servizi sociali di base, il miglioramento delle condizioni di vita dei gruppi vulnerabili, un approccio partecipativo allo sviluppo.

18 Il rapporto annuale 2001 Transparency International, ha classificato il Senegal al 65° posto fra i 91 paesi considerati maggiormente corrotti. LAssemblea Nazionale ha approvato apposita legge che ha istituito una Commissione di lotta alla non trasparenza, alla corruzione ed alla concussione. Il Governo, ha adottato, nel 2002, il Programme national de Bonne Gouvernance – PNBG :PIL 6,3% (stime FM) APIX : Agenzia Pubblica di Promozione degli Investimenti e delle Grandi Opere, si pone lobiettivo di proporre e favorire interventi governativi volti a promuovere lafflusso di capitali stranieri. OBIETTIVO : UN TASSO DI CRESCITA ANNUA DEL PIL DEL 7% per un periodo di dieci anni, associato ad un tasso di investimento annuo del 30% del PIL.

19 AIUTO PUBBLICO ALLO SVILUPPO Il Senegal è fra i Paesi africani ritenuto più affidabile. LAPS costituisce un apporto importante nella realizzazione degli obiettivi di sviluppo. In questi ultimi anni, è stato mirato soprattutto: al miglioramento della competitività, alla promozione del commercio estero alle attività con impatto diretto sulla popolazione (salute, istruzione, settore rurale e sviluppo regionale). 55,5%cooperazione bilaterale 44,5cooperazione multilaterale

20 COMUNITÀ EUROPEA 23 giugno 2000 : è stato firmato il Nuovo accordo di partenariato tra la Comunità Europea ed i paesi degli Stati ACP. 13 maggio 2003 : è stato firmato il Country Strategy Paper : la CE ha messo a disposizione del Senegal per il periodo lammontare di 178 milioni di euro del 9° FES, da concentrarsi nei settori: macroeconomico governance trasporti ambiente FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE Il PRGF - Poverty Reduction and Growth Facility - programma triennale è stato avviato, nel 2003, in appoggio ad un programma di riforme economiche messe a punto dal Governo senegalese. In occasione della seconda Missione di Controllo – novembre 2004 – è stato suggerito al Governo senegalese di accelerare la privatizzazione della SONACOS (privatizzata in dicembre 2004), della SENELEC, e della POSTE.

21 BANCA MONDIALE La strategia della BM è stata elaborata in modo partecipativo con la concertazione dei rappresentanti del Governo, del settore privato, delle ONG e associazioni locali, sindacati, associazioni femminili per sostenere la lotta alla povertà, alla disoccupazione giovanile, alla disuguaglianza sociale. Il 5 marzo 2003, la BM ha approvato il Country Assistance Strategy, che prevede interventi in diversi settori. In particolare: infrastrutture di base specialmente fra i più poveri (trasporti, sviluppo urbano, acqua/ambiente); sociale (istruzione, salute/nutrizione); sviluppo rurale e gestione delle risorse naturali. Attualmente sono in corso 16 progetti per un impegno complessivo di 630 milioni di $USA.

22 VALUTAZIONE Ad oggi, la crescita realizzata non è ancora di qualità. Lagricoltura rappresenta ancora il 10% del PIL ed occupa il 50% della popolazione attiva, preminentemente analfabeta. Linsufficienza e la mediocre qualità delle infrastrutture stradali e portuali gravano sul costo dei trasporti. Le strade asfaltate rappresentano il 29% del totale. Restano impellenti – come segnalato dal FMI – maggiori riforme strutturali e lelaborazione di una strategia di sviluppo per lagricoltura. Nellaprile 2004, il Senegal, ha raggiunto il completion point delliniziativa HIPC – Heavily Indebted Poor Countries - per lalleggerimento del debito estero. I Paesi creditori dovrebbero cancellare crediti per un totale di 430 milioni di dollari, di cui 336 rappresentano crediti aggiuntivi concessi per lattuazione del PRSP (94 sono già stati cancellati). Gli IFI, con lappoggio dellUE ed alcuni paesi donatori, hanno concordato due piani di azione, con lobiettivo di accrescere la trasparenza e lefficienza della spesa pubblica.

23 Il rapporto UNDP 2003, ha evidenziato le azioni messe in campo dal Senegal nei settori: ISTRUZIONE Il Governo ha condotto diverse campagne per informare e sensibilizzare la popolazione nei progetti di istruzione. La prima, risale al 1998, un programma decennale, PDEF – Programme Décennal de lEducation e de la Formation, con lo scopo di diffondere la scolarizzazione. Obiettivi : garantire a tutti laccesso alla scuola primaria entro il 2010, assegnare il 49% del bilancio dellistruzione allinsegnamento elementare, promuovere luguaglianza dei sessi, eliminare la disparità fra i sessi nellistruzione primaria e secondaria entro il 2005 e a tutti i livelli entro il 2015.

24 SANITA Il Piano Nazionale di Sviluppo sanitario intende promuovere laccesso ai servizi socio-sanitari della popolazione povera. Lobiettivo di ridurre, entro il 2015, di due terzi il tasso di mortalità dei bambini al di sotto dei 5 anni, presenta alcuni punti deboli : v difficoltà di accesso ai servizi sanitari, v la persistenza di malattie diarroiche, intestinali e quelle previste dal programma di vaccinazioni, v il basso livello delle attrezzature sanitarie, particolarmente nelle zone rurali, v il deficit della mobilitazione sociale sulla salute della mamma e del bambino. Limpegno del Governo : Programme de Développement Intégré de la Santè (PDIS) introduzione delleducazione sanitaria fra le materie di studio.

25 ACCESSO ALLACQUA POTABILE Le autorità si sono impegnate per un accesso allacqua potabile di 35 litri pro-capite, raccomandato dallOMS, entro il 2010, con un programma di trivellazione da realizzare nei villaggi di oltre 1000 abitanti. Punti deboli : difficoltà legate alla privatizzazione di una parte della società nazionale di distribuzione dellacqua le difficoltà finanziarie della collettività locale a sostenere i costi per laccesso allacqua potabile. Il Governo ha in corso un Programme Sectoriel Eau, in partecipazione con il settore privato e le autorità locali per portare il tasso di accesso allacqua potabile entro i 15 minuti al 100% della popolazione.

26 AMBIENTE Le autorità sono impegnate nella lotta contro la povertà con la riduzione della pressione esercitata sulle risorse naturali. Per invertire la tendenza - entro il è stato elaborato il Piano Nazionale di Azione per lAmbiente per sostenere: la salvaguardia dellambiente e la lotta contro la desertificazione il miglioramento delle condizioni di vita in ambito urbano e rurale laccesso della popolazione povera a energie sostitutive lottimizzazione degli interventi dello Stato, in conformità al Codice dellAmbiente. Il progetto di risanamento e promozione delligiene sanitaria copre 150 località. MONITORAGGIO DEGLI OBIETTIVI : Istituto Nazionale di Statistica. istituito nel 2001 per rafforzare laffidabilità e limparzialità dei dati.

27 Quinta città del Senegal è MBOUR, città costiera a pochi chilometri dalla pétite côte.

28 Caratteristiche sociali e ambientali Levoluzione della popolazione di Mbour è il risultato della grande evoluzione la cui origine risale al periodo coloniale. Contava meno di abitanti negli anni dellindipendenza, è passata a abitanti nel 1980 e a nel 1990; attualmente si stimano oltre abitanti. PROBLEMATICHE : crescita rapida della popolazione inadeguatezza della Municipalità nella gestione urbana. Ciò, non ha mancato di creare uno stato di totale indigenza specialmente nel campo delle strutture sociali dei quartieri periferici,sorti spontaneamente. Tali quartieri presentano tutte le condizioni di emergenza e di proliferazione di malattie legate allinsalubrità. Davanti a queste gravi difficoltà, dobbiamo constatare il consolidamento dei legami familiari attraverso la ricostruzione della famiglia allargata. A livello di quartiere, la rete di solidarietà si esprime attraverso movimenti associativi sotto forma di raggruppamenti, allo scopo di realizzare progetti di sviluppo locale ed il miglioramento delle condizioni di vita del quartiere. E da evidenziare la mancanza totale di rete fognaria e di raccolta dei rifiuti.

29 La città è costituita da 16 quartieri; si stimano circa nuclei familiari. I dati forniti dal Dipartimento dIgiene del Comune, calcolati sul semestre gennaio/luglio 2001, evidenziano : RIFIUTI DOMESTICI totale rifiuti domestici prodotti: 42,36 tonn/giorno nuclei familiari dotati di cassonetti : nuclei familiari che evacuano i rifiuti domestici sulla terra : ACQUE DI RIFIUTO totale acque di rifiuto prodotta : litri/ giorno nuclei familiari dotati di fossa settica : 218 nuclei familiari che riversano le acque di rifiuto nella strade :

30 Ogni giorno litri di acque di rifiuto sono riversati nelle strade pubbliche

31 6.222 nuclei familiari evacuano i rifiuti A MEZZO CARRETTO

32 ma... i rifiuti raccolti nel quartiere sono riversati nelle aree limitrofe del villaggio! Ed anche Mbour, come tutte le città senegalesi è invasa da rifiuti sparsi ovunque, soprattutto nelle aree di ingresso della città

33 Sulla scorta di quanto evidenziato (o da noi interpretato) dai docenti nel corso delle lezioni, abbiamo elaborato la proposta di progetto di Risanamento Ambientale della città, tenendo presente levoluzione della Cooperazione Decentrata. Abbiamo ipotizzato che, la Regione Campania mettendo a sistema le diverse competenze e capacità dei soggetti del territorio, avvii un percorso che permetta a diversi soggetti della società campana di dotarsi di strumenti comuni, ma soprattutto che costituisca una occasione non sporadica di confronto su contenuti, prospettive e natura della CD.

34 Si è, quindi, ipotizzato un PARTENARIATO della REGIONE CAMPANIA con : il COMUNE di RAVELLO (noto paese turistico della Costiera Amalfitana, che ha già espresso, positivamente, la sua capacità di organizzare la propria crescita integrata in un processo di internazionalizzazione) il COMUNE di MBOUR (le cui caratteristiche sociali ed ambientali sono state innanzi evidenziate) la ONG C P S – COMUNITÀ PROMOZIONE e SVILUPPO – di Castellammare di Stabia. La CPS, è geograficamente presente a Mbour da circa 30 anni, concretizzando azioni e progetti specifici. E tuttora vi opera con progetti di sviluppo locale e, una vasta campagna di sostegno a distanza nellottica che la salute e listruzione costituiscano il presupposto per vincere la lotta alla povertà. a GESTIONE INDIRETTA : complementarietà fra istituzioni ed ONG; alla C P S, quale soggetto sociale portatore di storie e competenze, è affidata la realizzazione del progetto.

35 Il progetto elaborato, si inquadra nel piano di sviluppo locale di Mbour, complementare alle strategie di riduzione della povertà. Gli obiettivi di Riduzione dei Rischi per la salute di animali e persone e di Riduzione del degrado urbano mirano al Risanamento ambientale: migliorare i sistemi di accesso per l evacuazione degli escrementi, migliorare laccesso a sistemi adeguati per l evacuazione delle acque usate e dei rifiuti domestici, cambiare positivamente i comportamenti della popolazione beneficiaria, costruire gabinetti per famiglie dei quartieri rurali, realizzare opere per le evacuazioni delle acque usate e promuovere impianti di compostaggio dei rifiuti domestici, sviluppare sistemi adeguati per la gestione dei rifiuti solidi in ambito urbano.

36 Con il Comune di Mbour si darà luogo ad un partenariato sia economico che istituzionale, nellottica di orientare i soggetti responsabili della gestione dei rifiuti verso una strategia condivisa da tutti i soggetti coinvolti. La condivisione di strategie si concretizza con l appoggio alle istituzioni nella governance per lo sviluppo locale, ed il contributo per lelevazione del livello culturale della collettività, secondo la metodologia della sussidiarietà verticale e governance orizzontale. Con le comunità locali, dopo un primo approccio per progetti, si darà luogo ad una strategia e programmazione di medio/lungo termine per valorizzare le risorse locali e rafforzare le capacità delle istituzioni. Lownership è fra le precondizioni : una partecipazione consapevole e lappropriazione del progetto.

37 FORUM PUBBLICI per: mobilitare,

38 ed arricchire

39 le risorse del territorio!

40 ALBERO DEI PROBLEMI Progetto per il Risanamento Ambientale della città di MBOUR – Senegal RISANAMENTO AMBIENTALE – RACCOLTA E GESTIONE RIFIUTI ALBERO DEI PROBLEMI Gravi rischi per la salute di persone ed animali Dispersio ne dei rifiuti solidi urbani Comporta menti individuali rischiosi Carenza pianifica zione comunale Raccolta rifiuti inade guata Carenza di mezzi ed equipe e punti di raccolta Mancanza di tradizio ne in gestione rifiuti Scarsa educazion ambien tale Carenza di igiene domestica Accumuli di rifiuti negli spazi di quartiere Mancanza di tradizione in gestione rifiuti Basso reddito familiare Mancanza di sistema di scolo nel quartiere

41 ALBERO DEGLI OBIETTIVI Progetto per il Risanamento Ambientale della città di MBOUR – Senegal RISANAMENTO AMBIENTALE – RACCOLTA e GESTIONE RIFIUTI ALBERO DEGLI OBIETTIVI Riduzione dei rischi per la salu te di perso ne ed ani mali Bonifica degli spazi di quartiere Riduzione degrado urbano Modifica dei comportamenti individuali rischiosi Educazio ne alla gestione dei rifiuti Incremen to reddito familiare Pianificazi one sistema di scolo nel quartiere Pianificazi one comunale Organizza zione raccolta rifiuti Incremen to mezzi, equipe e punti raccolta rifiuti Educazio ne alla gestione dei rifiuti Sviluppo della consapevo lezza ambienta le Migliora mento delligiene domestica

42 VARIABILI DI ROTTURA PUNTI DI FORZAPUNTI DI DEBOLEZZAOPPORTUNITAMINACCE PIANIFICAZIO -NE COMUNALE Mbour è la quinta città del Senegal. Politica nazionale che favorisce il decentramento;lo Stato trasferisce ad Enti locali alcune importanti competenze. Senegal al 156° posto (su 175) - UNDP 2002 rispetto allIndice di Sviluppo Umano. La municipalità non riesce ad adeguare lofferta di servizi alla caotica crescita della popolazione. Impegno politico dellattuale Presidente per la lotta contro linquinamento ambientale. RACCOLTA RIFIUTI Presenza in loco di associazioni di quartiere e ONG che praticano una pre-raccolta. Sia il NEPAD che il PDES prevedono il rafforzamento dello sviluppo locale ed il sostegno ad infrastrutture per migliorare le condizioni di vita. Mancanza di discaricheAttività ben organizzata a Dakar La siccità degli ultimi anni ha causato un processo di deser- tificazione; i proprietari terrieri potrebbero vedere nelle discariche un nuovo pericolo ATTREZZA- TURE Carretti trainati dallasino (a gestione privata) in alcuni quartieri. Automezzi comunali in aggiunta ai carretti. Automezzi obsoleti TRADIZIONE CULTURALE AI RIFIUTI La legge del 15 gennaio definisce i rifiuti con riferimento alla necessità che sia il proprietario ad eliminarli. La produzione di rifiuti è di data recente e, quindi, la popolazione non ha conoscenza dei danni provocati da una cattiva gestione degli stessi. Mancanza di informativa relativamente alla raccolta differenziata dei rifiuti. ANALISI SWOT 1/2

43 VARIABILI DI ROTTURA PUNTI DI FORZAPUNTI DI DEBOLEZZAOPPORTUNITAMINACCE REDDITO FAMILIARE Raccolta rifiuti con gestione porta a porta a cura di privati, e prezzo poco accessibile. Abitazioni sprovviste di gabinetti e pozzi per acque usate. SISTEMA DI SCOLO NEI QUARTIERI Sistema di evacuazione delle acque domestiche e di scarico già costruito in alcuni quartieri. Mancanza di raccordo del sistema di scolo dei quartieri che ne sono provvisti EDUCAZIONE ALLAMBIENTE Lattività turistica è in forte crescita. Celebrazione ogni anno (5 giugno) della giornata mondiale dellambiente. Nel dipartimento di Mbour ci sono foreste protette e riserve ecologiche Mancanza di conoscenza del nesso fra il territorio e le persone che lo abitano. Forte esplosione demografica urbana causa labbandono delle campagne per la città. La maggior parte degli abitanti è analfabeta. AGENDA 21, approvato dalla Conferenza delle NU sullambiente e lo sviluppo Aumento rifiuti CONDIZIONI DOMESTICHE I quartieri del centro città sono coperti da un servizio porta a porta. Condizioni igienico- ambientali che favoriscono la produzione di germi patogeni, cattivi odori, malattie gastro- intestinali, topi. Il Forum dellAgenda 21 ha in atto campagne di sensibilizzazione della popolazione per conservare e preservare il proprio spazio vitale ANALISI SWOT 2/2

44 STRATEGIAINDICATORIMEZZI DI VERIFICA CONDIZIONI ESTERNE OBIETTIVO GENERALE Miglioramento della salute abitanti di Mbour Indici ambientali a livello nazionale e dipartimentali Statistiche nazionali e dipartimentali studio Paese OBIETTIVO SPECIFICO Miglioramento delle condizioni ambientali della città di Mbour Aumento capacità di raccolta annua (da a )* Aumento del numero di strade bonificate Aumento del numero di quartieri e famiglie commesse a raccolta rifiuti porta a porta Riduzione evacuazione acque usate nelle strade pubbliche Incremento del numero di famiglie dotate di gabinetto Statistiche locali Rilevamento dati dei partner locali Efficacia dellEnte locale * Fonte: Brigade Dèpartmentale de lHygiène de Mbour – agosto 2001 et SDE - Mbour QUADRO LOGICO 1\2

45 STRATEGIAINDICATORIMEZZI DI VERIFICA CONDIZIONI ESTERNE RISULTATI ATTESI - Squadre adibite alla raccolta e riciclaggio dei rifiuti. - Cassonetti distribuiti nelle strade e nei quartieri. - N.1 discarica. - N. 1 impianto di compostaggio. - N.1 impianto di primo trattamento di materie plastiche: lavaggio e triturazione. -Riqualificazione abitativa: costruzione gabinetti e puisard. - Organizzazione microcredito. Bonifica delle strade dei quattro quartieri centro città Bonifica di 20 depositi abusivi Incremento del 30% delle famiglie aderenti al servizio raccolta rifiuti Incremento 30% di case dotate di gabinetti e del 50% di quelle dotate di puissard Registri delle cooperative di raccolta Documentazione amministrativa Efficienza amministrativa del Comune di Mbour ATTIVITA - Corsi di formazione personale addetto a raccolta rifiuti. - Campagne e seminari di sensibilizzazione abitanti su gestione rifiuti. - Seminari di formazione al riciclaggio dei rifiuti. - Costruzione di: N. 1 discarica; N. 1 impianto di compostaggio; N. 1 impianto per la prima trasformazione della plastica - Convegni e seminari di educazione sanitaria nelle scuole e comitati di quartiere. - Corsi di formazione rivolti agli operai per la costruzione di puisard. - Corsi di formazione per la richiesta e lutilizzo dei fondi di microcredito. RISORSE: N.2 camion per il trasporto rifiuti. Pale, rastrelli, carriole. Formazione personale Utilizzo del personale tecnico del Comune Materiale di divulgazione Utilizzo di una compagnia teatrale per la pubblicizzazione del sistema COSTIPRECONDIZIONI: Rilascio autorizzazioni e licenze QUADRO LOGICO 2\2

46 Le tematiche trasversali del progetto si inquadrano nelle azioni previste dal PRSP, nei settori: Sanità Ambiente Infanzia La strategia per il raggiungimento degli obiettivi prevede, inoltre, la Razionalizzazione e decentramento dello sviluppo locale. Il valore aggiunto è rappresentato dalle opportunità di lavoro nascenti nellambito del progetto ed attività collaterali. Sono previste valutazioni in itinere ed ex post, mentre limpatto e lefficacia del progetto saranno valutati secondo gli indici dellIstituto Nazionale di Statistica.

47 Levoluzione storica del concetto Cooperazione Decentrata è legata alle trasformazioni culturali, sociali e politiche di questultimi decenni: la crisi della cooperazione, il progressivo indebolimento dello Stato nazionale, lemergere di localismi. E auspicabile che i Governi Regionali realizzino un incontro di Comunità, del Nord e del Sud, in un processo fondato sullinstaurazione di relazioni di partenariato internazionale, in unottica di reciprocità tra territori e comunità locali. Si avvii, cioè, un nuovo modo di partecipare allo sviluppo, superando ed integrando due visioni : quella del dono : cosa posso fare io per te quella dellinteresse : cosa posso ricavare dal rapporto con te. E importante recuperare contenuti del termine cooperazione, che presuppone un lavoro ed un vantaggio vicendevole, dove soggetti diversi operano insieme per obiettivi integrati e condivisi.

48 Il Progetto è stato formulato da : Ida MANSIDirigente Aziendale – Volontaria ONG tel cell In collaborazione con Alfredo BARRARegione Campania Massimo CRUCILLAProvincia di Roma Giuseppina MARRARegione Campania Lucia PAGNOZZORegione Campania Domenico POLICASTRO Regione Campania


Scaricare ppt "Progetto per il Risanamento Ambientale della città di MBOUR – Senegal RISANAMENTO AMBIENTALE – RACCOLTA E GESTIONE RIFIUTI RelatoreMansi Ida : ONG C P."

Presentazioni simili


Annunci Google