La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Valutare gli alunni stranieri: la certificazione delle competenze Patrizia Capoferri Referente intercultura USRL - Ufficio XI - Brescia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Valutare gli alunni stranieri: la certificazione delle competenze Patrizia Capoferri Referente intercultura USRL - Ufficio XI - Brescia."— Transcript della presentazione:

1 Valutare gli alunni stranieri: la certificazione delle competenze Patrizia Capoferri Referente intercultura USRL - Ufficio XI - Brescia

2 Cosa indagare Aspetti normativi Pensare la valutazione: cosa e come valutare

3 I riferimenti normativi DPR N.275, 8 marzo 1999 Art.4, comma 4: Nellesercizio dellautonomia didattica le istituzioni scolastiche … individuano le modalità e i criteri di valutazione degli alunni nel rispetto della normativa nazionale…

4 I riferimenti normativi DPR n° 122, 22 giugno 2009 Art. 1 comma 9: I minori con cittadinanza non italiana presenti sul territorio nazionale, in quanto soggetti allobbligo distruzione ai sensi dellart. 45 del DPR 31 agosto 1999 n.394, sono valutati nelle forme e nei modi previsti per i cittadini italiani.

5 … e precisamente DPR 394 I minori stranieri presenti sul territorio nazionale hanno diritto all'istruzione indipendentemente dalla regolarit à della posizione in ordine al loro soggiorno, nelle forme e nei modi previsti per i cittadini italiani. Essi sono soggetti all'obbligo scolastico secondo le disposizioni vigenti in materia. L'iscrizione dei minori stranieri nelle scuole italiane di ogni ordine e grado avviene nei modi e alle condizioni previsti per i minori italiani. Essa può essere richiesta in qualunque periodo dell'anno scolastico. I minori stranieri privi di documentazione anagrafica ovvero in possesso di documentazione irregolare o incompleta sono iscritti con riserva.

6 Regolamento attuativo L'iscrizione con riserva non pregiudica il conseguimento dei titoli conclusivi dei corsi di studio delle scuole di ogni ordine e grado. In mancanza di accertamenti negativi sull'identit à dichiarata dell'alunno, il titolo viene rilasciato all'interessato con i dati identificativi acquisiti al momento dell'iscrizione

7 Regolamento attuativo I minori stranieri soggetti all'obbligo scolastico vengono iscritti alla classe corrispondente all'et à anagrafica, salvo che il collegio dei docenti deliberi l'iscrizione ad una classe diversa, tenendo conto: a. dell'ordinamento degli studi del Paese di provenienza dell'alunno, che può determinare l'iscrizione ad una classe immediatamente inferiore o superiore rispetto a quella corrispondente all'et à anagrafica b. dell'accertamento di competenze, abilit à e livelli di preparazione dell'alunno c. del corso di studi eventualmente seguito dall'alunno nel Paese di provenienza d. del titolo di studio eventualmente posseduto dall'alunno

8 … sempre DPR n.394 Art.45, comma 4: … il collegio dei docenti definisce in relazione al livello di competenza dei singoli alunni stranieri, il necessario adattamento dei programmi dinsegnamento Adeguamento della programmazione e della valutazione

9 Dalla programmazione alla valutazione Atto di indirizzo MIUR. 8 settembre 2009 … Soprattutto agli alunni stranieri di recente immigrazione, e cioè con cittadinanza non italiana e non italofoni, occorre assicurare – nel contesto di una dimensione laicamente aperta alle istanze interculturali - una adeguata conoscenza della nostra lingua e delle nostre regole di convivenza civile, in modo da favorire lapprendimento e da garantire un inserimento consapevole ed equilibrato nella comunità scolastica e in quella territoriale.

10 Da non dimenticare Lalunno non italofono o non ancora sufficientemente italofono si trova, per qualche tempo, in una situazione nella quale non ha le parole per dire, comunicare la sua competenza scolastica, disciplinare …. Il carattere formativo di ogni valutazione in ambito scolastico non deve essere dimenticato o trascurato, per enfatizzare la dimensione sommativa o laspetto certificativo. Una valutazione formativa comporta il prendere in considerazione il percorso dellalunno, i passi realizzati, la progressione nellapprendimento rispetto ai livelli di partenza, le potenzialità di implementazione degli apprendimenti stessi, nonché la motivazione, la partecipazione, limpegno. Ogni valutazione - iniziale, in itinere, finale – non può che essere strettamente collegata al percorso di apprendimento proposto agli alunni della classe e quello predisposto per gli alunni stranieri neo-arrivati è necessariamente personalizzato e sostenuto da interventi specifici per l´apprendimento della lingua italiana. Certamente lalunno non italofono potrà raggiungere risultati in tempi diversi rispetto ai compagni di classe e sicuramente i suoi risultati dovranno inscriversi in una fascia di essenzialità e di accettabilità.

11 Valutazione e certificazione E necessario distinguere la valutazione dalla certificazione dei risultati. La valutazione è lespressione di un giudizio e si fonda su elementi forniti dal processo di verifica, la quale, a sua volta, si fonda sugli esiti delle diverse misurazioni. La certificazione di una competenza è la rappresentazione di un saper fare intenzionale ed efficace raggiunto dallallievo, descritto in relazione al contesto duso in cui è espressa.

12 La competenza Pietro Boscolo La competenza può essere definita come linsieme delle conoscenze, abilità e atteggiamenti che consentono a un individuo di ottenere risultati utili al proprio adattamento negli ambienti per lui significativi e che si manifesta come capacità di affrontare e padroneggiare i problemi della vita attraverso luso di abilità cognitive e sociali.

13 Quali competenze valutare per gli stranieri? Italiano L2 Perché valutare le competenze in italiano L2? Per conoscere e descrivere il livello di conoscenza ed uso dellitaliano dellalunno, valutato nelle 4 abilità fondamentali: comprensione e produzione orale comprensione e produzione scritta.

14 Quadro comune europeo Common European Framework Proposta di 6 livelli di competenza: A BASICO O ELEMENTARE A1 A2 B INDIPENDENTE O INTERMEDIO B1 B2 C COMPETENTE O AVANZATO C1 C2

15 Competenze in Italiano L2 COMPRENSIONE ORALE PRINCIPIANTE Non comprende alcuna parola Comprende singole parole A1 Comprende espressioni familiari e frasi molto semplici Comprende semplici domande, indicazioni e inviti formulati in modo lento e chiaro Comprende alcuni vocaboli ad alta frequenza delle discipline scolastiche A2 Comprende frasi ed espressioni usate frequentemente e di senso immediato Comprende quanto gli viene detto in semplici conversazioni quotidiane


Scaricare ppt "Valutare gli alunni stranieri: la certificazione delle competenze Patrizia Capoferri Referente intercultura USRL - Ufficio XI - Brescia."

Presentazioni simili


Annunci Google