La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I PRIMI ANNI DELLA REPUBBLICA Magistrature e società.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I PRIMI ANNI DELLA REPUBBLICA Magistrature e società."— Transcript della presentazione:

1 I PRIMI ANNI DELLA REPUBBLICA Magistrature e società.

2 Le principali magistrature 2 consoli: eletti annualmente, ereditano i poteri del re 2 consoli: eletti annualmente, ereditano i poteri del re Senato: 300 membri di famiglie nobili Senato: 300 membri di famiglie nobili Pontefici: guidano le questioni relative al culto Pontefici: guidano le questioni relative al culto Membri dellaristocrazia senatoria sono anche i quadri di comando dellesercito Membri dellaristocrazia senatoria sono anche i quadri di comando dellesercito

3 In aiuto ai consoli Pretori: 2 o più, eletti annualmente, amministrano la giustizia e presiedono i tribunali; poi in seguito amministrano anche le province Pretori: 2 o più, eletti annualmente, amministrano la giustizia e presiedono i tribunali; poi in seguito amministrano anche le province Questori: da 2 a 8, gestiscono finanze, imposte, tesoro (anche nelle province); si occupano dei rapporti tra Senato e Consoli Questori: da 2 a 8, gestiscono finanze, imposte, tesoro (anche nelle province); si occupano dei rapporti tra Senato e Consoli

4 Edili: curano ledilizia urbana, gli spettacoli pubblici, le solenni cerimonie religiose Edili: curano ledilizia urbana, gli spettacoli pubblici, le solenni cerimonie religiose Censori: sempre 2, stilano la lista del Senato, censiscono la popolazione, vigilano sulla moralità pubblica e privata Censori: sempre 2, stilano la lista del Senato, censiscono la popolazione, vigilano sulla moralità pubblica e privata Tutte le cariche hanno carattere collegiale Tutte le cariche hanno carattere collegiale

5 Dittatore: magistratura straordinaria; comandante militare che concentra nelle sue mani tutti i poteri dello Stato. Designato dal Senato in situazioni di emergenza, resta in carica 6 mesi. Dittatore: magistratura straordinaria; comandante militare che concentra nelle sue mani tutti i poteri dello Stato. Designato dal Senato in situazioni di emergenza, resta in carica 6 mesi.

6 La società Dunque tutte le cariche sono appannaggio dei patrizi Dunque tutte le cariche sono appannaggio dei patrizi Anche lesercito con le sue centurie è formato perlopiù da elementi delle classi più alte Anche lesercito con le sue centurie è formato perlopiù da elementi delle classi più alte Man mano che Roma si espande attraverso le guerre cè però bisogno di più uomini: si ricorre allarruolamento dei plebei Man mano che Roma si espande attraverso le guerre cè però bisogno di più uomini: si ricorre allarruolamento dei plebei

7 La plebe I plebei acquistano ben presto coscienza della loro importanza per la vita civile e militare e chiedono riconoscimenti I plebei acquistano ben presto coscienza della loro importanza per la vita civile e militare e chiedono riconoscimenti Usano larma della secessione: si allontanano dalla città, sfuggono il servizio militare, non pagano i debiti accumulati coi patrizi Usano larma della secessione: si allontanano dalla città, sfuggono il servizio militare, non pagano i debiti accumulati coi patrizi 494 aC, 471 aC 494 aC, 471 aC

8 Le vittorie della plebe 1 Libertà di riunirsi nei concilii della plebe, o comizi tributi 1 Libertà di riunirsi nei concilii della plebe, o comizi tributi 2 Potere di nominare 2 rappresentanti, i tribuni della plebe, per difendere i loro diritti 2 Potere di nominare 2 rappresentanti, i tribuni della plebe, per difendere i loro diritti Eletti annualmente, avevano diritto di veto verso le proposte di legge lesive dei diritti della plebe Eletti annualmente, avevano diritto di veto verso le proposte di legge lesive dei diritti della plebe Erano inviolabili, cioè non perseguibili nellesercizio delle loro funzioni Erano inviolabili, cioè non perseguibili nellesercizio delle loro funzioni

9 La codificazione del diritto Nel 452 aC i romani cominciano a mettere per iscritto le leggi Nel 452 aC i romani cominciano a mettere per iscritto le leggi Una commissione di Decemviri fissa su 12 grandi tavole (perdute nellincendio di Roma del 390 a C) le leggi che governavano lo stato Una commissione di Decemviri fissa su 12 grandi tavole (perdute nellincendio di Roma del 390 a C) le leggi che governavano lo stato Il diritto scritto è garanzia dagli abusi Il diritto scritto è garanzia dagli abusi

10 Altre conquiste dei plebei Nel 445 si approva la Legge Canuleia: elimina il divieto del matrimonio tra patrizi e plebei Nel 445 si approva la Legge Canuleia: elimina il divieto del matrimonio tra patrizi e plebei Inoltre, alla fine del v sec i plebei possono diventare Questori ed Edili Inoltre, alla fine del v sec i plebei possono diventare Questori ed Edili Nel 367 con le leggi Licinie-Sestie i plebei possono accedere anche al consolato Nel 367 con le leggi Licinie-Sestie i plebei possono accedere anche al consolato

11 Tutti gli incarichi politici erano comunque privi di remunerazione e comportavano labbandono della attività lavorativa Tutti gli incarichi politici erano comunque privi di remunerazione e comportavano labbandono della attività lavorativa Solo i plebei agiati potevano dunque accedere Solo i plebei agiati potevano dunque accedere Nuova classe dirigente: fusione del patriziato con gli elementi più ricchi della plebe. È la nobilitas, che guiderà Roma per tutta letà della Repubblica Nuova classe dirigente: fusione del patriziato con gli elementi più ricchi della plebe. È la nobilitas, che guiderà Roma per tutta letà della Repubblica

12 Lespansione Nel frattempo i Romani intraprendono una serie di guerre per legemonia contro le popolazioni italiche Nel frattempo i Romani intraprendono una serie di guerre per legemonia contro le popolazioni italiche Al termine, domineranno lItalia intera e parte dellEuropa Al termine, domineranno lItalia intera e parte dellEuropa

13 Le guerre tra V e II secolo Contro le popolazioni italiche (Latini, Equi, Volsci, Sanniti) Contro le popolazioni italiche (Latini, Equi, Volsci, Sanniti) Contro gli Etruschi Contro gli Etruschi Contro le tribù celtiche stanziate nella penisola Contro le tribù celtiche stanziate nella penisola Contro gli Italioti (Taranto, le poleis della Sicilia) e i loro alleati (Pirro re dellEpiro) Contro gli Italioti (Taranto, le poleis della Sicilia) e i loro alleati (Pirro re dellEpiro) Contro Cartagine Contro Cartagine

14 Le guerre tra V e II secolo Contro i Macedoni e i Greci Contro i Macedoni e i Greci Contro i Galli stanziati nella penisola iberica Contro i Galli stanziati nella penisola iberica Al termine di queste guerre, tutte vittoriose anche se perdono singole battaglie, creano numerose province Al termine di queste guerre, tutte vittoriose anche se perdono singole battaglie, creano numerose province

15 Ma qual era il segreto della loro arte militare? Ma qual era il segreto della loro arte militare?


Scaricare ppt "I PRIMI ANNI DELLA REPUBBLICA Magistrature e società."

Presentazioni simili


Annunci Google