La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di Laurea in Biotecnologie corso di Informatica Paolo Mereghetti DISCo – Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di Laurea in Biotecnologie corso di Informatica Paolo Mereghetti DISCo – Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione."— Transcript della presentazione:

1 Corso di Laurea in Biotecnologie corso di Informatica Paolo Mereghetti DISCo – Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione

2 Scopo del Corso Introduzione al mondo dellinformatica e allutilizzo dei calcolatori Fornire –Le conoscenze di base necessarie alla comprensione della materia (aritmetica binaria, logica, sistemi operativi,...) –Fondamenti di programmazione (algoritmo, funzione, linguaggio C,...) –Le nozioni fondamentali riguardanti i più diffusi strumenti applicativi per consentire agli studenti di sfruttare le potenzialità degli odierni calcolatori Esercitazioni in laboratorio

3 Programma del Corso In aula –Storia degli elaboratori –Rappresentazione dellinformazione –Architettura degli elaboratori –Sistema Operativo –Reti di elaboratori –Servizi Internet –Concetto di algoritmo –Programmazione strutturata –Pseudo-codice –Linguaggi di programmazione –Il linguaggio C In laboratorio –Windows: gestione file, gestione risorse, applicazioni –Internet, posta elettronica –Word, Power Point, Excel –Programmazione in linguaggio C

4 Dove, Quando e Chi Lezioni frontali –24 ore suddivise in 12 lezioni da 2 ore –Dove: Aula U3-01 –Quando: Lunedì mattina – –Chi: Paolo Mereghetti Laboratorio –12 ore suddivise in 4 esercitazioni da 3 ore, organizzati in 3 turni –Dove: Lab-X edificio UK –Quando: seguirà a breve il calendario –Chi: Paolo Mereghetti, ???, ???

5 Calendario delle Lezioni

6 Modalità dEsame Per il riconoscimento dellesame si deve superare –Prova scritta (sugli argomenti trattati a lezione) –Prova orale (domande e commenti sullo scritto + argomenti trattati a lezione) –Consegna e discussione di un elaborato sugli argomenti trattati in laboratorio Cè la possibilità di sostenere delle prove intermedie (2 compitini) che sostituiscono la prova scritta –Sufficienza in entrambi –Recupero parte insufficiente negli appelli ufficiali –NON sostituiscono la prova orale

7 Modalità dEsame Appelli ufficiali –Le date verranno pubblicate sul sito del Dipartimento di Biotecnologie e Bioscienze e sul sito del corso Compitini –1° compitino (lunedì 28 novembre – 12.30) –2° compitino (lunedì 23 gennaio – 12.30)

8 Materiale Didattico Testi –S. Ceri, D. Mandrioli, L. Sbatella, Informatica: arte e mestiere, 2° edizione, McGraw-Hill, 1999 –D. P. Curtin, K. Foley, K. Sen, C. Morin, Informatica di base, 2° edizione, McGraw-Hill, 2002 Sito del corso: percorso: Didattica Formazione Trovate –Lucidi delle lezioni –Testo esami (laboratorio) –Date appelli esame –...

9 Orario Ricevimento Quando –giovedì pomeriggio dalle alle Dove –Stanza 462 (sala dottorandi) –DISCo – Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione –edificio U7 – 4° piano e.mail

10 Introduzione allInformatica

11 Cosè lInformatica? Computer Science (inglese) Scienza dellInformazione (italiano) informatica mazione auto

12 Informatica: Informazione + automatica Informazione: Insieme di entità astratte, che raccolgono conoscenza derivata dalla descrizione ed interpretazione del mondo (materiale o immateriale) Es.: un libro, una sinfonia, un quadro, un insieme di dati relativi agli studenti di un corso di laurea NB Informazione (es. Sequenza di eventi) rappresentazione dellinfo su supporto materiale (es. Romanzo)

13 Rappresentazione dellinformazione Trascrizione e registrazione dellinformazione su supporti materiali (es. Libro scritto, CD che contiene un melodia, insieme di schede che mantengono le informazioni relative agli studenti) Secondo una opportuna codifica –convenzioni di rappresentazione... di testi e caratteri (codice ASCII), numeri, suoni, immagini –formato del supporto materiale (es. CD vs libro) –struttura di una scheda anagrafica (es. Studente vs sua scheda) La stessa informazione può essere rappresentata in diversi modi

14 Il calcolatore Supporto per la rappresentazione di informazione. Un calcolatore può r accogliere unelevatissima quantità di dati (es: tutto larchivio del British Museum) Supporto attivo. Un calcolatore può: –Rendere disponibili questi dati in modo istantaneo, con prospettive diverse a utenti diversi e in diversi luoghi del mondo –Ad esempio Permettendo a utenti di tutto il mondo di collegarsi a parti delle informazioni del BM via Internet Lasciando altre informazioni private (accessibili solo allamministrazione del museo) –Elaborare automaticamente la rappresentazione dei dati in modo da Presentarli in modo diverso a diversi soggetti (es. a seconda della fascia detà) Inferire informazioni strutturate dai dati elementari Prendere delle decisioni in base alle proprietà degli oggetti rappresentati

15 Tecnologia e Calcolatore Peculiarità del calcolatore rispetto ad altri dispositivi (ad es. VideoRegistratore) Programmabilità : capacità di specializzare il dispositivo per attività complesse di elaborazione dellinformazione Settore in continua evoluzione e sviluppo –Chi non conosce i principi generali di funzionamento può usarlo ma NON in modo consapevole ed efficacie –Non è però necessario avere una conoscenza dettagliata del funzionamento di ogni dispositivo e di tutte le sue versioni per farne un uso efficace

16 Calcolatore e Pallottoliere Consente di rappresentare informazioni –informazione: due numeri da addizionare –rappresentazione dellinformazione: gruppi di dischetti che rappresentano ciascun numero Consente di elaborare le informazioni: manipolare gruppi di dischetti in modo da ottenere un unico gruppo che rappresenti il risultato finale

17 Il calcolatore Permette di rappresentare informazione di natura estremamente più varia –Dati di vario tipo (immagini, numeri, suoni, testo, etc.) –Algoritmi per elaborare i dati (come sommare due numeri, come impaginare correttamente un testo, etc.) La rappresentazione è uniforme: Ogni tipo di informazione è rappresentata da una sequenza di 0 e 1 La parte del calcolatore che realizza lelaborazione è in grado di interpretare e realizzare i passi richiesti dagli algoritmi (i calcolatori sono dispositivi general purpose)

18 Calcolatore: dispositivo programmabile Per specializzare il calcolatore per un nuovo compito è sufficiente –Immaginare un nuovo algoritmo –Rappresentare lalgoritmo in modo che sia comprensibile alla macchina (cioè scrivere e fornire al calcolatore il programma che realizza quellalgoritmo) –Chiedere alla macchina di decodificare il programma (cioè risalire dalla codifica ai passi di cui è composto) ed eseguirlo (cioè portare a termine i passi richiesti)

19 Rappresentazione dellinformazione Per la medesima informazione sono possibili varie rappresentazioni –Es. Testo scritto su carta o registrato su rastro Due rappresentazioni R1 e R2 sono equivalenti se data R1 è possibile ricavare R2 e viceversa –Es. Trascrizione del testo data la sua registrazione e viceversa Scelta della rappresentazione –Spesso convenzionale... ma spesso la scelta della convenzione è legata a determinati vincoli –Es. Rappresentazione binaria negli elaboratori

20 Codifica dellinformazione Processo di associazione di informazioni a configurazioni di bit È una convenzione ma deve necessariamente essere condivisa tra chi deve condividere linformazione

21 Introduzione allinformatica... in una slide! Saper definire e descrivere i seguenti concetti e le eventuali relazioni tra essi –Informatica –Informazione –Rappresentazione dellinformazione –Calcolatore come supporto di Memorizzazione dellinformazione Elaborazione dellinformazione –Calcolatore come dispositivo programmabile –Algoritmo, Programma, Applicazione software –Rappresentazione binaria dellinformazione –Codifica

22 Breve storia dellelaboratore Nel 1642 Blaise Pascal, matematico e filosofo francese, progettò un prototipo di macchina (Pascalina) per lesecuzione di addizioni e sottrazioni in modo meccanico Nel 1671, il tedesco Gottfried Wilhelm Leibniz inventò un meccanismo per eseguire meccanicamente le quattro operazioni. Per effettuare moltiplicazioni e divisioni Leibniz introdusse un meccanismo di base, detto traspositore, realizzato mediante una serie di cilindri a denti scalati I calcolatori digitali

23 Breve storia dellelaboratore Nel 1800 Charles Babbage, un matematico e ingegnere inglese ideò la prima macchina programmabile, detto Macchina Analitica (Analytical Engine), riconosciuta come l'antenato per eccellenza del moderno calcolatore elettronico. Questa macchina costituisce infatti uno strumento di calcolo "universale" le cui operazioni possono essere di volta in volta specificate insieme ai dati da elaborare. La Macchina Analitica rappresentava un progetto estremamente innovativo, ma la complessità e la precisione richiesta per i suoi meccanismi e la mancanza di fondi resero impossibile la realizzazione concreta di tale strumento Ada Augusta Byron, figlia del poeta George Byron, collaborò con Babbage seguendo i progetti della Macchina Analitica e arricchendo con numerosi ed importanti contributi il concetto di programmazione I calcolatori digitali

24 Breve storia dellelaboratore Linformazione numerica comincia ad essere rappresentata ed elaborata mediante segnali elettrici Concetto di porta logica (circuito) e rete logica (combinazione di circuiti) Nei primi anni del ventesimo secolo furono sviluppati i primi calcolatori eletromeccanici, basati sulla tecnologia elettronica delle valvole termoioniche (tubi elettronici) Lo scienziato di origine ungherese John von Neumann, collabora alla definizione dell' ENIAC (Electronic Numerical Integrator and Computer) riconosciuto come il primo vero prototipo dei moderni elaboratori elettronici Dalla tecnologia meccanica a quella elettronica

25 Breve storia dellelaboratore Le reti logiche hanno consentito di implementare ed unificare il calcolo aritmetico e il calcolo logico. In questo modo il calcolatore, durante il corso di una elaborazione, sulla base dellanalisi dei risultati intermedi, può saltare direttamente da una istruzione all'altra. Il calcolatore diventa così elaboratore, capace cioè di eseguire non solo operazioni aritmetiche ad alta velocità, ma di prendere decisioni, previste da un programma creato dall'uomo Miniaturizzazione! Valvole termoioniche transistor circuiti integrati su piastrine di silicio Dalla tecnologia meccanica a quella elettronica


Scaricare ppt "Corso di Laurea in Biotecnologie corso di Informatica Paolo Mereghetti DISCo – Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione."

Presentazioni simili


Annunci Google