La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Fondazione Emanuele Casale Scuola di Notariato dei Distretti Notarili della Campania Diritto Commerciale anno 2006/2007 Titoli di debito Lezione XXII Mario.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Fondazione Emanuele Casale Scuola di Notariato dei Distretti Notarili della Campania Diritto Commerciale anno 2006/2007 Titoli di debito Lezione XXII Mario."— Transcript della presentazione:

1 Fondazione Emanuele Casale Scuola di Notariato dei Distretti Notarili della Campania Diritto Commerciale anno 2006/2007 Titoli di debito Lezione XXII Mario Campobasso

2 1.Conferimenti 2.Versamenti in conto capitale 3.Finanziamenti. A loro volta suddivisi in : a) Finanziamenti ed anticipi bancari (garantiti dai soci) b) Finanziamenti dei soci. c) Finanziamenti ottenuti mediante emissione di titoli di debito FONTI DI FINANZIAMENTO DELLA S.R.L.

3 Se latto costitutivo lo prevede, la società può emettere titoli di debito. In tal caso latto costitutivo attribuisce la relativa competenza ai soci o agli amministratori determinando gli eventuali limiti, le modalità e le maggioranze necessarie per la decisione. I titoli emessi ai sensi del precedente comma possono essere sottoscritti soltanto da investitori professionali soggetti a vigilanza prudenziale a norma delle leggi speciali. In caso di successiva circolazione dei titoli di debito, chi li trasferisce risponde della solvenza della società nei confronti degli acquirenti che non siano investitori professionali ovvero soci della medesima. La decisione di emissione dei titoli prevede le condizioni del prestito e le modalità del rimborso ed è iscritta a cura degli amministratori presso il registro delle imprese. Può altresì prevedere che, previo consenso della maggioranza dei possessori dei titoli, la società possa modificare tali condizioni e modalità. Art cod. civ.

4 4-ter. Se non disciplinati dalla legge, il CICR fissa limiti all'emissione e, su proposta formulata dalla Banca d'Italia sentita la CONSOB, può determinare durata e taglio degli strumenti finanziari, diversi dalle obbligazioni, utilizzati per la raccolta tra il pubblico. 4-quinquies. A fini di tutela del risparmio, gli investitori professionali, che ai sensi del codice civile rispondono della solvenza della società per le obbligazioni, i titoli di debito e gli altri strumenti finanziari emessi dalla stessa, devono rispettare idonei requisiti patrimoniali stabiliti dalle compe-tenti autorità di vigilanza. 5. Nei casi previsti dal comma 4, lettere c) e d), sono comunque precluse la raccolta di fondi a vista ed ogni forma di raccolta collegata all'emissione od alla gestione di mezzi di pagamento a spendibilità generalizzata. Art. 11 Tub

5 Art. 3. Strumenti finanziari di raccolta 1. Costituiscono strumenti finanziari di raccolta del risparmio le obbligazioni, i titoli di debito e gli altri strumenti finanziari che, comunque denominati e a prescindere dall'eventuale attribuzione di diritti amministrativi, contengono un obbligo di rimborso ai sensi dell'art. 1. Art. 4. Limiti all'emissione degli strumenti finanziari di raccolta 2. Le società a responsabilità limitata e le società cooperative cui si applicano le norme sulla società a responsabilità limitata emettono strumenti finanziari di raccolta nel rispetto di quanto previsto, rispettivamente, dagli articoli 2483 e 2526 del codice civile. DELIBERA CICR , N. 1058

6 Art. 5 Caratteristiche degli strumenti finanziari di raccolta 1. Gli strumenti finanziari di raccolta di cui all'art. 3, diversi dalle obbligazioni, con esclusione di quelli destinati alla quotazione in mercati regolamentati emessi da societa' con azioni quotate in mercati regolamentati, sono emessi con un taglio minimo unitario non inferiore a euro L'identita' del garante e l'ammontare della garanzia devono essere indicati sugli strumenti finanziari di raccolta di cui all'art. 3 e sui registri a essi relativi.

7 CONTENUTO DEI TITOLI DI DEBITO A) IL RAPPORTO DI PROVVISTA B) DIRITTI AMMINISTRATIVI ? Art. 2526, 4° comma. La cooperativa cui si applicano le norme sulla società a responsabilità limitata può offrire in sottoscrizione strumenti privi di diritti amministrativi solo a investitori qualificati. Art. 2479, 2° comma. In ogni caso sono riservate alla competenza dei soci: 2) La nomina, se prevista nellatto costitutivo, degli amministratori; 3) La nomina nei casi previsti dallart dei sindaci e del presidente del collegio sindacale o del revisore.

8 CARATTERISTICHE DEI TITOLI DI DEBITO A) SERIALITA ? B) LA LEGGE DI CIRCOLAZIONE Art cod. civ. Il titolo di credito contenente lobbligazione di pagare una somma di danaro non può essere emesso al portatore se non nei casi stabiliti dalla legge.

9 IL PROCEDIMENTO DI EMISSIONE A) LA CLAUSOLA STATUTARIA latto costitutivo: - attribuisce la competenza ai soci o agli amministratori; - determina gli eventuali limiti - determina le modalità e le maggioranze necessarie per la decisione. B) LA DECISIONE DI EMISSIONE - stabilisce le condizioni del prestito e le modalità del rimborso; - può prevedere modifiche a maggioranza dei possessori dei titoli

10 2. Per operatori qualificati si intendono gli intermediari autorizzati (banche, SIM), le società di gestione del risparmio, le SICAV, i fondi pensione, le compagnie di assicurazione, i soggetti esteri che svolgono in forza della normativa in vigore nel proprio Stato d'origine le attività svolte dai soggetti di cui sopra, le società e gli enti emittenti strumenti finanziari negoziati in mercati regolamentati, le società iscritte negli elenchi di cui agli articoli 106, 107 e 113 del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, i promotori finanziari, le persone fisiche che documentino il possesso dei requisiti di professionalità stabiliti dal Testo Unico per i soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controllo presso società di intermediazione mobiliare, le fondazioni bancarie, nonché ogni società o persona giuridica in possesso di una specifica competenza ed esperienza in materia di operazioni in strumenti finanziari espressamente dichiarata per iscritto dal legale rappresentante. Art. 31Reg. Consob 11522/1998 (Rapporti tra intermediari e speciali categorie di investitori)

11 PATOLOGIA DEL PROCEDIMENTO DI EMISSIONE A)EMISSIONE IN ASSENZA DI PREVISIONE STATUTARIA; B)EMISSIONE IN VIOLAZIONE DI PREVISIONE STATUTARIA; C)INVALIDITA DELLA DECISIONE DI EMISSIONE; D)SOTTOSCRIZIONE DA PARTE DI SOGGETTO NON LEGITTIMATO

12 LA GARANZIA DEL CEDENTE INDIVIDUAZIONE DEL GARANTE: a) il solo sottoscrittore ? b) lultimo girante ? c) tutti i giranti ? d) lultimo girante qualificato ? d) tutti gli investitori professionali fra cui è circolato il titolo ?

13 LA GARANZIA DEL CEDENTE OGGETTO DELLA GARANZIA Art Garanzia della solvenza del debitore. Il cedente non risponde della solvenza del debitore, salvo che ne abbia assunto la garanzia. In questo caso egli risponde nei limiti di quanto ha ricevuto; deve inoltre corrispondere gli interessi, rimborsare le spese della cessione e quelle che il cessionario abbia sopportate per escutere il debitore, e risarcire il danno. Ogni patto diretto ad aggravare la responsabilità del cedente è senza effetto. Art Rapporti fra cedente e cessionario. 2° comma. Se il cedente assume la garanzia delladempimento del contratto, egli risponde come un fideiussore per le obbligazioni del contraente ceduto.

14 TITOLI DI DEBITO CONVERTIBILI ? Art Le partecipazioni dei soci non possono essere rappresentate da azioni né essere oggetto di sollecitazione allinvestimento. Art. 33 Reg. Consob 11971/1999 (Casi di inapplicabilità) 1. Le disposizioni contenute nel Capo I del Titolo II della Parte IV del Testo unico e quelle del presente Titolo non si applicano alle sollecitazioni: d) aventi ad oggetto prodotti finanziari di valore nominale unitario minimo di almeno euro.

15 TITOLI DI DEBITO CONVERTIBILI DISCIPLINA 1) Contestualmente alla decisione di emettere i titoli è necessario deliberare laumento di capitale a servizio del diritto di conversione; 2) La competenza per lemissione è regolata dalla disciplina dellaumento di capitale; 3) Deve essere rispettato il divieto di emissione complessivamente sotto la pari (art. 2464, 1° comma); 4) Deve essere rispettata la disciplina di esclusione del diritto di opzione (previsione statutaria, diritto di recesso). 5) Il capitale deve essere integralmente liberato al momento dellemissione dei titoli convertibili

16 TITOLI DI DEBITO CONVERTIBILI DISCIPLINA 6) In caso di aumento di capitale e riduzione per perdite il rapporto di cambio deve essere automaticamente adeguato 7) In caso di aumento di capitale a pagamento è riconosciuto il diritto di opzione ai possessori di titoli di debito convertibili ? 8) In caso di riduzione volontaria di capitale, modificazione delle disposizioni statutarie concernenti la ripartizione degli utili, fusione e scissione, deve essere concessa la facoltà di conversione anticipata 9) Avvenuta la conversione, il possessore del titolo diverrà titolare di ununica quota pari al valore complessivo dei titoli convertiti. La partecipazione non potrà essere incorporata in un titolo di credito

17 Art (Finanziamenti dei soci). Il rimborso dei finanziamenti dei soci a favore della società è postergato rispetto alla soddisfazione degli altri creditori e, se avvenuto nellanno precedente la dichiarazione di fallimento della società, deve essere restituito. Ai fini del precedente comma sintendono finanziamenti dei soci a favore della società quelli, in qualsiasi forma effettuati, che sono stati concessi in un momento in cui, anche in considerazione del tipo di attività esercitata dalla società, risulta un eccessivo squilibrio dellindebitamento rispetto al patrimonio netto oppure in una situazione finanziaria della società nella quale sarebbe stato ragionevole un conferimento.


Scaricare ppt "Fondazione Emanuele Casale Scuola di Notariato dei Distretti Notarili della Campania Diritto Commerciale anno 2006/2007 Titoli di debito Lezione XXII Mario."

Presentazioni simili


Annunci Google