La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

F.liso Diritto del lavoro Appunti a cura di Franco Liso Capitolo III b Dalla caduta del fascismo agli anni settanta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "F.liso Diritto del lavoro Appunti a cura di Franco Liso Capitolo III b Dalla caduta del fascismo agli anni settanta."— Transcript della presentazione:

1 f.liso Diritto del lavoro Appunti a cura di Franco Liso Capitolo III b Dalla caduta del fascismo agli anni settanta

2 f.liso La Costituzione della repubblica (g.u ) articolo 1 articolo 3, co. 2 articolo 41, co. 2 articolo 4

3 f.liso La disciplina dei rapporti collettivi

4 f.liso libertà sindacale diritto di sciopero articolo 39 Cost. articolo 40 Cost. È larea dove la discontinuità è più rilevante …

5 f.liso dalleterotutela allautotutela Libertà sindacale e diritto di sciopero

6 f.liso dalleterotutela allautotutela il sindacato Nellordinamento corporativo > si muove nellarea del diritto pubblico Nellordinamento post-corporativo > si muove nellarea del diritto privato

7 f.liso dalleterotutela allautotutela la categoria Nellordinamento corporativo > la legge Nellordinamento post-corporativo > lautonomia

8 f.liso Ordinamento corporativoOrdinamento post-corporativo legge categoria sindacatolavoratori sindacato categoria a u t o r i t à l i b e r t à

9 f.liso dalleterotutela allautotutela il conflitto Nellordinamento corporativo > reato Nellordinamento post-corporativo > diritto

10 f.liso La mancata attuazione della disposizione costituzionale sullerga omnes

11 f.liso articolo 39 Cost. Lorganizzazione sindacale è libera. Ai sindacati non può essere imposto altro obbligo se non la loro registrazione presso uffici locali o centrali, secondo le norme di legge. E condizione per la registrazione che gli statuti dei sindacati sanciscano un ordinamento interno a base democratica. I sindacati registrati hanno personalità giuridica. Possono, rappresentati unitariamente in proporzione dei loro iscritti, stipulare contratti collettivi di lavoro con efficacia obbligatoria per tutti gli appartenenti alle categorie alle quali il contratto si riferisce.

12 f.liso Rappresentanza unitaria lavoratori Rappresentanza unitaria datori lavoro CATEGORIA Contratto collettivo erga omnes

13 f.liso La mancata attuazione della disposizione costituzionale sullerga omnes La mancata attuazione della disposizione costituzionale in materia di sciopero (applicazione tardiva e parziale nel 1990, con la legge 146, sullo sciopero nei servizi essenziali) Perché? Il quadro politico; lo sviluppo dellunità dazione tra cgil, cisl e uil

14 f.liso il cardine ordinatore del sistema il conflitto collettivo Situazione di sostanziale anomia il principio di effettività * la regola dellaccreditamento ad opera della controparte * il contratto collettivo di diritto comune; lapplicazione del contratto ai soggetti iscritti ai sindacati stipulanti

15 f.liso La legge 22 dicembre 1956 c.d. sul distacco delle aziende a partecipazione statale Il problema di costituzionalità rispetto alla prima parte dellarticolo 39 cost. Corte cost , n. 1 LIntersind e lo sviluppo delle relazioni industriali Le uniche eccezioni alla anomia A Il protocollo Intersind-Asap del 1962

16 f.liso La legge n. 741 del 1959 Le uniche eccezioni alla anomia B Lincostituzionalità della legge di proroga per contrasto con la seconda parte dellarticolo 39 cost.

17 f.liso Un importante intervento lo si ha nel 1970 sulla scia del c.d. autunno caldo Statuto dei lavoratori Legge 20 maggio 1970, n. 300 Norme sulla tutela della liberà e dignità dei lavoratori, della libertà sindacale e dellattività sindacale nei luoghi di lavoro e norme sul collocamento

18 f.liso Le due anime dello statuto L anima protettiva L anima promozionale Titolo I Della libertà e dignità del lavoratore Titolo II Della libertà sindacale Titolo III Della attività sindacale

19 f.liso La libertà sindacale

20 f.liso Le proiezioni della libertà sindacale Libertà sindacale Potere pubblico Potere del datore di lavoro Le convenzioni internazionali OIL n. 87/1948 e n. 98/1949

21 f.liso Diritto di costituire Diritto di aderire Diritto a non subire limitazioni o interferenze da parte di autorità amministrative Diritto a non subire svantaggi da parte del datore di lavoro Diritto di elaborare autonomamente i propri statuti Diritto di elaborare autonomamente i propri programmi di azione Diritto della organizzazione ad aderire ad altre organizzazioni, anche internazionali Diritto a che la controparte non si ingerisca (sindacato giallo)

22 f.liso diritto dei singoli ma anche delle organizzazioni diritto alla organizzazione (è più del diritto di associazione > libertà di scelta dei modelli organizzativi) diritto che riguarda solo i lavoratori o anche i datori di lavoro? è un diritto di tutti i lavoratori?

23 f.liso è anche diritto di non aderire? (libertà negativa)

24 f.liso Il suo primo capitolo In particolare, lart. 4 Il licenziamento determinato da ragioni di credo politico o fede religiosa, dallappartenenza ad un sindacato e dalla partecipazione ad attività sindacali è nullo, indipendentemente dalla motivazione adottata. LO STATUTO DEI LAVORATORI la legge sui licenziamenti n. 604 del 1966 Il caso Santhià ……

25 f.liso statuto dei lavoratori Della libertà sindacale (titolo II) Della attività sindacale (titolo III) Collegamenti e distinzioni tra i due concetti La legislazione protettiva La legislazione promozionale

26 f.liso 14 - Diritto di associazione e di attività sindacale 15 - Atti discriminatori 16 - Trattamenti economici collettivi discriminatori 17 - Sindacati di comodo 18 - Reintegrazione nel posto di lavoro TITOLO II Della libertà sindacale

27 f.liso 19 - Costituzione delle rsa TITOLO III Della attività sindacale

28 f.liso Art. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità produttiva, nellambito: a) delle associazioni aderenti alle confederazioni maggiormente rappresentative sul piano nazionale; b) delle associazioni sindacali, non affiliate alle predette confederazioni, che siano firmatarie di contratti collettivi nazionali o provinciali di lavoro applicati nellunità produttiva. Nellambito di aziende con più unità produttive le rappresentanze sindacali possono istituire organi di coordinamento.

29 f.liso dalla monarchia assoluta un intervento che conferma e suggella lesperienza post costituzionale del sindacato di fatto imprenditore lavoratori rsa potere imprenditoriale contropotere alla monarchia costituzionale UNITA PRODUTTIVA

30 f.liso Sindacato m.r. Unità produttiva Cosa sono le rsa? rsa Sindacato m.r. Organismi aziendali delle associazioni sindacali

31 f.liso il criterio selettivo della maggiore rappresentatività Importanza del riferimento alla dimensione confederale Gli indici della maggiore rappresentatività ….. Consistenza del numero degli iscritti Equilibrata presenza in un ampio arco di settori produttivi Svolgimento effettivo di attività contrattuale Presenza in una pluralità di ambiti territoriali

32 f.liso I problemi di legittimità costituzionale (il referendum del 1995: rinvio) Le critiche, dalla destra e dalla sinistra movimentista Non cè violazione della libertà sindacale …… tutte le organizzazioni possono raggiungere la maggiore rappresentatività … Non cè violazione del principio di eguaglianza; la differenza si giustifica considerando che il criterio selettivo è mirato ad assicurare leffettività della tutela …

33 f.liso 19 - Costituzione delle rsa 20 - Assemblea 21 - Referendum 22 - Trasferimento dei dirigenti delle rsa 23 - Permessi retribuiti 24 - Permessi non retribuiti 25 - Diritto di affissione 26 - Contributi sindacali 27 - Locali delle rsa TITOLO III Della attività sindacale

34 f.liso 28 - Repressione della condotta antisindacale TITOLO IV

35 f.liso fine

36 f.liso Dopo il referendum il lavoratore appartenente ad un associazione non firmataria del contratto collettivo può richiedere al datore di lavoro la trattenuta della quota associativa a favore di quel sindacato? Cass del 26 luglio 2004 ha risposto positivamente qualificando la situazione come cessione di credito (art c.c.) In precedenza soluzioni diverse (Cass. n del 3 febbraio 2004 e n del 26 febbraio 2004)

37 f.liso

38 Articolo 1 Sono sciolte la Confederazione ……. Articolo 43 Per i rapporti collettivi e individuali, restano in vigore, salvo le successive modifiche, le norme contenute nei contratti collettivi, negli accordi economici, nelle sentenze della Magistratura del lavoro e nelle ordinanze corporative ….

39 f.liso

40 Articolo 3 Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. E compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e leguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e leffettiva partecipazione di tutti i lavoratori allorganizzazione politica, economica e sociale del Paese. Articolo 1 LItalia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro.

41 f.liso Articolo 4 La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Articolo 41 Liniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con lutilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.

42 f.liso Democratica voleva dire una repubblica in cui non solo fossero riconosciute e garantite giuridicamente le fondamentali libertà civili e politiche e affermata leguaglianza giuridica (davanti alla legge, art. 3) di tutti i cittadini, ma voleva dire qualcosa di più, cioè una società in cui fossero stati rimossi gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e leguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e leffettiva partecipazione di tutti i lavoratori all organizzazione politica, economica e sociale del paese (art. 3, secondo comma). Questo significa, cioè, che la democrazia disegnata dalla Costituzione era stata concepita non come una semplice democrazia politica, ma come una democrazia sociale, nella quale la libertà e leguaglianza politica, anziché essere proclamate di diritto, dovevano essere attuate di fatto mediante una già prevista trasformazione economica della società

43 f.liso La nostra Costituzione…nella parte in cui afferma i così detti diritti sociali contiene una polemica contro lassetto economico della società presente, del cui rinnovamento, che la Costituente non ha avuto il tempo di compiere essa stessa, ha tracciato un programma per lavvenire, affidato alla fedeltà costituzionale del legislatore ordinario. Il proposito di rinnovamento sociale, senza il quale la Repubblica italiana non potrà corrispondere alla figura costituzionale annunciata dallarticolo 1 della Costituzione, è energicamente affermato soprattutto in due disposizioni: nel secondo comma dellarticolo 3…. e nellarticolo 4, che, dopo aver riconosciuto a tutti i cittadini il diritto al lavoro, aggiunge che la Repubblica promuove le condizioni che rendono effettivo questo diritto (Calamandrei, 1955)

44 f.liso Articolo 41 Liniziativa privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con lutilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana. …………..

45 f.liso Articolo 39 Lorganizzazione sindacale è libera. Ai sindacati non può essere imposto altro obbligo se non la loro registrazione presso uffici locali o centrali, secondo le norme di legge. E condizione per la registrazione che gli statuti dei sindacati sanciscano un ordinamento interno a base democratica. I sindacati registrati hanno personalità giuridica. Possono, rappresentati unitariamente in proporzione dei loro iscritti, stipulare contratti collettivi di lavoro con efficacia obbligatoria per tutti gli appartenenti alle categorie alle quali il contratto si riferisce.

46 f.liso

47 Articolo 40 Il diritto di sciopero si esercita nellambito delle leggi che lo regolano.

48 f.liso

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58 Closed shop: si può essere assunti se si appartiene ad un determinato sindacato Union shop: si può mantenere loccupazione se si aderisce ad un determinato sindacato v. art. 15 st. lav. v. Carta dei diritti sociali fondamentali dei lavoratori

59 f.liso Carta dei diritti sociali fondamentali dei lavoratori (Comunità europea 1989) Art. 11. I datori di lavoro e i lavoratori della Comunità europea hanno il diritto di associarsi liberamente allo scopo di costituire organizzazione professionali o sindacali di loro scelta per la difesa dei loro interessi economici e sociali. Ogni datore di lavoro ed ogni lavoratore ha la facoltà di aderire o di non aderire a queste organizzazioni senza che ne possa derivare a suo carico un danno personale o professionale.

60 f.liso Articolo 2 Sono devoluti al Ministero delle partecipazioni statali tutti i compiti e le attribuzioni spettanti, a norma delle vigenti disposizioni, al Ministero delle finanze per quanto attiene alle partecipazioni da esso finora gestite ed alle Aziende patrimoniali dello Stato. …… Al Ministero delle partecipazioni statali si intendono trasferite tutte le aziende patrimoniali e le quote di partecipazione di cui ai precedenti commi Articolo 3 Le partecipazioni di cui al precedente articolo verranno inquadrate in enti autonomi di gestione, operanti secondo criteri di economicità. Il primo inquadramento delle partecipazioni dovrà essere attuato entro un anno dallentrata in vigore della presente legge. Entro lo stesso termine cesseranno i rapporti associativi delle aziende a prevalente partecipazione statale con le organizzazioni sindacali degli altri datori di lavoro……

61 f.liso Alla legge del 1956 è legato il nome di Giulio Pastore che già nel 1954, in una mozione presentata alla Camera, invitava il governo ad accelerare la costituzione di una rappresentanza autonoma, tra laltro per accogliere le forme più progredite di politica del lavoro e pertanto in modo particolare contribuire a sostenere ed elevare il livello di occupazione …, introdurre un sistema coordinato di relazioni umane …., promuovere la partecipazione del lavoro ai vari aspetti della vita produttiva (cit. da De Luca, in Costa, 422)

62 f.liso Articolo 1 Il Governo è delegato ad emanare norme giuridiche, aventi forza di legge, al fine di assicurare minimi inderogabili di trattamento economico e normativo nei confronti di tutti gli appartenenti alla medesima categoria. Nella emanazione delle norme il Governo dovrà uniformarsi a tutte le clausole dei singoli accordi economici e contratti collettivi, anche intercategoriali, stipulati dalle associazioni sindacali anteriormente alla data di entrata in vigore della presente legge Articolo 6 Le norme di cui allarticolo 1 della presente legge saranno emanate con decreto legislativo, su proposta del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, entro un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge o nel minor termine in caso di entrata in vigore della legge applicativa dellarticolo 39 della Costituzione.

63 f.liso Lorganizzazione sindacale è libera. Articolo 39 co. 1 della Carta costituzionale è più di associazione Articolo 18 della Costituzione I cittadini hanno diritto di associarsi liberamente, senza autorizzazione, per fini che non sono vietati ai singoli dalla legge penale. Sono proibite le associazioni segrete e quelle che perseguono, anche indirettamente, scopi politici mediante organizzazioni di carattere militare.

64 f.liso I dipendenti delle pubbliche amministrazioni? Il personale di polizia? I militari?

65 f.liso Volantinaggio rientra tra le forme di proselitismo sindacale, ma trova dei limiti in quanto non può recare intralcio alla normale attività lavorativa; quindi il datore di lavoro può farne divieto non può configurarsi a priori quale pregiudizio alla normale attività lavorativa il volantinaggio effettuato durante lorario di lavoro, in quanto leventuale divieto ha ragione dessere a seconda della natura e del tipo di impegno degli addetti alla stessa attività lavorativa (cass. 5089/1986; 1325/1983) Se durante lo sciopero un gruppo di lavoratori cerca di convincere gli altri a scioperare facendo corteo interno ed invadendo gli uffici dellazienda dove sono gli impiegati…? Forma illecita di pressione lesiva della libertà degli altri (pret. Milano 1984, Giur.it. 1985,I,II,247)


Scaricare ppt "F.liso Diritto del lavoro Appunti a cura di Franco Liso Capitolo III b Dalla caduta del fascismo agli anni settanta."

Presentazioni simili


Annunci Google