La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

TUTTE LE CELLULE SI RIPRODUCONO RIPRODUZIONE CELLULARE UNICELLULARI: Serve unicamente ad aumentare la numerosità degli individui, ossia come modalità di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "TUTTE LE CELLULE SI RIPRODUCONO RIPRODUZIONE CELLULARE UNICELLULARI: Serve unicamente ad aumentare la numerosità degli individui, ossia come modalità di."— Transcript della presentazione:

1 TUTTE LE CELLULE SI RIPRODUCONO RIPRODUZIONE CELLULARE UNICELLULARI: Serve unicamente ad aumentare la numerosità degli individui, ossia come modalità di riproduzione dellorganismo PLURICELLULARI: Svolge un ruolo importante nellaccrescimento e nella rigenerazione.

2

3

4 LA DIVISIONE CELLULARE COMPORTA LA DUPLICAZIONE DEL MATERIALE GENETICO CHE VIENE TRASMESSO ALLE CELLULE FIGLIE IN UGUAL QUANTITA

5 I PROCARIOTI HANNO UN UNICO CROMOSOMA CIRCOLARE

6

7 IL CROMOSOMA DEI PROCARIOTI È ASSOCIATO AI MESOSOMI DEL PLASMALEMMA LE CELLULE PROCARIOTI SU DUPLICANO PER SCISSIONE LA DIVISIONE CELLULARE DELLE CELLULE PROCARIOTI SI COMPIE, IN CONDIZIONI OTTIMALI, NELLARCO DI 30 MIN. LA DUPLICAZIONE DEL DNA È ACCOMPAGNATA DA DUPLICAZIONE DEL MESOSOMA

8 LA DIVISIONE DEL CROMOSOMA CIRCOLARE PREVEDE UN UNICO ANELLO DI REPLICAZIONE

9

10 ANCHE IL DNA DI MITOCONDRI E CLOROPLASTI FORMA UN UNICO CROMOSOMA CIRCOLARE E SI DUPLICA SECONDO LE MODALITA DEI PROCARIOTI

11 IL DNA DEGLI EUCARIOTI FORMA, ASSOCIATO A PROTEINE, UNA SERIE DI LUNGHE MOLECOLE CHIAMATE CROMOSOMI LA CROMATINA RAPPRESENTA LA FORMA DECONDENSATA DEI CROMOSOMI I CROMOSOMI SI RENDONO EVIDENTI, COME STRUTTURE BASTONCELLARI, DURANTE LA DIVISIONE DELLA CELLULA

12

13 NEI CROMOSOMI IL FILAMENTO DI DNA, ASSOCIATO A PROTEINE, SI TROVA IN FORMA SUPERAVVOLTA

14

15 ALLINIZIO DELLA DIVISIONE CELLULARE, CIASCUN CROMOSOMA E FORMATO DA DUE CROMATIDI UNITI DA UN CENTROMERO

16 IL NUMERO DI CROMOSOMI E UNA CARATTERISTICA SPECIE-SPECIFICA CIASCUNA CELLULA POSSIEDE UN NUMERO PARI DI CROMOSOMI OGNI CROMOSOMA È PRESENTE, ALLINTERNO DEL NUCLEO, IN DUPLICE COPIA DI CROMOSOMI OMOLOGHI: UNA DI ORIGINE MATERNA ED UNA DI ORIGINE PATERNA

17

18

19

20 NEL CICLO VITALE DI UNA CELLULA SI ALTERNA UN PERIODO NEL QUALE LA CELLULA NON SI DIVIDE (INTERFASE) ED UN PERIODO NEL QUALE LA CELLULA SI DIVIDE

21

22

23 LA DUPLICAZIONE DI UNA CELLULA EUCARIOTICA CONTEMPLA LE SEGUENTI FASI: - LA REPLICAZIONE (= DUPLICAZIONE) DEL MATERIALE GENETICO ALLINTERNO DEL NUCLEO - IL TRASFERIMENTO E LA SEGREGAZIONE DEL MATERIALE GENETICO ALLINTERNO DEI DUE NUCLEI FIGLI (= MITOSI) - LA DIVISIONE DEL CITOPLASMA (= CITODIERESI)

24 PER TRASMETTERE AD OGNI CELLULA FIGLIA LA STESSA QUANTITA DI INFORMAZIONE GENETICA, NUOVO DNA DEVE ESSERE SINTETIZZATO LA REPLICAZIONE DEL DNA AVVIENE DURANTE LINTERFASE. E DEFINITA FASE S (SINTESI) IL PERIODO DELLINTERFASE DURANTE IL QUALE SI HA LA REPLICAZIONE DEL DNA. VIENE DEFINITA FASE G1 (DALLINGLESE GAP = INTERVALLO) IL PERIODO DEL CICLO CELLULARE CHE PRECEDE LA FASE S VIENE DEFINITA FASE G2 IL PERIODO DEL CICLO CELLULARE CHE SEGUE LA FASE S

25 DURANTE LA FASE G1 VENGONO SINTETIZZATI GLI ENZIMI NECESSARI ALLA REPLICAZIONE DEL DNA LA FASE G1 DETERMINA LA DURATA DEL CICLO CELLULARE CELLULE CHE NON SI DIVIDONO RIMANGONO FERME IN G1 DURANTE LA FASE G2 VIENE SINTETIZZATO IL MATERIALE NECESSARIO ALLA SUCCESSIVA DIVISIONE MITOTICA UNA CELLULA CHE ENTRA IN G2 E DESTINATA A DIVIDERSI

26 LA DIVISIONE DEL NUCLEO O MITOSI PREVEDE LA CONDENSAZIONE DEI CROMOSOMI CHE SI RENDONO VISIBILI AL MICROSCOPIO OTTICO

27

28

29 IN PROSSIMITA DEL NUCLEO, NELLE CELLULE ANIMALI, SI TROVANO DUE CENTRIOLI, IN TUTTO SIMILI AI CORPI BASALI DI CIGLIA E FLAGELLI DURANTE LA FASE G2, I CENTRIOLI SI DUPLICANO. DUE COPPIE DI CENTRIOLI SI PORTANO AI DUE POLI OPPOSTI DEL NUCLEO

30 LA REGIONE CON I CENTRIOLI PRENDE IL NOME DI CENTROSOMA E SVOLGE IL RUOLO DI CENTRO DI ORGANIZZAZIONE DEI MICROTUBULI QUANDO INIZIA LA DIVISIONE DEL NUCLEO, IL CENTROSOMA INIZIA AD ORGANIZZARE IL FUSO MITOTICO

31 IL FUSO MITOTICO È FORMATO DA MICROTUBULI POLARI E DA MICROTUBULI CROMATIDICI I MICROTUBULI POLARI SI ESTENDONO DA UN CENTROSOMA VERSO LEQUATORE DEL FUSO DOVE SI INTERDIGITANO AI MICROTUBULI PROVENIENTI DAL CENTROSOMA OPPOSTO I MICROTUBULI CROMATIDICI SI ESTENDONO DA UN CENTRO MITOTICO AL CENTROMERO DI UN CROMOSOMA

32

33

34 IL CENTROMERO DI CIASCUN CROMOSOMA È FORMATO DA DUE CINETOCORI

35 LA DIVISIONE DEL NUCLEO PER MITOSI CONSTA DI QUATTRO FASI: PROFASE, METAFASE, ANAFASE, TELOFASE

36

37 LINIZIO DELLA PROFASE È SEGNATO DALLINIZIO DELLA CONDENSAZIONE DEI CROMOSOMI E DALLA FORMAZIONE DEL FUSO MITOTICO. LA PROFASE TERMINA CON LA DISSOLUZIONE DELLINVOLUCRO NUCLEARE CHE VIENE RIASSORBITO DAL RETICOLO ENDOPLASMATICO CON IL QUALE È IN CONTINUITÀ ALLA METAFASE I CROMOSOMI SI DIPONGONO CON I CENTROMERI ALLINEATI SULLA PIASTRA EQUATORIALE

38

39 DURANTE LANAFASE, I CINETOCORI DI CIASCUN CENTROMERO SI SEPARANO ED I CROMATIDI DI CIASCUN CROMOSOMA INIZIANO A MUOVERSI, TIRATI DAI MICROTUBULI, VERSO I POLI OPPOSTI DEL FUSO NELLA TELOFASE LINVOLUCRO NUCLEARE SI RIORGANIZZA A SPESE DEL RETICOLO ENDOPLASMATICO, IL FUSO SI DISSOLVE E I CROMOSOMI SI DESPIRALIZZANO

40

41 LE CELLULE VEGETALI SONO PRIVE DI CENTRIOLI E FORMANO UN FUSO ANASTRALE

42 LA CITODIERESI E DIVERSA NELLE CELLULE ANIMALI E VEGETALI

43

44 LA CITODIERESI ANIMALE AVVIENE GRAZIE ALLA FORMAZIONE DI UN SOLCO DI DIVISIONE O DI SEGMENTAZIONE AD OPERA DELLA CONTRAZIONE DI UN FASCIO DI ACTINA ASSOCIATA A MIOSINA (ANELLO CONTRATTILE) POSTO IMMEDIATAMENTE SOTTO AL PLASMALEMMA, NELLA REGIONE EQUATORIALE DELLA CELLULA

45 ANTI-ACTINAANTI-MIOSINA

46

47 LA CITODIERESI VEGETALE PREVEDE LA FORMAZIONE DI UNA SERIE DI VESCICOLE, PRODOTTE DAL GOLGI, CHE SI PONGONO LUNGO LA LINEA MEDIANA A FORMARE IL FRAGMOPLASTO, CHE SI FONDONO INSIEME LIBERANDO I COSTITUENTI DELLA PARETE. LE DUE CELLULE FIGLIE NON SI SEPARANO MAI COMPLETAMENTE MA RIMANGONO IN COMUNICAZIONE ATTRAVERSO DEI PICCOLI CANALI DENOMINATI PLASMODESMI

48

49 IN ALCUNI CASI, LA DIVISIONE CELLULARE PUÒ ESSERE ASIMMETRICA RICCIO DI MARE RANA

50 IN ASSENZA DI OPPORTUNI STIMOLI PER CRESCERE, UNA CELLULA VA INCONTRO AD APOPTOSI, OSSIA A MORTE CELLULARE PROGRAMMATA

51 NEL CORSO DELLAPOPTOSI IL DNA SI FRAMMENTA, LA CROMATINA SI CONDENSA, LA CELLULA SI CONTRAE E FORMA UNA SERIE DI BOLLE (BLEBS) CHE, SEPARANDOSI DALLA CELLULA, FORMANO I CORPI APOPTOTICI. LA MEMBRANA PLASMATICA MODIFICA LA PROPRIA COMPOSIZIONE CHIMICA CON LA COMPARSA, SUL VERSANTE ESTERNO DELLA FOSFATIDILSERINA. CELLULE E CORPI APOPTOTICI VENGONO FAGOCITATI DA FAGOCITI CIRCOLANTI PROFESSIONALI O DA CELLULE EPITELIALI CONTIGUE (FAGOCITI OCCASIONALI)

52 LAPOPTOSI GIOCA UN RUOLO IMPORTANTE NELLA MORFOGENESI ES.: FORMAZIONE DELLA ZAMPA DI UN POLLO


Scaricare ppt "TUTTE LE CELLULE SI RIPRODUCONO RIPRODUZIONE CELLULARE UNICELLULARI: Serve unicamente ad aumentare la numerosità degli individui, ossia come modalità di."

Presentazioni simili


Annunci Google