La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Industrializzazione diffusa e piccola impresa (1975-1983) La percezione della crisi economica La rappresentazione del cambiamento strutturale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Industrializzazione diffusa e piccola impresa (1975-1983) La percezione della crisi economica La rappresentazione del cambiamento strutturale."— Transcript della presentazione:

1 Industrializzazione diffusa e piccola impresa ( ) La percezione della crisi economica La rappresentazione del cambiamento strutturale

2 Le inversione di tendenza Linversione di tendenza nella crescita dimensionale delle imprese Il profondo cambiamento della distribuzione territoriale delle attività produttive (cambiano le direttrici territoriali dello sviluppo) La modifica della specializzazione delle esportazioni italiane (si inverte il processo di progressivo avvicinamento della struttura delle esportazioni italiane a quella dei paesi avanzati)

3 La dimensione delle imprese Diminuisce il peso relativo delloccupazione nelle grandi imprese ( 500 addetti) Cessa di diminuire il peso delloccupazione nelle piccolissime imprese ( 10 addetti) Aumenta molto il peso delloccupazione nelle piccole imprese (10 – 50 addetti)

4

5 Le novità nel settore industriale Aumenta loccupazione industriale, nonostante la percezione diffusa di crisi economica La forte crescita del numero di imprese esistenti Proliferazione della piccola impresa e formazione di nuova imprenditoria

6 La distribuzione territoriale delle attività produttive Dalla concentrazione territoriale della produzione alla diffusione territoriale degli insediamenti produttivi Lemergere di nuove regioni industriali: il modello della Terza Italia Il triangolo industriale perde significato La crescita delloccupazione industriale, nelle regioni NEC, è determinata dalla proliferazione di nuove imprese

7 I settori di specializzazione delle esportazioni LItalia si specializza progressivamente nei settori tradizionali (tessile, abb., calz., mobilio,..) La struttura delle esportazioni italiane si polarizza: guadagno delle quote di mercato nei settori di specializzazione e perdita delle quote di mercato nei settori deboli

8 Il modello di specializzazione delle esportazioni italiane LItalia è specializzata nei settori la cui domanda internazionale cresce lentamente Efficienza microeconomica e inefficienza macroeconomica del modello di specializzazione Progressiva perdita del prezzo (e, quindi, dei costi di produzione e dei salari) tra i fattori di competitività internazionale delle esportazioni italiane Crescente attenzione alla qualità del prodotto

9 Alcuni connotati strutturali Depolarizzazione produttiva Sviluppo non metropolitano (dal punto di vista sia economico che demografico) Deindustrializzazione e deurbanizzazione Delocalizzazione e decentramento territoriale della produzione Sviluppo demografico periferico Deconcentrazione produttiva (nuove tecnologie utilizzabili anche alla piccola scala di produzione) Formazione e sviluppo di sistemi produttivi locali (distretti industriali)

10 I fattori esplicativi (1) I fattori esogeni: - Le nuove tecnologie (microelettronica: CAD,CAM, CNC) adattabili alla piccola dimensione e alla produzione flessibile (si riduce limportanza delle economie di scala) - La crisi dei mercati standardizzati di massa: allargamento dei mercati per la produzione specializzata e abbassamento delle barriere allentrata per le piccole imprese

11 I fattori esplicativi: i fattori endogeni (1) Ampia articolazione e mobilità sociale Omogeneità dei comportamenti culturali e delle aspettative Struttura sociale che premia e promuove Rapporti di produzione legati al lavoro autonomo Abitudine al calcolo economico Professionalità diffusa dei lavoratori Variabili socio-economiche che, dunque, favoriscono la nascita di nuova piccola imprenditoria

12 I fattori esplicativi: i fattori endogeni (2) La piccola impresa si affranca dal controllo della grande impresa: progressiva autonomia sul mercato e in termini tecnologici Il ruolo della famiglia estesa: accumulazione di capitale, accesso al credito, autorganizzazione di piccole unità produttive familiari La rete infrastrutturale e il capitale fisso sociale nelle piccole città Economie di agglomerazione nei sistemi di piccola impresa

13 Il quadro macroeconomico: la dinamica della domanda

14 Il quadro macroeconomico (2) I/Y 18,416,6 X/Y19,925,1

15 Alcuni aspetti strutturali e la politica economica Aumentano notevolmente i prezzi Continua svalutazione della lira Aumenta la spesa pubblica (G/Y) La politica economica è prevalentemente indirizzata al breve periodo e agli obiettivi monetari: tentativo di controllo dellinflazione e del deficit pubblico (con risultati non completamente positivi) Perdita di attenzione ai problemi strutturali Non cè sostegno allo sviluppo del Mezzogiorno (politica assistenziale)


Scaricare ppt "Industrializzazione diffusa e piccola impresa (1975-1983) La percezione della crisi economica La rappresentazione del cambiamento strutturale."

Presentazioni simili


Annunci Google