La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Beni culturali: produttività, domanda di lavoro e valore economico.

Copie: 1
Beni culturali: produttività, intervento pubblico e valore economico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Beni culturali: produttività, domanda di lavoro e valore economico."— Transcript della presentazione:

1 Beni culturali: produttività, domanda di lavoro e valore economico

2 1.Produttività del lavoro: il modello di Baumol e Bowen 2.La domanda di lavoro e di competenze 3.Valore economico: beni pubblici e beni privati 4.Valore, finanziamento e domanda di lavoro

3 Produttività del lavoro il modello di Baumol e Bowen (1966) Ipotesi: –Due settori a produttività difformi (una costante o minore) –Salari agganciati tra settori –Domanda elastica al prezzo Conclusioni: –Costi costanti o decrescenti nel settore ad alta prod., crescenti nel settore a bassa prod. –Il settore meno produttivo nel dinamico o scompare, –O si riduce a nicchia (prezzi crescenti)

4 Funzione di produzione Il modello della «malattia dei costi» di Baumol e Bowen CRESCITA ECONOMICA Settore stagnanteSettore progressivo Impossibilità di generare aumenti di produttività Produttività crescente: innovazione, economie di scala e raccolta di capitale permettono un miglioramento della produttività

5 Modello di Baumol e Bowen Settore stagnante Produttività del lavoro costante o in debole crescita La quantità di lavoro non può essere diminuita senza danneggiare il prodotto Settore progressivo Produttività del lavoro crescenteLa quantità di lavoro può essere diminuita senza danneggiare il prodotto

6 Modello di Baumol e Bowen Settore stagnante Il costo del lavoro per unità di prodotto aumenta con il tempo senza nessun limite ( i salari sono allineati a quelli del settore a produttività crescente, per cui aumentano i costi, ma non la produzione; si dovrebbe aumentare il prezzo del biglietto, ma in questo caso il rischio è che cali la domanda). Settore progressivo Il costo del lavoro resta costante per unità di prodotto.

7 il modello di Baumol e Bowen Necessario intervento pubblico per compensare il gap crescente di produttività ed evitare nicchia Se salari differenti nella crescita (fatto stilizzato), la malattia è meno grave, apparentemente…. Il settore può tenere, ma anche svuotarsi di occupazione e competenze, che si muovono verso il provato e/o manifatturiero..o servizi ad elevata crescita valore aggiunto (es. bancari) Emerge un problema di remunerazione e rendimento dellinvestimento in capitale umano nel settore a bassa produttività.

8 La domanda di lavoro e di competenze: storia dei sistemi economici Economia manifatturiera servizi Economia dei servizi, terziario avanzato Knowledge economy Vantaggi comparati (costo di produzione e dotazione risorse) –Es:Manifattura: vino/tessile –Servizi? Es. UK (Londra), Italia?

9 Crisi industriale (Gallino, 2003)… Ma Italia ancora relativamente pesante nella manifattura, come Germania (ma con livelli e crescita di valore aggiunto bassi) es. Nord est e Roma crescita PIL: 0.5% vs 4-5% annuo), occorre trovare quali servizi sono di vantaggio comparato per il paese, dato linevitabile spostamento da manif. a servizi (meno esposti alla concorrenza internazionale) Beni culturali, conoscenza? Valore aggiunto/produttività (monetaria e fisica) domanda di lavoro

10 Evidenza empirica Evidenza empirica sui costi e produttività in Italia nei beni culturali: –Segnali positivi ma differenziati –Fattori di economie di scala e tecnologia dal lato offerta, incremento consumi e valore dal lato domanda –Ruolo stato centrale comunque, ma la malattia è attenuata

11 –Ruolo del mercato e della valutazione economica cruciale per aumentare valore aggiunto catturato (ricavi finanziari) e non.. –Valori pubblici /non uso sono extra mercato, non emergono dai dati, ma sono reali e definibili in termini di DAP di utenti e cittadini (users e tax-payers) –Legame tariffa servizi/valore e tassa servizi /valore sia esso privato o pubblico

12 Articoli su –Valutazione –policy –Morbo di Baumol –Studi di caso nei vari comparti culturali –Economia della cultura

13 Conclusioni Ruolo delle politiche pubbliche Più stato e più mercato, ovvietà, ma va messa in pratica… Relative Inefficienze di stato e mercato vanno minimizzate e massimizzate le relative efficienza e complementarietà Mercato nel funzionamento dellazione pubblica (valutazione estesa, ex ante, ex post)

14 Conclusioni Mercato appoggiato da regolamentazione e ruolo propulsivo dello stato Massimizzare la emersione cattura del valore aggiunto/rendite vs politica di gratuità (es. Paolucci..) Legame da scoprire per Italia tra tasse/tariffe e spesa pubblica/servizi valutazione economica Più stato = più regolamentazione, più valutazione, ma anche eventualmente più (qualitativamente diversa rispetto al passato?) spesa pubblica e più tasse…!

15 Conclusioni Legame sistemico e consequenziale tra –Evoluzione dinamica manifattura servizi –Produttività e VA nei servizi e nello specifico dei beni culturali –Valore di mercato e valore pubblico –Ruolo valutazione, politiche di offerta e domanda –Domanda di lavoro e competenze


Scaricare ppt "Beni culturali: produttività, domanda di lavoro e valore economico."

Presentazioni simili


Annunci Google