La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Poesia italiana del 900. Benedetto Croce: Poesia e non poesia Linizio del secolo è segnato dalle teorie di Croce: è poesia lespressione pura dello spirito,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Poesia italiana del 900. Benedetto Croce: Poesia e non poesia Linizio del secolo è segnato dalle teorie di Croce: è poesia lespressione pura dello spirito,"— Transcript della presentazione:

1 Poesia italiana del 900

2 Benedetto Croce: Poesia e non poesia Linizio del secolo è segnato dalle teorie di Croce: è poesia lespressione pura dello spirito, non è poesia il verso che nasce da una decisione intellettuale, per insegnare, raccontare o dimostrare.

3 La svolta nella poesia italiana La poesia italiana è un genere tutto interno alla tradizione letteraria, dato che fino al dopoguerra non esiste una vera unità linguistica della penisola. La lingua dei poeti è tratta dai testi poetici precedenti, fino agli anni 50. Alcuni poeti che annunciano la svolta sono, Sandro Penna, ed il primo Sanguineti.

4 1963 Lanno in cui nasce ufficialmente lavanguardia italiana, con il gruppo 63: La poesia occupa finalmente lo spazio ormai senza barriere del parlato: Esponenti di rilievo: Sanguineti: Ho fatto passi indietro da gigante, in questi mesi: il mio cervello Trema come marmellata marcia, moglie mia, figli miei: […] Porta

5 1978 Dopo anni di discussioni ideologiche sulla poesia e la società, esce unantologia come risposta al gruppo 63: La parola innamorata. Esponenti di spicco di questa nuova fase poetica: Cucchi De angelis Raboni Valduga

6 MILO DE ANGELIS Non è più dato. Il pianto che si trasformava in un ridere impazzito, le notti passate correndo in Via Crescenzago, inseguendo il neon di unedicola. Non è più dato. Non è più nostro il batticuore di aspettare mezzanotte, aspettarla finché mezzanotte entra nel suo vero tumulto, nella frenesia di tutte le ore, di tutte le ore. Non è più dato. Uno solo è il tempo, una sola la morte, poche le ossessioni, poche le notti damore, pochi i baci, poche le strade che portano fuori di noi, poche le poesie.

7 Milo de angelis Milano era asfalto, asfalto liquefatto.Nel deserto di un giardino avvenne la carezza, la penombra addolcita che invase le foglie,ora senza giudizio, spazio assoluto di una lacrima.Un istante in equilibrio tra due nomi avanzò verso di noi, si fece luminoso, si posò respirando sul petto, sulla grande presenza sconosciuta. Morire fu quello sbriciolarsi delle linee,noi lì e il gesto ovunque, noi dispersi nelle supreme tensioni dellestate, noi tra le ossa e lessenza della terra.

8 PATRIZIA VALDUGA Baciami; dammi cento baci, e mille: cento per ogni bacio che si estingue, e mille da succhiare le tonsille, da avere in bocca un'anima e due lingue. <>

9 Roberta Dapunt Credo nelle anime sante nella loro indipendenza conquistata sui sensi di una preghiera. Credo nel lamento di un uomo in agonia, inaccessibile silenzio degli ultimi istanti di una vita. Credo nel lavaggio del suo corpo fermo nel suo vestito a festa e nell'incrocio delle mani, testimoni di un battesimo confidato. Credo nella gloria dei vinti. Credo nelle loro carni piegate sotto le macerie, i loro respiri cessati.

10 Roberta Dapunt Credo nelle loro bambine vendute ai nostri piaceri, nella loro tristezza che sorride vittima di un rossetto ingrato. Credo negli angeli senza ali, in quelli che a piedi nudi camminano dentro una fede. Credo nel mondo, quello fuori dalla vetrina in ginocchio a guardare dentro. Credo nel colore delle pelli che indossa, negli occhi neri dei figli che perde affamati. Credo nella verità delle madri e del loro amore Credo nella miseria e nell'umiltà di questi versi. Credo nella bellezza e qui conviene fermarmi.


Scaricare ppt "Poesia italiana del 900. Benedetto Croce: Poesia e non poesia Linizio del secolo è segnato dalle teorie di Croce: è poesia lespressione pura dello spirito,"

Presentazioni simili


Annunci Google